Il Regno Oscuro - Capitolo 4

Scritto da , il 2019-05-16, genere dominazione

- Che cosa dicono le tue maledette rune? - Anya era particolarmente nervosa quel giorno. Camminavano ormai da più di una settimana, e ancora non avevano trovato una vergine di oltre vent’anni.
- Siamo prossimi. La vergine dovrebbe essere in quel villaggio - rispose Clotilde indicando un paesino poco distante, lungo la strada.
Anya sbuffò e afferrò una borraccia appesa alla sella del suo purosangue. Senza aggiungere altro la aprì e ne bevve avidamente il contenuto. L’acqua fresca rinfrescò la sua gola arsa dalla fatica. Uno strano retrogusto le ritornò però in bocca, quando ebbe finito il suo lungo sorso.
- Hai fatto bene a prendere una nuova borraccia, però quest’acqua fa schifo - sentenziò Anya rivolta alla stregona.
- Nuova borraccia? - domandò Clotilde osservando ciò che l’eletta teneva tra le mani - Ma quella non l’ho presa io. Non è mia
Le due donne si guardarono interdette per diversi secondi. La borraccia era spuntata così, dal nulla. Forse era stata appesa lì durante la notte da qualcuno. Forse proprio mentre, distratte camminavano. Evidentemente c’era qualcosa che non andava. Anya non parlava più. Si limitava a guardare la borraccia, ad annusarne il contenuto.
- Beh, comunque sembra acqua
- Ci hanno fatto un regalo secondo te? Probabilmente è avvelenata! Conosco un incantesimo che può scoprirlo e individuare il tipo di veleno! Ma devo avere tranquillità per farlo
Proseguirono quindi lungo il sentiero, dirette al villaggio davanti a loro. Accelerarono il passo e si infilarono nella prima locanda che incontrarono sul loro cammino. Una cameriera sorridente le accolse. Non si prodigarono in convenevoli le due ma, piuttosto sbrigativamente, chiesero una camera e, subito, vi si chiusero dentro. Clotilde aprì la finestra per far entrare gli ultimi raggi del sole del tardo pomeriggio. Anya si stese sull’unico letto di paglia che occupava la stanza. La stregona quindi prese la borraccia e iniziò a recitare una cantilena, sedendosi al suolo. Da una scarsella di cuoio estrasse una piccola polverina che gettò nell’acqua. Continuò la litania per ancora diversi minuti. Anya sul letto iniziava a preoccuparsi sul serio. Il suo colorito era molto pallido.
- Mostrami ciò che quest’acqua cela - con queste parole Clotilde terminò la litania e versò l’acqua sul pavimento. Quindi fissò gli occhi nella piccola pozza che si era così creata e le pupille le si ribaltarono. Rimase in trance per diversi minuti, prima di riprendersi.
- Cosa hai visto? - la incalzò Anya.
- Ho una brutta notizia, una buona e una così e così - rispose la Stregona - La brutta notizia è che l’acqua è avvelenata in effetti. Si tratta di veleno nero, l’unico esistente che non possiede un antidoto, in quanto si tratta di un veleno magico. Morirai entro domani. Prima inizieranno dei violenti crampi allo stomaco. Poi la sensazione che qualcosa ti stia divorando dall’interno. A questa sensazione si aggiungerà un forte calore che avvolgerà le tue estremità. Il calore aumenterà finché non avrai la sensazione che le tue mani e i tuoi piedi siano a diretto contatto con una fiamma viva. Ti sembrerà di bruciare, di ardere piano piano, mentre dal tuo interno l’acido continuerà a consumarti. Poi i tuoi occhi si gonfieranno e…
- Si d’accordo ho capito! - la interruppe bruscamente Anya - Dimmi la buona notizia
- Si può fermare l’effetto del veleno se si uccide colui che lo ha evocato. In questo caso è l’Imperatore
- Ma non riuscirò mai ad uccidere l’Imperatore entro domani!
- Si, qui viene la notizia così e così - proseguì Clotilde - Per la creazione del veleno è necessario un catalizzatore, un liquido qualsiasi da mescolare insieme agli altri ingredienti. Questo stesso liquido permette al veleno di diluirsi nell’organismo. In pratica se ingerirai una buona dose di catalizzatore, l’effetto del veleno verrà rimandato di un giorno. Ti basterà insomma assumere una dose del catalizzatore ogni giorno per rimandare l’effetto fino a che non avrai ucciso l’Imperatore
- Ma è perfetto! - Anya sembrava aver ripreso colorito a questa notizia - E tu sai qual è il liquido che l’Imperatore ha usato per creare questo veleno?
- Si - ammise Clotilde - Si tratta di sperma
- Sperma? - l’eletta trasalì - Devo bere un po’ di sperma ogni giorno per non morire?! Quell’Imperatore è un sadico bastardo
- Dovresti cominciare da subito in effetti
- Perfetto! Va nella sala della locanda, trova qualcuno disposto a farselo succhiare e portalo qui
Clotilde sbuffò. Non le sembrava giusto dovesse essere lei a svolgere questo tipo di lavoro. Tuttavia non osava contraddirla, non voleva indisporla oltre. Sapeva che quello del veleno era un duro colpo da digerire. Uscì dalla camera senza fare domande. Tornò nemmeno cinque minuti dopo con un ragazzotto con la faccia da scemo e i capelli spettinati.
- Cavolo! Dicevi sul serio allora! esclamò entusiasta il ragazzo quando, entrando, vide Anya stesa sul letto a cosce aperte, con la figa ben visibile sotto il gonnellino di ferro dell’armatura che davvero poco concedeva all’immaginazione.
- Forza Anya! Succhiaglielo - disse Clotilde mentre il ragazzo già si era abbassato i pantaloni tirando fuori un membro nella norma, ma già duro da scoppiare. La sua cappella era rossa e sembrava per esplodere. I suoi testicoli erano gonfi, pieni di seme. Chissà quanto tempo era che quel ragazzo non vedeva una donna, semmai l’aveva vista.
- Io? No Clotilde. Succhiaglielo tu - l’ordine di Anya era perentorio, con quella faccia, quella che la stregona aveva imparato a conoscere, la faccia da porca che non ammette risposte negative.
- Ma sei tu che devi bere - si lamentò Clotilde, conscia che tuttavia non avrebbe potuto disubbidirle.
- Infatti la berrò io. Tu devi solo procurarmela - continuò l’eletta - Ah, e prima spogliati.
Davanti lo sguardo estasiato del ragazzo, Clotilde si sfilò la sua ruvida tunica, mostrando, al di sotto di essa, il suo corpo nudo. Così dolce ed esile risultava il figurino della ragazza, la sua pelle così candida si macchiava qua e là di rosse irritazioni dovute al tessuto grezzo e ruvido della tunica, che non le concedeva tregua. I suoi seni appuntiti presentavano qualche spruzzo di lentiggine, che si presentavano come sul suo volto. Senza aggiungere altro, Clotilde si inginocchiò davanti al ragazzo, afferrò il suo membro duro a metà dell’asta e con decisione abbassò la pelle. Arrivò, così tirando, fin giù alla base del pene. A quell’altezza mantenne la mano, tenendolo ben stretto alla base. Con una certa esperienza si sputò sull’altra mano e con le dita insalivate iniziò a giocare con la cappella gonfia e rossa. La mano si strinse intorno a quest’ultima e iniziò a muoversi rapidamente su e giù, ruotando anche il polso per aumentare le sensazioni.
Anya osservava la scena sorridendo, stesa sul letto. Con una mano si massaggiava il clitoride, solleticandolo e stuzzicandolo lentamente. Osservava Clotilde. Sapeva che la ragazza era tanto brava con le mani e con la lingua. In fondo era anche merito suo. Al suo paese dicevano che le rosse erano delle amanti focose.
La stregona non si curò di Anya che si masturbava guardandola. Dopo aver giocherellato un po’ con la cappella fece scendere la mano sull’asta e lì continuò a massaggiare il membro, mentre l’altra mano ancora teneva fermo alla base lo stesso, tenendolo ben teso. Subito le sue labbra si allargarono e si chiusero intorno al glande, succhiandolo con incredibile maestria. Impiegava molta saliva nell’operazione, col risultavo che diversi rivoli colavano lungo la lunghezza del cazzo, raccolti subito dalla mano che rapidamente saliva e scendeva, lubrificandosi ancora di più. Le labbra della ragazza scesero fino a metà dell’asta, per poi risalire rapidamente fino alla corona del glande. Quindi riscendeva ancora e ancora risaliva. Il ragazzo gemeva sempre più forte mentre subiva quel trattamento e guardava Anya masturbarsi sempre più velocemente, giostrare le sue dita sul proprio clitoride con sempre maggiore rapidità. Alla fine il ragazzo venne, senza nemmeno avvisarla. Clotilde sentì il primo schizzo quasi in gola. Gli altri le si depositarono sul palato e, rapidamente, le riempirono tutta la bocca. Quel poverino aveva nei testicoli una quantità incredibile di seme. Gli schizzi durarono diversi secondi, che alla stregona sembrarono infiniti. Alla fine lentamente si tolse il pene di bocca. Le sue labbra erano gonfi tanta era la quantità di sperma che le era stato riversato. Rapidamente si alzò e si inginocchiò accanto al letto, porgendo le proprie labbra a quelle di Anya. Quest’ultima aprì la bocca verso l’alto, e Clotilde aprì a sua volta le proprie labbra, facendo scorrere pian piano un rivolo di seme e saliva. Il ragazzo osservò sconvolto la scena. La rossa, nuda, inginocchiata davanti a quella che sembrava una guerriera con le cosce spalancate, intenta a versarle in bocca tutto il seme che, poco prima, ella aveva ricevuto da lui. L’operazione durò non poco. Clotilde continuava ad allargare le sue labbra dosando bene la quantità di sperma da riversare nella bocca dell’altra. Quando ebbe finito l’eletta chiuse la bocca e ingoiò tutto, senza fare una piega.
- Ahh! - pronunciò alla fine, come se si fosse dissetata - Ora va meglio e tu esci subito di qui
Il ragazzo subito rimise il pene nei pantaloni e, ringraziando, uscì. Anya ora guardava Clotilde con uno sguardo che non presagiva nulla di buono. La stregona lo sapeva. Questa era stata una umiliazione per l’eletta, una umiliazione che avrebbe dovuto scontare lei. Sicuramente non era finito il suo lavoro di lingua per quella sera ma, anzi, sarebbe diventato ancora più insostenibile ciò che già normalmente l’eletta la costringeva a fare.
- Già sai cosa devi fare vero? - le domandò infatti Anya - Sei fortunata, già mi sono molto eccitata guardandoti succhiare il cazzo di quel pisciasotto
Clotilde senza protestare si inginocchiò ai piedi del letto e affondò subito le sue labbra sul clitoride di lei. Era davvero già molto bagnata, infatti subito le entrarono tre dita nella figa. Iniziò a leccargliela con la punta della lingua, per poi agira di piatto. Stuzzicava il clitoride mentre con le dita praticamente la scopava. Il sapore di Anya era ormai ben noto, ma quella sera si mescolava con lo sperma appena ricevuto. Gli umori della guerriera colavano copiosi tra le sue cosce, bagnando perfino le guance di Clotilde ogni volta che Anya stringeva le cosce. Improvvisamente sentì una mano stringerle i capelli, alla nuca. Con quella mano l’eletta iniziò a spingerla forte sopra il proprio sesso, facendole quasi mancare il fiato. A quella pressione si unì pochi secondi dopo quella delle cosce. Le sentì stringersi attorno alla sua faccia. Anya stava già venendo. Gli umori colarono ancora più copiosi.
- Ahhhh - con un urlo liberatorio finalmente l’eletta raggiunse l’orgasmo. Clotilde, come ormai aveva bene imparato, tolse semplicemente le dita dal sesso di lei, ma continuò a leccarla. Si aspettava da un momento all’altro l’ordine di smetterla, oppure di essere malamente spinta via. Eppure passarono diversi secondi e ciò non accadde. Improvvisamente sentì uno strano sapore sulla lingua, ed un calore umido riversarsi sul suo volto. Anya le stava urinando in faccia, mentre ancora la stava leccando. Clotilde sentì l’urina scorrerle addosso il corpo nudo, lambirle i seni e gocciolare giù dai capezzoli. Non si era mai sentita così umiliata in vita sua, eppure non smise di leccarla. Non durò molto, ma alla stregona sembrò non finire mai. Quel sapore sulla lingua, quel calore sulla pelle. Il sorriso da porca e da maniaca sul volto di Anya, che la guardava soddisfatta. Quando ebbe finalmente finito la afferrò di nuovo per i capelli e le mosse la testa su e giù, in modo che la lingua passasse bene su tutto il suo sesso, come se la usasse per ripulirsi. Quindi, come al solito, le poggiò la pianta del piede sul volto e la scacciò via. La spinse a terra. Appagata e serena si girò su un fianco e si addormentò.
Clotilde si guardò intorno. Non vi era un altro letto nella stanza. Prese la sua ruvida tunica e ne fece un cuscino. Si sdraiò a terra, nuda e bagnata di urina, e cercò di addormentarsi.

Alba aprì di colpo gli occhi. Era nel suo letto, con la sottoveste alzata e la mano tra le cosce. Le sue dita stavano martoriando insistentemente il clitoride mentre la sua vagina grondava umori. Aveva avuto un altro dei suoi sogni erotici. Ancora una volta era stata la cagna del suo Padrone che però si limitava a sfiorarla, a toccarla, senza darle piacere. Senza usarla per darsi piacere. Si stava ancora riprendendo dalla ventata di eccitazione quando si rese conto che sua sorella, Giada, la stava guardando. Era in piedi, in mezzo alla stanza, e la guardava sorridendo divertita. Alba cercò di ricoprirsi come meglio poteva, ma sapeva che ormai era stata colta in fragrante.
- Cosa vuoi? Cosa guardi? - domandò Alba una volta ricopertasi.
- Mi sembra di vedermi nello specchio! Sai siamo proprio uguali. Abbiamo anche la stessa faccia mentre godiamo. Solo che tu hai i capelli più corti, io queste bellissime trecce
- Non è vero! Non stavo facendo niente
Giada le si sedette vicino, sul letto, e le carezzò i capelli delicatamente.
- Guarda che ti sento gemere ogni notte, nei tuoi sogn! Da quando quei soldati mi hanno presa e mi hanno scopata con violenza, mentre tu eri nel baule, te lo ricordi?
- Smettila. Non è vero! insisteva Alba.
- Invece si. Da quel giorno non fai altro la notte. Fai sogni bagnati ed eccitanti, perché non ti confidi con la tua sorella gemella?
Alba cercò di nascondere la testa sul letto, per la vergogna. Giada impietosa infilò una mano sotto la veste della sorella, intrufolandosi tra le sue cosce, saggiando con le dita gli umori che ancora la sua vagina secerneva.
- Fermati! Che fai?! si lamentava Alba.
- Guarda un po’ - la derideva invece Giada - Tutta bagnata
La ragazza portò le dita bagnate alle labbra, e le leccò lentamente - Abbiamo anche lo stesso sapore sai?
Alba finalmente guardò la sorella in volto. Era atterrita, mortificata, umiliata e silenziosa.
- Non voglio essere una cattiva ragazza Giada. Aiutami a non fare più quei sogni
- Tesoro mio. C’è solo un modo per non fare più quei sogni! Devi sfogarti
- Non posso! Non posso perdere la verginità
Giada sorrise a quelle parole - Non resisterai ancora a lungo, lo sai? La fighetta che hai tra le cosce è fatta per farti godere, per farti divertire. E anche per far divertire altri. Perché vuoi essere così egoista?

Hai dubbi? Domande? Curiosità? Suggerimenti? Commenti? scrivimi a o visita ilregnooscuro.blogspot.com.

Questo racconto di è stato letto 1 8 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone