Elena e Pietro - Cap. 5 - La festa - prima parte

Scritto da , il 2019-06-09, genere orge

Quando scesero dopo neanche un quarto d'ora, gli uomini rimasero impressionati per come si erano trasformate. Marilena era completamente in nero, con guepiere, perizoma, autoreggenti a rete larga e stivali a mezza coscia. Sabrina aveva una camicetta rosso allacciata in vita, mini vertiginosa viola e sandali alla schiava. Elena infine indossava un bustino verde, mini in voilant nera, calze a rete stretta gialle e sandali neri con zeppe e tacchi a spillo altissimi.
Mentre s'avvicinavano alla vetrata, Elena prese un frustino, che insieme ad altri giochi, Sabrina aveva sistemato su di una paio di tavolini.
"Vi va bene se il primo giro lo conduco io ?" chiese rivolgendosi alle sue amiche.
"Certo." le rispose Sabrina "Però il prossimo è mio."
"D'accordo. Marilena tu mettiti sul divano, voglio far esplodere i cazzi a quei quattro."
Come Marilena si accomodò, Sabrina si tolse la camicetta e le diede i suoi seni da leccare, mentre Elena le colpiva blandamente le chiappe col frustino. Elena aveva in mente di sottomettere Marilena, per poi farla sfondare da Luka, anche se sapeva benissimo che l'amica non voleva altro.
"Marilena scendi dal divano e fai vedere il tuo culo largo ai nostri maschioni." disse Elena "E tu Sabrina inizia a bagnargli quel cratere che ha al posto del buco, mentre la troia mi lecca."
Le due donne eseguirono immediatamente l'ordine di Elena, mentre questa si sedeva sullo schienale del divano con le gambe ben aperte, sollevando la mini e mostrando a tutti la sua passera perfettamente depilata.
"Leccami la fica troia !" intimò Elena a Marilena "E vedi di farmi godere o ti faccio il culo a strisce."
Marilena aprì le grandi labbra della sua occasionale padrona, che nel frattempo aveva scoperto il seno e si toccava con fare molto provocante, trovandola già ben bagnata, quindi iniziò a succhiarle il clito e passare la lingua su tutto lo spacco della fica,.
Sabrina, dopo aver abbondantemente bagnato il buchetto di Marilena con la sua saliva, stava iniziando a penetrarlo con un numero sempre crescente di dita, sorridendo all'indirizzo degli uomini, che le guardavano sempre più arrapati.
"Scommetto che non vedi l'ora di fartelo mettere nel culo da Luka, vero puttana ?" disse Elena rivolgendosi a chi aveva in mezzo alle gambe "Stai tranquilla, l'avrai per prima, ma prima te lo apriremo tanto noi che il suo cazzone lo sentirai appena, dai Sabrina prendi un bel dildo che la spacchiamo questa troia."
Sabrina scelse con cura il dildo da usare, prendendo alla fine uno in plexi fatto a doppio plug, con un dimetro centrale davvero notevole. Elena tenne la testa di Marilena stretta fra le sue gambe mentre Sabrina sodomizzava la più porca di tutte, sapendo bene quanto la padrona di casa fosse ben allenata a forza d'inculare quell'inetto dell'ex marito.
Marilena da parte sua, godeva nel sapere che gli uomini la stavano guardando e godeva di ciò, non aspettando altro che d'esser posseduta dal più dotato di loro.
Elena ad un certo punto allontanò da se Marilena, e si diresse verso un tavolino dove prese un grosso fallo, simulacro perfetto di un grosso membro maschile, dotato di manico. Baciandone languidamente la punta si diresse verso le altre due donne, per poi inginocchiarsi vicino a Sabrina, e subito dopo, infilare violentemente il fallo nella fica di Marilena. Questa urlò per il dolore, tanto era stata brutale, pregandola di far piano ma, per tutta risposta, ebbe un'altra penetrazione, non meno violenta della prima.
"Taci cagna, tanto lo so che stai godendo, non è vero Sabrina ?" disse la donna baciando la sua vicina.
Sabrina ed Elena continuarono a slinguarsi in bocca mentre fottevano senza sosta Marilena in entrambi i buchi, fermandosi solo quando la sentirono ormai prossima all'orgasmo. Allora Elena prese un plug dotato di coda e lo infilò senza troppi preamboli nel culo di Marilena, sedendosi poi sulla sua schiena, e facendo aprire la vetrata a Sabrina.
"Allora bei maschioni, questa puttana vuole subito il cazzo di Luka nel culo, credo che nessuno di voi avrà obbiezioni in merito, non è vero ?"
Per tutta risposta Pietro e Giorgio andarono vicino a Sabrina mettendo i propri membri vicino al suo volto, Maurizio sollevò in braccio Elena per portarla su una poltrona li vicina, e Luka tirò a se Marilena per i capelli.
"Hai un minuto per bagnarlo come si deve, perchè poi t'inculo come non ho mai fatto con nessuna !" intimò il ragazzo alla donna spingendole il cazzo in bocca.
Giorgio e Pietro invece non ebbero bisogno di dire alcuna parola, Sabrina infatti iniziò a succhiare e menare entrambi i cazzi, mentre i due fingevano di parlare fra loro come se nulla fosse.
Elena si ritrovò sdraiata in poltrona con Maurizio che le leccava la fica, penetrandola dolcemente con un dito, di tutti i presenti sembravano i più 'normali', senza alcuna voglia di sesso selvaggio. Ben presto però Elena vedendo le altre due non seppe più resistere, e chiese a Maurizio il perchè non la scopasse.
"Avrai il mio cazzo quando lo vorrò io." rispose seccamente il ragazzo.
Nel frattempo Luka aveva messo Marilena a pecora, e tenendola per i capelli e l'aveva inculata tanto violentemente da toglierle il fiato.
"Pensa a quel gran cornuto di tuo marito." le disse Luka tirandole la testa indietro "Magari ti crede una santa mentre sei solo un culo da sfondare."
Quando la donna si riprese dal dolore iniziale cominciò subito a godere, pensando anche a quanto fossero esatte le parole del suo stallone, e lo incitò ad andare sempre più forte.
"Sii sfondami bastardo ! E' vero mi piace il tuo cazzone come a te il mio culo. Dimmi a quante puoi fare questo senza che svengano ? Allora sbattimi e fallo come si deve !"
Luka rimase colpito da quello che aveva sentito, in effetti nessuna gli aveva mai permesso tanta irruenza, e diede quindi sfogo ai suoi peggiori istinti primordiali, trattando Marilena come una bambola inanimata, inculandola senza darle mai alcun respiro, ed obbligandola a masturbarsi senza sosta.
Sabrina dopo aver fatto diventare ben duri i membri dei due uomini, aveva fatto sedere il marito per poi impalarsi su di lui, ma un cazzo solo sembrava non bastarle.
"Dai Pietro, mettimelo dentro anche tu !" disse la donna allargandosi al massimo la passera.
"Ti vuoi allenare per il cazzo di Luka vero ?" le rispose Pietro.
"Voi due insieme ce l'avete più grosso del suo, peccato non così lungo." replicò Sabrina con un sorriso beffardo.
Giorgio tirò fuori il suo bastone, lasciando dentro solo la cappella, per permettere all'amico di entrare anche lui nella fica della moglie. Pietro ebbe qualche difficoltà visto che entrambi erano molto dotati, ma una volta che la cappella fu entrata, riuscì a spingere anche il resto.
"Così vi voglio così !" urlò Sabrina in preda la piacere "Ora scopatemi come due ossessi, voglio godere come una vacca !"
Elena guardava le sue amiche con una certa invidia, soprattutto Sabrina, ma Maurizio non faceva che leccarle la fica, così tornò alla carica col ragazzo, ma usando altre armi. "Maurizio ti prego scopami ! Dammi il tuo cazzo o dimmi cosa devo fare per averlo !" "Chiedimelo per piacere."
"La prego Signor Maurizio, vorrebbe gentilmente mettermi il suo bel cazzo dentro la fica e
scoparmi come desidero ?"
"Si !"
Elena era tanto bagnata che il randello le entrò del tutto dentro al primo affondo, facendole avere immediatamente l'orgasmo tanto agognato. Maurizio però non le diede neanche un attimo per riprendersi, e cominciò a scoparla con foga, mentre lei lo stringeva a se con le gambe. Ogni volta che lui accelerava, le gli faceva sentire delicatamente le unghie sulla schiena, sino a quando non capì che Maurizio stava per venire. Allora gli prese la testa fra le mani e lo baciò con passione, come a ringraziarlo del piacere che le aveva saputo dare. Il ragazzo la ripagò riempiendola col suo sperma caldo mentre la stringeva a se, pi s'inginocchio di nuovo fra le sue gambe, e con la lingua raccolse un po' di quel bianco piacere per portarlo alla bocca di lei. I due iniziarono a baciarsi languidamente, come se si fossero dimenticati di non esser soli in quella stanza. Elena ogni tanto si portava due dita fra le gambe per raccogliere lo sperma e leccarlo poi col ragazzo.
Si separarono giusto in tempo per vedere Luka schizzare il proprio orgasmo sul volto di Marilena, mentre gli altri tre erano comodamente seduti su di un divano. Quella che veniva considerata la più porcella delle donne aveva la faccia sconvolta, ma il sorriso che celava a stento era il più chiaro dei segnali che aveva goduto, l'esser trattata male era ormai per lei una sorta di droga, e Luka l'aveva usata proprio come piaceva a lei.

Questo racconto di è stato letto 1 7 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porboracconti di guzzonstorie erracconti eroticviracconti incesto ziaracconti di cazziracconti donne sposatestorie pornpstorie zozzeraccontineroticiracconti genero suoceragiocare con la sexy sorellastraracconti gaurracconti eroticibrevi racconti eroticistorie di culoracconti incrstigeneri eroticiraccontii eroticiracconti di milracconti cukoldracconti incesto mammaracconti eroticheracconti incesto gayracconti hard cuckoldsorie pornoraccont 69storie e racconti eroticiannunci racconti 69storie sesso gratisracconti amatoriali gratisfidanzata esibizionistastorie erotic eracconti erotici69rocconti eroticisesso sadomoglie esibizionista raccontimaritoguardoneracconti erotici gratuitibiancaneve eroticoincesto storie vereracconti crossdressingmia sorella raccontiracconti erotiviraccomti eroticiracconti hard 69racconto erotico moglieracconti erotici iomiluracconti hard suoceraracconti di tetteracconti erotici 1945acconti eroticiracconti erotici estetistaracconti incesto veriracconti d incestiamatoriali raccontiraccontierotistorie erotiche incestiracconti erotici trasgressivia69 racconti eroticiraconti erotici 69racconti moglie condivisaracconti pororaccnti pornositi racconti pornoracconti porno di casalingheracconti porno piediracconti sesso gayracconti erotici universitaho inculato mia cognataracconti coppiaerotici racconti incestoerotici raccontorqcconti eroticiracconti erotici.stotie pornoracconti erotici di zoofiliaracconti erotici matrimonioracc miluracconti incesiracconti erotici padre figliaracconti erotici genereracconti erotici zoofiliastorie vere di sessoracconti erotickprima esperienza con transcuckold sottomessisculacciate storiestorie donne matureil mio primo bocchinoano dilatatozia porconaracconti erotici donne incintevideo racconti gayracconti eccitantiblog racconti pornoracconti eroriciracconti erotici di milu