La Falce

Scritto da , il 2019-06-15, genere dominazione

Care lettrici e cari lettori, come vi avevo annunciato, ecco il primo capitolo della storia "La Falce". A differenza della precedente storia, questa sarà molto più breve e si risolverà più velocemente. Sperando di divertirvi vi auguro una buona lettura.


Elisa era davanti allo specchio e guardava i segni intorno ai suoi seni: erano lividi molto scuri. La sera prima, Fredo, suo marito, aveva esagerato come il suo solito. Non lo sopportava più, anzi, lo odiava in modo viscerale. Quando si erano sposati, tre anni prima, era già un uomo arrogante e possessivo, ma in quel lasso di tempo tutto era peggiorato. Lei era un angelo: ventisette anni, capelli lisci biondi, occhi azzurri, snella una perfetta terza di seno. Molti uomini avrebbero dato via un braccio o una gamba per poter stare con lei. Pensava spesso a come sarebbe stata la sua vita se non si fosse sposata con quella specie di animale. Di notte piangeva in silenzio, soffocandosi le lacrime in gola per non svegliarlo. Avrebbe voluto scappare via, ma aveva troppa paura delle sue reazioni. Come quando aveva scoperto che se la faceva con una sua sottoposta in ufficio, lui le diede uno schiaffo e le disse di badare ai fatti suoi. Non aveva il coraggio di ribellarsi, ne di farsi le sue ragioni. Ma la cosa che più detestava della vita con Fredo era il sesso. Era violento, volgare, irrispettoso. Le sferrava morsi così forti da farla piangere, oppure la soffocava fino a quasi farla svenire. Fortunatamente, ogni tanto pensava, Fredo era un eiaculatore precoce, oltre che poco dotato, ed una volta finito il suo "dovere", si addormentava pesantemente, ponendo fine alla tortura.

Fredo era un corpulento trentacinquenne viziato ed egoista. Tipico figlio di papà cresciuto nell'azienda di famiglia senza fare praticamente nulla, era un maniaco sessuale. Il sesso guidava la sua vita e le sue azioni. Elisa era uno dei tanti sfoghi di Fredo, e, pur essendo sua moglie, non lo eccitava nemmeno più di tanto. La sua amante fissa, Carmela (si, è la stessa Carmela amica di Federica de "L'Apparenza Inganna), lo eccitava molto di più.

Quella sera, dovevano andare al ristorante per una cena con una coppia di amici di lui. Mentre Elisa si spalmava la crema sul seno, Fredo usciva dalla doccia. Fisicamente niente di eccezionale: leggermente sovrappeso, attaccatura di capelli alta, gambe corte. Ma aveva un bel sedere rotondo e sporgente, quasi femminile.

"Quante storie per un morso!" Le disse con scherno.

"Mi hai fatto male, guarda che lividi" Elisa era dolorante e infastidita dalla poca premura del marito. Fredo si avvicinò dietro di lei e le diede uno schiaffo sul culo.

"Quel bel culo, prima di uscire voglio darci una ripassata."

Elisa odiava l'anale, le faceva male. Ma a Fredo non importava .

"Mettiti a 90, troia!"

Era sempre volgare ed offensivo durante il sesso. La prese per i capelli e la piegò malamente in avanti.

"Fredo, ti prego, non adesso..."

"Non ti ho dato il permesso di parlare, troia!"

Si abbassò e le aprì le natiche con le mani, per poi sputarci in mezzo. Si agitò il cazzo con la mano destra, facendolo indurire subito.

"Prendilo tutto, forza!"

Glielo infilò a forza. Le mollò un grido e un singhiozzo di dolore.

"Avanti, dimmi che ti piace! Dimmi che ti piace!"

Lei lo odiava. Odiava quel maledetto modo di parlare mentre faceva sesso. Ma l'ultima volta che si era rifiutata aveva minacciato di picchiarla con la cintura.

"Si, mi piace!" Disse lei tra i singhiozzi.

"Chi è il re?"

"Sei tu..."

"E chi è la troia???"

"Sono io"

Fredo iniziò a grugnire dopo soli 5 colpi.

"Sto venendo...."

Le venne nel culo. Poi estrasse il cazzo, le abbassò la testa e glielo mise in faccia.

"E ora leccalo, troia! Voglio che ingoi tutto!"

Elisa leccò tutto il fluido di Fredo, il quale si assicurò che ingoiasse, dopodichè si rivolse a lei come se niente fosse.

"E ora muoviti che siamo in ritardo!"

Quando uscì dal bagno, scoppiò in lacrime. Sentiva che la sua vita era finita, senza via di scampo. Indossò un vestito nero e svogliatamente uscì di casa.
Mentre erano in macchina, Fredo continuava a parlare di sesso.

"La prossima volta ho deciso che lo faremo in modo diverso."

"Che vuoi dire?", disse svogliatamente.

"Voglio legarti e punirti! Punirti più duramente del solito! Infondo sei una troia e te lo meriti, giusto?"

"Si". Era esausta, non aveva più nemmeno la forza di reagire.

Quando arrivarono al ristorante si incontrarono con Luigi e Marta, altri due figli di papà ricchi sfondati ed insopportabili. Mentre leggevano i menù, Elisa non ascoltava nemmeno i discorsi idioti che i tre portavano avanti. Desiderava solo che la serata passasse in fretta e indolore, sperando che Fredo non avesse voglia di fare sesso a casa. Ad un certo punto, gli occhi di Elisa si concentrarono su un cameriere. Era alto, dai capelli lunghi biondi raccolti in uno chignon e una folta barba. Le sembrava di conoscerlo, di averlo già visto da qualche parte.

"Scusatemi, devo andare in bagno!"

"Che succede, ti brucia ancora?" Disse Fredo credendo di essere divertente. Elisa non rispose e si diresse verso il bagno, il quale era adiacente alla cucina.
Aspettò che quel giovane cameriere uscisse con un vassoio e gli passò davanti. Era molto bella e di solito attirava gli sguardi di tutti. Quello del cameriere non fu un eccezione. La guardò mentre passava e si bloccò di scatto.

"Elisa?"

Lei lo guardò bene e gli sorrise, ricordandosi.

"Ian?"

Ian si avvicinò a lei.

"Dio, quanto tempo, come stai? L'ultima volta che ti ho vista avevamo, quanti, quindici anni?"

"Si e poi tu sei partito!"

"Abbiamo dovuto seguire mio papà per lavoro, ma questo posto mi mancava e così sono tornato! Faccio il cameriere e mi pago gli studi!"

"Che bravo, sei sempre stato un secchione! A scuola passavi i compiti a tutti!"

"Non ero un secchione, ero solo bravo! E tu che fai?"

"Io..." Elisa guardò il tavolo in lontananza con malinconia.

"Sono sposata"

"Davvero? Wow! Sono contento per te!"

"Si, grazie..."

Ian notò l'aria triste della ragazza.

"Qualcosa non va?"

"Parecchie cose in realtà! Ma non mi sembra il caso di tediarti mentre lavori!"

Ian appoggiò il vassoio, prese il taccuino delle comande e scrisse il suo numero.

"Scrivimi quando vuoi! Mi fa piacere chiacchierare con te! Mi sembra di essere tornato adolescente!"

Elisa scoppiò a ridere.

"D'accordo! A presto allora!"

La cena continuò noiosamente. Fredo alzò il gomito come suo solito e divenne fastidioso con le battute e gli scherzi. Ma quel piacevole intermezzo con Ian l'aveva fatta sorridere. Era contenta di poter tornare a quei tempi felici anche solo parlandone. Non aveva più un amico, del resto, Fredo le aveva tagliato tutte le amicizie e si sentiva profondamente sola.

Nel viaggio di ritorno, Fredo era visibilmente ubriaco e purtroppo anche eccitato. Elisa aveva molta paura di quello che sarebbe potuto succedere.

"Chi era il cameriere con cui parlavi?" disse di punto in bianco.

"Nessuno, un compagno di scuola"

"Un compagno di scuola..." le fece eco.

"Si."

"Te lo scopavi?" Disse lui.

"No, eravamo poco più che bambini..."

"Te lo scoperesti adesso?" il suo tono era più serio.

"Assolutamente no!"

"Sei sicura?"

"Certo". Cominciava ad avere paura.

Fredo sembrava nervoso. Era gelosissimo di Elisa. Quando arrivarono a casa, lei si avviò verso il bagno e lui la trattenne.

"Dove vai?"

"Sono stanca, vorrei lavarmi e andare a letto."

"Eh no, adesso dobbiamo giocare!"

"Fredo, non mi va stasera..."

"E' per lui, vero? Perchè hai visto lui?"

"Cosa c'entra? Ti ho detto che era un mio amico da ragazzina! Non c'entra niente il nostro rapporto!"

"Sei una sgualdrina!"

"E tu sei ubriaco!"

Le strappò letteralmente il vestito di dosso.

"Fredo che fai, sei impazzito?"

"Sta zitta!"

La spinse con violenza sul divano e poi si tolse la cintura. Dopodichè tirò fuori il suo modesto pene e iniziò a ridere.

"Voglio farlo intenso stasera!"

"Metti via quella cintura, Fredo, mi fai paura!"

"Tu sei una bella puttanella, e devi essere punita!"

Le saltò addosso, la capovolse supina e la penetrò nell'ano senza nemmeno inumidirlo. Lei gridò di dolore.

"Fredo mi fai male, ti prego!"

L'uomo iniziò a colpirla con la cintura sul sedere.

"Mi fai male! Ti prego fermati, fermati!"

"Piangi come una puttanella, eh? Perchè sei una puttanella!"

Fredo vibrò violente scudisciate sulle natiche di Elisa, che divennero prima rosse e poi viola. Penetrava e frustava, senza pietà.

"Chi è il re? Chi è il re?"

"Ti prego mi fai male!!! Mi fai male!!!" Piangeva e urlava di dolore. Lui le tappò la bocca con la mano, inarcandole la testa all'indietro.

"Sta zitta puttana!!! Sono io il re e tu sei solo la mia sgualdrina!!! Sei la mia troia e fai quello che dico io, capito???"

Soffocata dalle lacrime, Elisa piangeva e malediva se stessa per aver sposato quel verme. Il dolore era acciecante e più lei soffriva, più lui si eccitava.

"Godo, sto godendo!!! Vengo!!!"

Le inondò l'ano di sperma.

"Brava la mia puttana!"

Si staccò da lei, le mollò in testa la cintura e si diresse verso il bagno, buttando per terra i suoi vestiti.

"Piegali e mettili al loro posto!"

Elisa aveva perso la sensibilità dalla vita in giù, piangeva disperata in silenzio, ingoiando le sue lacrime e il suo odio.

TO BE CONTINUED...

Spero che abbiate gradito questo primo capitolo. Lasciatemi un sempiterno commento o scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone