Storie di uno stupratore professionista – Paola 9

Scritto da , il 2019-06-13, genere pulp

Storie di uno stupratore professionista – Paola 9
ATTENZIONE : QUESTO RACCONTO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE AVVENUTI PER CUI QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE OD A FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA' E' NON VOLUTA E PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E, PERTANTO, INVITA CHIUNQUE POSSA ESSERE IMPRESSIONABILE O SIA CONTRARIO A RACCONTI VIOLENTI DI NON PROSEGUIRE NELLA LETTURA. IL SADISMO ESPRESSO DA ALCUNI PERSONAGGI DELLA STORIA COSI' COME I LORO COMPORTAMENTI ABERRANTI NON SONO CONDONATI DA CHI SCRIVE E NON CORRISPONDONO AI SUOI GUSTI OD ALLE SUE TENDENZE.

Rimasi immobile per un minuto, lasciandola adattarsi alla penetrazione, lasciando che il suo colon si abituasse all’intruso che lo distendeva, le mie mani ferme sui fianchi, sepolto fino in fondo nel pezzo di carne più stretto e più caldo che avessi mai provato.  Iniziai a muovere il mio cazzo dentro di lei, apprezzando le incredibili sensazioni che mi giungevano. Poi cominciai a fotterla con colpi lunghi e lenti, le mie mani le tenevano i fianchi tremanti. Era delizioso, questo culo vergine di diciotto anni. Ero contento di averle stuprato per prima la figa, perché ora potevo semplicemente godermelo, avendo goduto da poco non dovevo preoccuparmi di venire troppo presto. Godevo di quello che stavo facendo, fissavo le sue natiche aperte, il mio cazzo che scivolava dentro e fuori dal suo culo vergine estraendolo del tutto prima re-infilarlo sino alla radice.
Lasciai che i miei occhi vagassero lungo la sua schiena liscia e flessuosa, verso i suoi capelli castani e lisci che nascondevano il suo viso, esaltando la mia proprietà del suo corpo. 
 
E il suo buco del culo era incredibile: potevo sentire tutto. Ogni singhiozzo nascosto e represso sembrava trasmettersi attraverso il suo corpo, stuzzicando il mio glande, mandando brividi alla colonna vertebrale; ogni suo brivido, mentre il vibratore continuava ad assalire il suo clitoride abusato, inviava piacere nel mio corpo, sentivo distintamente anche le vibrazioni della parte del vibratore che le entrava nella figa a stimolarle il Punto G; ogni involontario serrarsi e allentarsi del suo culo mi mungeva il cazzo e mi faceva rabbrividire ogni volta che le penetravo a fondo il suo morbido e sodo culo. Questa ragazza di diciotto anni, questo pezzo di carne bello, flessuoso e sexy, è stata una delle migliori scopate che abbia mai avuto, e mi stavo prendendo il mio tempo divertendomi.
 
Ho quasi perso la cognizione del tempo mentre usavo il suo culo, tenendo traccia dei suoi progressi con i piccoli movimenti e tremori dei fianchi e delle cosce, penetrandola con più forza quando si avvicinava al suo orgasmo, distraendola con una spinta più dura o una spinta con un'angolazione diversa. Stava per venire, non c'era dubbio, ma stavo cercando di ottenere per me il massimo del piacere ritardando l’orgasmo di Paola il più possibile e lasciandolo diventare sempre più forte.
 
Mi chinai su di lei, spingendo i suoi fianchi verso il basso, quasi sul materasso, il mio corpo copriva il suo, la mia mano si allungò sotto di lei, le mie dita premettero contro il vibratore schiacciandolo contro il suo clitoride e mandandolo alla massima vibrazione, facendola ansimare, facendo il suo respiro più veloce, il suo sedere tremava sotto di me, le sue cosce cominciarono a tremare.
 
"Vieni per me troia, lo so che vuoi…vieni…sborra…" suggerii suadente sentendo il suo controllo venire meno.
 
Paola girò la testa di lato sul materasso e gridò, un grido di piacere troppo a lungo trattenuto, mentre il suo corpo si tendeva e scuoteva, le dita delle mani e dei piedi si piegavano, i tendini sul collo si tendevano mentre un orgasmo travolgente la investiva. Il suo buco del culo strinse, intrappolandomi piacevolmente dentro di lei, ed aspettai ancora strofinando il suo clitoride con il vibratore, il mio orgasmo era vicino, ogni movimento del suo corpo tremante sembrava trasferito nel suo ano, massaggiandomi, cercando di strapparmi il mio sperma dal corpo. Paola urlò ancora e singhiozzò, mentre il culo le si inondò completamente di secrezioni ed un quarto orgasmo, questa volta anale e totalmente spontaneo, pervadeva il suo giovane corpo, ed io potei finalmente venire, pompando il mio sperma attraverso le sue natiche divaricate in profondità nel suo intestino…un vero clistere di sperma.

Questo racconto di è stato letto 5 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


confessioni erotiche vereracconti erotici saunaracconti eoriticstorie lesboracconti erotici nuorevoyeur cameriniracconti hard con animalierotci raccontiporn raccontistorie di sesso analeraconti eroticiracconti incesto nonnastorie sesso suoceraracconti di lesbicheracconti erotici grannystorie eritichestorie di sesso veroprimo scambio di coppiaracconti erotici canechiavo mia mammastorie vere sessoracconti sesso sfrenatoracconti erotici latteesperienze di sessostrorie pornoracconti erotici parlatistorie di sesso con la ziaracconti erotciracconti erpticiracconti sesso al cinemaeros raccontinonno incestoraccinti pornoracconti incentuosiracconti eroticoraccondi eroticiracconti cucklodracconti poracc 69racconti mamma padronaraccont miluperizoma raccontiracconti sconciravconti eroticiracconti erotici familiariraccontieroticiracconti picantiracconti erotici cuginastorie di scambio di coppiestorie feticismoracconti porno scritti da donneincesti sessoracconti porno zoowww.raccontimilu.comrocconti eroticiracconti porno orgeracconti erotici.racconti porno animaliracconti di miliracconti porno famigliaracconti erotici mamma figliaracconti hot gratisracconti safficoracconti incesto eroticiracconti maturi gayracconti hard incestoracconti annunci69storie eroticracvonti pornostorie erotiche vissuteho inculato mia cognatai generi dei racconti gayho fatto un pompino a mio fratellostorie hentaicuck raccontiscambio di coppieracconti mariti cuckoldracconti eeroticimia moglie raccontistrip poker raccontiracconti erotivci