Elena e Pietro - Cap. 4 - Marilena seconda parte

Scritto da , il 2019-05-26, genere dominazione

Elena da dietro le tiro giù la lampo del vestito facendola rimanere nuda, per poi legarle sia i gomiti sia i polsi ben stretti dietro la schiena. Subito dopo Fabiola le bendò gli occhi facendola piombare nel buio totale.
“Vi prego non fatemi del male.” sussurrò Marilena in preda al panico.
La donna ebbe l'impressione d'esser stata ascoltata quando sentì due mani aprirle delicatamente le gambe e subito dopo alcune dita passarle con dolcezza sulla fica, stimolando con grazia il clito. Marilena non restò a lungo insensibile a quei tocchi così sensuali, cercando però di non far accorgere le altre di quanto si stesse eccitando. Ma bastò che una bocca s'avvicinasse alla sua per aprirla ed accogliere quella lingua sconosciuta e voluttuosa. Subito dopo sentì un’altra lingua passarle in mezzo alle grandi labbra, ed un piccolo gemito uscì dalla sua bocca, appena soffocato da quella della sconosciuta. Marilena per quanto sentisse dentro il bruciore dell’umiliazione stava provando sempre più piacere, ora che le sue aguzzine si stavano dimostrando delle tenere amanti, ma com’era ovvio quel piccolo paradiso durò ben poco. Le donne continuarono ad eccitarla fino a farla supplicare per vere un orgasmo, poi la buttarono a terra ordinandole di mettersi carponi col sedere ben in alto e le gambe aperte. Dopo qualche minuto che era a pecora, Marilena fu sbendata e vide le altre donne completamente nude, con indosso solo un grosso strap-on che mostravano minacciose. Elena e Fabiola si sistemarono alla sua destra, mentre Sabrina e Barbara sul lato opposto, e tutte insieme iniziarono ad infilare le proprie dita nella fica e nel culo della loro vittima. Questa all’inizio provò anche un certo piacere, ma ben presto le cominciarono a far male le parti intime, non riuscendo neanche più a contare quante dita avesse dentro. Soprattutto Sabrina e Barbara le infilavano dentro non solo senza grazia, ma con una certa violenza, mentre si baciavano lascivamente. Elena le avrebbe volentieri infilato la mano dentro la passera, però si rese conto che non sarebbe stato giusto nei confronti delle sue amiche, così prese Fabiola e con lei si mise davanti a Marilena.
“Succhia puttana altrimenti t’inculiamo a secco.” disse Elena spingendole il fallo in bocca. Marilena cominciò a spompinare quel grosso fallo, trovandosi poco dopo fra le labbra anche quello di Fabiola. Subito credette di vomitare, ma le uscirono dalla bocca solo dei rivoli di saliva, seppur molto abbondanti e vistosi.
“Guarda come sbava la troia !” disse Fabiola spingendole il fallo ancor più profondamente in bocca .
“Per me è tutta scena.” le rispose Elena “Questa è tanto abituata a succhiare cazzi che due neanche li vede ah ah.”
“Di certo le piace il cazzo.” continuò Barbara “Ha sei dita nel culo e altrettante nella fica, ma ne entrerebbero altre dieci tanto è aperta.”
La povera Marilena avrebbe voluto piangere, non tanto per il dolore, quanto per l'umiliazione a cui era sottoposta, ma non volle dare questa soddisfazione a quelle donne, e continuò a subire in silenzio. Quando le donne si cambiarono i posti ebbe un momento di puro panico vedendo lo sguardo sadico di Elena e Fabiola, ma non ebbe il tempo di pensare che si ritrovò davanti alla faccia il culo di Barbara che nel frattempo si era sganciata lo strap-on.
“Leccale il culo.” le ordinò Fabiola spingendole la faccia in mezzo alle chiappe della sua nuova amica “Voglio sentirla gemere o ti prendo a frustate.”
Marilena si sentì quasi soffocare fra le grosse natiche di Barbara, quando sentì una forte pressione sul suo buchetto, e poco dopo un fallo entrarle violentemente dentro lo sfintere.
“Ti voglio sfondare puttana che non sei altro !” urlò Fabiola che teneva la sua vittima per le corde che le legavano i gomiti.
“Sì spaccala che tanto stasera esce da qui in ginocchio.” le rispose Elena che si stava divertendo a tirare i capezzoli della malcapitata.
Le quattro aguzzine iniziarono una specie di giostra intorno a Marilena, una era sempre dietro intenta ad sodomizzarla con sempre maggior foga, un'altra si metteva davanti per farsi leccare la passera o il culo, mentre le altre due le schiaffeggiavano il corpo. Soprattutto il seno, che era fin troppo chiaramente rifatto, era costantemente preso di mira, le tiravano i capezzoli in basso, o lo palpavano con troppa forza quando non era colpito da forti manate.
In mezzo a quelle quattro scatenate Marilena cominciò di nuovo a provare piacere, all'inizio le sembro impossibile il solo pensiero di poter godere in quella situazione, ma pian piano un certo calore le salì dentro, e solo con grande fatica riuscì a non esternarlo. Ma quando dietro di lei si mise Elena, questa le passò un dita nello spacco della fica facendola gemere.
“Però la puttanella è ben bagnata. Non vorrei credere che ti piace esser scopata in questa maniera, quindi vediamo se godi inculata così.”
Sabrina allargò al massimo le chiappe di Marilena e Elena la sodomizzò ficcandole tutto il fallo con un colpo secco e deciso. Poi iniziò a tirarlo fuori del tutto per infilarlo di nuovo sempre nella stessa maniera, aumentando per quanto possibile la velocità.
“Allora dillo che ti piace e che sei una gran puttana !” le urlò Elena.
“Si mi piace e sono una troia ! Sono una troia da culo e mio marito è un gran cornuto ! Fatemi quello che volete ma fatemi godere puttane che non siete altro !”
A quel punto intervenne Pietro che s'avvicinò alle donne con i suoi amici. “Ora lasciatecela a noi, questa puttana vuole il cazzo ? Ed il cazzo avrà !”

Le quattro donne s'allontanarono malvolentieri per mettersi a coppia sui divani e godersi lo spettacolo, ma ben presto cominciarono a masturbarsi a vicenda usando dei dildi dalle forme più stravaganti che Elena aveva lasciato a disposizione delle sue amiche.
Giorgio e Michele liberano Marilena dalle corde che le tenevano legate le braccia, e quando fu libera tutti e quattro la circondarono con i membri già in erezione.
“Succhiali tutti.” ordinò alla donna Giorgio “Voglio scoparti con la faccia ricoperta di sperma.”
Marilena s'inginocchiò e cominciò a prendere in bocca il cazzo di Michele che aveva danti, ed a menare quelli che aveva al suo fianco. Gli uomini la presero con molta brutalità, scopandola letteralmente in bocca ogni volta che era il loro turno, ma vennero tutti ben presto, troppo eccitati com'erano per lo spettacolo a cui avevano assistito in precedenza. Come minacciato da Lucio le sborrarono tutti in faccia, coprendola col loro sperma, che per puro caso non cadde anche sugli occhi di Marilena, che da parte sua continuava a spompianare chiunque si trovasse davanti, facendo così tornare duri i membri dei maschi.
”Allora bastardi volete un altro giro di pompini e seghe o iniziate a scoparmi ?” disse Marilena che ormai voleva solo esser presa da chiunque la volesse fottere.
“Sei proprio una zoccola.” le rispose Michele sdraiandosi a terra “Dai mettitelo nel culo, non credo che debba spiegarti come si fa.”
La donna si accucciò sopra il pube dell'uomo per poi infilarsi da sola il membro nel posteriore, ben aperto in precedenza dalle altre donne aspettando che qualcun la scopasse nella fica. Lucio invece aveva ben altre idee, si mise fra le sue gambe ed aspettò che metà del pene di Michele fosse fuori per poi sovrapporgli il suo, quindi entrò anche lui nel culo di Marilena.
“Noo due insieme no ! Così mi spaccate sul serio !”
“Che qualcuno tappi quella fogna di bocca col suo cazzo !” imprecò Barbara che si stava masturbando con Sabrina usando un fallo doppio
“Pietà così mi fate solo male...” continuò ad implorare Marilena.
“Non eri tu che volevi esser scopata ?” le urlò in faccia Lucio “E non provare a toccarti la fica sennò ti scanno.”
“E mentre ci sei leccami le palle.” le disse Giorgio mettendole i testicoli sopra la bocca. Nessuno dei presenti sapeva che Marilena, pur amando il sesso anale, non era capace di avere un orgasmo senza almeno stimolarsi la passera. La donna provava si piacere, ma il non raggiungere l'apice era per lei una tortura d'indicibile violenza.
Gli uomini s'alternarono fra il suo culo e la bocca facendo spesso cambiare posizione alla donna. Lucio era sicuramente il più violento nel sodomizzarla, anche perchè non le faceva mai mancare qualche schiaffo sul culo o sul seno secondo come era messa Marilena. Pietro invece preferiva scoparla in bocca tappandole ogni tanto il naso per farla soffrire ancora di più.
Quando gli uomini sentirono che stavano tutti per venire, s'avvicinò a loro Elena che ammanettò Marilena mettendole i polsi dietro la schiena, poco prima che questa fosse raggiunta dalla seconda ondata di sperma in faccia. Subito dopo Elena liberò Marilena, ma solo per poterla legare ad una sedia in modo che non potesse toccarsi in alcuna maniera, e dare inizio ad una piccola orgia in cui ogni donna scelse un compagno diverso da quello con cui era arrivata.
La padrona di casa prese Giorgio al quale fece tornare duro il cazzo con la sua sapiente lingua, prima di cavalcarlo Fabiola iniziò con un lungo sessantanove con Lucio il quale la prese da sopra sino a venirle sulla pancia.
Barbara e Sabrina invece si sistemarono carponi sul divano per spompinare prima i loro occasionali compagni, e poi farsi scopare mentre si baciavano e toccavano a vicenda. Pietro e Michele da parte loro si cambiarono la donne, fottendole entrambe sia nella fica sia nel culo prima di venire fra le labbra delle due nuove amiche.
Elena e Pietro offrirono quindi da bere ai loro invitati, senza prendere in alcuna considerazione Marilena la cui voglia d'orgasmo era ormai incontenibile, prima che questi lasciassero la villa molto soddisfatti di come era andata la serata.
Elena liberò quindi la sua vittima e la condusse in bagno.
“Lavati la faccia che sei uno schifo !”
“Non potresti lasciarmi sola ?”
“No perchè sennò ti fai subito un ditalino, e voglio esser io a farti godere.”
Marilena si tolse la mascherina per guardarsi allo specchio, il suo volto era ricoperto di sperma secco, sembrava un'attrice porno appena uscita da un film di bukkake, e si sentì senza più dignità, ma allo stesso tempo aveva voglia di sesso e soprattutto per quanto le sembrasse impossibile, di Elena. Così si lavò il viso e parte del corpo con l'acqua calda, sino a quando non si sentì pulita, poi fu presa per mano da Elena che la riportò in salotto dove l'aspettava Pietro.
“Vi lascio sole.” disse inaspettatamente l'uomo “Sono sicuro che saprete cavarvela da sole.” In realtà appena fu in camera accese il sistema di videosorveglianza, per gustarsi in pace lo spettacolo delle due donne, che era certo sarebbe stato di notevole spessore. “Sdraiati sul tavolino.” ordinò Elena “Col culo sul bordo e le cosce aperte.”
Marilena obbedì senza alcuna esitazione, e subito dopo che si fu sistemata sul piccolo tavolo Elena s’inginocchiò fra le sue gambe ed iniziò a leccarne l'interno.
“Mm mi fai impazzire.” genette Marilena “Ti prego fammi godere fino in fondo.”
“Non ci penso neanche.” le rispose Elena “Godrai solo quando lo vorrò io, prima devi implorarmi di sbatterti.”
“Scopami allora, buttami dentro ciò che vuoi ma fallo adesso!”
Elena continuò a leccarle intorno alla passera, fermandosi solo per darle dei piccoli schiaffetti sul sesso, e tirarle dolcemente le grandi labbra con i denti. Poi si mise sopra Marilena nel più classico dei sessantanove tenendo ben aperta la fica.
“Leccamela, devo essere ben calda per scoparti.”
Marilena non era lesbica, ma mise tutta la sua voglie nel leccare quella passera, fece passare più volte la lingua nello spacco prima di succhiarle il clito e bere tutti gli umori che le arrivavano in bocca. Quando Elena s'alzò fu per indossare nuovamente lo strap-on, chiuse la bocca della donna con la sua, e la penetrò completamente senza alcuno sforzo.
Marilena ebbe un orgasmo sconvolgente che la lasciò a lungo senza fiato, ma subito dopo ne ebbe un altro forse ancor più violento, e poi altri senza alcuna sosta.
Elena la scopava ora con amore, ora con più forza, baciandola in bocca e leccandole il collo, come se volesse a modo suo sdebitarsi per quello che le aveva fatto passare poco prima. Si fermò solo quando vide Marilena senza più forze, ma appagata come forse non lo era mai stata prima.
“Ora vestiti e torna a casa tua, dammi solo il tempo di prendere la tua busta.”
Marilena si rivestì con calma anche perchè i suoi movimenti erano lenti essendo esausta, ma quando fu pronta e vide Elena con la busta contenete le sue foto ed i video, si ricordò perchè era iniziato tutto, ed ebbe un attimo di vergogna.
“Cosa c'è ?” le chiese Elena “Ti senti male ?”
“No sto bene. E' che non so come ringraziarti, grazie a te ho capito che stavo sbagliando tutto, in fondo la tua punizione mi ha fatto bene. Anzi ti dirò di più, voglio che tu tenga quella busta e che me la mostri se farò qualche cazzata. Ma anche perchè esser ricattata da te non è poi malaccio, anzi...”
Elena la strinse fra le braccia e l'accompagno alla porta parlottando a bassa voce, poi le diede un lungo bacio in bocca e la fece uscire dalla villa.
“Hai capito la signora !” pensò fra se mentre andava in camera “Ho come l'impressione che prima o poi la rivedrò, e non certo al centro benessere ...”



Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
/>

Questo racconto di è stato letto 2 2 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


bdsm storieeroti raccontia 69 racconti eroticiculi rotti raccontisauna raccontiannunci69.it raccontiracconti erotici piediniracconti piccanti gratisracconti transessualiracconti gratis gayletture erotiche gratisracconti zoofiliracconti wroticistorie di feticismoracconti erotici tra mamma e figlioracconti erotici con animalistorierotichescambio coppiaracconti per adultierotica raccraccont eroticstorie dincestoi racconti pornoracconti pormoprime esperienze di sessoracconti scambistiracconti erotici crossdresserracconti omoeroticistorie eroticastorie ornoracconti erotci 69storie pormoannunci69raccontiracconti eroticjertici raccontiracconto porno gratisracconti erotici in pubblicostorielle pornoracconti erotici miluraccnti pornoculo rotto raccontircconti incestoracconti hard realiinculata da cavalloracconti di una schiavasesso a tre bisexracconti dominazione transraccont eroticracconti erotici animaliracconti coukoldstorie eroticherac erotstorie vere di incestoracconti erotici gangbangracconti piccantiracconti gaustorie di e per adultiracconti gratis di sessostorie miluracconti porno la prima voltaincesto con mia ziastorie fetish piedieracconti eroticia69 racconti eroticistori eroticheracconti erotici sesso a treincesto italiano padre figliaracconti erincesti con nonnestorie sadomasoraqcconti eroticiracconti prima volta sessoracconti erotici mracconti eoticisesso trioracconti analegenere racconti eroticiraccontierotici.itstorie di chiavatewww.racconti-erotici.itraccontiosestorie transyoutube racconti eroticierotici racvontiracconti fetish piediracconti reali gayuna zia porcaconfessioni erotiche reali