Viva la sposa! (secondo tempo)

Scritto da , il 2019-06-11, genere incesti

Villa Ofelia, elegante casale immerso nel verde, circondato da un delizioso muricciolo in pietra, oggi è un gran giorno, un uomo e una donna stanno festeggiando il loro amore, unendosi in un vincolo che dicono sia eterno. Ampio giardino con piscina, le grandi vetrate ad arco introducono a una spaziosa sala per ricevimenti. Soffitto rustico con imponenti travi di legno, tavoli rotondi vestiti di bianco, rigati dal rosso dei runner di tulle. Dettagli studiati con cura, niente è lasciato al caso. C’è una band sul piccolo palco, quattro ragazzi che sanno davvero il fatto loro, suonano da ore ormai e sembra lo facciano nel più efficace dei modi possibili: divertendosi. Adesso è il momento dei lenti. Coppie giovani e altre più attempate si stringono al centro della sala ondeggiando a tempo di musica. Il ballo pigro della digestione.
Gli uomini hanno slacciato il colletto della camicia, qualcuno ha tolto addirittura la cravatta. Le donne resistono impeccabili ma conservano un segreto sotto il tavolo: il piacere di aver sfilato le scarpe troppo rigide in una coreografia sensuale di piedi che dondolano nudi e stanchi a tempo di musica.
C’è un ragazzo che avuto la bizzarra idea di indossare delle scarpe sportive sotto al completo elegante. Continua a fissare una ragazza, seduta qualche tavolo più in là, la vede sorridere in mezzo alle altre donne, gli piace il modo in cui le sue morbide labbra si schiudono mostrando i denti bianchi, gli piace da morire e pensa che, prima della fine della giornata, deve assolutamente trovare il coraggio per parlarle.
Zio Adelmo non riesce a smettere di sbadigliare, senza più pubblico ad ascoltare i suoi comizi culinari, nonna Elvira ha già chiesto tre volte che ore sono, [..]Dov’è la zia?[..]l’unico a non mostrare cenni di stanchezza[..]Dov’è la zia?[..] è il piccolo, inesauribile, [..]Dov’è la zia???[..]Mattia.
C’è anche Don Massimo, il sacerdote, che regala a tutti la sua nenia soporifera di frasi giuste per l’occasione, ha un sorriso di plastica in faccia, sembra sia lui ad aver vinto qualcosa oggi.
Quell’atmosfera dilatata, immersa in una nebbia alcolica e sonnolenta, si dirada di colpo, risucchiata dalla luce brillante della giovane sposa che riappare raggiante nella sala del ricevimento e viene accolta da un grande applauso. Un velo di imbarazzo sugli occhi, le guance arrossate, il sorriso tenero di chi non è abituato a stare al centro dell’attenzione, va a sedersi al suo posto ma suo marito non c’è, si guarda attorno e lo trova sul palco, ha il microfono in mano e aspetta che l’applauso si plachi per fare, probabilmente, un discorso di circostanza.
La band smette di suonare, uno dei camerieri si avvicina allo sposo, gli bisbiglia qualcosa all’orecchio, qualcosa come “è tutto pronto”, poi scivola via, l’ombra discreta del perfetto servo di scena.
«Mi sentite?» dice lo sposo per controllare il funzionamento del microfono e dopo aver ricevuto conferma, fra gli schiamazzi divertiti da parte del pubblico, inizia a parlare.

«Grazie.. grazie a tutti.. vorrei dire due parole adesso.. [..]Bravó[..]
Vorrei.. iniziare.. ringraziando i miei suoceri.. che ci hanno offerto questa festa meravigliosa».
Un altro applauso si accende rivolto a una coppia di mezza età sorridente e visibilmente commossa.
«Grazie di cuore.. sono onorato di avervi conosciuti.. siete due persone splendide».
Gli invitati battono le mani ancora più forte [..]Che bravo ragazzo![..].
«Vorrei poi ringraziare tutti voi.. per essere testimoni di questo giorno così importante [..]Bravo!![..] così speciale..
un altro, doveroso, ringraziamento lo devo a una donna eccezionale [..]Che romantico![..] che mi ha insegnato.. cos’è.. l’amore..
a lei devo tutto.. grazie.. grazie mamma!».
Un attimo di esitazione e un altro applauso scroscia mentre una signora con un grazioso vestito giallo sfoggia un sorriso tirato, colmo di spietata soddisfazione.
«Ed è proprio lei che ha avuto l’idea per questa splendida sorpresa!».
Lo sposo scende dal palco e va a sedersi accanto a sua madre mentre un grande schermo telescopico cala dal soffitto, si fa buio in sala e un cerchio luminoso annuncia l’inizio di una proiezione [..]Ma cos’è?[..]Tu ne sapevi qualcosa?[..]No, niente anche io, credimi[..].
La prima immagine proiettata è una foto storica, i due sposini sorridenti poco tempo dopo essersi conosciuti, il loro primissimo “selfie”[..]Ohhhhh ma che meraviglia![..].
E poi in successione, immagini che raccontano il tempo che scorre, la loro storia d’amore scandita dagli attimi, preziosi, vissuti insieme: le vacanze, i compleanni,[..]Bella idea vero?[..] le foto di gruppo con le rispettive famiglie[..]Magnifica[..].
Il tutto è accompagnato dall’immancabile canzone strappalacrime che (guarda un po’) ha come tema: l’amore. Una scelta banale e alquanto insopportabile ma, si sa, al pubblico piacciono tanto le storie d’amore.
Ogni scatto produce reazioni commosse, risate, altri applausi di gioia. Anche la sposa sorride sorpresa e imbarazzata, evidentemente anche lei era all’oscuro di tutto.
Dopo l’ultima fotografia, quella in cui lei mostra con orgoglio l’anello di fidanzamento all’obiettivo, la proiezione cambia e si blocca su uno strano fermo immagine.
Non è una foto, no, direi di no, sembra più un video, un filmato. Che altro si sarà inventato adesso lo sposo romanticone?
Tutti guardano lo schermo e quello che ci vedono è l’interno di una stanza elegante, arredata con cura. Tutto è immobile, qualcuno inizia a chiedersi cosa voglia dire la vista di quella camera.
Poi ecco, sì, qualcosa succede, la porta sulla destra si apre e appare la sposa, col suo vestito bianco, dev’essere una ripresa fatta proprio oggi.
Nel video lei cammina per la stanza, per un attimo volge lo sguardo verso lo schermo ma non sembra accorgersi della telecamera, forse è stata nascosta.
C’è silenzio in platea, qualcuno ghigna nel buio [..]Ma cos’è, uno scherzo?[..] si fanno sempre dei grandi scherzi ai matrimoni in effetti.
Il filmato continua, la sposa sta fissando un mobile, una cassettiera, la scruta come se stesse cercando o decidendo qualcosa. Poi si porta le mani dietro la schiena, tira giù la lampo e il vestito cade a terra.
Centinaia di occhi si spalancano nell’oscurità [..]Ma che succede?[..] un alito d’incredulità si stende nella sala e spegne tutti i respiri in una sorta di apnea collettiva [..]Ci vedo bene? È.. è nuda?[..] Qualcuno fischia e non si capisce se sia una protesta o un apprezzamento.
La giovane sposa è effettivamente nuda, l’immagine delle sue morbide natiche, decorate da un malizioso tatuaggio floreale, diventa magnete per lo sguardo attonito di tutti, senza esclusione di genere. Poi si arrampica sulla cassettiera, si siede e spalanca le cosce verso la porta [..]Oh, mio, dio[..] mostrando il taglio roseo della sua fica ad amici e parenti [..]Vieni nonna, andiamo a fare una passeggiata[..].
Poco dopo qualcuno bussa alla porta, tre colpi secchi e ritmati «Avanti» dice lei e ogni invitato punta lo sguardo per vedere chi è che sta per entrare in quella stanza.
Quando la porta, lentamente, si apre, tutti smettono di respirare.
[..]Ehi ma..[..]Ma quello è..[..]Sì, è lui![..]Cazzo ma..[..]Quello..[..]È suo suocero![..].
La cugina del nord continua a ridere, probabilmente è l’unica che ancora non ha capito cosa sta succedendo. C’è del marcio, in questo matrimonio.
Il suocero della sposa, quel maschio silenzioso con la faccia selvaggia, quello che ogni invitata ha guardato, oggi, almeno una volta, bello e infernale come solo certi uomini sanno essere.
Entra nella stanza e si avvicina a sua nuora iniziando a spogliarsi[..]Dai Mattia, andiamo via adesso![..]
In sala qualcuno si alza indignato e inizia ad uscire, pochi in realtà perché la curiosità è molto più forte dell’orrore[..]No mamma, io voglio vedere la zia nuda![..]
I due sullo schermo stanno parlando, qualcuno tra gli invitati chiede addirittura di fare silenzio per riuscire a capire cosa si dicono, poi lui si inginocchia e infila la testa fra le cosce di sua nuora. Un “ohhhhhh” risuona nella sala[..]Ma tu guarda che porco![..]dicono le donne, [..]Hai capito la sposina?[..]sghignazza qualche uomo.
Don Massimo, nascosto in un angolo, sembra essere caduto dentro se stesso, improvvisamente schiaffeggiato da una realtà che è ben diversa da quella osannata stamattina, durante la messa.
Quel porco fortunato ora si rialza in piedi, si avventa sul collo della sposa, la morde, lei freme e frigna coma una ragazzina, gli abbassa i pantaloni e le mutande e lascia saltare fuori qualcosa di duro, pulsante, imperioso[..]Però![..]
Mio dice lei, mio mio mio, sembra improvvisamente ridicola mentre avvolge la mano intorno al cazzo di suo suocero e inizia ad accarezzarlo; il modo in cui lo fa, il modo in cui fa scorrere le dita sul palo possente di quell’uomo, il modo in cui gli sfiora la cappella gonfia, facendolo sussultare, lo addomestica! Forse solo lei ci è davvero riuscita. Una splendida donna che eccita il suo uomo toccandogli dolcemente il cazzo, sarebbe il più erotico dei film pornografici ma fra i tavoli c’è chi non può fare a meno di ridere. Che strana cosa la vertigine dell’imbarazzo, meglio nascondersi dietro alla faccia rassicurante della pubblica morale, piuttosto che ammettere che quella roba lassù è terribilmente eccitante, forse proprio perché è così sbagliata.
Ecco che lui si avvicina adesso, l’attore inconsapevole, la guarda dritta negli occhi, le afferra forte i fianchi e inizia a scoparsela con rabbia, davanti alle maschere deformate dallo stupore del pubblico non pagante. I loro gemiti rimbombano dall’amplificazione della sala, così forti, così intensi; qualcuno si copre gli occhi con le mani, altri hanno ancora la bocca spalancata.
Neanche il più assurdo dei registi teatrali avrebbe mai potuto ideare uno spettacolo simile, cento facce accese nel buio come fiaccole di un cimitero, si voltano improvvisamente in un solo respiro perché adesso, il protagonista, sta entrando nella sala del ricevimento.
Il suo tempismo è crudele, il suo passo pesante. Si guarda attorno e capisce, in un istante, che la sua vita si sta disintegrando.
Guarda il video e vede sua nuora con le cosce oscenamente spalancate, geme forte, i seni che ballano ritmicamente dettati dalla cavalcata selvaggia dell’uomo che è fra le sue gambe. È strano, rivedersi in un momento di tale clandestina intimità, ci si sente improvvisamente sporchi, violati. Vittima e colpevole. Lei geme così forte, geme per lui, gode di lui. Fatela tacere, fatela smettere vi prego, quella voce è mia, è solo mia. Volge gli occhi verso sua moglie e suo figlio e li trova inspiegabilmente calmi, come statue funebri, un sorriso sottile taglia i loro volti di pietra.
L’umiliazione pubblica, è evidentemente un giusto prezzo per chi ha sete di vendetta.
Poi si volta e continua a cercare disperato nel buio, la gola gli fa male come se lo stessero strangolando, dove sei? Dove sei?
Quando poi la trova si sente improvvisamente sbiadire, come se la tela del suo vecchio quadro stesse marcendo.
La sposa è al suo tavolo, completamente sola. Sta piangendo. Che piangere non è la parola adatta a descrivere quello che le sta succedendo; la vita le sta semplicemente scorrendo via dagli occhi come una fontana silenziosa, il viso annerito dal trucco, bellissima anche adesso, senza fare un singhiozzo, senza emettere un suono. Disonorata e marchiata, come una madonna sofferente o come la peggiore delle puttane. Si guardano adesso i due amanti in un tempo improvvisamente vuoto e il loro mondo nascosto diventa una città fantasma.
L’uomo selvaggio pare ora solo un povero vecchio, inghiottito dall’oscurità, fa quasi impressione. Ripensa a quando l’ha vista la prima volta a casa sua, a quando suo figlio le ha presentato quella ragazza dal sorriso incendiario, ricorda le fiamme che ha sentito divamparsi nel petto quella sera e ora, il suo cuore, è cenere che si sbriciola. Improvvisamente evapora, nel vento freddo dei ricordi. La sua memoria gli propone, in rapida successione, una pioggia battente di immagini che raccontano un’altra storia, qualcosa che nessuno avrebbe mai dovuto sapere. Un segreto che adesso si è fatto temporale, e bagna la faccia di tutti. Ricorda quella macchina nascosta dai cespugli, “che ci facciamo noi due qui?” e poi quell’attrazione, folle e insensata che li porta a stringersi in un abbraccio che diventa un bacio. La costruzione, lenta e inevitabile, di un mondo invisibile fatto di sguardi, codici segreti, appuntamenti impossibili. Sentirsi diversi eppure finalmente se stessi, uscire fuori da quel vecchio quadro per tornare a far parte di un piccolo disegno colorato e impazzito, lo scarabocchio ribelle di un ragazzino. Eppure lo sapeva, lo ha sempre saputo che qualcuno sarebbe arrivato a chiedergli conto di tutta quella folle, insensata, abbuffata di felicità. Divorare tutto e tutti in nome di qualcosa che non può, non essere bello. I pixel della memoria ricompongono ogni angolo della casa in cui hanno consumato il loro amore proibito, rivede quella notte incosciente in cui gli altri dormivano nelle loro stanze e loro due, ombre di pirati, nascosti in cucina a duellare di passione, la rosa tatuata che si dimena sotto i suoi colpi di bacino, lei che si volta con il viso acceso dal piacere e in quello sguardo spegne qualsiasi paura. Le passeggiate al parco durante la pausa pranzo, il cinema di mattina quando fanno solo film orrendi e riderne lo stesso, ridere insieme, ridere di tutto. E non importa se il film è orrendo, sentirla che si muove, che scivola fra le tue gambe, ti slaccia i pantaloni e inizia a leccarti come una pazza fra le poltrone deserte della sala. Correre restando fermi, vivere in questo mondo e respirarne un altro fino a quel giorno in cui, lei, dice qualcosa. Qualcosa che..
Lei dice qualcosa che..
Quel giorno lei dice mi sposo.
Lo dice così..
Mi sposo e lo faccio solo per..
solo per starti accanto.
Pazza.
Sei una pazza, piccola mia.
E in questo mare nero stai annegando..
Dammi la mano, piccola mia.
Ti porto via, da qui.
Occhi negli occhi adesso, fiammelle in mezzo alla bufera.
E poi..
«Voglio un figlio tuo!».
Neanche il più spietato dei registi avrebbe pensato anche a questo. Tutti si voltano, di nuovo [..]Chi ha parlato?[..]Che ha detto?[..]Ho sentito bene?[..]Che cazzo ha detto???[..]
«Ti prego – dice lei in quel filmato incredibile – ti prego, lo voglio, ne abbiamo parlato tante volte e oggi (oggi) è il giorno perfetto!».
Suo suocero ferma la cavalcata rabbiosa, le guarda gli occhi brillanti e pensa che nessuna donna lo ha mai guardato così. Pazza, donna, meravigliosa.
Riprende a muoversi dentro di lei con una nuova emozione nel cuore finché geme, «Dentro», dice lei «Dentro.. dentro.. vienimi dentro», incrocia i tacchi dietro la sua schiena e se lo stringe fra le cosce, lo abbraccia forte «Dentro..» e lui, con un colpo decisivo, le dà quello che vuole. Gli invitati hanno bocche spalancate e cuori palpitanti. Volevano un colpo di scena, hanno avuto un colpo di grazia. C’è un idiota che sta addirittura applaudendo.
Con amletica intuizione, lo sposo e sua madre, hanno affidato a una messa in scena il compito di scatenare l’apocalissi e distruggere ogni cosa, per urlare a tutti la verità.
“Verità” è una delle parole più spaventose che esistano.
Chissà da quanto tempo lo sanno, chissà quanto gli è costato organizzare tutto questo, chissà, com’è, che si arriva a “tutto questo”.
La sposa, quella sullo schermo, adesso piange, piange di gioia e ride anche, ride e piange come solo una donna felice e innamorata riesce a fare.
Ma anche un amore così intenso, quell’amore tanto celebrato e santificato, improvvisamente non basta più. Per gli occhi affilati nell’oscurità, quello che è appena successo è inconcepibile, innaturale, immorale.
Chissà cos’è allora il vero amore.
Essere o non essere, amare o non amare, è sempre questo il dilemma.
Forse se lo chiede anche lei: l’altra sposa, quella in sala, anche lei piange ma in un modo evidentemente e completamente diverso. Lei e il suo amante sono stati appena giustiziati dalla folla indignata di amici e parenti, improvvisamente trasformata in giudice e plotone d’esecuzione.
È proprio come un condannato lui, che stupisce tutti col gesto meccanico di sfilare un pacchetto dalle tasche, estrarre una sigaretta, portarla alla bocca e accenderla, illuminando per un istante il suo volto scavato. Qualcuno giura di averlo visto, in quell’istante, il povero vecchio, aveva certi occhi, certi occhi spenti che brillavano, umidi, nell’oscurità.

[..]Via, andiamo via da qui.
Che questa è una commedia dei pazzi.
Aria, ho bisogno d’aria, pulita.
Che non sono affari miei questi qui.
Io non c’entro niente[..]

Il sole, lassù, si è fatto rosso d’imbarazzo, un cielo inquieto accompagna l’uscita silenziosa degli invitati che sembrano adesso spettri, nei loro abiti eleganti, nessuno sa bene cosa dire, cosa fare ma tutti hanno negli occhi una storia, che non vedono l’ora di raccontare.

«Ciao!».
«Ciao..».
«Vai via?».
«Sì.. si è fatto tardi..».
«Ti accompagno alla macchina, ti va?».
«Va bene..».
«Ti ho vista oggi alla festa».
«Ah sì?».
«Beh, hai.. un bellissimo vestito».
«Grazie».
«E sei anche molto carina».
«Anche io ti ho visto».
«Davvero???».
«Uno che viene a un matrimonio con le scarpe da ginnastica, come fai a non notarlo!».
«Sportivo ed elegante, no?».
«Originale.. sicuramente originale..».
«Sei un’amica della sposa?».
«Sì..».
«Strana giornata oggi eh?».
«Decisamente».
«Ma tu lo sapevi? Di lei.. del suocero..».
«Lo sospettavo..».
«Sembrava di stare in un film!».
«O in un racconto erotico».
«In che senso?».
«Nel senso che.. sarebbe una trama perfetta per un racconto erotico».
«Tu leggi racconti erotici?».
«No.. li scrivo».
«Mi prendi in giro?».
«Assolutamente no.. lo vedo bene un racconto su questa giornata.. ma lo scriverei in modo strano.. un po’ teatro.. un po’ cinema.. con le voci degli invitati che risuonano in un coro.. come un’opera lirica!».
«Non credo di aver capito..».
«Non fa niente, tranquillo».
«Aspetta.. ti apro lo sportello..».
«Grazie».
«Il tuo nome.. me lo dici?».
«pink_».
«Come scusa?».
«pink_ tutto minuscolo e con l’underscore subito dopo».
«Anderscor..».
«Underscore.. il trattino basso, hai presente?».
«Sarebbe il tuo nome?».
«No.. ma almeno adesso puoi leggere i miei racconti.. cercami!».
«...».
«Ora devo proprio andare, ciao».
«...».
«...».
«Ciao..».



FINE

Questo racconto di è stato letto 6 5 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone