I Nuovi Pony - #1

Scritto da , il 2019-05-20, genere bondage

Non potevo credere a quello che era successo, non potevo proprio.
Doveva essere solo una festa in discoteca, la mia prima, a quasi vent’anni, per me che odio quell’ambiente.
E invece il disastro: la musica a palla, il troppo alcool, forse con qualche strana roba sciolta all’interno, e non ci siamo neanche conto di quel che stava succedendo.
Neanche ricordo molto, solo che mi sono sentito una piccola puntura sul collo e poi qualcosa in testa, un sacco, probabilmente.
E poi il nulla.

Mi sono svegliato qui, in questa che sembra una stalla, e sto cercando di recuperare coscienza di me.
Cerco di muovermi ma nulla, l’ansia sale, provo a gridare ma qualcosa me lo impedisce, mi dimeno, scalcio... Alla fine la paura mi schiarisce la mente e mi rendo conto di cosa mi bloccasse: ero legato ed imbavagliato.
Non riuscivo a vedere perbene cosa mi bloccasse, ma dovevano essere due manette di cuoio, poste all’altezza dei polsi e dei gomiti, dietro la mia schiena. Ad imbavagliarmi, invece, ci pensava una bit gag metallica, con i laccetti anch’essi di cuoio che la saldavano dietro la mia nuca, passando anche sopra la mia testa e fra i miei capelli arruffati.

Stavo per concentrarmi su cosa mi tenesse bloccato le gambe quando la vidi: la mia migliore amica, Laura, a pochi passi da me.
Non avrei immaginato di pensarlo in quella situazione, ma era una bomba di erotismo e sensualità: anche lei con le braccia legate, anche se in modo diverso dalle mie, con le manette dei polsi collegate ad una ad una a quelle ai gomiti, per tenerle le braccia conserte dietro la schiena, collegate a loro volta ad un collare di pelle (che, a quanto pare indossavo anche io).
Questa particolare posizione metteva in risalto i suoi splendidi seni, una quarta piena sodissima dai capezzoli turgidi e perfetti, che qualcuno avrebbe definito “rifatta”, non sapendo che quel ben di Dio è tutta opera di Madre Natura. Ci misi più di qualche attimo, perso in quella visione, a notare due piccole catenelle che scendevano dal suo collare, terminando in due pinzette che le stringevano proprio quei meravigliosi capezzoli.
Anche lei aveva in bocca una bit gag metallica, da cui scendeva un corposo filo di saliva che andava irrimediabilmente a lucidarle i seni.
Indossava ancora i tacchi a spillo della sera prima, che risaltavano i suoi piedini divini ma che dovevano essere davvero scomodi in quella situazione... Quella visione mi stava davvero eccitando, quando sentì un fortissimo dolore nelle mie parti intime. Mi piegai per quanto potei, colto da quell’orribile sensazione e la vidi: indossavo una cintura di castità metallica, grande abbastanza da permettere al mio pene in riposo di starci quasi senza problemi, ma decisamente troppo piccola per ospitare un’erezione. Il mio glande pulsava contro la sua prigione, provocandomi scariche intense di dolore. Provai ad urlare, ma di nuovo la bit gag me lo impedì, costringendomi a lasciar cadere una gran quantità di saliva sul mio corpo.
Finalmente mi resi conto di cosa mi teneva bloccato: una catena grossa e molto resistente partiva dal pavimento fino a collegarsi ad un anello posto attorno ai miei testicoli e collegato alla mia cintura di castità, mentre un’altra catena scendeva dal soffitto e si agganciava ad un gancio anale metallico, una specie di uncino terminante con una sfera, infilato nel mio culo: non me n’ero reso conto fino a quel momento, sarà forse perché comunque avevo avuto delle esperienze anali con strapon di varie dimensioni, o forse perché ancora intontito.
Per Laura le cose erano leggermente più diaboliche: dal pavimento partivano più catene sottili, che si collegavano i quattro piercing vaginali che aveva. Dovevano essere un inferno, per lei, in quel momento.
Al soffitto, invece, era assicurata anche lei con quel gancio anale. “Quello le piace sicuro”, pensai fra me e me, ricordando quanto lei mi raccontasse di amare il sesso anale e provocandomi un’altra scarica di dolore dovuta ad un principio di erezione.
Neanche mi resi conto che stava piangendo...

In quell’esatto momento, le porte in legno della stanza si aprirono.
Entrarono due omoni, portando con loro due lunghe casse, quasi delle bare. Si avvicinarono uno a me e uno a Laura, ma si fermarono così, sull’attenti.
Spostai lo sguardo e vidi un’altra figura entrare, una donna, anzi, una bellissima donna, a giudicare dalle sue forme: non doveva avere più di 40 anni, mora, avvolta da un abito da sera nero molto aderente e con dei vertiginosi tacchi che la rendevano più imponente di quel che già era (doveva essere alta intorno al metro e ottanta, senza scarpe).

“Okay, preparateli.” Furono le sue uniche parole, prima di girarsi e uscire dalla stanza.

[Continua...]

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici costrettami sono scopato mia suoceraraccontigayracconti sissyrecconti eroticiracvonti eroticiracconti pornograficoraacconti eroticiracconti eroyicisuocere scopate dai generiracconti porno erotici gratisracconti sexy gratisracconti mamme troieracconti porno incestiracconti erotiviracconti sottomissionescambio di coppia forumraconti lesboracconti porno stuproprima esperienza cuckoldracconti schiaveerotci raccontii generi raccontiraccontu eroticiracconti piedi femminiliil culo rotto di mia moglieracconti erotici mcontatti eroticiracconti erotiviracconti porno cuckoldlink eroticiracconti erotici fistingracconti gay padre e figlioerotici raccpntiraccont pornoracconto gayracconti erotici di tradimentoincesti lesbiciracconti miliracconti dominazione gayracconti sesso animaliracconti storie eroticheracconti maturi gaymistress raccontiracconti erotici69raccotni eroticicognata provocanteracconti reali di incestiporno italiano raccontiil culo della nonnaracconti visita medicaracconti veri incestiracconti erotici campeggioinculata in cantinaracconti cinema pornoi generi di racconti gayracconti incesto madre e figliostorie feticisteracconti lussuriosiracconti erotricicuck storieacconti pornoraccontidisessoracconti erotici caniracconti erotici prime volteho chiavato mia madreconti eroticiracconti erotici analistorie spinteracconti erotici suppostaracconti spintiracconti eorticitacconti pornoracconto erotracc di miluracconti milistorie di mogli troiescoparsi la vicinaracconti analiculo raccontiracconti erotici nuoremamma scopa figlio racconti