L'Inizio

Scritto da , il 2019-06-18, genere bisex

Io voglio solo il meglio. Io cerco solo il meglio. Le mezze misure non mi interessano, non fanno per me.
Quella sera lo stavo cercando da una mezz'ora aggirandomi di stanza in stanza ma senza
successo. La splendida villa in stile palladiano era grande ma oramai l'avevo ispezionata
praticamente tutta e vedendo di tutto, tutto quello che la fantasia e la perversione possono mettere in campo. Amplessi di uomini con donne, donne con donne, uomini con uomini, fruste, dildi ben impiantanti nell'ano, dominazione e sottomissione, torture leggere, orge, insomma quello che la vasta offerta dei sito porno mette a disposizione era lì, stanza per stanza, lungo i corridoi davanti ai miei occhi. Ma nulla attirava la mia attenzione, nulla che suscitasse in me il desiderio, quello che ti sconvolge la mente.
Stavo per andarmene quando, attraversando nuovamente un ampio salone, una scena ha
attirato la mia attenzione. Una donna era inginocchiata e stava succhiando alternativamente il cazzo a tre uomini sotto gli sguardi interessati di una platea di una dozzina di persone: coppie ma anche uomini e donne singoli. La scena di per sé non sarebbe stata nulla di particolare, ordinaria situazione in un contesto come quello, ma qualcosa destava comunque la mia curiosità e forse la stessa dell'improvvisato pubblico.
Quella giovane donna dai lunghi capelli biondi, vestita solo di un paio di autoreggenti
bianche ed un paio di scarpe con tacco alto, con un fisico slanciato ed un seno ben proporzionato con il resto del corpo, ad occhio una terza, stava deliziando quei tre uomini in maniera esemplare, il tutto sottolineato dai loro versi o meglio grugniti.
Mi sono avvicinato un po' per osservarla meglio.
“Ci sa davvero fare la ragazza!” ho pensato.
Dei tre, due erano giovani di cui uno dalla carnagione color cioccolato, il terzo era un tizio di mezza età. Tutti e tre ben messi.
Quello dalla carnagione più scura l'ho riconosciuto: era Daniel, l'insegnante proveniente da Santo Domingo ed esercitava presso la scuola dove prendevo lezioni di ballo latino-americano. Ma era la sua compagna la mia insegnante, lui seguiva il corso avanzato pieno
di donne di ogni età, ammaliate dal suo fisico scultoreo.

Proprio mentre se lo stava gustando, i nostri sguardi si sono incrociati per alcuni secondi durante i quali le ho trasmesso il mio pensiero:
“Sei davvero brava ragazza mia. Continua e fammi vedere il meglio di quello che sai fare!”
E lei sembrava aver capito il messaggio, mentre io ammiravo la schiena di quello stallone ed i suoi glutei marmorei, la mano della ragazza si è spostata in mezzo e un dito ha iniziato a fare pressione proprio lì, al centro.
“Complimenti, conosci già tutti i trucchi del mestiere...” ho pensato.
Infatti lei voleva che quel bellissimo membro di cioccolato desse il meglio di sé così dopo alcuni secondi quel dito già si muoveva dentro l'intestino del maestro.
Una coppia si è alzata improvvisamente da una poltrona ed io ne ho approfittato per sedermi e godermi meglio la scena. Osservavo con attenzione la sua bocca, l'ondeggiare del suo bel culetto rotondo e sodo alle prese con il primo dei tre che si era deciso a provare le sue grazie più intime.
Man mano che la osservavo mi rendevo conto di quale splendida puledra fosse, venuta da chissà dove, mai vista prima, una puledra che il sesso ce l'ha nel sangue. Per lei è un'arte, un modo per godersi al massimo la vita.
“Eccellente... questa è proprio quella che stavo cercando e deve essere mia!” dissi tra me e me.
Ma anziché andare da lei mi sono alzato in piedi e mi sono tolto lentamente i vestiti uno ad uno senza distogliere lo sguardo da quella bellissima giovane 'femme fatale'.
Mentre mi spogliavo lei volgeva sempre più frequentemente lo sguardo nella mia direzione. Si era accorta del mio interesse.
Una volta nudo potevo esibire una erezione che credo abbia soddisfatto il giudizio di
lei. In quel momento Daniel ha preso il posto del primo e glielo ha infilato dentro senza
incontrare grande difficoltà. Stavo quasi per avvicinarmi ma a quel punto mi sono fermato, volevo assistere alla scena di lui che se la sbatteva senza grandi complimenti tirandola per i capelli.
Non c'era dubbio che lei stava perdendo il lume della ragione perché non riusciva a tenere gli occhi aperti, gemendo sempre più forte sotto i colpi dello stallone domenicano.
Solo quando le è venuto dentro mi sono deciso. Lei a quel punto ha aperto timidamente gli
occhi, facilmente dopo aver provato lei stessa un orgasmo e mentre mi avvicinavo, Daniel le si è fatto accanto intimandole di pulirglielo.

Il suo bellissimo cazzo era cosperso degli umori di lei e ancora in piena erezione. Io per dimostrarle che anch'io potevo essere alla sua altezza quanto a perversione mi sono inginocchiato facendole capire che avrei diviso volentieri con lei quel piacevole compito. I nostri sguardi si sono persi l'uno nell'altra per pochi istanti prima che le nostre bocche si mettessero contemporaneamente all'opera. Le nostre lingue si incontravano ripetutamente, le nostre bocche gustavano il delizioso sapore
del piacere di lei.
Daniel, una volta ripulito, si è fatto da parte. Io ho fissato ancora per qualche
istante la ragazza negli occhi per poi alzarmi in piedi e prendere il posto di Daniel nella sua morbida bocca.
Lei sembrava non aspettasse altro e ha iniziato a leccarmelo e succhiarmelo come poche
altre avevano fatto fino a quel giorno.
Ad un certo punto il suo dito ha ripetuto il gioco erotico eseguito prima con Daniel penetrandomi l’ano con l'intera falange. Il cazzo sembrava scoppiarmi dentro la sua morbida bocca e quando stavo oramai per esplodere mi sono tolto e ho fatto il giro per godere dell'altra parte del suo corpo. In quel momento era il turno del terzo, il più grande, che la stava fottendo con vigore ma io non potevo attendere. Con una spinta decisa l'ho allontanato.
“Ehi! Ma che fai...” mi sento urlare e subito dopo:
“Ma guarda questo...”
Ma io non avevo tempo né voglia di dargli ascolto, ho sputato sull'orifizio anale di lei e ho cosparso di saliva il suo invitante ingresso. Ma avevo bisogno di lubrificare anche il cazzo e la saliva da lei lasciata non era sufficiente, così l'ho introdotto nella sua fica mentre con le dita preparavo l'altro ingresso.
Il coglione che avevo prepotentemente allontanato intanto si stava consolando
mettendoglielo in bocca e lei forse per evitare discussioni ha iniziato a lavorarglielo con la solita maestria.
Dopo alcuni colpi ho estratto il cazzo e visto che era ben impregnato dei suoi umori ho
deciso che il momento tanto atteso fosse arrivato. Ho fatto pressione pian piano sul suo ano facendo entrare poco alla volta il mio arnese fino alla fine. Poi ho iniziato a muovermi, dapprima lentamente per poi aumentare il ritmo.
Una delizia, un culo fantastico, e lei sapeva bene come usarlo.
Gli sguardi delle donne presenti sottolineavano i due giudizi contrastanti sulla mia splendida puledra: chi la guardava con invidia, chi con ammirazione.
Anch'io, come aveva prima fatto Daniel, le ho afferrato i capelli e complice qualche schiaffo ben assestato sui glutei morbidi le ho alzato la libido facendola gemere di piacere.
Quando è arrivato il mio momento mi sono tolto in tempo e facendo il giro ho cercato con impazienza la sua bocca.
Il coglione fortunatamente era venuto poco prima e si era tolto dai piedi.
Le ho infilato il cazzo in bocca e senza tanti complimenti le ho intimato un:
“Ingoia tutto!”
Lei non mi ha nemmeno fatto terminare le tre parole che già ce l'aveva tutto dentro intenta a darmi il piacere finale e non vedendo l'ora di bere il mio succo.
Volevo dominare del tutto quella splendida puledrina, così le ho afferrato la testa con
entrambe le mani e tenendola ferma ho mosso avanti e indietro il bacino scopandole così la bocca fino a quando le raffiche di sperma sono sgorgate prontamente mandate giù. Poi me lo ha lentamente pulito guardandomi fisso negli occhi.

Un uomo stava già per prendere il mio posto quando io con fare deciso l'ho afferrata per un braccio alzandola di peso in piedi.
“Basta così, lei ha terminato. Ora lei viene con me!” sono le parole che mi sono uscite in direzione dell'uomo.
“Menatevelo tra voi o fatevi queste mezze troiette, lei non fa per voi” e con questo io e lei ci siamo rivestiti dirigendoci verso l'uscita.
Non una parola, non uno sguardo tra noi. Non ce n'era bisogno, avevamo entrambi capito che eravamo fatti l'uno per l'altra, due porci che d'ora in avanti si sarebbero divertiti tra loro soltanto,
Uscendo abbiamo chiuso il portone d'ingresso non solo fisicamente ma anche metaforicamente. Con quel mondo, quell'ambiente avevamo chiuso. Per sempre.
Io l'avevo trovata. Avevo trovato il meglio!

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone