Come una vita può cambiare 8

Scritto da , il 2019-06-05, genere feticismo

WEEKEND - IL RITORNO IN CAMERA
Arrivammo in hotel, parcheggiai e ci affrettammo ad entrare in camera, chiusa la porta la feci appoggiare e alzatole il vestito iniziai a baciarla ed a toccarla in mezzo alle gambe, non che lei fosse da meno cominciando a sbottonarmi i calzoni, in un momento di raziocinio capimmo che forse avrebbe avuto più logica terminare di svestirci, prima iniziò lei spogliandomi di giacca, camicia e degli altri indumenti; poi toccò a me, mentre le ero dietro e l’aiutavo:
o Voglio scoparti mentre indossi le scarpe e le autoreggenti.
o Allora ricominciamo da dove avevamo interrotto.
Ci lanciammo sul letto lei si spostò, si tolse le scarpe e mi mise i piedi sulla faccia, iniziai a baciarglieli e ad accarezzarglieli, scese fino a catturami il membro e riprese da dove avevamo interrotto al ristorante, non avevo mai provato in vita mia una sega con i piedi, ma era davvero eccitante, in certi momenti mi guardava ed aumentava il ritmo, per poi fermarsi ed accarezzarmi i testicoli, si capiva che non voleva farmi venire, il massaggio andò avanti per una decina di minuti; forse stanca della posizione e del movimento aumentò il ritmo, le presi i piedi e li staccai, l’afferrai e la misi a pecorina e glielo piantai dentro, uscii un rantolo di piacere dalla sua bocca “Uhm… così mi piace”, ed iniziai con un veloce movimento di bacino.
Stavamo godendo entrambi, mi disse che voleva venire standomi sopra, girandomi l’accontentai, lo riprese immediatamente dentro, non ci volle molto, in una decina di colpi lanciò un urlo orgasmico adagiandosi su di me.
Eravamo distesi sul letto, mi guardò con aria corrucciata ed interrogativa sul fatto che non fossi venuto, non riuscii a profilare parola, me lo prese in mano e lo fece sparire in bocca, alzò lo sguardo:
o Ti voglio sentire dentro.
o Sarai stanca.
o Mi hai fatto avere un orgasmo speciale, voglio regalarti il tuo.
E ricominciò con il pompino, “So io come tirare fuori il porco che c’è in te”, si alzò calzò le scarpe e andò a sedersi sul tavolo appoggiando un piede sulla sedia, aprì le gambe e si passò la lingua sulle labbra, nel mio cervello si accesero mille lampadine, “Vuoi essere scopata, ti accontento”, mi alzai andai verso di lei, la presi dai capelli baciandola e poi glielo infilai dentro, iniziò a sollecitarmi di venire con parole mai sentite, forse mai uscite dalla sua bocca, la tirai verso di me, lei mi cinse le gambe attorno alla vita ed espelli tutto il mio orgasmo.
L’alzai di peso e ritornammo sul letto, ci guardavamo e accarezzavamo, ogni tanto usciva qualche parola sdolcinata dalle nostre bocche, fino a quando non chiudemmo gli occhi addormentandoci.
Il mattino successivo dopo esserci svegliati ed ordinata la colazione ovviamente in camera, in entrambi aleggiava un velo di malinconia per questa fuga che stava per terminare:
o Che peccato sia già tutto finito.
o Daniela io avrei una proposta e se chiedessi in reception la possibilità di rimanere un giorno in più?
o Uhmm.. Magari!! E andare direttamente in ufficio domani mattina?
Non mi dispiacerebbe affatto.
Mi vestii per recarmi dal concierge, fu molto gentile spiegandomi che non ci sarebbe stato problema, aveva solo una richiesta se fossimo andati via prima delle 8.00, avremo dovuto pagare in anticipo e che la colazione sarebbe stata fornita solamente in saletta colazioni; non era di certo una complicanza, tornai rapidamente in camera per recuperare il portafoglio e mi recai a saldare la camera.
Non dissi nulla quando rientrai la prima volta, era ovvio che mi meritassi un premio, quando tornai la trovai distesa sul letto intenta ad ascoltare la musica e guardare il cellulare:
o Allora?
o Ho una notizia buona ed una cattiva, quale preferisci?
o Preferisco prima la buona.
o La camera non ha nessuna prenotazione e quindi l’ho già opzionata.
o Scusa quale sarebbe quella cattiva?
o Dato che ieri hai fatto la stronza, il fine pena è stato prorogato ad un evento, devi chiamare la tua amica Sonia dicendole che ti deve coprire un altro giorno.
o Non riesco a capire?
o Mentre la chiami, ti voglio scopare.
o Sei un bastardo, però te lo concedo, a patto di poter stabilire un dettame.
o Che sarebbe?
o Prima chiami Sofia, mentre io ti provoco.
o Non lo trovo giusto (ridendo), però mi intriga la situazione e la voglia di dominarti mentre sei al telefono è più forte.
Decidemmo di fare un giro in città, l’intento era fare due passi e goderci quella stupenda domenica, entrammo in qualche negozio, dove ovviamente da buona donna non perse l’occasione di provarsi qualche abito, ma alla fine non acquistò nulla; verso l’ora di pranzo ci dirigemmo in una trattoria, per degustare qualche buon prodotto locale.
Ritornammo in hotel nel pomeriggio, nel frattempo continuavo a sentire Sofia facendo un po’ il vago sull’appuntamento, avevo voglia di vederla, ma il weekend passato con Daniela era stato di un livello che neanche nelle mie migliori fantasie sarei riuscito ad immaginare, dopo esserci spogliati ci immergemmo nella vasca idromassaggio.
Oramai era passato anche il pomeriggio era giunto il momento di chiamare Sofia, mi distesi sul letto, raccomandando la mia concubina di non essere troppo rumorosa, mentre suonava il telefono lei rimaneva a fissarmi seduta a bordo vasca, avvolta dall’accappatoio.
Partii stando largo, dicendole che mi dispiaceva, che ero mortificato, ma il testimone dello sposo voleva finire con una cena per ringraziarci tutti, continuavamo a conversare quando Daniela si alzò, denudandosi e incamminandosi verso il bagno, la vedevo dal vetro, ma non capivo cosa programmasse; rientrò in stanza prese la sedia la mise ai piedi del letto e guardandomi vi si sedette, raccolse da terra un pacco lo aprii e allungando una gamba iniziò ad infilarsi un’autoreggente nera, prima la gamba destra, poi la sinistra.
Adagiò le gambe sul letto, tenendole piegate, all’improvviso le aprì, iniziai a deglutire, portò la mano destra in mezzo al suo fiore e la sinistra sul seno, per poi muoverle entrambe e sussurrò sottovoce:
o Ti piace lo spettacolo? Sei ancora triste di non essere uscito con la maestrina?
Proseguii nella sua esibizione, alzandosi e salendo in piedi sul letto arrivò fino da me, appoggiò le mani al muro con un piede scostò entrambi i lembi dell’accappatoio; iniziò ad accarezzarmelo fino a salire e schiaffeggiarmi il viso.
Ritorno a fondo lento sedendosi, divaricò le gambe, si mise un dito in bocca per poi adagiarlo sulla sua fessura, allungò le gambe avvinghiando con entrambi i piedi il mio membro ed iniziò a segarmelo, prima lentamente e poi sempre più velocemente, fu una masturbazione lunghissima, protratta dall’andamento della telefonata. Ogni qualvolta sentiva qualche parola dolce nei confronti di Sofia, aumentava per poi decelerare se parlavamo di altri argomenti. Terminò girandosi a quattro zampe sul letto dirigendosi verso di me, mi guardò lanciandomi un bacio e si abbasso sul mio membro cominciando a pomparmelo, solamente con la bocca.
Lo faceva sparire nella sua famelica bocca, per salire leccando tutta la superfice, si soffermava sul glande lanciandomi occhiate di fuoco, proseguii a godermi questo spettacolo seppur con un ruolo da protagonista non attivo, dovevo pur sempre mantenere un certo self control:
o Sei pronto al gran finale?
Si staccò, scese dal letto mi afferrò per le caviglie e mi trovai sdraiato, salì nuovamente sul letto mettendosi in piedi, ordinandomi di aprire le gambe, quando me le posizionò alla distanza desiderata con un piede cominciò a massaggiarmi solamente le palle, le toccava lentamente con la punta del piede, guardandomi dall’alto in basso, mentre si masturbava con un dito:
o Mi sa che i tuoi compagni di addio al celibato ti chiamano.
Quasi non terminò la frase che si abbassò e se lo infilò dentro, quando riuscì ad infilarselo per intero si accovacciò puntellando i gomiti sul mio petto e fissandomi dava dei colpi lenti di bacino.
Cominciai a portare a compimento la telefonata con Sofia, chiedendole se le avesse fatto piacere vedersi in settimana, ne era molto felice, aveva capito che purtroppo non era colpa mia, mi ringraziò per la telefonata dicendomi che un altro avrebbe mandato semplicemente un messaggio. Nella mia testa pensavo, non credo che un altro mentre parlava con la “ragazza” sarebbe stato in balia della sua Capa.
Non so cosa uscì dalla mia bocca, forse la sua dolcezza, quelle sue parole, mi uscii che la desideravo e mi stavo innamorando di lei; Daniela non aspettava altre parole per silenziosamente deridermi ed aumentare il ritmo della scopata, posizionò i piedi sul letto per avere più libertà nel movimento, salutai Sofia dicendole che ci saremo sentiti via messaggio e chiusi la conversazione:
o Uhm.. così ti sei innamorato mentre avevi il tuo cazzo dentro me, dovrò farti anche da testimone.
o Sei una stronza di Capa.
o Sono una stronza di Capa, però il tuo cazzo apprezza le mie coccole.
Iniziò ad ansimare, colsi che era vicina all’orgasmo, le afferrai i seni iniziando a stuzzicarle i capezzoli:
o Bravo… sì.. così m piace.
o Dai Capa… voglio sentirti urlare, che poi dobbiamo passare alla tua telefonata.
o Vengo, chiamiamo chi vuoi, basta che mi continui a scopare così… oddio… vengo… uhmm…
Ero deciso a non darle tregua, la vedevo intenta a rilassarsi dopo l’orgasmo, mi appropinquai sul suo seno, scendendo all’ombelico e infine posizionandomi tra le sue gambe prima le strofinai il mio membro, penetrandola solamente con la cappella per poi ricominciare a leccargliela, posizionò le gambe sulle mie spalle cingendomi con le cosce la testa, quando diminuivo il ritmo:
o Allora cappetta, chiamiamo?
o Aspetta continua…
(Smisi completamente, rialzandomi).
Ok.. però, non esagera altrimenti butto giù la telefonata, comportati bene.
o Sarò una piuma.
Prese il telefono, ancora un po’ dubbiosa fece partire la comunicazione, facendomi segno di starmene zitto, mi adagiai sul fondo del letto, Sonia non rispose, quindi mi rituffai su di lei e ricominciammo con le effusioni, dopo averlo masturbato con una mano “dai che voglio essere scopata”, non me lo doveva di certo dire due volte, lo infilai nuovamente e ricominciammo, con le sue gambe sembrava una tarantola, si strusciava, mi avvinghiava tenendosi i piedi per farmi entrare il più possibile.
Volevo farla urlare nel vero senso della parola, le presi le gambe e gliele posizionai sopra le spalle aumentando sempre di più il ritmo, iniziò a mugolare ed urlare, mi staccai di nuovo e la posizionai a bordo del letto mettendola a bocconi con le gambe a penzoloni, in modo da farle toccare solamente con le punte il pavimento e ricominciai la penetrazione, adagiata e in mia balia potevo velocizzare e rallentare a mio piacimento.
Iniziò a suonare il telefono, mi spostai permettendole di riprendere fiato prima di rispondere “stavo per venire un’altra volta porco che non sei altro”, mi rituffai sul letto facendole cenno di venire sopra, iniziò a dialogare e se lo ripiantò dentro.
o Ciao Sonia, scusa se ti disturbo, volevo solo avvisarti che siamo tornate a casa noi, ma in realtà torno domani mattina.
Tranquilla tutto bene, sono provata ma molto rilassata, quando vengo per il massaggio ti racconto.
o Dille che ci sei piantata sopra, forse è curiosa.
(Aumentai leggermente la penetrazione e con il pollice iniziai a toccarle il clitoride).
o Sei un bastardo!! Certo Sonia, non preoccuparti, allora ci mettiamo d’accordo domani.
Ciao buona serata.
o Salutamela.
Non le permisi di mettere giù che l’avevo già ribaltata e avevo ricominciato a dominarla:
o Ti chiavo, Capa!!
o Si.. voglio che vieni…
o Girati che ti voglio come prima…
o Ti piace scoparmi da dietro, porco.
Ero dietro di lei, stavo per venire, le detti due schiaffi sulle natiche e l’afferrai dai fianchi, era stato un amplesso lunghissimo, “Daniela sto per venire” e finii la scopata con un’eiaculazione dentro di lei, l’ennesima del weekend.
Provati ci spostammo in doccia, sotto il getto ci confessammo che non avevamo provato nulla di simile e successivamente decidemmo di preparare le valigie e metterci sulla strada di casa, ci saremo fermati a mangiare qualcosa lungo il tragitto.
Arrivammo al casello dell’autostrada, l’aiutai a spostare la valigia sulla sua auto e dopo un ultimo bacio, ci ringraziammo a vicenda per lo stupendo weekend.

Aspetto qualche vostro commento o critica

Questo racconto di è stato letto 2 5 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti massaggi eroticiraccconti incestoninfomane raccontiracconti milu.comracconti erotici di nonneracconti cuckold veristorie adultiracconti sesso con canestorie mariti cornutistorie di sessoraccconti pornowww iomiluracconti di suocere troiestorie erotracconti di fantasie eroticheracconti di malustorie incestestorie di sesso videoi generi racconti gayerotici racconti.comracconti d incestiracconti gratis pornoracconti erotici romanticiracconti erotivzoofilia raccontii generi racconti eroticimary rider escortracconti rtoticiho ingravidato mia madreracconti gay fistingracconti erotici mia cuginaracconti eroticcisiti di zoofiliaracconti erotici padreracconti erotiicstorue pornoracconti erotici femdomsesso estremo con animaliracconti erotici di sessoracconti eoticiracconti slaveracconti eroticiracconti di coppie bisexraccontisessoconfessionale eroticostorie eroticaracconti erotici per adultiracconti erotici scuolaracconti suocera e generostorie erotichrracconti porno gratisracconti erotici di matureracconti erotici di moglierqcconti eroticiraconti hotraccontie roticierotici pornoraconti eroticoiomilu raccontistorie di sesso analemagredinol uomo con due cazziveri racconti incestopornoinfamiglialesbiche raccontiracconti erotici con animalidonne che si fanno inculare da animaliracconti erotici figliayouporn clisteripiaceri analierotici raccontomiluraccontiscambio coppiai racconti di milùi generi dei raccontistorie erotiracconti gay dominazionemoglie scopata dal ginecologoerticiraccontiracconti gay annunci69racconti erotici di stuproracconti erotici.comracconti erotici amatorialeconfessioni anali