Elena e Pietro - Cap. 3 - seconda parte

Scritto da , il 2019-05-21, genere trio

Elena voleva continuare quella discussione quando udì il battito delle mani dietro di lei, si voltò e vide una donna notevolmente alta, e di una bellezza rara. Nonostante non fosse più giovane, la padrona di casa aveva un fisico che le invidiavano parecchie ragazze, portava i lunghi capelli biondi raccolti in una coda che le arrivava a metà schiena. Anche se era vestita in maniera molto sobria, camicetta bianca e gonna nera, era veramente sensuale tanto da sprizzare sesso a ogni suo passo.
“Ragazze lasciateci sole, è giunto il momento che sia io a occuparmi di lei.” disse con tono asettico e monocorda.
Jana aiutò Petra ad alzarsi, e senza dire nulla lasciarono la stanza, mentre Elena si era alzata in piedi.
“E tu chi sei ?”
“Daria e credo sia il caso che ti tolga quell'inutile body, visto è bagnato fradicio.”
Elena non poté che costatare che le parole dell'altra donna corrispondevano al vero, così si sfilò il body rimanendo con le sole calze.
“Ho visto che sei una donna calda e passionale.” continuò Daria “Ora ti farò provare qualcosa di diverso e forte allo stesso tempo. Sappi che non ti farò alcun male e che sei libera di andartene quando vuoi.”
“Con tutta la curiosità che mi hai messo addosso, non vedo perchè dovrei andarmene.” rispose sorridendo Elena.
“Allora sdraiati a pancia sotto sulla chaise-longue, allungando le mani verso la testa della sedia.”
Elena trovò molto comoda quella poltrona così particolare, apprezzando l'abbondante imbottitura che quasi si modellava sotto il suo corpo. Una volta sistematasi Daria le legò blandamente le mani dietro lo schienale, chiaro segnale di una dominazione più mentale che fisica, per poi indossare un lungo paio di guanti in lattice che le arrivarono un po' sopra il gomito. In silenzio prese l'olio caldo e ne verso parecchio fra le natiche di Elena che trovò molto gradevole quel contatto, facendo in seguito scorrere una mano fra il buchino e la fighetta, quasi sfiorandola con la punta delle dita. Quando Elena sentì un dito forzarle l'ano credette si trattasse di un dolce preliminare, ed inconsciamente spinse il culo in fuori come per facilitare il compito alla padrona di casa. Ma questa ben presto aggiunse un altro dito, e poi un altro ancora ed infine un quarto, aprendo quasi del tutto lo sfintere di Elena, che cominciò a sentire oltre al piacere un discreto dolore.
“Daria così mi fai male, cosa vuoi sfondarmi come una troia ?” protestò anche se con poca convinzione Elena.
“Questo non è ancora nulla, ma stai tranquilla che godrai come non ti è mai successo.” le rispose Daria versando altro olio appena sopra l'apertura anale ormai aperta.
Muovendo le dita con maestria, Daria le fece entrare tutte e cinque, arrivando a penetrarla sino al polso, mentre Elena gemeva sempre più forte fra sofferenza e piacere. Una volta che la mano fu dentro il culo di Elena, Daria cominciò a muovere di poco le nocche e ruotare il polso di quasi mezzo giro.
“Sii godoo !” urlò alla fine Elena “Non ho mai provato una cosa del genere ma è fantastica … ti prego toccami la fica … voglio godere … ti supplico fammi venire.”
“A quello penserà chi verrà dopo di me.” rispose freddamente Daria “Intanto godi col culo, e non dirmi che non ne sei capace.”
Elena capì che sarebbe stato del tutto inutile continuare con la sua richiesta, così si concentrò su quello che aveva, e che non era di certamente poco. La mano di Daria le sembrava pulsarle dentro annullando ogni forma di dolore, e le sensazioni che stava provando erano di gran lunga le più forti mai sentite. Era un mix di piacere, di sentirsi usata e umiliata, ma anche di completezza come se quello fosse l'ultimo livello del suo essere porca.
Solo quando fu scossa dall'orgasmo lasciò liberi tutti i suoi pensieri e si lasciò andare urlando il suo piacere. Daria lasciò la mano per un po' dentro di lei, prima di sfilarla molto lentamente per poi togliersi i guanti e sfiorarle la fica.
“Ora pensiamo a questa, ma non sarò io a farlo, ma lui.”
Elena si girò e vide un uomo coperto da una specie di saio aperto sul davanti, con una maschera che ne celava il volto. Questi senza dire nulla si mise dietro di lei, e con un forte colpo di reni, la impalò facendole entrare nella fica quasi tutto il suo grosso cazzo.
“Sii finalmente ! Voglio godere !” urlò Elena che non desiderava altra che sentirsi la passera piena.
“Se vuoi che ti scopi devi dirlo, ma con altre parole.” le disse Daria ridacchiando.
“Dai fottimi bastardo, voglio essere la tua troia, dammelo tutto … ora !”
L'uomo iniziò a scoparla come una bestia, affondando il suo randello con brutalità animalesca, tirando la donna a se per i capelli, ma sempre mai dire una parola. Parole che invece uscivano in continuazione dalla bocca di Elena
"Ancora ... dai bastardo scopami più forte ... o non hai mai visto una fica come la mia ? Devi sbattermi non stare a guardare, voglio godere finocchio che non sei altro !"
Anche se non si poteva certo dire che stava tenendo un ritmo blando, il maschio infilò due dita nella fica della donna, sovrapponendole al suo pene, per farla godere di più.
"Così sì così, così mi piace di più. Peccato che tu sia da solo perchè mi farei scopare da un esercito !"
Elena ebbe altri due orgasmi, uno più violento dell'altro, e l'ultimo fu poco prima che anche l’uomo arrivasse al capolinea. Allora lui s'alzò e dopo averle liberato le mani, le ficcò con forza il membro in bocca, riempendogliela subito di sperma.
Proprio mentre Elena si stava gustando quel caldo nettare, il suo occhio cadde su un foruncolo che l'uomo aveva vicino all'ombelico, bloccandosi all'istante.
"Pietro !" disse la donna in preda al panico.
L'uomo allora si tolse la maschera e la guardò in maniera beffarda.
"E chi credevi che fossi Babbo Natale !"
"Ma ... ma tu ... allora sei stato tu a ..."
"Certo amore, ti vedevo nervosa e così ho organizzato questo incontro. Jana e Petra le ho trovate in rete, e sono state subito entusiaste all'idea di farsi una vecchietta come te. Daria invece è una vecchia amica che dopo esser rimasta vedova ha scoperto la sua indole da Mistress. Ora però non dirmi che ti vergogni per quel che m'hai detto mentre ti scopavo, so che non erano parole vere, in realtà volevi solo del gran cazzo, come del resto è tua abitudine." concluse sorridendo.
"Oh amore, sei il marito migliore che una donna possa desiderare. Tu e le tue amiche m'avete distrutta, ma ho goduto tantissimo e lo devo solo a te."
I due si baciarono teneramente come due ragazzi al loro primo amore, rimanendo poi a parlare in maniera innocente.
Solo quando s’avvicino loro Daria si ricomposero un po', e dopo qualche parola con la padrona di casa si rivestirono per tornare a casa. Elena riuscì solo a rimettersi il vestito, ma del resto era davvero molto provato, dopo aver avuto quella serie interminabile d’orgasmi.
"Sai amore credo proprio che oggi abbia imparato qualcosa." disse la donna mentre tornavano alla loro villa "Certo mi piace il sesso saffico, con due come quelle poi ha ancor più fascino, ed anche quel po' di dominazione che è come il pepe ben dosato in un piatto. Ma quello che mi fai sentire tu non ha pari, sei davvero una fonte inesauribile di piacere."
"Cara sono io ad esser fortunato ad avere una donna come te, a cui piace mettersi in gioco, e diciamo anche che alla fine preferisce sempre il marito !"
La coppia si mise a ridere a lungo, certamente non avrebbe dimenticato quella giornata così particolare in fretta, ma poi un pensiero venne alla mente d'entrambi senza che però nessuno dei due osasse confessarlo all'altro.
"Ma cosa mi devo aspettare la prossima volta ?"


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
/>

Questo racconto di è stato letto 3 4 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


ra cconti eroticiracconti porno fantasiestorie sexyracconti gay sadomasoracconti porno animalstorie di sesso amatorialiraconti eroticeporn raccontiio miluracconti gay pornmi ha sborrato nel culostorie fetishstorie erotiche vereracconti erotici con animaliracconti piccantissimiracconti moglie zoccolaracconti slavestorie eotichesissy maid raccontiracconti pprnofilm scambio di mogliracconti porno con animalichiavo mia madreracconti erotici.itwww.racconti-erotici.itero raccontiracconti69genere dei racconti eroticiracconti erotici dottoressaerotici racconrivicine di casa troieracconti di tettepaola traveroticiracconyiracconti erotici vereultimi racconti pornoracconti erotici adultifaccio sesso con mia suoceraracco ti eroticiracconti porno zoofiliaracconti schiavi gayracconti 69 incestoraccontierotistorie erotiche miluraconti erotici gaydonna che scopa con cavalloracconti addio al nubilatorita gaudentecuckold sottomessiincesti storie vereracconti a69libri erotici onlinetorie pornostorie sesso incestoracconto porno gratisstorie sesso incestoprime esperienze di sessoracconti erotici scambio coppiaracc69racconti erotici tettoneraccinti gayil mio primo ingoioracconti efoticicrossdresser romaraccnti eroticiracconti gay freeracconti erotici softzia porcellinaraccomti miluracconti erotici mnonno scopa nipote gaystorie pormoracconti ercornuto in vacanzaracconti erotici porcaracconti tranracconti sexsiracconti di massaggi eroticiincesto madre figlio racconti