Cacciatori di fantasmi. Il tesoro dei Templari. 1^parte.

Scritto da , il 2019-06-18, genere comici

Certo non sto a spiegarvi il mio rapporto con i fantasmi!
Qualcosa dovreste sapere se avete letto La Casa dell'Impiccato! E' un argomento che esula dal normale e ricade in dimensioni alternative che esistono nei mondi paralleli al nostro.
Per iniziare questo resoconto devo comunque farvi alcune confidenze, sono stato iniziato a vivere questa situazione dal mio fantasma personale. Già da bambino, nel momento che tutti i miei coetanei avevano babysitter, io avevo Lui che veniva appena si faceva sera e mi raccontava cose fantastiche. Beh... era anche un po' porco e mi ha iniziato al sesso attivo ma questo era ed è un suo valore aggiunto.

Insomma inizia tutto una notte che dormo nella vecchia dimora dei miei avi.
Un clangore di armatura ed eccoli.
Lui ed un altro.
Nel semibuio della stanza avanzano verso di me, si fermano ad un passo, parla Lui.
Sono ambedue figure eteree ma distinguibili.
-Ti presento il Cavaliere Gerald de Vilche, Maestro Templare di Francia all'epoca della eliminazione dell'ordine, il venerdì 13 ottobre 1307. Il Venerdì 13 che da allora divenne simbolo di sfortuna, lo sapevi?-
Sono abituato a questa apparizioni, Lui porta spesso in visita dei fantasmi che trova nel suo mondo. Quindi? Mi alzo in piedi e faccio un breve inchino con il capo verso il nuovo venuto, non mostra di badare al fatto che sono nudo.
-Cavaliere... è un grande onore!-
I Templari? L'ordine dei Cavalieri dell'Ordine di Cristo e del Tempio di Salomone a Gerusalemme? Qualcosa sapevo ma non certo abbastanza e quindi mi accingo ad ascoltarlo.
Lui... il mio fantasma continua.
-Il Cavaliere deve raccontarti una cosa molto interessante. Ha atteso tutto questo tempo conservando un grande segreto, ma ora? Ora vuole rivelarlo a un uomo corretto e probo del tuo mondo e io ho pensato a te.-
Ehm... io corretto e probo?
-L'ascolto.-
-Il tempo del silenzio che ero tenuto a rispettare è passato. Ascoltami bene! Quell'ottobre del 1307... il re traditore fece scattare la trappola che portò alla soppressione dell'Ordine, tutto era giustificato, secondo lui, da esigenze di stato, ci era debitore di somme immense. Avevamo finanziato le sue guerre, le sue spedizioni in Terra Santa e non voleva e non poteva restituirci quanto a noi dovuto. Io, con alcuni compagni fedeli, fummo incaricati dal Gran Maestro Jacques de Molay di prelevare il tesoro esistente nel Tempio di Parigi e portarlo in Portogallo, lo facemmo, vari carriaggi e una quarantina di Fratelli Templari di scorta, in quel paese costituimmo un nuovo Ordine, l'Ordine Supremo dei Cavalieri di Cristo, con sede a Tomar. E lì costruimmo un grande palazzo.
Ora io ho deciso di svelarti il luogo dove è nascosto l'immenso tesoro che portammo via dalla Francia, tu dovrai utilizzarlo al meglio, ti darò all'uopo le disposizioni al momento.
Ma te lo svelerò solo a Tomar, dovrai recarti nel nostro palazzo ed aspettare. L'appuntamento è per il prossimo venerdì 13, a mezzanotte, nella chiesa, quindi venerdì della settimana prossima, lì ti apparirò, ti darò piante e disegni ma dovrai venirci con una dama di alto lignaggio e che sia vergine, solo ad una coppia con lei con queste caratteristiche posso svelarlo.-

Questo è l'antefatto, tutto strano, no? Ma forse la rivelazione di un fantasma è normalità? So che tutto questo potrebbe essere vero, potrebbe essere possibile, ma mi sfugge la cosa della donna, della verginità, della necessità di una coppia, ma so quanto sono problematici i fantasmi, a volte sono davvero strani.

Una donna? Posso solo pensare che sia Alisia l'architetta, mia compagna e collega di avventura ad accompagnarmi, è anche una esperta di storia e magari si appassionerà a questa ricerca ma è anche vero che è incazzata con me, solo che... ehm... non è vergine proprio in nessuna parte!

-Alisia, tesoro?-
-Che vuoi? Ancora telefoni?-
-M serve un favore...-
-Anche a me... uno grandissimo! Che mi stai fuori dalle palle!-
-Ma si può sapere cosa ti ho fatto?-
-Dio! Ma lo sentite? Ma si può sentirlo? Ma quanto puoi essere spudorato! Ti ricordo che ti ho beccato a scopare con un'altra! O non eri tu?-
-Ma era per lavoro! Devo mangiare io, non sono ricco come te! Mi devo guadagnare la pagnotta ogni giorno! E poi? Non era importante, neanche la ricordo... dovevo liberarla da un fantasma.-
-Vaffanculo! Stronzo e idiota...-
-Alisia? Ascoltami, è per una cosa interessante, ascoltami!-
-Che cosa? Tu sei contorto come nessuno!-
-Una cosa di tesori, mi serve la tua competenza di storica e architetta.-
-Non ci credo!!! Vuoi che te lo scriva? Non ci credo!-
-Dobbiamo fare un viaggio a Tomar, in Portogallo, eddai... ascoltami!-
-Solo se mi paghi! Mi dai la diaria e le spese. Capito? Solo se paghi! E camere separate!-
-Vieni da me, alla vecchia dimora, oggi stesso che ti spiego tutto!

Ecco come inizia questa avventura.
Certo che voi, smaliziati e increduli come siete, non crederete una parola di quanto racconterò ma tutto succede proprio così!
La rivedo dopo due settimane e sempre mi piace, la guardo con gli occhi di un innamorato, ma lei? Con gli occhi mi lancia strali avvelenati!
Deve mostrare ad ogni costo quanto mi odia, deve sostenere la parte di donna tradita o no? Quanto piace alle donne far da vittima, salvo poi tradire peggio di noi uomini.

Le racconto la cosa mentre mangiamo, è una cena improvvisata ma non spartana e la cantina è provvista eccome! Stiamo facendo la festa ai salami di cinghiale, al caciocavallo e alla prima delle bottiglie di Gutturnio superiore.

-Ma è vera 'sta storia?-
-Così ha raccontato, ma sai? La storia della donna che deve essere presente e addirittura vergine mi da da pensare.-
-Cioè?-
-Perché una donna? I Templari erano monaci-guerrieri, era prevista una certa castità... mah, perché vuole che ci sia una donna? Leggenda vuole che fossero più portati per l'amore per il loro stesso sesso.-
-E...?-
-Che sia per una iniziazione? I fantasmi hanno una mente contorta, lo sai quanto sono lubrici, depravati, poi questi? Sono anche monaci e i religiosi in quanto a deviazioni sessuali battono chiunque!-
-Dio! Iniziata a cosa? Ora lo fai apposta! Lo so, io conosco la tua mente depravata, sai cosa mi attira, sai come eccitarmi! Mi iniziano a cosa? Dimmelo!-
-Davvero non lo so! Pratiche esoteriche? Orge? Non lo so! Perché vuole vederci di notte?-
-Oh! Adesso sono tutta un fremito, possiamo chiedere al tuo fantasma... dai andiamo a letto!

Ora voi sapete il tipo di rapporto che ho con il mio fantasma, vi ho accennato che mi ha iniziato al sesso, va bé... so per certo che è un fantasma-uomo, ma pompini come li fa lui non me li fa nessuna donna e poi? Rifiutatevi voi a un fantasma! Se lo scopo? Credo di si, mi sento contenere in un buco caldo e mi fa venire, credo sia il suo culo.

Ora Alisia è tutta un fremito, conosce anche lei il mio fantasma, ricordate la Casa dell'Impiccato? Tanto insistette per conoscerlo che alla fine cedetti.
E cosa successe veramente?
Oh... non posso dirvi tutto, dovrebbe essere lei a raccontarla sta cosa, insomma... il fantasma venne e fu anche contento di trovarla con me e le fece proprio la festa. In senso sessuale, eh? Geloso? Ma no... dai! Come si fa ad essere geloso di un fantasma? Incorporeo poi? Ma che la portò ad uno stato semi comatoso per via degli orgasmi che le faceva provare è anche vero e questo mi procurò una certa gelosia.
Senso di inferiorità sessuale? Oh... no! In quel momento mi misi a scoparla di brutto e la sentii urlare e godere fino a emettere strani versi belluini.

Ora siamo nel letto, abbiamo iniziato? Eccerto!
Ma iniziamo piano, eh? Nudi siamo nudi... lei è già un bollore, metto la mano fra le sue cosce e mi scotta le dita e quando gliele metto dentro? Ha della lava di vulcano! Insomma... come la tocco inizia a godere ma è evidente che sono anticipi di quello che spera e ritiene di poter godere!
Lei, io e il fantasma!
A proposito non lo so come si chiama il fantasma, non me l'ha mai voluto dire.
Insomma ora lei è sopra di me, certo che mi scopa e certo è che ogni tanto geme e si inarca sotto orgasmo ma è anche evidente che è in attesa.
In attesa di Lui.
E si muove proprio per mostrargli quanta voglia ha di essere presa! Muove il culo, lo deambula, si appoggia completamente sul mio petto schiacciando le tette e aprendosi le belle natiche che ha! Cosa vuole? Evidente che vuole una doppia penetrazione che la porti a degli orgasmi da record!
E lui arriva, silenzioso ma si sente il muover d'aria vicino a noi, ora lei freme, spinge in su il bel culo e comincia a mugolare.
-Me lo ha puntato! Lo sento proprio sul buco, sai? E spinge il porco... ecco! Ora mi sta aprendo! Mi sta inculando! Oh si... dai dai... più dentro! Più forte! Dai! Oh... ora ha preso il ritmo giusto!-
Non voglio certo essere di meno e inizio a spingere anch'io da sotto in su, beh... guardate! Non sono uso a vantarmi ma credo che sia stata una scopata super! Alisia sfinita dagli orgasmi e di certo poi non si lamenta.

Ci ritroviamo nuovamente intorno al tavolo e ora facciamo la festa ad un'altra bottiglia di Gutturnio, noi due... io e Alisia nudi e visibili, Lui probabilmente nudo ma etereo.
Alisia.
-Che puoi dirci di questa storia del tesoro... come dobbiamo comportarci...-
-Ho sentito nel Cavaliere molta inquietudine e non so giudicare i suoi propositi, ho molto a cuore la tua sicurezza dolce Alisia, mi sono sempre occupato di tutelare la felicità delle Dame della famiglia da tempo immemore. Donna dopo donna... da allora ad ora, dalla prima all'ultima che ora sei tu...-
Ma di che famiglia sta parlando? La mia? E che centra Alisia? E lei che chiede...
-Ma ora faccio parte della famiglia... sua?-
E mi indica.
-Oh si... sei legata a lui e di conseguenza io sono a tua disposizione come ho fatto con tutte quelle che ti hanno preceduto...-
-Ma intendi... sessualmente?-
-Si... ma non solo, in effetti ho soddisfatto sessualmente ogni donna della famiglia e in ogni modo a loro gradito, le ho anche protette, consigliate, guidate...-
Cazzo!
Intervengo!
-Ma... tutte? Proprio tutte?-
-Oh si... tutte! Ogni donna e molto spesso anche gli uomini, tu ne sai qualcosa.-
Ma perché la cosa mi impressiona? Proprio tutte le donne di famiglia? Rifiuto di pensare a cose simili!
Ma è Alisia che torna a portarci al problema attuale.
-Vogliono una vergine...-
-E tu non lo sei certo... ma ti svelerò come sembrarlo, non sai quante brave e sante donne della famiglia usarono questo sistema per dimostrare ai loro mariti la propria illibatezza. Quella notte, la notte dell'incontro metterai nella tua dolce e splendida fica quello ti darò, è un delicato sottilissimo involucro contenete sangue di gallo, se ti possederanno ed è probabile che lo faranno, si romperà sotto i potenti colpi di maglio della loro mascolinità e il sangue sprizzerà copioso a prova della tua verginità...-
Seguo un po' depresso il loro discorso, penso alle donne della mia famiglia... ma tutte tutte? Nessuna esclusa? E anche gli uomini?

Mentre Lui se ne va prendo a dialogare con la bottiglia di vino, io parlo e lei, la bottiglia, va via via svuotandosi e mi da sempre ragione.
Alisia?
E' sprofondata nel sonno del giusto.

(continua... naturalmente)

Questo racconto di è stato letto 1 0 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone