La compagna di scuola di mia figlia VI

Scritto da , il 2019-05-10, genere prime esperienze

Paola e Cristina, la mia figliastra e la sua amica, due splendide puttane giovani e innamorate del sesso.
Dopo la festa di laurea ci siamo liberati di tutto ciò che poteva frenarci e ho posseduto Paola più e più volte insieme a Cristina che non perde occasione ne momento.
Casa mia è un casino, ragazzi e ragazze che vanno e vengono alcuni senza immaginare, altri invece diventano parte attiva dei nostri giochi. Paola si è portata a casa un ragazzo che le fa il filo da tempo. I due cenano allegramente bevendo qualche bicchiere di vino insieme a noi ed ha Paola ha addosso solo una tunica che le ho portato dal Marocco che non lascia intravvedere nulla e si comporta de perfetta padrona di casa. Il ragazzo, Davide, ha lo stile del piacione, un bel ragazzo, stirato a lucido, con un filo di barba incolta, gli occhiali tondi sul naso che gli danno l’aria che ai miei tempi avevano gli intellettuali di sinistra. Cristina indossa un paio di pantaloni etnici di cotone bianco e una maglietta dello stesso colore. Non si fa nessuna fatica a capire che nessuna delle due indossa un solo filo di biancheria. Girano scalze come al solito e la cosa mi piace da morire, a piedi nudi, in assoluta libertà, senza un filo di trucco sono assolutamente splendide. Sotto i pantaloni della tuta il ricordo del mio cazzo tra le loro mani e che le penetra in bocca e in tutti i buchi, crea una notevole e imbarazzante erezione che Cristina tormenta ogni tanto con le dita dei piedi sotto il tavolo con assoluta indifferenza. Paola e Davide stanno ridendo, forse anche un po’ troppo e si spostano sul divano. Quella puttana di mia figlia che si siede rimboccando la tunica e incrociano le gambe in posizione Yoga e facendo finta di coprire, per altro molto a malapena, la figa depilata e già umida. Cristina fa la spola tra la tavola e la cucina portandosi dietro piatti e stoviglie dimenando il culo con studiata volontà. Io faccio finta di guardare il cellulare cercando chissà cosa mentre sottecchi guardo la faccia di Davide che si è accorto della figa di Paola e ostenta indifferenza per imbarazzo di fronte a me, che comunque resto suo padre e a Cristina che per lui è un’amica comune e compagna di università. Mi diverte da morire guardare come le due donne si gustano la preda. Paola sta gesticolando mimando chissà quale aneddoto divertente e coinvolgendo Cri che da parte sua ride come se fosse la cosa più divertente mai sentita raccontare. A dare vigore alla serata, come se ancora ce ne fosse bisogno salta fuori una bottiglia ghiacciata di un liquore d’erbe che tutti e tre sembrano gradire moltissimo. Cristina si è seduta dietro a Paola e gioca distrattamente con la sua tunica o i suoi capelli naturalmente, quasi distrattamente, fino a quando non viene interrotta dalla mano che la ferma e si porta la punta delle dita alla bocca per un bacio sensuale ma quasi furtivo. Davide è in evidente imbarazzo e la sua faccia è rossa quasi quanto un semaforo acceso.
“Guardiamo un film?”
Cristina sta lanciando l’amo e impugna il telecomando per accendere decoder e televisore.
“cosa ci proponi?” Paola con aria quasi distratta
“facciamo scegliere all’ospite o a tuo padre?”
“papà no, se no ci ritroviamo il solito porno forsennato e sai come va a finire. Sceglie Davide.”
Ovviamente Davide non sa che dire ne cosa fare e si guarda intorno con fare spaesato mentre i sorrisi più sfrontati appaiono sulla bocca delle due troie che sanno perfettamente come andrà a finire.
“Che c’è, ti vergogni? Sei timido o sei vergine?”
Cristina ride mentre prende in giro il ragazzotto e prende la testa di Paola, la gira verso di se, si guardano un attimo, giusto il tempo di capire quanta voglia ha una dell’altra e poi le bocche si sfiorano, si toccano, le lingue si cercano e quel bacio prende forma e diventa animale. La mano di Cristina scende veloce tra le cosce di Paola che mugola da subito mentre le dita le toccano il clitoride e scorrono tra le labbra della figa bagnata.
Davide è paralizzato seduto di fianco alle due puttane e istintivamente la sua mano va a cercare il cazzo gonfio dentro i jeans, ci si posa sopra come a cercare di impedire che esca da solo o gli scoppi nei pantaloni.
Io non mi sono mosso dalla sedia a tavola ma ho posato il telefono e ora cerco nei miei pantaloni il cazzo, lo tiro fuori e comincio a menarlo lentamente, vogliosamente, con metodo guardando le due cagne che limonano e la mia bambina con le dita della sua amica che si muovono nella figa che ormai cola.
Il ragazzo vorrebbe prendere l’iniziativa ma non sa che fare e rimane ancora più interdetto quando si gira verso di me e scopre che mi sto masturbando con gusto.
“papà è un vero porco, un bastardo maniaco sessuale, un vero stronzo che fotte me e la mia amica nel cuore in tutti i buchi. Per questo vogliamo bene al mio papà”
Si alza e si libera dalle grinfie di Cristina, in piedi si libera dell’abito e viene verso di me, si inginocchia, afferra i miei pantaloni dalle caviglie e me li sfila, poi afferra il mio cazzo duro e comincia a baciarlo e a leccarlo come fosse un gelato in un giorno di caldo.
“Leccalo per bene e poi voglio scoparti in bocca puttanella”
Cristina approfittando dell’attimo di sconcerto di Davide arriva a limonarlo scalzando la sua mano dal cazzo riposto ancora dentro i pantaloni.
“E tu stronzo non hai un bel cazzo da darci?”
Gli dice guardandolo negli occhi e armeggiando con cintura e cerniera per sfoderare l’arnese. Quando ci riesce lo guarda mentre si libera veloce dei vestiti.
“Bello anche il tuo e io ho fame di cazzo”
E prendendolo per il cazzo come se fosse una maniglia lo piazza in pedi davanti a se e spalancando la bocca gli ingoia tutto l’uccello fino ai coglioni.
Davide non ha ancora aperto bocca ma gli afferra la testa e comincia a guidarla dando il ritmo al pompino che solo Cristina è in grado di fare e reggere.
“Che bella famigliola di porci, due puttane e il padre della mia ragazza è il peggiore che abbia mai visto”
Paola si sfila il mio cazzo dalla bocca e afferra anche me come fossi un’aspirapolvere trascinandomi l’uccello accanto a quello di Davide, poi entrambe le troie si danno da fare leccando e sbavando, succhiando e limonandosi mentre io e il ragazzotto ci lasciamo spompinare assecondando con il bacino i movimenti della bocca della cagna di turno.
“ho voglia di scopare e credo sarebbe carino da parte vostra far scopare anche il nostro ospite”
Cristina è sempre la più veloce e fa sdraiare Paola per terra sistemandosi poi sopra di lei per un 69 che pregusto e che Davide probabilmente nono sa come affrontare.
Mi piazzo dietro il culo di Cristina e prima di infilarle tutto il mio bastone guardo la lingua di mia figlia che scorre tra figa e culo mentre immagino la mia troia stia facendo altrettanto a giudicare dai versi che emette.
“dai idiota, chiava la mia bambina, fottila, arriva fin dentro allo stomaco, non sei venuto qui per questo?”
Intanto appoggio la cappella viola sul buco del culo di Cristina e spingo tra le pareti dell’intestino tutto il mio cazzo. Sento quel buco avvolgermi l’asta e lasciarla percorrere fino ai coglioni.
“prendimi nel culo puttanella, fammi sentire quanto sei troia e ti scopo fino a che non ne puoi più. Poi farai godere l’altra vacca e se ce la fai ancora ti fotti pure questo cazzone che la vorrebbe chiavare
.”
“dai vecchio maiale porco. Riempimi, fammi sentire quanto ti piace il mio culo, la mia bocca e la mia figa. Voglio grondare sborra da tutti i buchi. Voglio farmi voi due e poi quella zoccola di tua figlia.”
Sentire Cristina quando comincia a perdere la testa e s’infoia mi rende un animale. Le spingo il cazzo tutto nel culo dandole dei colpi forsennati come se volessi arrivarle in gola passando dall’intestino. Davanti a me ho la faccia stravolta di un ragazzo che sta infilando un cazzo di tutto rispetto nella figa di mia figlia che con la bocca spalancata sotto la mia troia lecca e succhia mormorando dei si, fottimi, chiavami, riempimi. La scopa guardando il mio uccello che entra ed esce dallo sfintere della puttana che mi sta fottendo la vita.
Prendo i capelli di Cristina e li tiro come fosse la criniera di una cavalla imbizzarrita e continuo a spanarle il culo mentre lei non smette di insultare e bestemmiare fino al momento in cui non urla un qualcosa di incomprensibile e si gusta l’orgasmo e la lingua di chi le sta pulendo la figa goccia a goccia.
Guardare in faccia il ragazzotto, la sua bocca aperta, la lingua che fa scorrere sulle labbra mentre sta scopando come un maiale mia figlia mi ha fatto venire la voglia inconsulta di scoparlo in bocca.
“adesso mi pulisci il cazzo come si deve visto che ti fotti la mia bambina”
Tiro fuori la cappella dal buco che cola una cremina mi alzo e impugno il cazzo andando a piazzarmi davanti alla bocca del ragazzotto
“hai capito il papino che bell’arnese che va distribuendo in giro?”
e senza nessuna resistenza se lo ingoia tutto fino alle palle cominciando a succhiare come una vera pompinara.
“bastardo, hai intenzione di fottere anche il mio ragazzo? Sei un maiale papà, uno stronzoooo”
Gode la mia bambina, come una vera cagna, sono fiero di lei e eccitato nel vederla così, senza ritegno con un cazzo piantato in figa, pregna di umori e con la faccia coperta dei succhi della puttana che amo.
“dai stronzetto, sborrale in figa che è quello che vuole e prepara il cazzo che tra poco la fotterà”
Davide succhia e accelera il movimento del bacino e della bocca e sento la sborra che mi sale dai coglioni per andare diritta sulle tonsille di questo porco prossimo a svuotarsi i coglioni.
L’orgasmo arriva per entrambi, lui inonda la mia bambina io la sua gola e la sua bocca formando un rivolo all’angolo delle sue labbra.
Cristina tira fuori il cazzo dalla figa di Paola e lo abbocca pulendolo per bene e vistosamente con la lingua.
Un attimo a gustarsi bene il mio cazzo e la mia sborra in bocca e poi lo sfila succhiando bene tutta la sborra rimasta e poi guardandomi negli occhi mi dice
“complimenti papino, bel cazzo e per essere un vecchio te la cavi egregiamente”
Paola ride mentre Cristina si alza e si piazza a cosce larghe sul divano e si accarezza la figa bagnata come una diva del porno davanti al suo pubblico.
“non sarete mica stanchi vero? Dovete riempire anche me voi due maiali”
Io rido e strofinando il cazzo sul viso di Davide le rispondo
“amore ora ci divertiamo con te, prima mi inculo lui e poi te mentre lo scopi.”
“non è giusto, sempre a lei le doppie. Solo perché te l’ha data prima non devi fare preferenze, io sono tua figlia te lo ricordi? Figliastra, ma sono arrivata prima della zoccola e poi te l’ho portata a casa.”
“Non per fare il terzo incomodo ma il culo te lo riempio io se il tuo papino non ha nullria in contrario”
“beh se proprio insistete….”
Mi siedo sul divano di fianco a Cristina e tengo il cazzo duro in mano.
“fammi gustare il tuo culo e poi finisci di riempire la mia bambina”
Davide guarda Paola e poi viene da me, si gira, e sedendosi sui talloni si pianta tutto il mio cazzo nel culo. Dopo qualche colposi assesta per bene e si appoggia saldo seduto con le gambe spalancate e Cri a vedere quei cazzi a mo’ di matrioska decide di riempirsi anche lei il culo con il cazzo di Davide.
Equilibrio precario ma presto troviamo la quadra e ci muoviamo in modo proficuo per tutti.
Paola in piedi davanti a noi si frega furiosamente la figa implorando un cazzo che la fotta e poi illuminata da non so bene quale dea si avvicina alla mia puttana raccogliendo tutte le dita tra le labbra della figa.
“ora ti sfondo io puttana, altro che mio padre”
Spinge ruotando le dita dentro la figa che la accoglie e sento la voce di Cri che si rompe
“cazzo mi spacchi baldracca”
“è quello che voglio stronza, voglio sentirti urlare mentre ti squarto come una vacca”
Muove la mano fino a farla entrare tutta e stantuffa la figa ormai marcia di Cristina che bestemmia e insulta persino sua madre
“Sento la mano contro il mio cazzo e sto per sborrare di nuovo cazzo”
“dai stronzetto succhiacazzi che stanno per scoppiare”
Quello che segue è una serie di versi e bestemmie che culmina in un lago di sborra e liquidi.
“dopo la tua mano devo ancora provare un cavallo poi sono a posto”
Ridono tutte e due le mie cagne ma io ho ancora voglia di godere e dopo essermi sfilato dal culo di Davide che si lascia andare sul divano prendo Paola e me la siedo sul cazzo.
“forza bambina, fai contento papà e prendi tutta la sua sborra nel culo”
E Paola si impala come un animale senza ritegno. Le mani appoggiate sulle mie ginocchia si spinge il cazzo nell’intestino, si muove su e giù come fosse un gioco, e si fionda per bene il cazzo. Non riusciamo ad andare tanto avanti, pochi colpi e lei mi supplica di riempirla di sborra nel culo e non mi faccio pregare. La afferro per i fianchi e piloto pochi colpi prima di sborrare tutto quello che mi resta nel culo.
“prendila tutta piccolina”
“riempimi il culo papà, riempimi per bene”
E sento ancora la sborra che le spingo nell’intestino. La sento uscire e poi avvolgermi il cazzo mentre Paola si abbandona per ricevere tutto in pancia.
Stiamo fermi così fino a che i suoi sussulti non cessano.
Poi ci abbracciamo tutti e quattro e ci baciamo a turno con tanto di lingua.
Cristina va in cucina e torna con una bottiglia e quattro bicchieri e versa del vino.
“dobbiamo brindare al nuovo porco arrivato in famiglia. Benvenuto Davide, cin cin. “

Questo racconto di è stato letto 5 3 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotcistorie di zoofiliaracconti erotici per adultiracconti cuklodfaccio l'amore con mio figlioracconti erotci 69racconti erotici diracconti incetuosiraccontihoterotici raccomtisega al cinema pornoerotci raccontiracconti erotici mia suoceraracconti erotici di ragazzicugina racconti eroticistorie erotiche piediguardami cornutoincestiraccontiracconti erotici sodomiaracconti erotici di nonneiraccontimiluracconri pornoracconti erotici mamma figliofilm scambio di mogliquel cornuto di mio maritostorie sesso a treracconti erotici di punizionii racconti di milisi fa inculare da un cavalloerotici racconti.comerotica raccontiracconti erotici collegaracconti erotici genivstorie sesso incestostorie orgeracconti eroti istorie etoticheracconti erotici allattamentoincesto storie vereracconto dominazionestorielle hotracconti di clisteriracconto xxxraqcconti eroticiracconti erotivciracconti moglie infedeleracconti moglie scopataracc0nti eroticiracconti erotici-annunci69.itsesso con generol'amica di mia ziacornuto raccontoerotici racvontiraccnti pornoesibizioniste al ristoranteracc er 69i racconti di milyracconti icestoracconti di coppie con transracconti prima volta bisexracconti guzzon 59esperienze scambio di coppiaculi rotti raccontiraccconti eroticiraccontierotiracconti erotici napoliracconti erotici pulpracconti erotici ginecologoracconti erotici con cognataprima sega racconticulo di mia suoceraracconti porrnoraccontieroracconti transessualiracvonti pornoracconti inculatamia madre mi ha fatto un pompinoracconti erotici di coppiastorie di sesso al cinemaracconto di un tradimentoracconti erotici gratuitiho sverginato mia sorellaracconti erotici universitàracconti gay bdsmerotci raccontiracconti erotici caniracconti erotici con mia sorellaracconti erotici tetteracconti eroticeracconti gratis eroticiracconti prnoracconti pronoracconti primeracconti eroraccontiporacconti porno+i racconti di miuracconti porno mia sorellapompini racconti