Il Regno Oscuro - Capitolo 8

Scritto da , il 2019-05-30, genere dominazione

Alba seguiva il suo padrone camminando a quattro zampe. Le sue mani erano state infilate in dei guanti di ferro sferici allacciati ai polsi che le impedivano di afferrare qualsiasi cosa. Le dita semplicemente si agitavano nella sfera di ferro che le avvolgeva. Le caviglie erano legate alle cosce, appena sotto i glutei, in modo che la ragazza fosse costretta a camminare sulle ginocchia senza poter poggiare nemmeno gli stinchi a terra. Almeno indossava delle ginocchiere di ferro che le rendevano meno doloroso camminare su terreni aspri e duri. Il suo padrone le aveva infilato un cerchietto intorno alla testa, con delle finte orecchie di gatto. Oltre ciò era completamente nuda. Al collare era attaccato un guinzaglio che il suo padrone teneva ben stretto in mano, mentre insieme percorrevano il corridoio del castello in cui si trovavano. Era felice. Il suo padrone l’aveva presa con sé e la possedeva spesso. Alle volte mentre beveva il latte dalla sua ciotola sentiva improvvisamente il pene di lui penetrarla nell’ano. Altre volte si versava direttamente il latte sul cazzo, e glielo faceva bere. Da quando lui l’aveva posseduta per la prima volta, aveva capito che quello doveva essere il suo padrone. L’uomo dai capelli bianchi e gli occhi rossi l’aveva deflorata con violenza, godendosi la sua verginità fino all’ultima goccia di sangue. Lei lo aveva seguito e lo aveva implorato di portarla con se. Alla fine lui aveva ceduto, mettendo però dei paletti. Alba ora era il gattino di quell’uomo. Non le era concesso altro. Eppure finalmente il suo sogno era realtà, anzi, era meglio del sogno perché ora il suo padrone si godeva il suo corpo.
Alba faticava a tenere il passo dell’uomo. Finalmente i due arrivarono davanti ad una porta, controllata da due guardie imperiali. Queste si fecero subito da parte permettendo all’uomo e alla sua gattina di entrare.
- Albino - disse Biscia stesa sul suo letto a baldacchino quando lo vide entrare.
L’uomo dai capelli bianchi e occhi rossi si inginocchiò per un attimo, davanti al letto, quindi si rialzò.
Il Generale Biscia era stesa sul suo letto, con la sua armatura che la lasciava quasi del tutto nuda. Le sue gambe lunghe e sinuose erano illuminate dalla luce delle lanterne che schiarivano l’aria della stanza. I suoi capelli verde scuro le calavano su di una spalla. I suoi occhi gialli da rettile penetravano l’ombra, facendo apparire ancora più bella, inquietante e pericolosa quella donna.
- Albino - continuò ancora Biscia - Hai compiuto la tua missione?
- Si Generale - si limitò a dire Albino, indicandole poi col bastone Alba, ai suoi piedi, totalmente sottomessa - Costei era la vergine. Ed ora non lo è più
- Sapevo che non mi avresti deluso - disse Biscia annuendo compiaciuta - Che servizievole micetta! Ma immagino tu sia qui per riscuotere la ricompensa
Albino annuì e iniziò a spogliarsi. Poggiò il bastone su di un comodino e si tolse il lungo mantello. Alba lo aiutò a sfilare i pesanti stivali, afferrandoli tra i denti e tirando con forza. Quindi si tolse il farsetto nero, rimanendo totalmente nudo. Alba rimase inginocchiata, sedendosi sulle caviglie, ai piedi del letto, attendendo ordini dal suo padrone. Albino invece salì sul letto, inginocchiato sul materasso morbido, con il pene duro e turgido. Biscia guardò il membro eretto leccandosi le labbra. La sua lingua sembrava più lunga di una lingua normale, parecchio. Un particolare che colpiva almeno quanto colpivano i suoi occhi da rettile. Il Generale inarcò la sua schiena in avanti, in modo del tutto innaturale, piegandola quasi a metà. Poi si alzò sul letto, anch’essa sulle ginocchia, e si abbassò sul bacino dell’uomo. Afferrò la base del pene con la mano destra, iniziando a massaggiarlo lentamente. Avvicino le labbra al glande, ma non lo toccò. Esse si schiusero e la lingua si fece spazio, iniziando a leccare la cappella. Prima era solo la punta a strofinarsi contro il pene di lui. Pian piano sempre più lingua fuoriusciva dalla sua bocca e si avvolgeva attorno al pene, come un serpente. Albino sentiva la lingua avvolgerlo, umida e morbida. Una sensazione magnifica che si accentuò quando Biscia iniziò a muoverla su e giù. Muoveva la lingua come se fosse stata una mano, a salire e scendere avvinghiata all’asta. Sembra infinita quella lingua, e così sapientemente usata.
Mosse così, in contemporanea, lingua e mano per diverso tempo, prima che si decidesse a calare anche la bocca sul cazzo ben eretto ed insalivato. Non lasciò l’asta, ben avvolta nella lingua, ma si infilò l’intero pene, decisamente lungo e largo, tra le labbra. La bocca calò sempre di più sull’inguine dell’uomo, fino alla base del pene, facendo ben coincidere le labbra con la pelle di lui. La gola della donna si era allargata notevolmente per riuscire ad accogliere il cazzo tutto dentro. Lo ospitava totalmente, senza problemi. Quindi iniziò a salire e scendere con la testa, facendolo uscire fino a metà per poi riprenderlo tutto. Non lo toccava nemmeno più con le mani, si impegnava solo con la bocca, mentre, al suo interno, la lingua avvolgeva il glande massaggiandolo in maniere impossibili a qualsiasi altra donna.
Albino sentiva la bocca del Generale tutta intorno a sé. Usava solo la sua bocca, eppure riusciva a dargli un piacere immenso. La sua cappella era avvolta da una sensazione umida e morbida che continuava a stuzzicarlo senza tregua, mentre le labbra calavano sulla sua asta fino alla base, per poi risalire fino quasi alla corona del glande. A questo si aggiunse Alba che, alle sue spalle, si era alzata sulle ginocchia poggiando le mani guantate di ferro sul letto e aveva iniziato a leccargli l’ano.
La gattina non voleva disubbidire al padrone. Eppure la sua voglia di farlo godere il più possibile, di procurargli piacere in ogni modo, le aveva impedito di star ferma. Aveva infilato la sua faccia tra le natiche dell’uomo e ora, con la sua lingua, gli massaggiava l’ano con movimenti rotatori. La ragazza alternava lentamente la sua lingua dall’ano al perineo e i testicoli, insalivando per bene tutta la zona. Albino protese una mano dietro di sé, afferrando la nuca di Alba e spingendola con forza verso il proprio ano, tra le proprie natiche. La ragazza si sentì soffocare così spinta, ma un brivido di gioia la percorse ora che sapeva che evidentemente il suo padrone aveva apprezzato il suo gesto. Quindi con ancora più passione e convinzione proseguì a leccargli l’ano, passando la punta della sua lingua intorno a quel buchetto per poi provare, ogni tanto, a violarlo penetrandolo con la stessa.
Biscia dall’altra parte continuava a succhiarglielo infilandoselo fino in gola. La donna alzò gli occhi verso di lui, che la stava guardando. Gli occhi rossi dell’uomo si incrociarono con quelli da rettile della donna. Albino ne ricavò ancora più eccitazione, tanto che il suo pene iniziò a pulsare.
A quel punto si tolse il pene di bocca e si sdraiò sul letto a schiena sotto. La donna lo guardava con quello sguardo così inquietante e affascinante al contempo. Lentamente allargò le gambe, distendendo le cosce, sempre di più. Arrivò a fare una spaccata completa, portando le gambe perfettamente perpendicolari al proprio corpo. Ma non si fermò. Continuò a tirare indietro le cosce, fino a portare le caviglie a incrociarsi dietro la testa. Biscia era così sul letto, con le cosce più che spalancate. Il suo sesso era bagnato e alcune gocce di umori gocciolavano giù, tra il solco delle natiche. Le grandi labbra erano tenute larghe da quella posizione. Aspettava solo il cazzo di lui. Quella ennesima prova di flessibilità incredibile e pieno controllo del proprio corpo lo eccitò oltre ogni limite.
Albino senza aspettare lasciò la nuca di Alba e, con una pedata in faccia, la spinse indietro, facendola cadere a terra. Senza indugiare oltre puntò il glande sulla vagina di lei e vi affondò facilmente. Così larga e bagnata, gli sembrò di affondare il cazzo nel burro. Diede un paio di forti colpi di anche quando, improvvisamente, la vagina si chiuse stretta intorno al suo pene. Affondava allargando la carne di lei, ben lubrificata, mentre le sensazioni aumentavano sempre di più. Così stretta intorno a lei. Lo stava facendo impazzire.
- Lo sai vero? - disse lei ansimando, tra un gemito e un altro - Non devi venirmi dentro
- Non preoccuparti - le rispose - So già dove svuotarmi
A quelle parole Alba si sentì tirata in causa e si dispose a quattro zampe, ai piedi del letto. Lentamente chinò la faccia, fino a toccare al suolo, rimanendo così col sedere ben alto, poggiata solo sulle ginocchia. Le mani avvolte dalle sfere si poggiarono sulle natiche. Spinse il metallo fino ad aderire bene e tese le braccia in modo da allargare bene le natiche, lasciando l’ano in bella mostra, disponibile ad ogni desiderio del padrone. La gelosia le si accendeva quando vedeva il padrone soddisfarsi con un’altra donna. Voleva che lui usasse solo lei. Non importava quanto denigrante e umiliante fosse, ma lui doveva usare solo i suoi buchi. Sentirsi tirare in causa, sapere che finalmente aveva un ruolo anche lei, l’aveva riempita di eccitazione.
Ci vollero ancora alcuni colpi di anca, affondando il pene tra nella figa strettissima di Biscia. Sentì il piacere raggiungerlo. Appena il cazzo iniziò a pulsare Albino se lo afferrò alla base, tirandosi indietro, togliendosi dal sesso di lei. Si alzò e si accovacciò dietro Alba pronta a riceverlo. Piegò le ginocchia e appoggiò la cappella al suo ano, già violato diverse volte in passato. Spinse lentamente il glande nel buchino. Alba chiuse gli occhi e si morse le labbra, non era ancora perfettamente abituata e gli doleva un po’. Albino lo infilò lentamente, allargando sempre di più il buchino fino a raggiungere l’apice all’ingresso della corona della cappella. Quindi si fermò. Lasciò dentro il culo di lei solo la cappella e con la mano si massaggiò l’asta del cazzo. Alba sentiva la presenza immobile dentro di lei. Sentiva la sua carne stretta intorno alla strozzatura sotto il glande del pene di lui. L’uomo mosse la propria mano diverse volte prima di raggiungere finalmente e definitivamente l’orgasmo.
La gattina si morse ancora di più il labbro mentre sentiva il glande gonfiarsi e pulsarle dentro, allargando ancora di più l’ano. Sentì gli schizzi di sperma invaderla, copiosi e forti. Era il contenitore in cui il suo padrone si svuotava. Il buco in cui riversava i suoi scarti e i rifiuti del suo corpo. Questo la faceva sentire utile. Adorava essere così usata, senza ritegno e dignità, totalmente umiliata.
Quando Albino finì di venire nel culo estrasse il glande dall’ano, ancora gocciolante. Ne strofinò la punta su di una natica di Alba, come per ripulirselo un po’. Lei avrebbe voluto leccarglielo per pulirlo per bene, ma lui non glielo concesse. La ragazza si limitò a miagolare sommessamente un paio di volte. Sentiva lo sperma riempirle il culo. Era una quantità considerevole di seme. Il suo padrone l’aveva completamente allagata. Già sentiva alcune gocce lambirle i bordi del buchetto, pronti a riversarsi fuori.
- Mi raccomando - puntualizzò subito il suo padrone, mentre prendeva a rivestirsi - Non sporcare la stanza del Generale
Alba si pose subito a quattro zampe con la schiena profondamente inarcata verso il basso. Era scomodissimo. Era difficilissimo camminare così, ma non poteva deludere il suo padrone. Il suo culo era così ben puntato verso l’alto, come una brocca colma di sperma.
- Che micia servizievole e ubbidiente - disse Biscia rimettendosi comoda sul letto.
- Già - convenne Albino carezzandole i capelli corti a caschetto.
Alba fu felice di quella dimostrazione di appressamento. Fece le fusa sentendosi carezzata. Avrebbe voluto agitare il culetto, per dimostrare la propria gioia, ma non voleva rischiare di farlo traboccare, di far colare gocce lungo le sue cosce fino al pavimento che non andava sporcato.
Una volta rivestitosi, Albino afferrò il guinzaglio della gattina e uscì dalla stanza, accomiatandosi col suo Generale. Alba faticava a tenere il suo passo già normalmente, costretta sulle ginocchia, con i suoi arti ricoperti di ferro. Ora la difficoltà era anche maggiore. Doveva mantenere la schiena profondamente arcuata verso il basso, per non far traboccare nemmeno una goccia. Eppure ad ogni movimento delle cosce sentiva lo sperma agitarsi dentro di lei, oscillare pericolosamente. Sentiva gocce lambire i bordi del suo buchetto. Poco prima di uscire sentì una goccia fuoriuscire e scorrerle intorno alle grandi labbra della figa bagnata. La goccia le scese nell’interno coscia. Ebbe timore sarebbe caduta a terra, ma per fortuna la goccia si esaurì scendendo, lasciandola solo bagnata di sperma sulla coscia. Quando furono usciti dalla stanza la gattina guardò il padrone, avrebbe voluto chiedergli quando si sarebbe potuta svuotare dello sperma, quando si sarebbe potuta liberare di quel nuovo supplizio. Non poteva parlare, così si limitò a miagolare triste un paio di volte.
- Lo sai - disse Albino sorridendole - Puoi svuotarti solo nella tua lettiera
Detto ciò si avviarono verso la stanza del padrone. La strada era lunga. Si domandò come avrebbe fatto a salire le scale senza far colare lo sperma fuori dal suo culo, camminando sulle ginocchia e tirata al guinzaglio dal suo padrone. Non importava, amava avere in sé lo sperma caldo del suo padrone, sentirsi piena. Si sarebbe inventata un modo.

Anya beveva avidamente dalla sua borraccia. Grazie ai copiosi orgasmi di Lorenzo, l’aveva riempita di sperma, ed ora lo stava bevendo a lunghe sorsate. Ormai la sua bocca si era abituata a quel sapore, non solo lo sopportava, ma gli piaceva. Quando sentiva la densa sostanza scorrergli sulla lingua la assaporava golosamente. Si bevve in un lungo sorso quasi metà borraccia, riempita in numerose sessioni di sesso orale. Poi la tappò e abbassò il capo in mezzo alle proprie cosce. Guardò Lorenzo che affondava la sua faccia nella figa, leccandola avidamente.
- Lecca! Lecca e fammi godere - disse spingendogli la faccia tra le proprie cosce con la mano.
Erano due caratteri forti, due dominatori, così finivano per soggiogarsi a vicenda. Il Barone mal sopportava il modo di fare di lei, non amava sentirsi sottomesso così. Quando lei spinse ancora di più la sua testa sulla sua figa, fin quasi a soffocarlo, si ribellò. La spinse via e la costrinse a stendersi al suolo, a pancia sotto. Con una mano le bloccava i polsi, conserti dietro la schiena. Con l’altra si massaggiò entrambi i peni. Sputò sull’ano della donna e iniziò a spingere entrambe le cappelle tra le sue natiche.
- No! No entrambi no! urlò Anya, ma il suo urlo si perse nel deserto che li circondava.
Si trovavano accampati sotto una duna, del deserto che avvolgeva il sud del Grande Continente. Si trovavano a poche ore di viaggio da Suddia, la più grande città del deserto, capitale del fu Regno del Sud. Era quello il loro obiettivo.
Lorenzo non ascoltò le urla dell’eletta e affondò con decisione i suoi peni nel suo culo, molto profondamente. Anya si sentì dilaniata. Completamente aperta e allargata. Non aveva mai preso nulla di così grosso dentro di sé. I suoi due peni le scavavano dentro, tendendo oltre il naturalmente possibile il suo buchino arrossato.
- Fermati! Lorenzo! Anya continuava ad urlare. Lorenzo le mise la mano libera sulla bocca, per impedirle di urlare. L’eletta non si era mai sentita così sottomessa. L’uomo le spingeva entrambi i cazzi nel culo, spingendo in profondità il bacino. Erano entrati per metà, ma il Barone dava segno di volerli far entrare del tutto. Anya continuava a lanciare urla soffocate dalla mano di lui. Cercava di ribellarsi, di liberarsi, ma la mano di lui le teneva stretti e saldi i polsi.
Ci vollero alcuni minuti prima che lui fosse soddisfatto. Non aveva raggiunto l’orgasmo, ma l’aveva sottomessa abbastanza. Uscì da lei e si mise a sedere accanto, lasciandola libera, con ancora i cazzi turgidi ed eretti.
Anya si massaggiò l’ano completamente dilatato dalla innaturale penetrazione appena subita. Non ne aveva mai presi due contemporaneamente dietro. Le faceva malissimo. Provò a girarsi, per sedersi. Ma l’ano le faceva troppo male così rimase a pancia sotto sulla sabbia.
- Stronzo mi fa malissimo - disse lanciandogli uno sguardo feroce - Non riesco nemmeno a sedermi
I due si guardarono per un attimo, poi scoppiarono a ridere. Era diventato un gioco per loro, violentarsi a vicenda, prima l’uno, poi l’altra. Con violenza, senza regole e limiti. Senza freni.
- Ora ti do un bacio dove ti fa male - disse Lorenzo piegandosi su di lei. Le mise le mani sulle natiche allargandogliele pian piano. Anya strinse i denti. Poi pian piano il Barone le infilò la lingua tra le natiche, massaggiandole l’ano con la lingua, lentamente, con delicatezza.
- Così va meglio - disse Anya gemendo.
Lui continuò così per ancora qualche secondo prima di fermarsi e guardarla.
- Che hai? - chiese infine la donna.
- Penso a domani. A quando dovrò chiedere al mio popolo di scendere in battaglia
- Come dimostrerai che sei davvero tu il legittimo erede al trono?
- Il bifallo è tipico della discendenza Giulii. Tutti i Re storici del Regno del Sud hanno due cazzi
- E tutti li avevano piccoli come te? - Anya lo punzecchiò ridendo, continuando a massaggiarsi l’ano delicatamente, ancora arrossato e dolorante.
Lorenzo la guardò con cattiveria. La bloccò nuovamente come prima.
- No stronzo. Non di nuovo! urlò lei, ma lui già le imbavaglio la bocca con la propria mano. Con un deciso colpo di reni la penetrò di nuovo, nel culo, con entrambi i falli. Arrivò a metà, ma non si accontentò, spinse fino ad infilarli del tutto, incurante delle urla disperate dell’eletta. Quest’ultima cercava di liberare le mani bloccate, di dimenarsi per togliersi i due cazzi da dentro. Quell’agitarsi non faceva altro che aumentare le sensazioni in lui. Più lei dimenava il sedere, più lui si eccitava e provava piacere. Iniziò a spingere in lei con forza sempre maggiore. Questa volta era deciso ad arrivare fino alla fine. Spinse un numero di volte che ad Anya sembrò infinito. La donna trasse un sospiro di sollievo quando lo sentì finalmente svuotarsi dentro di lei. Entrambi i peni le scaricarono dentro una quantità incredibile di sperma. Provare piacere contemporaneamente con entrambi i membri era una sensazione che non aveva mai provato. Lorenzo urlò mentre le veniva nell’ano.
- Sei uno stronzo - ripeté lei con alcune lacrime a scenderle lungo le guance - Mi farà male per tutto il giorno.
Appena sorse il sole, i due montarono a cavallo diretti a Suddia. Furono poche ore di viaggio, ma per Anya furono un supplizio. Il doppio sesso anale della sera prima le aveva lasciato l’ano arrossato, dilatato e dolorante. Non riusciva a stare seduta, quindi cavalcò tutto il tempo spingendo con i piedi nelle staffe della sella, per evitare di sedersi. Ogni volta che il cavallo perdeva la presa sulla sabbia ed aveva un sobbalzo, lei impattava con il sedere sulla sella, provando fitte lancinanti e lanciando improperi ed offese al Barone. Quest’ultimo invece se la rideva divertito.
Quando arrivarono alla città, Anya iniziò a vedere delle scene strane. Lorenzo l’aveva avvisata che il caldo del sud rendeva la gente molto più passionale, ma lei non si aspettava nulla del genere. Le donne vestivano abitini più che corti, senza alcun indumento intimo. Ogni movimento meno aggraziato di queste donne scopriva un seno, o una natica. Si rese conto che la sua armatura, in quel contesto, non la rendeva poi così appariscente. Mentre si inoltrarono nella via principale un mare di urla li avvolse. Gente che litigava. Gente che contrattava. Gente che gemeva di piacere, facendo sesso nei vicoli sotto gli occhi di tutti. Nella piazza principale, dove si gestiva il mercato principale, si ergeva un alto palco. Sul palco vi era una donna bloccata nella gogna. La sua testa e le sue mani erano bloccate nel legno, piegata in avanti. Le sue vesti erano state strappate e ora chiunque ne aveva voglia approfittava di lei.
La donna non si lamentava, si limitava a subire in silenzio. Qualcuno le arrivava davanti e le sbatteva il pene in faccia, percuotendole le gote con la cappella, per poi infilargliela in bocca e venirle tra le labbra. Altri si accalcavano dietro di lei, facendo la fila per incularla con forza. Altri allungavano le mani sotto di lei, toccandole il sesso e i seni. La sua faccia era totalmente ricoperta dallo sperma di numerosi uomini, e diverse gocce cadevano dal mento ogni volta che veniva percossa.
Un banditore di una bancarella mostrava le proprie merci urlando sguaiato, mentre una donna gli succhiava con dedizione il membro grosso e largo. Un’altra donna si piegò sul bancone, per osservare meglio una cintura in esposizione, lasciando che il suo vestitino si sollevasse troppo mostrando il sedere nudo. Un uomo da dietro, uno sconosciuto probabilmente, tirò fuori il pene e glielo infilò in mezzo alle cosce, iniziandosela a scopare, mentre la donna quasi indifferente continuava a guardare la merce. Un’altra banditrice continuava ad urlare dall’altra parte della strada, mostrando dei vasi in vendita. Il suo volto era chiaramente sporco di sperma. Un’altra ancora aveva le enormi tette di fuori, due mastodontici seni carnosi un po’ pendenti con larghi capezzoli. Due uomini li succhiavano avidamente, mentre si masturbavano.
Eppure tutto sembrava normale, nessuno sembrava far caso a quelli che erano solo alcuni dei numerosissimi episodi in tutto il mercato. Tutti scopavano tra loro e si procuravano piacere a vicenda, senza alcun limite.
Il Barone e l’eletta scesero da cavallo lentamente, avvicinandosi al palco. Lorenzo vi salì. Nessuno gli prestò attenzione, sembrava uno dei tanti saliti per abusare della donna alla gogna.
- Popolo del Sud! urlò Lorenzo rivolgendosi alla folla del mercato - Chi vi parla è il vostro Re!
La folla fu attirata da quelle parole. Tutti si voltarono a guardarlo straniti. Calò quasi il silenzio nella piazza.
- Io sono Lorenzo Giulii, legittimo Re del Regno del Sud! Oggi è venuto il giorno di ribellarci all’Imperatore che ci opprime, di riprenderci la nostra libertà
Verso il palco iniziarono a muoversi alcuni soldati imperiali che presidiavano la piazza. Loro sapevano che probabilmente si trattava del vero Barone ed erano intenzionati ad arrestarlo e condurlo alla capitale. Lorenzo li vide e incalzò.
- Tra due giorni muoveremo guerra all’Impero! Spargete la voce! Radunate gli eserciti del Sud! È giunto il tempo di combattere
La gente lo guardava con scetticismo. Diverse voci si alzarono, palesando che non credevano a quell’uomo. Qualcuno urlò - Dimostra che sei tu!
A quelle parole Lorenzo si slacciò il calzone e mostrò a tutta la piazza il suo bifallo. I due membri svettavano ben eretti e turgidi. La piazza ammutolì per un istante mentre ancora i soldati cercavano di raggiungere il palco.
Un attimo dopo la folla esplose in un boato di gioia. Riconobbero il loro Re. Molti si inchinarono. Altri lanciavano urla di gioia. I soldati impallidirono e tornarono sui propri passi, con l’intenzione di fuggire dal sud.
- Radunate gli eserciti popolo del Sud! Dopodomani si scende in battaglia!


Hai dubbi? Domande? Curiosità? Suggerimenti? Commenti? scrivimi a o visita ilregnooscuro.blogspot.com. Oppure seguimi su Twitter />

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone