Roberta parte quarta

Scritto da , il 2019-06-13, genere orge

Dopo la giornata trascorsa al mare dove Roberta ha dimostrato tutta la sua porcaggine, offrendosi a tuti quegli uomini che l’hanno posseduta in tutti i modi, davanti al marito e ai figli, non ci sono state più occasioni per trasgredire.
La donna continua ad andare in ufficio e a fare le compere senza indossare mai l’intimo, nonostante il marito l’abbia più volte sollecitata ad indossarlo, ogni volta che fa la doccia si masturba con lo spazzolino da denti elettrico sul clitoride e poi si infila nella figa spazzole o bagni schiuma, indossa mentre svolge le faccende di casa il cuneo anale.
Il sesso con il marito continua a svolgersi con la solita routine, una o due volte alla settimana con lui che non resiste che pochi minuti e spesso viene durante il pompino che lei pratica con grande maestria e la lascia insoddisfatta, allora prende il grosso vibratore rosa che le ha regalato il fotografo e si masturba sino a raggiungere l’orgasmo insultando il marito per la sua incapacità a renderla sessualmente felice.
Finalmente arriva il momento che da tanto tempo aspettava, la possibilità di dare sfogo alle sue voglie più oscene.
Roberto, il ragazzo che ormai è diventato il suo padrone sessuale( vedere i racconti precedenti di Roberta) le comunica che ci sarà nel fine settimana una gita scolastica alla quale lei dovrà partecipare e obbedire a tutto quanto le sarà ordinato.
Al mattino del sabato Roberta arriva davanti alla scuola indossando una giacca sopra un top bianco e una mini di pelle nera corta e molto stretta che mette in risalto il suo bel culo.
Paolo la saluta calorosamente, la abbraccia e la bacia infilandole l lingua in bocca e anche gli altri ragazzi che l’hanno già conosciuta e scopata nello studio del fotografo e a casa sua fanno altrettanto.
Saliti sull’autobus Roberta viene fatta sedere nell’ultima fila tra Roberto e un altro ragazzo, i due professori accompagnatori sono seduti nei primi posti vicino all’autista, sono un po’ sorpresi dalle effusioni dei ragazzi verso la donna ma non lo danno a vedere.
Per i primi chilometri non succede nulla, Paolo si diverte a ricordarle quanto è successo con lui nei vari momenti in cui si sino incontrati, le fa rivivere tutte le oscenità che le hanno fatto, i vibratori che le hanno infilato in figa e culo, i cazzi che ha succhiato e che l’hanno sfondata e riempito tutti i buchi di sperma.
La donna comincia ad eccitarsi e bagnarsi, i capezzoli già duri puntano la stoffa dal top, la figa è già un lago e lei inconsciamente allarga le gambe.
Vorrebbe toccarsi ma si trattiene, sa che ben presto ci sarà qualcuno che lo farà per lei.
“Togliti la giacca” le ordina Paolo e appena lei lo ha fattole abbassa le spalline del top scoprendo le tette.
“Guarda che capezzoli duri, sei proprio una troia, scommetto che vuoi che te li succhiamo”
“Leccatemi , succhiatemi strizzatemi le tette, fatemi tutto quello che volete, sono la vostra puttana.”
I due ragazzi seduti vicino a lei non si fanno pregare, iniziano con le mani e le bocche ad impossessarsi di quelle grandi tette, non solo strizzano ma mordono i capezzoli strappandole gemiti di dolore e di piacere.
“Tira su la gonna e scopri la figa”.
Non si fa pregare, solleva la gonna di pelle, è oscenamente esposta con figa e tette in bella vista.
“Sei più sexy così che completamente nuda, adesso giochiamo un po’ con te, sono sicuro che ti piacerà”
Una mano si insinua fra le sue gambe già ben allargate, il pollice comincia a titillare il clitoride mentre l’altra mano penetra con due dita nella figa ed entra ed esce lentamente. Il secondo ragazzo continua a strizzarle le tette e succhiarle.
“ Siete bravissimi, mi fate morire, non smettete”
Il lavoro di mani e bocca è continuo e incessante e porta ben presto la donna all’orgasmo. “ Sii, godo, che porci che siete, mi fate godere, non smettete, ho voglia di godere ancora:”
“Adesso però tocca a te, facci vedere quanto sei brava con la bocca”
I due ragazzi si aprono la patta dei pantaloni ed estraggono i loro cazzi già duri, a turno li offrono alla bocca della donna che li lecca, succhia, se li fa entrare sino in gola.
E’ diventata una vera professionista del pompino ed in breve fa sborrare i due ragazzi nelle sua bocca inghiottendo con piacere il loro seme.
Mentre la donna lo spompinava Paolo ha chiamato gli altri ragazzi ad avvicinarsi, quelli che già conoscevano la donna e avevano potuto godere dei suoi favori hanno già i cazzi in mano e si segano lentamente, gli altri rimangono un po’ sorpresi ma i compagni li invitano a fare altrettanto.
A turno si fanno spompinare e quelli che attendono il loro turno accarezzano la donna, le infilano le dita nella figa e nel culo, son o tutti eccitatissimi e vista la giovane età raggiungono l’orgasmo in poco tempo.
“Sborratele sulle tette ” ordina Paolo e così avviene e quando tutti si sono scaricati le stringe bene e le porta all’altezza della bocca della donna.
“Adesso lecca tutto e ripulisciti”
Roberta esegue con voglia, in breve tutto il seme è stato ripulito, lei è stremata per il lavoro di bocca e per gli orgasmi che ha raggiunto per la penetrazione delle dita nella figa.
I due professori sentendo tutto quel trambusto si avvicinano e rimangono allibiti nel vedere la donna con tette e figa in bella mostra, con il volto accaldato i i ragazzi intorno a lei ancora con i cazzi in mano.
Paolo si rivolge così ai professori.
“Non spaventatevi, la signora Roberta è una vera ninfomane succhiacazzi, fatevi avanti, sono sicuro che farà godere anche voi,”
“Finalmente due uomini veri, spero che siate più esperti e duraturi di questi ragazzini che vengono dopo pochi istanti, datemi i vostri cazzi, ho voglia di farmi scopare” è stata Roberta a parlare, allargandosi bene con le mani la figa grondante di umori.
I due insegnanti non si fanno pregare, tirano fuori i loro uccelli, quello di Educazione fisica lo avvicina alla bocca della donna che lo afferra, lo massaggia, lecca e succhia le palle, percorre l’asta con la lingua , da dei colpetti sul glande e poi lo mette in bocca e lo succhia, il professore di Matematica si inginocchia tra le gambe della donna, le lappa la figa, succhia il clitoride, infila dentro tre dita e la masturba.
Continuano così per alcuni minuti poi il professore inginocchiato si rialza e con un colpo secco infila il cazzo nella figa e inizia a dare forti colpi alla donna, scopandola con violenza.
Roberta sta godendo per questa scopata, raggiunge un altro orgasmo mentre non smette di leccare e succhiare il cazzo che ha in bocca.
Il professore che la scopa sta per godere, si ritrae e lascia uscire la sua sborra sul volto della donna.
L’insegnante di Educazione Fisica la fa alzare, girare e appoggiarsi al sedile, si pone dietro di lei e inizia a scoparla alla pecorina, con colpi lenti e profondi e mentre la penetra infila prima uno e poi due dita nel buchetto della donna, che l’uso continuo del plug anale ha reso elastico.
“La figa è stata visitata da tutti, ma il culo no e allora io sarò il primo a penetrarlo”, così dicendo il professore che la scopa estrae il cazzo dalla figa e senza sforzo lo appoggia al buco del culo e la penetra.
L’atro insegante si pone di fianco e le infila nuovamente tre dita nella figa e la masturba. “ Fatemi godere, sfondatemi, non smettete, voglio godere ancora.”
Roberta è squassata da un forte orgasmo mentre anche l’uomo che la incula si svuota nelle sue viscere.
I ragazzi che hanno assistito sono nuovamente eccitati e vorrebbero anche loro scoparla, ma l’autista li avverte che stanno arrivando ad un’area di sosta per il rifornimento e possono scendere per bere e mangiare qualche cosa.
Tutti si avviano all’uscita e si recano nel locale accanto alle pompe di, benzina per un breve ristoro, mentre l’autista si avvicina a Roberta che è ancora seminuda con tette e figa esposte e le dice: “Mia cara adesso è il mio turno, non credi che dovresti accontentare anche me?
“Certamente , accomodati, cosa vuoi farmi?
Senza rispondere l’uomo si avvicina , la fa sedere, le afferra la caviglie e si pone le pone sulle sue spalle allargandole le gambe, il suo cazzo è già duro ed entra con facilità nella figa grondante, la scopa velocemente.
“Facciamo solo una sveltina perché potrebbero vederci, fammi godere troia. Roberta muove il bacino su e giù per agevolare la scopata e l’uomo viene dentro di lei”
“Vieni, scendiamo anche noi ,, potrai rinfrescarti e dissetarti, ma togliti il top, indossa solo la giacca.”
La donna esegue, la giacca aperta lascia intravvedere il suo grosso seno, la minigonna è appena abbassata e copre a malapena la figa mentre il culo è quasi tutto scoperto.
Nel locale, oltre alla scolaresca e all’autista ci sono un camperista che ha appena parcheggiato il suo mezzo sul piazzale e tre camionisti che stanno consumando una abbondante colazione.
Tutti osservano con interesse e cupidigia la donna che con la giacca aperta si siede sullo sgabello sollevando completamente dietro la mini e lasciando il culo scoperto.
Mentre mangia un cornetto e beve un cappuccino, Paolo le accarezza il culo, poi allarga le falde della giacca e gioca con le sue tette.
“Avete visto che tette fantastiche ha questa porca e che culo sfondato, se volete approfittarne noi ci fermiamo qui una mezzoretta.
Si avvicina il camperista, le da una pacca sul sedere, e le dice:
“Bellezza, sul mio camper ho un letto molto morbido, vuoi venire a provarlo?
“Con piacere, andiamo, sei proprio un bell’uomo, spero sarai anche uno stallone.”
La prende per mano, escono dal locale e si avviano verso il camper e mentre stanno uscendo Paolo fa segno ai tre camionisti di seguirli.
Aperta la porta del camper Paola entra e l’uomo le toglie la giacca e la gonna.
“Voglio vederti nuda, sei veramente uno schianto”
Si spoglia anche lui, la corica sul letto e subito le da il cazzo da succhiare.
La porta è rimasta aperta e i tre camionisti sono sull’uscio a guardare e hanno i cazzi in mano che si stanno indurendo.
Dopo il pompino il camperista la fa sdraiare e subito la penetra e la scopa. Il cazzo entra ed esce dalla figa sino a quando al momento di venire l’uomo si ritrae e le infila l’uccello in bocca facendole bere tutta la sua sborra.
Come lui si rialza entrano i tre camionisti, lo spazio è ristretto e a turno si fanno spompinare, poi uno la fa alzare e si sdraia sul letto.
“Vienimi sopra, fati succhiare le tette mentre ti scopo”
Roberta lo accontenta, si pone sopra di lui e si infila sul cazzo e mentre si fa scopare sente l’altro camionista che la fa inchinare in avanti, le accarezza il culo, le infila un dito nel buco, poi appoggia la cappella e la incula con un colpo solo che le fa emettere un gemito.
Scopata e inculata contemporaneamente comincia a gemere ed invitare gli uomini a sfondarla e farla godere, e dopo qualche minuto entrambi si scaricano dentro di lei, il terzo camionista aspetta che i suoi amici si spostino poi si pone dietro la donna e le infila il cazzo nella figa piena di sborra.
Mentre la chiava le afferra le tette da dietro e le strizza con forza, è un vero sadico, la fa urlare dal dolore, poi esce dalla figa e la incula con colpi forti che le procurano piacere e dolore insieme-
Anche lui le viene dentro il culo, poi tutti e tre la ringraziano per il “servizietto” ed escono dal camper.
Il camperista la aiuta a rimettersi la giacca e la gonna, la bacia in bocca e la fa uscire, ma prima di risalire sull’autobus dove i ragazzi sono in attesa di ripartire, la donna rientra nel bar e si reca subito alla toeletta, si siede sul water per fare la pipì poi cerca di lavarsi la figa e il culo che sono gonfi, doloranti e pieni di sperma, , si ripulisce le tette e il volto poi esce e sale sull’autobus.
Si porta sui sedili l fondo, si toglie la giacca e rimette il top, poi si sdraia completamente esausta.
Paolo si avvicina e la guarda sorridendo. ”Penso che ti meriti un po’ di riposo, cerca di dormire un po’ e riprenderti, al ritorno sarai di nuovo pronta per tutti noi.”
Roberta annuisce, si rilassa e ben presto si addormenta.
Giunti a destinazione i ragazzi e gli insegnanti scendono per andare a visitare la mostra che era nel loro programma, l’autista sveglia gentilmente Roberta e la invita a scendere ed andare a mangiare con lui.
E’ una persona completamente diversa da quell’uomo che l’aveva scopata velocemente sull’autobus, la porta in una trattoria situata nei pressi, le offre il pranzo e inizia a parlare con lei.
Dopo i primi convenevoli Roberta inizia a raccontare come è cambiata la sua vita sessuale da quando è entrata nel negozio del fotografo che dopo le fotografie l’ha indotta a usare i vibratori, a farsi scopare da lui e da Paolo, le ha rotto per primo il culo.
Narra come Paolo l’ha ricattata e usata con i suoi amici, di cosa ha fatto sulla spiaggia dopo aver indossato i costumi da bagno e si è offerta a molti uomini.
Man mano che racconta si, eccita, scende nei particolari più scabrosi
confessando che ogni volta che tradisce il marito si sente appagata,
si è trasformata da moglie e madre irreprensibile in una ninfomane sempre vogliosa e disponibile a tutto, adora le doppie penetrazioni, due cazzi in figa, vibratori sempre più grandi in ogni buco del suo corpo.
L’autista la scolta con attenzione, è veramente stupito da questa confessione che gli crea turbamento ed eccitazione, gli sembra impossibile che una così bella donna dall’aria distinta possa aver compiuto tutte quelle perversioni.
Terminato il pranzo passeggiano per qualche tempo lungo il fiume, la tensione e l’eccitazione non si placano.
“Vuoi che rientriamo sull autobus, possiamo spettare li i ragazzi” Le chiede l’uomo.
“Certamente, possiamo starcene un po’ in pace, ci vorrà ancora qualche tempo prima che rientrino.”
Risalgono e Roberta torna a sedersi in fondo, si toglie la giacca, si siede sollevando la mini sino alla vita, allarga le gambe e mostra all uomo la figa fradicia di umori.
“ Vorresti leccarmela?, Ho una gran voglia di sentire la tua lingua sulla mia figa, devo ringraziarti per il pranzo e questo credo sia un bel modo per farlo.”
L’autista si inginocchia tra le gambe e inizia a leccale il clitoride, lo prende tra le labbra, lo succhia poi passa a infilarle la lingua dentro, riprende a leccare il clitoride e inserisce le dita dentro, prima una, poi due, tre, quattro.
“Puoi fare entrare tutta la mano, dai fallo, anche il pugno, sono abituata a prendere cose di ogni grandezza dentro.”
L’uomo non si fa pregare, la masturba con forza con tutta la mano sino a farla godere.
“Sei stato bravissimo, la figa te l’ho già data, vuoi incularmi adesso?”
Senza attendere la risposta si alza in piedi, si gira e si appoggia sul sedile mettendo bene in evidenza il suo bel culo.
L’autista estrae il cazzo già duro, si lecca due dita e le infila nel culo per allargarlo, poi appoggia la cappella e con un colpo secco la penetra sino in fondo.
Rimane un attimo fermo poi inizia a muoversi dentro e fuori con colpi veloci e sempre più frequenti, Roberta ansima e si porta le dita nella figa masturbandosi mentre viene inculata.
“Non venirmi dentro, voglio bere la tua sborra, dimmi quando stai per venire”
L’uomo annuisce e continua ad incularle, la sente gemere per l’ennesimo orgasmo, poi si ritrae, le offre il cazzo in bocca che lei prende con voluttà, lo succhia sino a quando sente un getto caldo riempirle la gola.
Si rilassano tutti e due, c’è soddisfazione e appagamento in entrambi.
“Adesso è meglio che stiamo un po’ tranquilli, quando torneranno i ragazzi sono sicura che saranno arrapati e mi faranno fare gli straordinari.”.
(continua)
Commenti a



Questo racconto di è stato letto 3 8 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone