Mia zia 5.

Scritto da , il 2019-06-11, genere incesti

Al mattino chiamo Fabiola per confermare l'appuntamento alle nove e mi dà la conferma. Suono il suo campanello alle nove meno un minuto e lei mi apre, lasciandomi senza parole, senza fiato: era vestita con gonna che avvolgeva i suoi sinuosi fianchi, sotto calze a rete larga, senza mutandine e seni scoperti, di misura ... boh, tanto di misure non ci capisco un nulla ma comunque rimango basito dalla sua bellezza e la abbraccio subito, sfidando anche la mia timidezza, ... sì. sono timido per natura!! Andiamo in salotto e, seduto sul divano, vicino a lei, prendiamo un caffè per poi passare a baciarci in bocca ed io le tolgo la gonna, per poi mettermi a leccarle la figa già piena d'umori, sbrodolante da lavarmi il viso ed io godo nel sentirla sciogliersi. La metto a cosce larghe e la penetro col cazzo già armatissimo e la scopo senza fermarmi e, dopo averle chiesto se prendeva la pillola, già che lei me lo confermò, mi lasciai andare con un getto di sborra incontrollabile e mi accasciai sopra di lei baciandola sulle guance, sui lobi, sul collo. Che goduria!! A metà mattinata Fabiola mi disse che doveva andare al lavoro così la accompagno e ci lasciamo con un lungo bacio ed io corro da mio zio che nel frattempo aveva ripreso i sensi discretamente, tanto da riconoscermi subito ee, mia zia che era lì da lui, mi dice di andare a casa per pranzare. Ci arriviamo e, mentre lei è in cucina, squilla il suo telefonino ed è la mia cuginetta che avvisa di essere a Catania il pomeriggio ed io sarò ad attenderla all'aeroporto. Lei atterra a Catania ed io, con un taxi, l'accompagno a casa a lasciare le valige e lì, ci diamo un bacio che subito mi provoca un'erezione turgidissima ma lei, toccandomelo, mi dice di andare prima a vedere suo padre, poi, ... si vedrà. Altro taxi e via all'Ospedale dove lei trova suo padre in discreta forma e ne è felice, e dopo due ore, la zia ci dice di andare a casa e preparare la cena anche per lei, così facciamo e, dopo apparecchiata la tavola, attendendo la zia, ci baciamo e ci facciamo una scopata che da tempo non mi riusciva così bene. Arriva la zia e dopo cena la cuginetta dice di essere stanca e va a dormire ed io e la zia rimaniamo in salotto davanti alla tv che seguiamo mentre però io le scorro le coscione con la mano e, quando arrivo alla figa, lei sbrodola giù un fiume di piacere. Le sfilo le mutandine e la faccio sedere sopra a me, infilandole il cazzo in figa e pompandola da rimanere senza energie ma lei, dopo la mia sborrata, mi chiede di incularla senza lubrificare ed io, riarmato il cazzo, la inculo facendola gemere assai ma poi le chiudo la bocca baciandola e, dopo una lunga sborrata, ci baciamo dandoci la buonanotte e via, ognuno in camera sua. Al mattino presto la cuginetta va da suo padre e la zia mi sveglia strusciandosi a me nuda, infilandosi nel mio letto e spalancando le cosce per poterla scopare subito ed io lo faccio senza sacrificio, anzi, con tanto piacere. Facciamo colazione poi squilla il telefono ed è mia madre che fa presente alla zia che io potrei togliere il disturbo ma zia fa subito presente che la mia presenza lì è preziosissima, utilissima e mia madre gioisce nel sentire che mi rendo utile e la telefonata si conclude. Zia mi guarda e mi dice che se non ci fossi io, con suo marito fuori gioco, ... , chi se la scoperebbe? Dissi subito a zia che mi stavo "sacrificando" solo per lei. Mi baciò in bocca e scese a farmi un pompino. Intanto arrivava l'ora di pranzo e la cuginetta arrivò a casa. Dopo pranzo zia andò dallo zio ed io mi detti da fare a scoparmi la cugina che voleva il 69, voleva darmi il culetto ed io la feci felice scopandola più volte. Venne poi la dimissione dall'Ospedale di mio zio e, dopo due giorni, io ripresi l'aereo per tornare a Roma e recarmi poi a Viterbo. Chiaro che mio padre medico, mi trovò debilitato assai e "mi fece la sorpresa" di presentarmi una sventolona infermiera diplomata che doveva farmi le iniezioni ricostituenti prescritte da lui. Per due settimane mi feci forare il culo da quella superfiga e, solo all'ultima iniezione, lei , che aveva capito che la squadravo a fondo, mi fece l'ultimo buco al culo e mi girò per prendersi in bocca il mio cazzo già teso e duro. Mi passò poi il suo biglietto da visita e disse che non confondeva il dover col piacere e quella volta, terminate le iniezioni, potevamo incontrarci e passare bene il nostro tempo. Rimasi a pensare a mia zia, mia cugina, a Fabiola, la rossa, poi mi congedai dalla sventolona e andai a casa.

Questo racconto di è stato letto 6 6 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone