La terza regola (5)

Scritto da , il 2019-06-17, genere dominazione

Capitolo 5. schiava e puttana

RODOLFO
Quando mi arrivò la mail di risposta restai senza parole. Non aprii l’allegato. Lessi per prima cosa le poche righe. Si stava rivolgendo ad uno sconosciuto chiamandolo padrone e mi pregava di smettere anche se era chiaro che si aspettasse il contrario. Mi colpiva quella sua frase “La gran paura di continuare”. La interpretai come la sua vergogna nel mostrarsi in quell’abito, vergogna che però non le aveva impedito di arrivare a scattarsi delle foto.
Eccitato aprii l’allegato. Era sconvolgente. Incurante di lasciarsi riconoscere si era fotografata a volto scoperto, volto che rifletteva realmente tutta la sua vergogna . L’abito era ancora più volgare di quanto potessi aver immaginato. Le tette strabordanti ed i capezzoli retti contro la stoffa . La gonna cortissima a filo di calze. Si stava offrendo come una puttana e mai l’aveva fatto.
Mi sentii il sesso crescere prepotentemente forse eccitato dall’insano piacere di scoprire che Mirna si era spinta a tanto, ignorando che dall’altra parte ci fossi io, offrendosi come una volgare prostituta su un album da casa chiusa. Per lei era solo uno sconosciuto, meglio il suo padrone come aveva accettato di chiamarlo . Poco importava a quel punto che lo facesse per far piacere a me .Mi venne da pensare “ ma guarda che puttana”. Per anni pudica all’inverosimile, era bastato veramente una mezza giornata per spingerla a sottomettersi alle richieste di un altro uomo.

Guardavo la sua foto,avrei voluto tornare da lei e continuare a farle altre foto sempre più spinte.
La cicalina del computer distrasse la mia attenzione. Un messaggio. Pensai di nuovo a lei. Un mittente anonimo , nessuno aveva quell’indirizzo.
Per curiosità l’aprii e restai a bocca aperta:
“Ciao, ho letto il tuo annuncio, probabilmente è la vostra prima esperienza SM e visto che non mi sembri un perditempo andiamo subito al sodo e dimmi quando vuoi che incominci ad occuparmi di tua moglie. Se sei veramente disposto a proseguire sappi che non mi accontenterò semplicemente di sottometterla ai miei desideri facendola diventare la mia puttana a tutti gli effetti, voglio la sua completa trasformazione. Te la lascerò di giorno ma di notte deve essere pronta ad accompagnarmi dove mi pare nelle tenute più indecenti .Quando te la rimanderò a casa sarà lei a chiederti di tornare da me un’altra volta desiderosa di spingersi sempre più in la per assaporare l’umiliazione di un percorso che la trascinerà sempre più in basso. A voi la scelta. Salutami tua moglie e dille che con un marito così perverso lei non può che diventare una schiava sottomessa e una squallida puttana da strada. La prossima volta dimmi anche come si chiama.Master Sesamo”

La mia idea di mandare un annuncio era stata veramente pessima. Una risposta del genere non meritava la minima attenzione. Eppure non riuscii ad impedirmi di rileggerla una due , tre volte. Più la rileggevo più mi eccitava la fantasia di offrire Mirna a quel Master e vederla trascinata lungo la strada della perdizione. Il gioco che volevo fare con lei mi veniva quasi plagiato da un’altra persona. Più mi eccitavo e più mi ingelosiva il fatto che uno sconosciuto potesse farmi quelle stesse proposte che avevo fantasticato per Mirna.
Gli risposi “ Master Sesamo, non credo che mia moglie Mirna arriverebbe mai a sottostare a delle richieste così assurde,volgari e perverse. Pensavo potessimo solo giocare, ma mi sembra che voi stiate prendendo la cosa un po’ troppo sul serio, quindi grazie ma la vostra proposta non ci interessa.”
Neppure il tempo di ripensare a Mirna che la risposta del mio interlocutore arrivò celermente.
“Non insisterò. Tu però prova a trattarla realmente per quella puttana che sa di essere ma che vuole nasconderti , vedrai che si lascerà sottomettere a qualunque richiesta e forse avrai delle sorprese che neppure ti aspetti. Se cambi idea sai come rintracciarmi. Salutami la puttana”
Mi era difficile ammetterlo ma quell’uomo non aveva così poi tanto torto. Tuttavia accettare quelle folli proposte sarebbe stata una vera follia.

Di fatto avevo iniziato a trattare Mirna in modo deciso e lei non si era ribellata. La lettera di Mirna al suo Master e le mail di Master Sesamo avevano esasperato la tensione erotica e così decisi di continuare inviando una nuova mail a Mirna con la speranza , ormai certezza che mi avrebbe risposto.

Decisi quindi di non essere tenero e verificare fin dove sarei riuscito a spingere Mirna.
Mentre scrivevo la nuova mail non riuscivo a togliermi dalla testa Master Sesamo. Mi fermai , riaprii la mail che gli avevo appena spedito. Guardai la foto che Mirna aveva inviato al suo Master. La ritoccai per renderla irriconoscibile e la allegai ad una nuova mail
“ Forse avete ragione e vi lascio la foto di Mirna quasi a conferma delle vostre illazioni. Se ci dovessi ripensare vi chiamerò”.
Eccitato inviai il tutto. Con gelosia, perché pensai a Mirna che senza chiedermelo realmente aveva inviato la mail di lei semivestita ad uno sconosciuto, ma anche eccitato oltremodo per averla mostrata realmente ad uno sconosciuto come se quel gioco si stesse trasformando in qualcosa di vero.
Scarna la risposta “Avevo ragione, se si veste così tua moglie è una gran zoccola”
Un estraneo si permetteva di chiamare zoccola mia moglie. Non ebbi la forza di indignarmi perché era quello che mi aspettavo.
Ed ancor più eccitato inviai la lettera a Mirna, la lettera che lei avrebbe dovuto mettere in pratica e concedersi come le stavo chiedendo . se l’avesse fatto mi avrebbe dimostrato quanto sarebbe stata disposta a continuare ed iniziare a sottomettersi ad uno sconosciuto.


MIRNA
Stranamente la risposta non arrivava. Ero seduta al computer ormai da diversi minuti e la lettera del Master ancora non appariva sullo schermo. Pensavo che forse sarebbe stato meglio che non arrivasse, che prendesse per buone le mie parole e che non mi scrivesse più. Il cuore mi saltò in gola quando vidi apparire l’icona che mi avvertiva dell’arrivo della posta. Tremando cliccai sull’immagine cercando di frenare le mie emozioni. Ma la delusione fu grande quando mi accorsi che si trattava della solita mail pubblicitaria.
Con un gesto di disappunto la cancellai immediatamente e mi appoggiai con i gomiti alla scrivania, col viso tra le mani. Ma è mai possibile che io sia tanto stupida? Come posso mai aspettare con ansia una lettera volgarissima da uno sconosciuto che mi chiama come minimo puttana e che mi impone atteggiamenti di una volgarità assurda promettendomi addirittura di condurmi verso il totale degrado.
Alzai gli occhi verso lo schermo, tenendomi sempre il viso tra le mani provando persino un senso di odio verso quello strumento infernale che mi aveva tenuta incollata lì per tantissimo tempo.
La mail non arrivava e io alla fine trassi un sospiro di sollievo. Decisi di spegnere il computer e di andarmi a vestire come si conviene a una signora. Sollevai il busto e presi il mouse per arrestare il computer. Ma, mentre la freccetta si avvicinava alla parola “Spegni” una lettera lampeggiante ricomparve. Rimasi per qualche istante ferma, immobile, con lo sguardo fisso su quella figurina. Ero tentata di spegnere lo stesso il computer e di ignorare quell’avvertimento, poi il mio diavoletto spinse la mano e la freccetta verso quell’icona e, con un clic che risuonò forte nel silenzio che era attorno a me, aprii la lettera.
Era del Master, del mio padrone, come lo avevo chiamato nella mail di risposta.


Lettera n. 5: Offerta per la prima volta

Ciao schiava, sei pronta per concludere la serata? Già perché le regole ormai le conosci.
A questo punto, secondo le regole di questo gioco, non puoi fermarti e devi proseguire fino a realizzare tutto quanto troverai scritto in questa lettera. Non potrebbe essere diversamente, anche perché come potresti giustificare, a chi ti conosce bene, la foto che mi hai inviato? Tuo marito tarderà a tornare e lo sta facendo perché vuole che io ti possa trattare come un oggetto di piacere.
Questa è la sera del nostro primo incontro.
Ti voglio pronta ad accondiscendere a tutti i miei più perversi desideri, quindi ora non fare domande, lasciati guidare ed iniziamo subito la tua trasformazione in quella donna sexy e disponibile che ogni uomo desidererebbe, sempre pronta ad accettare ogni sua richiesta, anche la più perversa. E’ ancora una mail ma ti accorgerai che la realtà è ben diversa e fantasia e realtà si stanno per fondere tra loro per poterti far godere al massimo delle emozioni che ti potranno dare.
Non chiudere a chiave la porta di casa.
Accendi lo stero e, una musica soft di sottofondo. Prendi una benda, siedi sul divano e dopo esserti bendata accavalla le gambe ed aspetta. Pensa per un attimo a quanto sei pudica di solito. Ora lascivamente scopriti di più una coscia, e sistemati il gancio del reggicalze.
E’ perversamente erotica l’idea di te in abbigliamenti così lontani dal tuo modo di essere. Immaginati vestita così ogni giorno, con la paura di ricevere apprezzamenti salaci o peggio essere riconosciuta da qualcuno che ti conosce, camminare seminuda per una strada deserta con il rischio di attirare gli sguardi compiacenti dei passanti o timorosa di poter essere vista e riconosciuta e sentirti dire “guarda la prof che gira vestita da puttana.”
Mi piace l’idea di portarti in giro con abiti sexy e d’ora in poi per tutte le prossime serate che trascorrerai con me i tuoi vestiti saranno sempre estremamente provocanti. So che ti vergogni perché ti sembra di essere una puttana.
Ma tu sei già la mia puttana! E sempre di più sarai mia, completamente mia, disponibile a tutto ciò che ti chiederò senza riserve, pronta alle mie dolci e perverse richieste.
Presa da questi pensieri, sentirai la porta aprirsi lentamente.
Non parlare qualunque cosa succeda. Sentirai profumi da uomo che non conosci, non capirai chi ci possa essere: tuo marito, oppure io solo, o io con altre persone. Lasciati trascinare dalle sensazioni, dalle paure ed infine dall’eccitazione. Ti lascerai trovare in questa tua estrema disponibilità.
Certo trovarti in casa sola e non sai chi sia, così svestita devi essere veramente zoccola dentro
Gli occhi saranno su di te. La gonna corta avrà lasciato scoperto il bordo delle calze.
Come se fosse un mercato con una schiava offerta , soppesata e alla fine lasciare che il tuo padrone scelga di prenderti con se magari offerta dal tuo stesso marito .
Non ti eccita saperti desiderata al punto di essere offerta come una bambola sexy?
Ma la verità è che la seria prof fino ad ieri così irreprensibile ed irraggiungibile ora sta per diventare di proprietà di un estraneo. Pensa una signora così per bene sposata, alto livello sociale con una brillante carriera universitaria che sceglie volontariamente di fare da puttana per uno sconosciuto ed in più che ha accettato di sottomettersi per gioco a tutto ciò che di sporco e disdicevole le verrà chiesto.
Ma prima di continuare lasciati desiderare. E’ giusto che tutti possano ammirare e apprezzare la loro preda, e magari avanzare delle richieste su di te .
Qualunque cosa succeda non parlare , lasciati fare. Potrebbe essere una mano che ti sfiorerà le ginocchia solleverà lentamente il bordo della gonna fino all'orlo delle calze, scoprendoti le cosce lasciando vedere la pelle nuda che contrasta con il nero delle calze.
Resta così, ed ora per favore, socchiudi le labbra, fatti desiderare.
Ma non basta: ti verrà slacciato il nodo del vestito lasciando che scivoli sul tuo corpo facendoti rimpiangere di non aver indossato il reggiseno. In piedi in mezzo alla stanza dovrai spogliarti completamente. Ma lo dovrai fare muovendoti sinuosamente restando però sempre bendata: ti sfilerai lentamente l’abito Nuda solo col reggicalze ti sfilerai quel risibile perizoma mostrandoti nel tuo nudo integrale per essere ammirata e far sì che la tua nudità sia l'indice della tua disponibilità a proseguire nel gioco.
Mani sconosciute ti sfioreranno tutto il corpo cercando il tuo sesso.
Comprenderai di appartenere ad uno sconosciuto, la sua schiava obbligata ad accettare ogni sua richiesta per quanto incredibile ti possa sembrare.
E se in quel momento arrivasse tuo marito e ti scoprisse così indecorosamente nuda?
Tranquilla non dovrebbe succedere, avremo trovato il modo di trattenerlo fuori da casa per un po’. E se fosse già lì? Forse è stato proprio lui ad organizzare tutto. Potrebbe essere. Perché no?
Alla fine verrai presa per mano ed accompagnata vicino alla porta.
Nuda e sempre bendata sarà arrivato il momento in cui ti verrà chiuso al collo un collare con la medaglietta con una S sopra, S come schiava segno di appartenenza e sottomissione, del resto sei una schiava.
Solo prima di restare di nuovo sola ti verrà consegnata un'altra lettera.
Se non vuoi continuare appena avrai tra le mani la lettera stracciala.
Viceversa se vorrai proseguire, sulla soglia di casa con la porta semi aperta e la lettera in mano ti lascerai baciare sulle labbra e dirai: “Padrone sono la tua schiava, la tua puttana”.
In questo modo accetterai la tua nuova condizione e d’ora in poi firmerai in questo modo tutta la corrispondenza con il tuo Padrone, chiunque sia.
Aspetta di sentire richiudersi la porta prima di sbendarti e leggere i tuoi nuovi ordini.
Aspetto una tua risposta schiava


MIRNA
Man mano che leggevo quella lettera sentivo il mio cuore fermarsi e poi ripartire in maniera tanto tumultuosa da sentirne persino i battiti. Sapevo di aver desiderato la risposta del Master, ne ero consapevole, ma non mi aspettavo una risposta e una richiesta tanto esplicita.
Mi alzai di scatto dalla sedia e mi misi a camminare nervosamente per la stanza. Mi sembrava tutto troppo assurdo, sentivo crescere odio, antipatia e ribrezzo verso quell’individuo. Ogni tanto davo una sguardo verso il monitor e la lettera era sempre lì, che mi attirava, che aspettava una mia decisione. Antipatia, disprezzo, odio, sentimenti che stavo provando ancora, ma che piano piano si stavano adeguando alla situazione. Perché odiare quell’individuo? Certo mi chiedeva cose assurde e irripetibili, ma in fondo ero io che le avevo accettate, ero io che gli avevo risposto chiamandolo persino “padrone”. Mi risedetti e rilessi più volte quella mail quasi a volerla imparare a memoria. Ma forse lo facevo per capire bene i suoi ordini e per poterli eseguire in maniera perfetta.
Come un automa, come un burattino mosso dai fili invisibili di quel master, anzi no, del mio padrone, scrissi la mia brevissima risposta.
“Va bene, padrone, l’aspetto.”
Cliccai sul pulsante di invio e spensi finalmente il computer.
In quel momento sapevo che non avrei più ricevuto nessuna comunicazione, per cui non avevo più bisogno di tenerlo acceso.
Mi alzai e lentamente mi diressi verso il soggiorno. I vetri dell’antica libreria mostravano una prostituta col viso di Mirna, la brava prof che metteva soggezione a chiunque. Ci volle un po’ per potermi riconoscere. Ero sconvolta, ma, nello stesso momento, attratta da quella nuova e sconvolgente situazione.
Guardai il divano con due poltrone ai lati e, di fronte, il grande stereo che spesso accendevo per ascoltare la mia musica preferita ed io avrei dovuto starmene li in mostra.
Non sapevo quando il padrone sarebbe arrivato, per cui iniziai a scegliere vari cd che sarebbero stati i più adatti possibile al suo divertimento.
Mi fermai diverse volte a pensare se fossi stata proprio io a sentire quelle cose appena dette. Cercare una musica adatta affinché un estraneo provasse maggior piacere nel guardarmi e forse toccarmi. Mammamia. Ho detto toccarmi, in fondo era quello che lui mi aveva scritto. Mi toccherà, lui o chissà chi. Stavo impazzendo, mi rendevo conto di essere una stupida, ma continuavo a scegliere i dischi e a posizionarli nel lettore che conteneva diversi cd.
Misi in funzione l’apparecchio e andai in camera mia a prendere il foulard che mi sarebbe servito per bendarmi. Sentivo il cuore palpitare e la paura prendermi ancora una volta. Forse la vergogna per quello che stavo per fare la confondevo con la paura. Ma la vergogna mi spingeva anche ad ubbidire. Così, lentamente, andai alla porta d’ingresso, sbloccai la serratura e tornai nel soggiorno. Accesi la luce e mi andai a sedere sulla poltrona di fronte alla porta. Feci in modo che la gonna fosse all’altezza del reggicalze, accavallai le gambe, mi bendai e mi misi in attesa.
Sapevo che avrei dovuto aspettare molto tempo, ma restai lì buona buona ascoltando quella musica che, in un’altra situazione, mi avrebbe dato sensazioni sicuramente diverse.
Di tanto in tanto sentivo il rumore dell’ascensore insieme al rumore del mio cuore che sobbalzava nel mio petto, fino a quando, finalmente udii qualcuno che armeggiava alla serratura. Sentii il mio cuore fermarsi e trattenni il respiro, il mio padrone era arrivato. Sentii i passi nel corridoio, ma non percepii quante persone fossero. Tenni il busto eretto e attesi.
Sentii le sedie muoversi, qualcuno prendere una bottiglia dal mobile bar e versarsi da bere, poi il silenzio.
Sentii il respiro di qualcuno che mi si avvicinava. Emanava un forte odore di alcool, forse di quello che si era appena versato. Sentii una mano che si poggiava sul ginocchio che tenevo sull’altro e che, dolcemente ma con decisione, mi spingeva a riportarlo giù.
Avevo paura, vergogna, mille e mille pensieri mi prendevano. Pensai anche di togliermi la benda e prendere a schiaffi quell’individuo che mi stava toccando. Ma il mio corpo non rispondeva come avrebbe dovuto e lasciai che le mie gambe si scavallassero.
Provai brividi incredibili quando sentii le sue dita superare il limite delle calze fino a trovare l’elastico del perizoma. Provai a stringere le gambe quando mi resi conto che stava per sfilarmelo, cercai persino di fermarlo prendendogli un polso con una mia mano, ma la sua fermezza mi fecero fermare e lasciai che tirasse giù quell’unico pezzo di stoffa che copriva la mia intimità più recondita. Addirittura sollevai il busto per permettergli di sfilarmela del tutto. La lasciò cadere ai miei piedi e rimase per qualche momento a guardarmi.
Provavo una vergogna incredibile e tremavo tutta, ma sentivo che i miei capezzoli tradivano la mia eccitazione spingendosi quasi a perforare la stoffa del vestito.
Le mani che mi avevano sfilato il perizoma presero ad armeggiare col nodo del vestito dietro al mio collo, slacciandolo e facendo cadere giù la parte superiore che copriva il mio seno. Con un gesto istintivo portai al petto un braccio fermando il vestito che cadeva giù, ma la stessa mano lo allontanò lasciando così che il mio seno fosse completamente alla vista di tutti.
Sentii il mio cuore fermarsi e le mie guance avvampare di vergogna. Avrei voluto alzarmi e fuggire, gridare che mi lasciassero in pace e che se ne andassero. Provavo una vergogna tale da provocarmi un nodo alla gola e una prima, incontenibile voglia di piangere.
Qualche secondo ancora di silenzio in cui la musica sembrava farla da padrona, e poi una mano che prendeva la mia e mi spingeva a seguirlo. Mi alzai e mi feci portare al centro della stanza. Capii cosa voleva e iniziai una specie di danza, dei movimenti sinuosi . Portai le mani ai fianchi per far scivolare in basso il mio vestito ma mi fermai. La paura e la vergogna di quello che stavo facendo mi stavano prendendo e fui presa da quel vortice assurdo.
Lasciai cadere in terra il vestito e mi resi conto allora di essere completamente nuda, coperta solo da calze e reggicalze, sorretta da scarpe da un tacco vertiginoso.
Mi fermai e percepii distintamente un leggero fischio di approvazione di uno dei presenti.
Fui lasciata lì, in piedi, al centro della stanza mentre sentivo solo l’odore dell’alcool che veniva versato e del fumo di una sigaretta che mi arrivava alle narici fin quasi a farmi tossire.
Non so quanto tempo passò. Alla fine sentii due mani che mi accarezzavano, che arrivavano al mio collo e che mi girarono quella catena intorno al collo chiudendola con un lucchetto e lasciando che una estremità pendesse tra le mie tette. Un collare,un guinzaglio. Cercai ancora una volta di fermare quell’ultima umiliazione portando le mani al collo ma la dolcezza e la fermezza di quell’uomo mi fecero desistere e il collare fu fissato.
Così, nuda e col collare al collo mi portarono all’ingresso e aprirono la porta. Istintivamente mi allontanai per la paura che un vicino mi potesse vedere in quello stato, ma la stessa mano di prima mi portò davanti alla porta aperta e mi lasciò per un attimo così. Poi sentii che mi porgeva un foglio di carta, forse la busta con i nuovi ordini.
Rimasi ferma come una statua senza volontà. Il mio angioletto mi spingeva a strappare quella busta, a prendere a schiaffi chiunque fosse lì davanti a me, a chiudere loro la porta in faccia e di correre a farmi una doccia per cercare di cancellare la vergogna che mi aveva preso.
Presi la busta con entrambe le mani con l’intento di strapparla. Non mi pareva di essere combattuta, ero pienamente convinta e decisa a distruggerla, eppure la mia voce mi fece trasalire.
"Padrone sono la sua schiava e la sua puttana.”
Ma ero proprio io quella che pronunciava quelle parole? Era Mirna? O era una sgualdrina da quattro soldi che stava prendendo il sopravvento?
Sentii a quel punto lo scatto della porta, mi girai e appoggiai la schiena allo stipite. Mi tolsi la benda e sospirai guardando il soffitto che mi girava attorno agli occhi.
Possibile che non abbia mai saputo ribellarmi? Possibile che abbia ubbidito ciecamente a ordini impartiti solo con i gesti, solo col contatto delle mani, senza aver mai sentito una sola parola dalle persone che giocavano a quel tavolo?
Mi diressi nel soggiorno guidata più dalla musica che dalla cognizione della mia casa. Entrai e vidi i bicchieri sul tavolo pensai a chi e quanti mi avevano vista svergognarmi in quel modo. La mia immagine riflessa nello specchio mi fece trasalire. Che vergogna. E quel collare? Di metallo chiuso con un lucchetto di cui non possedevo la chiave.
Strinsi la busta che tenevo in mano. Sentii il cuore palpitare sempre più forte mentre, con le mani tremanti, cominciai ad aprire la busta.


RODOLFO.
Sulla porta di casa ebbi qualche perplessità. Mi ero preparato a due possibili evoluzioni: Mirna che mi accoglie furibonda per aver pensato di offrirla ad uno sconosciuto , oppure l’altra possibilità trovare mia moglie completamente accondiscendente motivo per cui avevo pure preparata una lettera come seguito.
Appoggiai la mano alla porta e la trovai aperta.
Mi ero versato addosso non poco alcool per nascondere l’odore della mia pelle.
Entrai, due passi e restai a bocca aperta. Non vidi mia moglie, ma una puttana seduta sul nostro divano, gambe accavallate, miniabito,scosciata. Dire che mi stavo eccitando sarebbe stato limitativo, se non avessi inventato quel gioco non sarei mai riuscito spingerla a tanto. Mirna mi aveva offerto uno spettacolo impagabile ed ancora non mi capacitavo per come riuscissi a controllarmi senza buttarmi su di lei tenendola tra le braccia e scopandola per tutto il resto della serata. Mi versai da bere mi avvicinai a lei accarezzandole le cosce e salendo fino ad arpionare il bordo del perizoma trovando solo una sua piccola resistenza che vinsi facilmente. I capezzoli sembravano esplodere sotto la stoffa del vestito. Non parlava e si lasciava fare. Ma era veramente la donna che aveva vissuto con me per anni o una puttana navigata che si offriva al cliente della sera? Slacciai il nodo del vestito e le scoprii le tette che tentò inutilmente di coprirsi perché si lasciò prendere per mano lasciandosi trascinare in mezzo alla stanza. La musica, l’alcool mi stavano annebbiando la vista. La lasciai ed iniziò a muoversi spogliandosi lentamente. Presi la videocamera del telefonino ed iniziai ad immortalarla. Paurosamente volgare e senza pudore stava lasciando scivolare il vestito ai suoi piedi esibendosi nuda in quelle feticistiche calze nere in bilico su qui tacchi vertiginosi.
Mi sfuggì un fischio di approvazione.

Ovviamente mi restava il dubbio che mi avesse riconosciuto, la sola spiegazione che avrebbe giustificato quel modo così estremo di offrirsi, altrimenti cosa avrei dovuto pensare, che mia moglie era pronta ad offrirsi interamente e senza ribellarsi alle volgari richieste di uno sconosciuto, pronta a lasciarsi trattare come una volgare puttana?
Continuai a filmarla nuda in mezzo alla stanza , allungando le mani accarezzandole le tette ed il sesso. L’atto finale , l’uso di quella catena- collare che le feci passare al collo . Ebbi la sensazione che non lo volesse accettare e proprio per questo la cosa mi eccitò ulteriormente. Glielo chiusi al collo con un lucchetto.
Stavo mettendo tutto in pratica senza un briciolo di resistenza da parte sua .Si lasciò trascinare tenuta per il collare da schiava verso l’uscita; presi la busta con i nuovi “ordini” e gliela lascia tra le mani. Colsi un brivido e quasi balbettando pronunciò quello che le era stato chiesto “padrone sono la sua schiava e la sua puttana”.
Immaginavo la paura ed il senso di vergogna al pensiero del rischio corso : essere vista da un vicino. La lasciai e le uniche parole che disse Uscii da casa eccitato all’eccesso .Non riuscivo ancora a credere che fosse vero. Mia moglie non si era ribellata e si era offerta come una puttana, l’aveva fatto ed ero certo che se l’avessi trascinata fuori da casa in quel modo mi avrebbe seguito. Ma chi avrebbe seguito il suo padrone o suo marito?
Ed era questo il punto che mi rendeva folle e la mia follia andava ancora oltre e diventava ossessione: oltrepassare i limiti di ogni pudore e offrirla per quello che aveva accettato di essere.
Il vicino certamente ci avrebbe scombinato l’esistenza, che figura ci avrebbe fatto la seria prof se si fosse fatta trovare in quel modo così sconcio? Con uno sconosciuto sarebbe stato diverso. Ripensai a quell’annuncio pubblicato su quel sito di padroni e schiave. Ripensai a quello che avevo scritto ed alla successiva risposta di Master Sesamo. Risuonavano le parole “ sottometterla ai miei desideri” , “ voglio la sua completa trasformazione” “sarà lei a chiederti di tornare desiderosa di spingersi sempre più in la” “assaporare l’umiliazione” “diventare una schiava sottomessa ed una squallida puttana da strada”.
Dopo aver visto come si era abbandonata, ignorando chi potesse avere di fronte, non ero più così certo che non avrebbe mai accettato di sottostare a delle richieste così assurde. Non solo ma l’idea di offrirla veramente ad un Master reale, mi intrigava, non sapevo resistere. Abbandonai la logica e mi giustificai pensando che non sarebbe cambiato niente , di fatto Mirna era come se si fosse già offerta ad uno sconosciuto, nessuno l’aveva spinta a fare quel che aveva fatto .
Corsi in auto, aprì il mio tablet e prima di verificare se Mirna mi avesse risposto o no, fui preso dalla voglia di risentire Master Sesamo, eccitato come un adolescente davanti alla vista del suo primo nudo femminile. Non pensavo cosa avrebbe comportato quella scelta, volevo Mirna sottomessa , impudica, volevo vederla in un ruolo che non era il suo , svergognata, umiliata spinta in un abisso di perversioni senza limiti.
Riguardai il film che le avevo fatto e provai un intenso piacere ad immaginare che al mio posto ci potesse essere Master Sesamo.
E se glielo avessi inviato? Mirna sarebbe stata sicuramente d’accordo, anzi si era offerta lei stessa a lui. Non ci pensai due volte ed inviai al Master la registrazione.

Il tutto era venuto d’istinto , senza riflettere. E’ così che si commettono gli errori più grandi, per superficialità senza pensare alle conseguenze. Solo una frazione di secondo dopo iniziai a riflettere su cosa avessi fatto. Avevo spedito ad uno sconosciuto le immagini di mia moglie, indecentemente esibita. Ancora peggio era riconoscibilissima e non solo concludeva sbiascicando sommessa quella frase “Padrone sono la sua schiava e la sua puttana” come se si stesse rivolgendo direttamente a Master Sesamo. Era comunque vero che al solo pensiero sentivo il mio sesso palpitare incarcerato nei jeans, ma altrettanto mi sentivo uno stupido per il rischio che stavo correndo. Il primo messaggio che avevo inviato a quel sito l’avevo scelto per destinatari della nostra regione e nella sua prima risposta mi aveva pure detto che abitava nella nostra città. Che cazzata avevo mai fatto? Come rimediare? Uno sconosciuto che avrebbe anche potuto essere il vicino di casa , un suo studente all’università , il bottegaio dell’angolo, avrebbe potuto essere in possesso di quella registrazione ; avrebbe anche potuto mostrarla a chiunque e Mirna non avrebbe mai avuto modo di negare quello che diceva di essere.

E tutto sembrava concatenarsi perfettamente alla lettera che le avevo lasciato nelle mani. Sapeva di certo che dipendeva solo da lei proseguire il gioco, non prima di aver messo in pratica il contenuto del nuovo messaggio. Ero stato volgare, al limite dell’insulto . Se avesse proseguito si sarebbe dovuta preparare a delle richieste ancora più spinte.
Per questo motivo ero stato ancor più perverso nella lettera che le avevo lasciato che avevo preparato senza convinzione . Non avrei di certo pensato che Mirna avrebbe continuato fino alla fine , ero certo che a metà della serata si sarebbe strappata la benda ed avrebbe interrotto il gioco. Per questo motivo fantasticando mi ero lasciato prendere ulteriormente la mano


Lettera n. 6 : sei solo una puttana
Vedi non è stato poi così difficile comportarsi come una puttana. La tua esibizione è stata particolarmente eccitante e sono sicuro che tutti l’abbiano apprezzata . Già perché non penserai che io fossi solo ad ammirarti? Non solo ma ti ho anche filmata mentre senza nessun pudore ti sei spogliata davanti a degli sconosciuti accettando di offrirti come la mia schiava e puttana.

Evidentemente se stai leggendo questa lettera sei pronta a proseguire e quel collare chiuso al collo da un lucchetto ne è la dimostrazione. Per interrompere il gioco però devi eseguire i nuovi ordini che troverai di seguito, Una cosa è certa , comunque vada, io potrò tenere con me per sempre il film della mia schiava. Pensa se lo mostrassi a chi ti conosce? Magari con altre richiesta più volgari.
Saresti solo un oggetto sessuale nelle mani del tuo padrone ,una vita da sottomessa, una prostituta sbattuta su qualche marciapiede della periferia sotto gli occhi di tuo marito.
In realtà potrebbe aver organizzato tutto lui per creare una situazione così perversamente eccitante e forse io non esisto, potrei essere solo una sua invenzione. Potrebbe, ma potrebbe anche non essere così.

Sei ancora in tempo per fermarti , ma so che ormai non ti sai più trattenere: curiosità o ho scatenato la tue voglie più perverse? se vuoi ricevere una nuova mail prima devi scrivere una mail a tuo marito e raccontargli cosa è successo questa sera e spiegargli quello che provi.
I casi sono due: tuo marito sa e quindi non sarà sorpreso di ricevere questa lettera oppure ignora completamente tutto e finalmente potrà capire quanto sia depravata sua moglie.

Ora vai al computer zoccola, scrivi a tuo marito e poi se vorrai continuare chiedilo umilmente inviando una nuova mail al tuo padrone supplicandolo di non fermarsi. Decidi tu se vuoi continuare .Ma pensaci potrebbe essere l’ultima volta che puoi scegliere, perché potresti trovare nella prossima mai la terza regola e quindi dovrai solo ubbidire a ciò che ti verrà ordinato di fare e dopo non sarebbe più lo stesso”


MIRNA
Leggevo la lettera tremando, a volte dovevo fermarmi perché anche la testa cominciava a girare.
Ma come potevo accettare di essere trattata in questo modo da uno sconosciuto? E come si permetteva lui a chiamarmi puttana, persino zoccola. Oddio, non riesco nemmeno a pensare una parola simile. Erano parole che mi facevano sempre scandalizzare e oggi le avevo accettate rivolte a me.
Arrivai alla fine della lettera con il cuore che mi batteva a mille. Che vergogna Dio mio. Avrei voluto nascondermi e cercare in qualche modo di dimenticare l’accaduto.
Mi appoggiai sfinita allo stipite della porta di casa. La testa continuava a girarmi e io mi sentivo sporca come non mai. Come avevo potuto arrivare fino a questo? Come avevo fatto a mostrarmi nuda davanti ad estranei? Oddio ero nuda e nuda mi avevano vista, guardata, fotografata e filmata, poi, alla fine, ho persino detto quella frase.
Mi coprii il viso tra le mani e andai barcollando in camera mia. Vidi il letto con ancora su il reggiseno, la medaglietta e il guinzaglio. Il guinzaglio, sì, il guinzaglio era sempre lì e persino lui sembrava quasi volesse prendersi gioco di me. Portai meccanicamente la mano alla gola e sentii il cuoio del collare e poi il freddo metallo del lucchetto. Vidi la mia figura riflessa nello specchio, vidi la figura di una prostituta vestita solo con reggicalze e calze. Iniziai a piangere.
Con le guance che si rigavano di lacrime mi avviai verso il soggiorno sperando di trovarlo in ordine come sempre, sperando che tutto questo fosse solo un brutto sogno.
Ma i bicchieri sporchi di alcool erano sul tavolo, le mie mutandine, quelle mutandine che mi sono fatta sfilare da mani estranee, quando nemmeno mio marito aveva mai provato a farlo … e il vestito ancora lì a terra … e la musica … oddio la musica … c’era ancora la musica e avevo la testa che girava, girava, girava.
Guardai la lettera che era ancora nella mia destra, la presi con l’altra mano e con un gesto pieno di rabbia la strappai in due pezzi che poi lasciai cadere a terra. Toccai ancora il collare e sentii i miei capezzoli ancora duri.
Cosa mi stava succedendo? Avevo sempre odiato, anzi provato ribrezzo verso tutto quello che andava al di là dell’amore, verso tutto quello che era sesso e solo sesso, un sesso sporco e volgare, come lo definivo sempre. Eppure proprio io avevo fatto qualcosa che odiavo, che mi faceva davvero ribrezzo. Lo avevo fatto e … oddio … ne avevo provato persino piacere … persino quelle parole a me rivolte riuscivano a darmi un brivido di paura, vergogna e … piacere.
Istintivamente mi chinai a raccogliere la lettera strappata da terra e mi diressi verso lo studio. Accesi il computer e mi sedetti davanti al monitor.
Ad ogni gesto che facevo il mio angioletto buono cercava di richiamarmi all’ordine, mi sgridava persino, mi urlava “che fai” di continuo. Ma ormai non lo ascoltavo più.
Entrai nella mia posta elettronica e cliccai sul tasto “Nuova mail” ed iniziai a scrivere a Rodolfo.


Commenti o suggerimenti per gli autori anche direttamente a

Questo racconto di è stato letto 2 0 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontiiomiluracconti cucklodannunci 69 tradimentiracconti erotici interrazialil uomo con due cazziraccontieroticiracconti incesti analiracconti erotici transracconti lesbricatto analeraccontierogenere dei racconti eroticifidanzate esibizionisteracconti di milmia moglie è una vaccaracconti hot veristorie ertichestorie porno tradimentiracconti di scopategenere dei racconti eroticiracconti erotici di ragazzeracconti porno trenozia eroticaletture erotiche gratisculo di mia suoceraracconti erotici al cinemaracconti eoritciracconti omosexracconti erotici supposteracconti erotici addio al nubilatoerotiche storieprime inculateracconti erotici-annunci69.itstorie di sottomissioneracc sessracconti mariti guardoniracconti erotici mogli troietradimento raccontoracconti erotiicraconti lesboracconti di sesso con suoceraraccontierticiracconti di sesso 69raccontierstorie pornracconti erotici i generiracconti erotici mogli troieprofessoressa eroticaraccpnti miluprime esperienze di sessoracconti erotici mia madreracconti di incestistorie di tradimenti pornoracconti erotici zoofilieritici raccontiracconti erotici freeracconti calci nelle pallela mia ex mi fa un pompinoracconti padronamogli troie raccontitacconti eroticirracconti eroticiracconti erotici animalierotici racracconti perettasculacciate storieracconti erotici calzeracconnti eroticistorie inculatestorie bondageracconti figasex raccontiho inculato mia madrepegging raccontieracconti eroticiraccontierostorie transracconti eroticjracconti erotici con la ziamasturazioneracconti superdotatiracconti erotica