La mia serata con Willy

Scritto da , il 2019-06-10, genere gay

Non sono una verginella, nel senso che ho avuto diversi rapporti con uomini, in genere più grandi di me, ma erano almeno dieci anni che non ne avevo. È vero, di tanto in tanto frequento siti crossdresser e poi mi chiudo in bagno sognando qualche maschio grassoccio e peloso. E sì, le mie fantasie vanno in quel senso, anche se disdegno bei ragazzi muscolosi.
Da circa un anno abito in una foresteria per lavoro, e questo vuol dire non avere vicini fissi, ma gente che viene e che va. Il mese scorso mia moglie era andata in montagna con le sue amiche per una vacanza di una settimana. Alle otto di sera sento suonare il campanello, ed era Willy, il mio nuovo vicino da circa una settimana. Willy ha capelli lunghi, baffi e pizzetto appena imbiancato, ma sopratutto un fisico atletico che mi ha subito indotto a guardarlo con lascivia. Mi dice che ha ordinato una pizza ma che è passata più di un'ora e non si è visto nessuno. Ha fame e l'indomani dovrebbe tornare in Scozia. Io gli dico che sto facendo gli spaghetti al pesto e che posso mettere un pò di pasta in più. Lui mi guarda un pò perplesso ma alla fine accetta. Consumiamo la nostra cena e lui mi racconta del suo lavoro mentre si lecca i baffi. Fa riparazioni ai sistemi elettronici delle navi ed è un gran bevitore. Alla fine del pasto mi chiede un whisky, ma tutto quello che posso offrirgli è un mirto di Sardegna che mi hanno regalato ma che non ho mai usato. Dopo un pò ci mettiamo sul divano ed entriamo un pò più in confidenza. Così dopo qualche bicchiere gli confido che mi piace vestirmi da donna. Lui strabuzza gli occhi poi sorride e insiste per vedermi in reggicalze. Io mi faccio un pò pregare ma l'idea comincia ad eccitarmi. Mi chiudo in bagno e dopo più di mezz'ora esco completamente trasformata. Tutta in nero, autoreggenti, mutandine e vestito attillato. Un trucco leggero fatto in fretta, ma con rimmel, matita nera agli occhi e un rossetto brillante. Io tremo un poco, ma lui mi abbraccia e mi invita a ballare. Allora mettiamo un pò di musica soffusa e sorridendo balliamo un lento coinvolgente. Lui comincia a palpeggiarmi le chiappe, io lo guardo e sorridiamo. Lui mi dice che sono bella, allora avvicino le mie labbra alle sue e iniziamo a baciarci, prima dolcemente, poi sempre più avvinghiati, con le nostre lingue che si avvolgono. Con la mano scendo a toccargli il cazzo e sento che è già bello duro. Lo spingo sul divano e gli sfilo la camicia. Ormai sento che è mio e che anche lui lo vuole. Gli mordicchio i capezzoli mentre con la mano sinistra continuo a strofinargli il cazzo sopra i pantaloni. Poi con la bocca scendo fino all'ombelico leccando quel torace peloso. Poi gli apro i pantaloni e glieli sfilo, poi mi stendo con la guancia sopra il suo inguine e gli annuso il cazzo. Lentamente gli sfilo le mutandine e l'oggetto dei miei desideri si palesa a me. Glielo meno dolcemente e lo assaggio con la punta della lingua. Lui allora mi fa alzare e mi chiede se sono sicura di volerlo fare.
"Certo che sono sicura! Io voglio questo cazzo!"
Inizio un pompino lento, solleticandogli le palle e leccandogli la cappella. Lui allora mi afferra la testa e comincia a muovere il bacino dettandomi il tempo. Le mie labbra vanno su e giù lungo l'asta e a volte lo prendo fino in gola, arrivando con le labbra sui suoi peli. Andiamo avanti per un pò così, ma lui pur gemendo di piacere sembra resistere. Allora gli sputo sulla cappella e aumento il ritmo. Lui butta la testa all'indietro e comincia a gemere più freneticamente, finché con un urlo contenuto mi esplode in bocca tutta la sua libidine. Io faccio fatica a contenere la sua sborra e un pò la devo risputare, ma quando lui si distende esausto sul divano mi chino a leccare ogni goccia sulla sua cappella. Poi rimaniamo così per circa venti minuti e lui mi chiede un altro bicchiere di mirto. Nel frattempo io torno in bagno a sciacquarmi la bocca e rifarmi il trucco. Quando torno in salotto lui dice che non credeva che mi piacesse il cazzo e che fossi così brava a succhiarlo. Io lo carezzo e gli dico è uno siocchino se pensa che è finita lì.
"Cos'altro vuoi ancora?"
Io gli sfilo anche i calzini, lasciandolo completamente nudo, poi lo prendo per mano e lo porto in camera da letto. Lui mi guarda perplesso allora io gli dico che voglio che mi sbatta bene e a lungo sul letto di mia moglie.
"Sei proprio un gran puttana!"
"Sì." Gli dico mentre lo bacio e lo spingo sul letto.
"Dimmelo ancora. Anzi, dimmelo tante volte."
Mi tolgo il vestitino e le mutandine e mi stendo accanto a lui, baciandogli il torace peloso e carezzandogli il cazzo. Poi glielo prendo in bocca e lui con la mano cerca il mio culo. Io mi avvicino mettendomi alla sua portata. Così dopo un pò sento un suo dito nel culo e inizio a gemere anch'io.
"Troia, lo hai lubrificato."
Io rispondo di sì con la testa perché ho il suo cazzo in bocca. Poi le dita nel culo diventano due, e spingono sempre più dentro. Il suo cazzo è duro a puntino e io mi stendo sopra di lui. Lo bacio sulla bocca e voglio essere ancora più troia, allora mi avvicino al suo orecchio e gli sussurro che muoio dalla voglia di sentire il suo cazzo dentro di me. Il suo cazzo ha un sussulto, allora lo afferro e lo punto dritto sul mio buchetto, poi piano piano mi lascio andare indietro. Willy dà qualche colpo di bacino ed è tutto dentro di me. Per un pò mi brucia, però poi comincia a piacermi, allora mi viene voglia di dire cose che lo arrapino ancora di più.
"Che bel cazzo che hai Willy. Sfondami tutta."
Lui mi afferra per i fianchi e comincia a sbattermi. Non so per quanto siamo andati avanti, ma mi piaceva. Oh sì, che mi piaceva. In un rantolo generale lui mi fa girare e mi mette alla pecorina, poi viene sopra di me e inizia a stantuffarmi chiamandomi puttana e sbattendo le sue palle contro le mie chiappe. Io sono venuta mentre lui continuava spingere nel mio culo il suo cazzo duro, poi mi ha afferrata per le spalle tirandomi a sè ed ho sentito la sua cappella gonfiarsi ed esplodere dentro di me.
Siamo rimasti distesi esausti per circa mezzora, mentre io continuavo a carezzargli le palle e il cazzo. Poi Willy si è rivestito e ha fatto per andarsene. Io allora, tutta nuda, gli sono andata incontro e l'ho baciato.
"Ti è piaciuto Willy?"
"È questo che mi lascia perplesso, mi è piaciuto un casino."
"Sono contenta, ma non ti preoccupare. Se dovessi tornare posso sempre venire io da te."
Ci siamo baciati appassionatamente e poi non l'ho più rivisto.

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone