L'Apparenza Inganna Capitolo 6

Scritto da , il 2019-06-07, genere tradimenti

Cari lettori, innanzitutto devo chiedervi scusa perchè, mi rendo conto, lo scorso capitolo la nostra storia ha virato verso una direzione piuttosto sentimentale. Ma era obbligatorio, per controbilanciare i poteri ammaliativi della Sirena, trovare qualcosa di più forte ed intenso del semplice senso di colpa. Anche se in realta stiamo per vedere come la situazione sia ancora lungi dal trovare una soluzione.
Dopo quella magnifica unione d'amore avvenuta ai piedi del Castello Sforza, Roberto e Federica dormirono insieme a casa di lui. E se durante il rapporto sessuale le loro anime sembravano aver ritrovato la sintonia perfetta, lo stesso non si poteva dire una volta che i due spensero le luci e si diedero la buonanotte. Difatti, Federica non aveva assolutamente dipanato i suoi dubbi, anzi. Il modo in cui lui l'aveva venerata tutta la sera le faceva aumentare il sospetto che l'uomo avesse veramente qualcosa di cui farsi perdonare. Roberto, invece non chiuse occhio tutta la notte. Questa situazione lo aveva veramente messo a nudo per quello che era: un uomo pavido, debole, incapace di imporre i suoi sentimenti e di scegliere pienamente. Mentre i loro corpi si fondevano, Roberto giurò a se stesso di amare Federica, ma nel turbinio di pensieri che l'oscurità porta in dono sotto le lenzuola, la sua sicurezza venne a scemare. Questa volta i sensi di colpa erano verso Eleonora, alla quale aveva spergiurato di volere soltanto lei e che avrebbe lasciato per sempre Federica. Tutta la debolezza di questo uomo pavido e debole stava venendo prepotentemente fuori.
La notte trascorse insonne e al mattino i due si prepararono per andare al lavoro, ostentando tenerezza ma tenendo in serbo per loro i rispettivi turbamenti. Quando si separarono, Federica strappò a Roberto la promessa di vedersi nuovamente per cena e lui, ovviamente, acconsentì.
La ragazza si fece accompagnare a casa, dove prese la sua macchina per andare al lavoro. Durante il viaggio ripensò alla serata, al ballo, il sesso con Roberto. Così passionale, così ricco di sentimento ed emozione. L'ombra del tradimento era sempre presente nella sua mente anzi, la sicurezza del tradimento. Una parte di lei avrebbe voluto prendere Roberto ed evirarlo con un coltello da cucina, una voce nel suo profondo le consigliava di muoversi con cautela questa volta. Aveva sempre agito d'impulso nella sua vita, ma questa volta no. Sapeva benissimo che dall'altra parte c'era un'avversaria temibile. Anzi, si potrebbe dire la più temibile delle avversarie: quelle che sorridono sempre. Eleonora era un serpente travestito da agnellino, ora l'aveva capito. Non le era mai stata particolarmente simpatica: quel suo atteggiamento sempre gentile, il modo forbito di parlare, il gusto nel vestire un pò retrò e, soprattutto, quel tic verbale di soprannominare tutte "Tesoro"! Aveva capito che la sua avversaria non era una che si poteva battere con l'impulso, ma che avrebbe dovuto giocare a suo modo. Se Eleonora era un serpente a sonagli, Federica avrebbe dovuto trasformarsi nella donnola. E tra tutti questi pensieri raggiunse il parcheggio della spa "Raggio di Luna." Entrò lentamente nel corridoio che portava alla segreteria e sentì distintamente la voce di Eleonora al telefono. Si appoggiò bene al muro per non farsi notare e si avvicinò allo stipite della porta. La segretaria stava parlando al telefono con qualcuno. "Forse con lui?" Pensò immediatamente Federica.

"Sto copiando tutto. Ma ricordati che non avrai nulla finchè non vedrò quella cosa! Me ne hai già parlato ieri sera. Lo so."

Mentre parlava, Eleonora smanettava con il mouse. Federica tirò un sospiro di sollievo, era chiaro che non parlava con Roberto. Intanto la voce di Eleonora divenne più dura.

"Sarò da te alle 15 in punto" e nel dirlo riattaccò. Federica entrò in quel momento.

"Buongiorno!"

Eleonora fu presa di soprassalto, mosse il mouse e chiuse una finestra. Nonostante la velocità, la cosa non sfuggì a Federica.

"Buongiorno, Tesoro! Dormito, bene?"
Eleonora si ributtò a digitare sul computer. Federica la squadrò di sottecchi. Indossava un vestitino blu notte molto semplice, intorno alla vita un cinturone con una grossa fibbia. Ai piedi portava un paio di zoccoletti in legno con una parte in pelle nera e i tacchetti piuttosto bassi.

"Molto bene, ieri sera mi sono data da fare, sai?" Federica si sforzò di osservare attentamente ogni minima reazione di Eleonora. Voleva provocarla. Ma la segretaria non si scompose per niente.

"Sul serio?" Disse distrattamente. "Ti sei divertita?"

Federica aspettava quel momento da tutta la notte. "Ci siamo divertiti!" Disse calcando la voce sul CI. Eleonora non si scompose.

"Sai, Ele, avevi ragione tu l'altro pomeriggio, riguardo a Roberto, intendo! Era solo un qualcosa di passeggero la sua crisi. Ieri me lo ha dimostrato. Non mi vergogno a dirlo che lo abbiamo fatto come non lo facevamo da mesi. Era possente, vigoroso, sensuale. Guarda, indimenticabile."

Il volto di Eleonora rimase impassibile, come una maschera di bronzo. Dentro di lei, invece, ribolliva il sangue, lo stomaco si rivoltava e i denti sembravano sul punto di digrignare. Sarebbe scoppiata a piangere a dirotto se solo avesse potuto. Ma mantenne la freddezza, sorrise gentilmente, com'era solita fare e disse: "Te l'avevo detto, Tesoro, di stare tranquilla. Gli uomini tornano sempre dalla loro donna."

Questa volta sembrava che fosse Eleonora a lanciare un messaggio.

"Anche se a volte possono smarrire la strada, quando sono innamorati reclamano la loro vera donna!" Calcò la voce sul "VERA". Federica capì benissimo quella frase. Il sottinteso era: TI FARO' LA GUERRA CON OGNI MEZZO." Avrebbe voluto sferrarle un pugno in quel naso largo da maiale che si ritrovava e prendere a calci quel culone mollo come un budino, ma si limitò a dire: "Vado a preparare la cabina, a dopo, Ele!"

"A dopo, Tesoro!" Era il secondo "Tesoro" nel giro di cinque minuti. Federica la mandò a fanculo nella sua mente. Mentre ripuliva la cabina massaggio, Federica ripensò alla telefonata di Eleonora e al suo smanettamento sul computer. Cosa stava combinando. Aveva detto di avere un appuntamento alle 15. Lei era sicura non si trattasse di Roberto il suo interlocutore, visto che durante la telefonata Eleonora accennò ad una conversazione avvenuta la sera precedente. Ma trattandosi di Eleonora avrebbe potuto aver sentito dei rumori dietro la porta e quindi aver detto quella frase per depistare. Magari era al telefono proprio con Roberto. Non c'era altra soluzione: alle 15 avrebbe dovuto seguirla. Chiamò Vittoria, la responsabile della spa, e l'avvisò che avrebbe dovuto assentarsi nel pomeriggio per una visita medica importante. Vittoria non le diede il permesso per l'intero pomeriggio, in quanto l'agenda della ragazza era piena di appuntamenti, ma le concesse due ore.Si disse a se stessa che le sarebbero bastate. Aspettò le 15 e uscì, seguendo Eleonora. La segretaria salì in macchina, una Lancia Y nera; Federica iniziò il pedinamento mantenendosi a due macchine di distanza da lei. "Adesso vediamo dove te ne vai, culona del cazzo". E' giusto ricordare al lettore che Eleonora non era una balena come la giudicava Federica, solo una ragazza normale un pò forte di sedere e di fianchi. Ma , ovviamente, dal punto di vista di Federica, allenata e senza un filo di grasso, il fisico di Eleonora era considerato "fuori forma" e, sicuramente, poco attraente.

La macchina si fermò in una bella zona della città. Federica scese dalla sua e seguì a piedi Eleonora, che giunse ad un piccolo palazzo con pochi interni. Notò che suonò il primo campanello dall'alto della fila sinistra. Dopo che Eleonora entrò, aspettò qualche minuto e si avvicinò ai campanelli del citofono. Sulla targhetta dell'interno suonato da Eleonora c'era scritto: "F. Urbain / M. Vitali". Federica si sforzò di ricordare. Il cognome Urbain lo aveva già sentito. F. Urbain. D'un tratto si ricordò della sua chiacchierata con Alessandro, l'ex di Eleonora, che le raccontò che quest'ultima aveva avuto una relazione con un misterioso "Francois". Sia Francois che Urbain erano nomi francesi e, incidentalmente, la lettera che precedeva il cognome Urbain era la F. Francois Urbain? Si sarebbe sforzata di ricordarlo in seguito, al momento voleva vederci più chiaro, così, suonò un campanello a caso e, alla voce che chiedeva di identificarsi, rispose di essere la postina. L'interno di Urbain era il numero più alto, quindi era all'ultimo piano. Prese le scale per non fare troppo rumore e, quando arrivò al piano stabilito, accostò lentamente l'orecchio alla porta. Sentì la voce di un uomo, poteva essere di cinquant'anni, che piagnucolava.

"Scusami ancora, non volevo disturbarti ma avevo bisogno di vederti!"

La voce che rispose alle scuse era sicuramente quella di Eleonora. Era fredda e innervosita.

"Che cosa avevamo stabilito? Avevamo detto che questa storia non avrebbe avuto un seguito, perchè continui a rompermi le palle?"

"Mi mancavi troppo. Non sopporto l'idea che un altro uomo ti tocchi. Mi spezza il cuore."

"Ma io non sono la tua donna. Abbiamo avuto una semplice relazione, niente di più. Poi tu mi hai fatto quella proposta ed io ho accettato, ma se continui a fare il cretino in questo modo rischi di rovinare tutto. Se tua moglie dovesse scoprire qualcosa salterebbe ogni cosa. Lo capisci o no?"

Federica era incuriosita come non mai. Di cosa stavano parlando?

"Perdonami, Ele. Ti prego. Ti giuro che questa è l'ultima volta."

"Ho detto di no!"

L'uomo iniziò a piangere in modo patetico.

"Ti prego, ne ho bisogno! Un'ultima volta e poi basta! Ho accettato che tu vuoi un altro uomo, ma ti prego, fallo come regalo d'addio."

Federica sentì Eleonora sbuffare.

"D'accordo, ma dieci minuti, perchè poi ho altro da fare!"

Quello che Federica non poteva vedere, lo possiamo vedere noi. L'uomo, un cinquantenne dall'aspetto ben curato, biondo e abbronzato, era in ginocchio ai piedi di Eleonora, la quale, con le gambe accavallate, guarda distrattamente dalla parte opposta. Lui le tolse lo zoccoletto dal piede destro.

"Questi piedini, così ben curati, piccoli e torniti. Mi fanno impazzire"

Eleonora sbuffò. Quello stupido gioco non la divertiva più. Ma lui, in preda all'eccitazione del feticismo, iniziò prima a baciare, poi a leccare ed infine succhiare i piedi della ragazza. Lei glieli toglieva lentamente dalla bocca e li usava per schiaffeggiarlo con delicatezza. Lui si masturbava.

"Amo quegli anellini alle dita...e quella cavigliera." Disse leccando l'altro piede. Lei gli appoggiò il piede sulla testa e lo schiacciò a terra.

"Ti piace quando ti tratto per quello che sei? Un inutile verme!" Disse lei freddamente. Lui si masturbò con ancora più forza.

"Si, si...mi piace quando sei crudele."

"Sei solo un inetto. Il tuo cazzo è così piccolo e moscio che solo quella povera vecchia rincoglionita di tua moglie può provare piacere nell'averlo dentro. Fai schifo. Sei una nullità, Francois"

Federica ascoltava tutto scioccata. Ecco la vera Eleonora. Quella che si nascondeva dietro a merletti, vestiti dell'ante guerra, sorrisi e gentilezze. Ecco il suo vero volto: una troia sadica e bugiarda. Passarono una quindicina di minuti, fintanto che Eleonora tolse il piede dalla testa di Francois e si rimise gli zoccoletti.

"Adesso basta, Francois, non ne ho più voglia!"

"Ma Ele..."

"Ho detto basta. Non mi interessi Francois. Ho un uomo, giovane e bello. Sono innamorata di lui, non mi viene nemmeno in mente di fare giochi erotici con altri uomini."

Francois ricominciò a piangere. Eleonora lo guardò disgustata.

"Sei patetico, Francois. Dovresti invece ringraziarmi, se tua moglie scoprisse qualcosa ti farebbe a pezzi. Chiederebbe il divorzio e tu perderesti la metà delle tue proprietà. Ti sto salvando la vita."

Francois continuava a singhiozzare. Era davvero innamorato di lei.

"In ogni caso, ricordati il nostro patto."

"Si, certo!"

Federica capì che Eleonora stava per uscire e si precipitò giù dalle scale, rischiando quasi di cadere. Uscì dal portone e corse fino in macchina. Pochi secondi dopo che chiuse la portiera, Eleonora uscì dal portone e si diresse fino alla sua Lancia Y. Avrebbe voluto seguirla, ma le due ore di permesso stavano per finire e fu costretta a tornare al lavoro.

"Quella stronza, chissà di cosa parlava?"

Si trovò imbottigliata nel traffico.

"Merda, non arriverò mai più." Prese il telefono e chiamò Vittoria.

"Vicky, scusami, sto arrivando, cè un casino del diavolo per strada."

"Non preoccuparti!" Rispose Vittoria.

"Vicky, devo chiederti una cosa. Un amico mi ha detto che al Festival del Benessere ha conosciuto un uomo di nome Francois Urbain. Questo nome non ti dice niente?"

"Francois Urbain? Ma certo, non ti ricordi? E' quello stronzo di proprietario del Giglio Nero!"

Federica spalancò gli occhi. Si ricordava benisimo. Il Giglio Nero era un centro estetico rivale del Raggio di Luna. In passato ebbero molti scontri per via della loro concorrenza sleale.
"Perchè me lo hai chiesto? Fede?"

"Si, scusa, stavo pensando! No, niente di che, non preoccuparti! Ci vediamo tra poco!"

Federica riattaccò e si mise una mano sulla bocca. Eleonora era, o era stata, l'amante del proprietario del Giglio Nero? E qual'era il patto tra di loro? Ne voleva sapere di più a tutti i costi.

Alle 18.00, Roberto era ancora in ufficio. Non aveva ancora risposto al messaggio di Eleonora e si sentiva una merda. Quella ragazza aveva messo tutto il suo cuore nelle sue mani e lui lo stava calpestando. Si sentiva in colpa per averla messa a paragone con Federica e averla così bistrattata nella sua mente. Si, Roberto era un uomo debole. Forse non debole come Francois Urbain, ma era sulla buona strada. Dai suoi pensieri, venne ridestato da un messaggio. Era Eleonora. Il messaggio diceva: "Mi sento male...vieni a casa mia...ti prego..."

Roberto scattò in piedi come una furia. Probabilmente era colpa sua, l'aveva trattata come una regina per un giorno e mezzo, per poi ignorarla completamente il giorno dopo. Eleonora era una ragazza dolce, fragile, sentimentale. Magari aveva un attacco di panico. Doveva raggiungerla. Saltò a bordo della sua Audi e sfrecciò verso casa di Eleonora, dove l'aveva riaccompagnata il giorno prima al termine di quel pomeriggio di sesso sfrenato.

"Povera Eleonora, sarà distrutta!" Pensò.

Quando arrivò parcheggiò la macchina alla buona, suonò il citofono e percorse tre rampe di scale a falcate. Arrivò davanti alla porta di casa, semi aperta e vi entrò.

"Ele! Ele! Stai bene?"

Le luci erano soffuse e Roberto vide diversi petali sparsi per casa.

"Ma cosa?"

Una musica sensuale si diffuse per tutta la casa ed Eleonora comparve da una stanza. I suoi capelli ricci e selvaggi avevano una nuova tinta ramata e una pettinatura diversa. Indossava un sensuale completo intimo nero con del piumaggio e molte trasparenze, sopra il quale portava una vestaglia nera molto elegante. Ai piedi indossava dei tacchi neri e le gambe erano inguainate in due autoreggenti con guepiere.

"Ora si, benissimo", la voce di Eleonora era sensuale più del solito.

Roberto recuperò fiato. "Ma sei impazzita a scrivermi che stai male?"

"Sembrava che fosse l'unico modo per farmi considerare da te." Rispose sorridente.

"Ma smettila, non è vero! E' che ho avuto molto da fare e...ti avrei chiamata dopo il lavoro."

Eleonora sapeva benissimo che il dubbio ancora attanagliava la mente di Roberto. Ma lei non era una stupida impulsiva. Non voleva forzare la mano con lui. Non gli avrebbe detto niente riguardo a Federica. Non gli avrebbe chiesto nulla della sua notte d'amore con lei.

"Comunque, Ele, stasera non posso stare con te..."

Eleonora si avvicinò e lo prese per mano. "Devi andare da lei?"
"Si, si...", era poco convinto e un pò imbarazzato.

Eleonora guidò la sua mano sul suo sedere.

"Avevo capito che l'avresti lasciata. Perchè non glielo hai ancora detto?" Disse Eleonora con un tremito nella voce. Aveva giurato a se stessa che non doveva insistere troppo sull'argomento, ma i sentimenti avevano preso il controllo.

"Lo so, ma avevo detto che l'avrei fatto al momento giusto. Senza contare che adesso ti metterei anche in una brutta situazione: siete colleghe, dovete vedervi tutti i giorni."

Eleonora gli sorrise. "Non per molto..."

"Che intendi?"

"E' un segreto, finora, ma ho ricevuto un'offerta considerevole da un altro centro estetico. Mi vogliono come responsabile!"

Roberto sgranò gli occhi. "Ma è bellissimo, complimenti""

"Comunque, non voglio forzarti la mano, stai tranquillo! Ogni cosa a suo tempo..."

Il suo sorriso era raggiante, le sue parole sincere, senza ironia ne malizia. Roberto sentiva che l'incantesimo della Sirena era ancora vivo in lui. Lei iniziò a camminare tirandosi dietro l'uomo, che opponeva poca resistenza.

"Che vuoi fare?"

Eleonora sorrise nuovamente e lo condusse nella sua stanza, ove si trovava un letto matrimoniale. Alla testiera si trovavano, legati, dei lacci di pelle.

"Sdraiati", disse lei sorridendo.

Il suo cazzo impennò come uno shuttle. Incurante di tutte le promesse fatte a Federica, si sdraiò sul letto. Lei salì a cavalcioni.

"Questa volta dobbiamo farlo diversamente", gli disse mentre gli sfilava la camicia e i pantaloni.

"Non mi avevi mai detto che ti piaceva farlo così"

"Mi piacciono molte cose! Con me avrai sempre delle sorprese, Tesoro"

Eleonora gli legò i polsi alla testiera e subito dopo le caviglie ai pomi. Roberto era nudo ed immobilizzato.

"Mi sento un pò strano..."

Lei gli mostrò il suo ghigno sensuale da ninfa maledetta.

"E non è tutto", disse mostrando una benda e un bavaglio.

Roberto cominciava a sudare freddo. "Non è un pò esagerato?" Lei si portò un dito alla bocca e disse: "Sssst..."

Gli bendò gli occhi e lo imbavagliò. "Ora sei tutto mio...sei impotente...in mio potere...". Il cazzo di Roberto era già sul punto di venire senza nemmeno essere stato sfiorato. Eleonora gettò a terra la sua vestaglia, si tolse i tacchi e salì in piedi sul letto.

"Ora sono la tua padrona, Robby! E voglio essere adorata!" Nel dirlo, Eleonora mise un piede sulla faccia dell'uomo, stringendogli il naso tra l'alluce e l'illice. Roberto emise un gemito di soffocamento.

"Ti piace, eh?" Lasciò il naso e iniziò a sfregare il piede sul suo cazzo duro. Roberto gemeva e gemeva. Si sentiva totalmente impotente, alla mercè di quella Sirena spietata. Tanto dolce quanto perversa. Così gentile e così spietata. Lei si abbassò e glielo prese in bocca, succhiandolo con forza.

"Dimmi, Tesoro, se adesso usassi una frusta cosa faresti? Ti piacerebbe?"

Roberto bofonchiò qualcosa. Lei si mise a ridere: "Come? Non ti capisco." Roberto era in panico, non voleva essere frustato. Eleonora aprì il cassetto ed estrasse una piccola frusta. La usò per accarezzargli il petto e i testicoli. Roberto ebbe un tremito.

"Sei stato un monellaccio oggi, avresti dovuto chiamare la tua piccola!" Eleonora sferzò una piccola frustata sul pene di Roberto, che urlò dietro al bavaglio.

"Come hai detto? Ti piace? Allora continuo!" Eleonora frustò ancora Roberto sul pene, sul petto, sulle cosce. Era il momento più umiliante della sua vita. Iniziò a piangere da dietro la benda, ma il suo cazzo era più duro che mai. Eleonora si accorse del dolore del compagno, gettò il frustino e gli salì in groppa.

"Forza, amore mio, abbiamo appena cominciato!" Guidò il pene di lui dentro di lei e iniziò a saltare. Roberto gemeva e gemeva. Questo sesso spinto lo faceva impazzire. Il dolore misto all'umiliazione lo aveva mandato fuori giri. Eleonora saltava su di lui, si accasciava sul suo petto e gli baciava il collo e i capezzoli. Si muoveva sinuosamente, il grosso cazzo di Roberto stava per scoppiare come l'atomica. Lui non vedeva niente, non poteva parlare, non poteva toccarla. Era stato privato di vista, gusto e tatto. E la cosa lo faceva arrapare come non mai. Non aveva nemmeno modo di pensare a Federica, al fatto che l'avesse tradita di nuovo nemmeno 24 ore dopo la loro serata meravigliosa. In quel momento importava solo il suo oblio. Quell'oblio totalmente controllato dalla Sirena.

"Ti piace, eh? Ti piace?" Eleonora gli mise una mano al collo e strinse. Il soffocamento aumentò la sensazione di piacere di Roberto. Il suo corpo iniziò a a spingere verso l'alto e tremare. Eleonora si accorse che l'uomo stava per venire. Non c'era cosa che Eleonora amasse di più che vedere il proprio compagno venire. I due vennero insieme. Roberto emise un gemito ad alto volume, soffocato dal bavaglio. Eleonora si lasciò andare ad un urlo liberatorio: "Sto venendooooo!!!!" La ragazza si accasciò sul petto di Roberto. Gli tolse la benda e il bavaglio. Lui aveva gli occhi rossi gonfi di lacrime e sputò bava. Lei gli diede un bacio pieno di passione. Eleonora amava i baci, per lei era difficile fare l'amore senza baciarsi. E il loro fu lunghissimo e profondo. Quando si staccò da lui, Eleonora gli mostrò ancora il suo ghigno sensuale.

"Sei stato bravissimo..."

"E'...stato fantastico..."

Lei espirò con gioia e lo baciò di nuovo. Gli diede diversi baci. Baci sul collo, sulle guance, sulle labbra. Era così' felice che avrebbe pianto. Roberto, il SUO UOMO, era di nuovo con lei. Lo accarezzò con amore e tenerezza ancora un pò, prima di slegargli mani e piedi. Lui l'abbracciò e la strinse al suo petto. Le appoggiò la testa si suoi pettorali muscolosi.

"Sono stanca, voglio dormire." Disse Eleonora. Roberto si appoggiò al cuscino e chiuse gli occhi. Eleonora, abbracciata sopra di lui, fece altrettanto.

Quando arrivarono le 20, Federica era pronta per la cena con Roberto. Indossava un vestito molto corto leopardato e scarpe col tacco nere. Aveva già mandato 3 messaggi a Roberto che non aveva nemmeno visualizzato. Si accese la sigaretta e prese una decisione: quella volta non lo avrebbe perdonato.

TO BE CONTINUED...

Cari lettori, la storia sta continuando ad evolvere e ci saranno altri colpi di scena. Lasciatemi un sempiterno commentino oppure, se volete, scrivetemi pure a e ricordate, se questa storia vi piace, consigliatela anche ad altri. Ciao e grazie per avermi letto.

Questo racconto di è stato letto 2 1 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone