Il lato oscuro della rossa

Scritto da , il 2019-06-02, genere trio

Dopo la piú classica abbuffata della Domenica, tipica delle regioni meridionali, io e la mia ragazza decidemmo di aggirare il problema della noia pomeridiana, recandoci in uno dei borghi piú belli d'Italia, poco distante dalla nostra città d'origine. In auto, un caldo torrido, guardandola annaspare nonostante i finestrini aperti,notai che diversamente dal solito, il suo abbigliamento lasciava poco all'immaginazione, indossava un vestitino nero corto con bretelle molto esili che rendevano gloria al suo perfetto seno. Ero estasiato dalle sue forme sinuose, anche se minuta catturava molti sguardi: magra, pelle bianco latte, capelli rossi, culo a mandolino con fianchi leggermente larghi. In quel periodo eravamo ancora in fase di conoscenza, passavamo molto tempo insieme accomunati dall'essere nel limbo tra la fine dell'università e la ricerca di un lavoro. Ci ritrovammo a passeggiare per questo piccolo borgo, arroccato su una montagna, quando ci sorprese un acquazzone e trovammo riparo sotto un portone alla fine di uno strettissimo vialetto in discesa. Nell'attesa iniziammo a baciarci voracemente, e aiutato dalla poca luce che ci nascondeva ai passanti, cominciai a masturbarla infilandole le dita tra le mutande in pizzo. Il suo comportamento sempre signorile e schivo verso le smancerie in pubblico, fu sopraffatto dalla foga del momento. Mentre la masturbavo , passò una coppia proprio sotto al portone, ed io ritrassi la mano, lei mi chiese di continuare, questa sua direttiva categorica mi illuminò, era sempre stata molto pudica, e questa sua debolezza mi fece eccitare all'inverosimile. Lei mi strusciava la mano sull'escrescenza oppressa dai pantaloni. Le leccavo il collo, annusavo il suo desiderio, lo liberai e la costrinsi al muro, comincia a metterglielo nella fessa da dietro, ansimava sottovoce e dopo qualche minuto le mie spinte erano diventate piú forti e incuranti del piacere che le procuravano e dei gridolini che emetteva. Era bagnatissima, la costrinsi ad inginocchiarsi senza in realtá trovare molta opposizione da parte sua, solo mentre lo prendeva in bocca mi accorsi che c'era un ragazzo che ci stava guardando, le dissi che doveva continuare come aveva imposto a me precedentemente. Lei intenta a sbocchinarmi non diede peso alla cosa, volevo vedere fino a che punto fosse puttana veramente.Annebbiata dall'eccitazione non reagiva alle mie provocazioni e feci un cenno per far avvicinare il ragazzo, subito lo tirò fuori e cominciò a masturbarsi, lei quasi sorpresa, per sfidarmi, lo prese con tre dita e cominciò a segarlo. Non potevo crederci! Avevo liberato la puttana che era nascosta in lei. Non mi ero mai eccitato cosí tanto,sfortunatamente non mi diede modo di provare altre posizioni,dopo poco le sborrammo copiosamente in volto, non mi aveva mai permesso di farlo! Si rialzò, lasciò i cazzi quasi come se fossero qualcosa di orrendo e si ripulí come dopo un pasto. Capii di aver trovato la mia puttana personale.Ricordando questa storia ancora non riesco a trattenermi dal farmi una sega!

Questo racconto di è stato letto 2 5 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone