Il Regno Oscuro - Capitolo 1

Scritto da , il 2019-04-26, genere dominazione

Giada aprì lentamente la porta di casa sua, una modesta costruzione di legno alla periferia del paesino. Era l’alba e sperava che sua madre non si fosse accorta della sua assenza. Entrò nello stanzone centrale della casa. L’ambiente era semibuio e si intravedevano soltanto le due porte che davano nella stanza sua e di sua sorella e nella stanza della madre. Una volta chiusa la porta, alle sue spalle udì una voce.
- Dove sei stata tutta la notte?
Ricolma di apprensione, era la voce di sua madre. Sferruzzava la lana su di una vecchissima sedia a dondolo che ormai era così appiattita da non dondolare più. Si voltò sorridendo. Era davvero bella. Capelli castano chiari, legati in due trecce che incorniciavano un volto angelico. Un fisico che, sebbene maturo, ricordava ancora la fanciullezza. Due seni appena pronunciati nascosti da una camicetta slacciata a creare una profonda scollatura. La lunghissima e vaporosa gonna bianca nascondeva le lunghe e bellissime gambe. Meno male. Viceversa sua madre si sarebbe accorta che non portava biancheria al di sotto. Il suo sorriso poi, era il suo punto forte. Quando sorrideva emanava una dolcezza e un’innocenza a cui chiunque avrebbe creduto, tranne sua madre che ben la conosceva. Come se non bastasse l’angolo destro della sua bocca era sporco di una strana sostanza biancastra.
- Ho dato una mano alla madre di Agnese! Sai stamattina deve andare al mercato e non aveva concluso tutto il pizzo da vendere.
- Cos’hai vicino la bocca?
Giada con l’indice della mano sinistra si sfiorò l’angolo opposto delle labbra. Osservò la sostanza ora depositata su quel dito e, un attimo dopo, se la portò alle labbra, assaggiandola con uno sguardo che trascendeva perfino la malizia.
- Latte.
- Sei solo una puttanella! Sei stata di nuovo con quel tipo! Quel bardo canta favole!
La madre era infervorata come mai l’aveva vista. Si alzò in piedi mentre le inveiva contro.
- Non sai che l’esercito dell’Imperatore sta venendo in questa direzione? Pare che stanno deflorando ogni donna sopra i vent’anni! Ti rendi conto?! Ero preoccupatissima!
- Sul serio? - lo sguardo di Giada lasciava trasparire curiosità e interesse piuttosto che apprensione.
- Perché non sei come tua sorella?
Aveva sentito mille volte dalle labbra di sua madre quella lamentela. Alba era la sorella gemella di Giada. Le due erano identiche esteticamente come due gocce d’acqua. Ma caratterialmente erano come il sole e la notte. Giada aveva concesso la propria verginità da tempo ormai e si era ripassata tutti gli uomini del paese. Ora aveva iniziato ad occuparsi dei forestieri che, troppo di rado, giungevano da quelle parti. Alba invece era timida e silenziosa. Asociale e indecisa. Era sempre nascosta in quella casa, troppo spaventata dal mondo per mettere piede fuori.
- Ora corri in camera e tu e tua sorella nascondetevi nei bauli!
Giada di mala voglia entrò nella sua stanza dove Alba era nascosta sotto le lenzuola del tuo letto di paglia.
- Che succede Giada? - Le domandò con la voce tremante - Ho sentito mamma dire che vengono dei soldati cattivi.
- Già, dei soldati cattivi che vogliono metterti a pecora e scoparti per ore! Suona così male?
- Ma è terribile? Io devo preservare la mia verginità!
Giada sbuffò annoiata e aprì uno dei bauli. Svuotò tutto il contenuto lateralmente e intimò la sorella di entrarci.
- Nasconditi qui da! Così non ti troveranno
Alba si alzò dal suo letto. Indossava una camicia da notte lunga, di lana, che nascondeva le sue forme dolci e deliziose come quelle della sorella. Lentamente si sedette all’interno del baule e si piegò in basso, aspettando che la sorella chiudesse. Intanto dalla stanza principale iniziò a sentire strani rumori. Qualcuno era entrato e la madre ci stava discutendo. I toni si stavano alzando. Sua madre urlò.
- No! Non ho nessuna figlia!
- Taci donna! disse una voce maschile - Sappiamo che qui vi è una giovane donna vergine di nome Alba. Ci hanno detto che ha superato i venti anni e quindi, per ordine dell’Imperatore, deve essere deflorata
- No! proseguì la madre cercando di interporsi tra i soldati e la porta della stanza delle figlie - Voi non potete!
I soldati, quattro, la spostarono in malo modo e fecero irruzione nella stanza. Seduta sul letto con uno sguardo spaurito trovarono Giada. La ragazza reggeva un lembo della gonna con cui fingeva di volersi nascondere il volto. Intanto questa operazione lasciava scoperte le gambe fino a metà coscia. Era chiaro non indossasse la biancheria intima, che solitamente arrivava fino al ginocchio.
- È lei! È Alba! la vergine - pronunciò un soldato avvicinandosi alla ragazza.
Indossavano l’armatura d’ordinanza del regno. Grigia, che terminava alla cintola, lasciando il membro in bella vista, eretto e duro. Tutti e quattro le si avvicinarono. Il primo cercò di afferrarla per un braccio. Giada cercò di divincolarsi dalla presa, ma era troppo salda. Anche il secondo la afferrò per l’altro braccio. In breve l’avevano immobilizzata e tra loro ridevano divertiti della scena. La ragazza continuava a cercare di divincolarsi. L’avevano bloccata sul letto, a pancia in giù. Le gambe tuttavia fuoriuscivano oltre il bordo, finendo con le ginocchia al suolo. Uno dei soldati le bloccò il busto sul letto, tenendole strette le braccia. Un altro le alzò la gonna, lasciando scoperto il suo sedere tondo e pallido. Giada continuava a dimenarsi, come cercando di liberarsi. Ciò non faceva altro che rendere ancora più appetibile il suo culetto sodo. Era un bocconcino molto invitante agli occhi dei soldati.
- Forza! Tocca a te! Sbattiglielo dentro! tuonò uno dei soldati rivolto al più giovane della compagnia.
- Ma lei non vuole! Mi sembra una ingiustizia! Dovrebbe essere un gesto d’amore, in cui vi sia consenso
- Ma che cazzo dici finocchio? - gli urlò contro quello che probabilmente era il capo dei quattro - Scopatela e non rompere
Il giovane si mise in ginocchio dietro la ragazza e afferrò il proprio membro dalla base, indirizzandolo verso il sesso di lei. Tuttavia non se la sentì di entrare, e rimase immobile a guardare quel sedere così invitante.
- Non me la sento. È una violenza di cui non voglio essere fautore
- Ragazzino. Ubbidisci oppure il Generale te la farà pagare! Lo sai che lo farà
- Lo so, ma! non me la sento! è troppo
- Diamine vuoi fottermi si o no?! - urlò alla fine Giada agitandosi ancora mentre gli altri due la bloccavano.
Il ragazzo rimase un attimo interdetto a quelle parole, ma subito dopo spinse il proprio pene tra le gambe di lei. La trovò già pronta e bagnata. Si aspettava di addentrarsi in un antro stretto e difficoltoso. Invece si muoveva liberamente e agevolmente in quella vagina così bagnata e larga. Le afferrò le natiche per darsi maggiore slancio ed entrare all’interno di lei fino alla base. Giada iniziò a gemere di piacere e afferrò il lenzuolo con le mani, stringendolo con forza, mentre sentiva il soldato continuare a possederla senza sosta, sempre più rapido. Lentamente gli altri soldati la lasciarono andare, rendendosi conto di quanto mansueta e arrendevole risultasse la ragazza. Seguendo il ritmo del rapporto, Giada cercò di alzare il busto lentamente, spingendo sul letto con le mani. Il giovane soldato glielo impedì spingendola verso il letto, per mantenerla in quella posizione sottomessa. Affondò le proprie mani poi nelle natiche di lei, stringendole forte, fino a farla mugugnare di dolore. In pochi minuti il soldato sfogò in lei tutto il piacere che stava provando. Giada si sentì riempire dal seme di lui. Sentì gli schizzi colpire le pareti della sua vagina mentre il pene pulsava, si contraeva, ogni volta che nuovo sperma fuoriusciva.
- Bene! qui abbiamo finito - disse quindi il giovane con la voce rotta dalla fatica.
Lentamente tirò indietro il bacino liberandola la ragazza dalla propria presenza. Al contempo un rivolo di sperma fuoriuscì colandole lungo le gambe.
- Finito? - domandò il capo dei soldati - abbiamo appena cominciato
A forza alzarono la ragazza dal letto, dove vi si stese un altro soldato. Quindi Giada fu messa a cavalcione su quest’ultimo. Sentì un altro pene violarle il suo sesso, introducendosi in mezzo alle sue gambe. Con maggior vigore e veemenza, questo soldato faceva forza sul letto con le gambe, spingendo verso l’alto il bacino, per penetrarla sempre più forte. Contemporaneamente da dietro il capo dei soldati si inginocchiò sul letto e, senza troppi complimenti, le penetrò l’ano. Giada ebbe un sobbalzo, ma i soldati la tenevano stretta, impedendole di muoversi.
- Come mai non hai sanguinato puttanella? - le domandò il soldato sotto di lei - Dicono tutte di essere vergini, ma poi sono solo delle troie sfondate
- È aperta anche dietro questa puttanella - incalzò il capo che continuava, con sempre maggiore velocità, a scoparsela da dietro.
- Basta! vi prego basta - diceva intanto Giada, con la voce rotta tra il piacere e il dolore. Gemeva sempre di più. Quasi urlava. Chiedeva di smettere ma non era certa nemmeno lei di desiderarlo. Sentiva le due presenze dentro di sé, una dietro e una davanti. Entravano e uscivano a tempi alterni, lasciandola sempre e costantemente piena, senza darle pace o tregua. Incalzano, e se uno rallentava, l’altro accelerava. Sentì il piacere correrle dentro sempre di più. Mentre il giovane soldato era durato pochi minuti, questi due la possedevano da ormai dieci minuti e non davano cenno di venire. Provò un orgasmo. Poi il secondo. Quando fu sulla soglia del terzo, il capo uscì dal suo ano.
- Vediamo quant’è sfondata questa troia - disse mentre indirizzò il suo membro verso il sesso di lei, già occupato dall’altro soldato. Il pene si fece spazio a forza, allargando ancora di più quella figa già abbondantemente dilatata. Giada cercò di divincolarsi, ma intervennero gli altri due soldati a bloccarla. Quando entrambi furono dentro proseguirono con veemenza a scoparla per ancora qualche minuto. Li sentiva entrambi, penetrarla senza sosta. Senza pietà. Senza tregua. Non aveva mai provato nulla di così grosso e disarmante. Si sentiva così, bloccata sul suo letto, alla completa mercé di questi uomini. La cosa in qualche modo la eccitava da morire. Raggiunse il terzo orgasmo pochi secondi prima dei soldati. Entrambi le schizzarono dentro il proprio piacere, pulsando in lei. Sentì il calore dello sperma dei due che si sommava a quello che poco prima le era stato già schizzato dentro. La lasciarono lì, su quel letto, con la vagina grondante umori e sperma. Aveva il fiatone, era sfinita.
- Ora tocca a me! - disse l’ultimo soldato, quello che fino ad ora era rimasto in disparte. Le si avvicinò e le porse il membro verso la bocca - Succhialo - le ordinò.
Giada osservò quel nuovo pene, domandandosi se fosse riuscita a soddisfare anche lui. Per fortuna non dovette scoprirlo.
- Non possiamo passare qui tutta la giornata! Ti rifarai con la prossima - pronunciò il capo - e se ti abbiamo lasciato un bambino in pancia, prega che sia il mio - concluse in tono di scherno guardandola, lì, stesa su quel letto con i vestiti stracciati e l’aria sfinita.
Senza altre parole, i quattro lasciarono la casa. Alba, quando fu certa che tutto fosse finito, uscì dal baule e corse ad abbracciare la sorella.
- Ti sei sacrificata per me! Mi hai salvata - pronunciò piangendo, non riuscendo a trattenere le lacrime per tutto ciò che aveva sentito lì, bloccata nel baule.
- Già - rispose Giada ancora ansimante - L’ho fatto per salvarti - ma non riuscì a trattenere un piccolo sorriso.

Il Barone Lorenzo Giulii viveva in una splendida e immensa magione nel cuore della Capitale dell’Impero. Era un uomo distinto intorno ai trent’anni. Nonostante fosse ancora giovane i capelli neri mostravano già qualche ciocca brizzolata. Era alto e slanciato e i suoi farsetti dei colori più eccentrici gli calzano a pennello, donandogli un aspetto regale. Aveva sempre il volto ben rasato e i capelli sistemati. Emanava sempre un buon profumo di fresco. Era decisamente un uomo di piacevole compagnia. Si accompagnava spesso con una donna un po’ più giovane di lui. Non era la sua compagna, la sua amata o sua moglie. Era una sorta di collaboratrice che lo aiutava in tutte le sue faccende. Era una donna di una bellezza disarmante. La sua pelle era d’ebano, così come i capelli ricci che le cadevano selvaggi sulle spalle. Occhi blu come il mare erano incastonati in quel volto proveniente da terre lontane e sconosciute, creando una dissonanza cromatica di raro pregio. Il suo corpo era generoso e scolpito. Un seno prominente che risaltava sotto qualsiasi veste, pure la più vaporosa, si accoppiava con la vita stretta e sinuosa. La linea del suo corpo era flessibile e morbida. L’ombelico sempre scoperto mostrava uno strano monile, agganciato alla nuda pelle. Un sedere alto e sodo allargava nuovamente il contorno di quella figura stupenda. A chiudere il tutto, due gambe lunghe e sinuose. Era un sogno materializzato. Male lingue sostenevano fosse una schiava, ma Lorenzo negava tutto sostenendo che la ragazza semplicemente amava la sua compagnia. Eppure nell’Impero era molto raro trovare una donna di colore, forse quasi impossibile. Sicché la ragazza attirava su di se tutti gli sguardi curiosi e vogliosi degli uomini e, perfino, delle donne che incontrava.
Quella sera i due sedevano nella saletta in cui Lorenzo usava ricevere i suoi ospiti. Erano seduto l’uno accanto all’altra, su di un divano rosso proprio davanti al camino, che in questo momento risultava spento. Lorenzo indossava uno dei suoi farsetti, arancione. La sua collaboratrice invece un abito da sera bianco completamente di pizzo che, complice la scura pelle di lei, lasciava davvero poco all’immaginazione. Morbido si depositava su ogni forma di lei sparendo dinanzi a quel corpo mozzafiato. I capezzoli turgidi bucavano quasi quell’abito, risultando perfettamente visibili.
Erano lì per discutere con un ospite, un altro nobile. Questi era un uomo panciuto e dalla folta barba ispida e nera. Un uomo non proprio piacevole che osservava la donna senza il minimo pudore. Si immaginava quasi una gocciolina di bava mentre indugiava sulle forme di lei.
- Lord Franz - pronunciò il barone attirando l’attenzione dell’altro - Mi state ascoltando?
Franz trasalì aggiustandosi sul divanetto su cui sedeva, di fronte a quello dei suoi interlocutori.
- Si si, vi ascolto Barone! Potete solo ripetermi cosa avete scoperto?
- Certo - la voce di Lorenzo era melliflua e accomodante, ma tutti sapevano che dietro quell’apparenza di gentilezza si celava sempre un pugnale - Una guardia del trono mi ha confidato che i ribelli hanno trovato un incantesimo che potrà spezzare il potere del nostro Imperatore. Manca loro solo il capello di una vergine che abbia superato i vent’anni
- Una guardia del trono? Credevo fossero incorruttibili - pronunciò ancora Franz prendendo dal taschino un fazzoletto con cui tamponò il sudore che iniziò a scorrergli lungo le tempie.
Lorenzo notò il rigonfiamento all’altezza del pantalone del panciuto lord. Sorrise a quella vista. La sua amica faceva su tutti lo stesso effetto ed era per questo che la portava sempre con se. Lentamente portò una mano sulla coscia della donna e iniziò a carezzarla. Con questo gesto tirò su il lembo dell’abito bianco di pizzo, in modo da lasciare la scura coscia nuda. Continuò a carezzare la pelle nera con quel suo sorriso maledetto sul volto.
- Diciamo che io ho qualcosa che tutti gli uomini dell’Impero vogliono!
A quelle parole anche la sua collaboratrice sorrise. Si inclinò lateralmente verso Lorenzo, sussurrandogli qualcosa. Entrambi risero pacatamente.
- Quello che voglio da vo! proseguì Lorenzo mentre la donna si alzò e si andò a sedere accanto al Lord - !è che mandiate i vostri uomini alla ricerca della donna che i ribelli hanno spedito alla ricerca del capello
Franz proseguì a tamponarsi la fronte, mentre l’eccitazione e il nervosismo salivano.
- I vostri uomini dovranno scortare la donna e aiutarla. È tempo che questo Impero cada!
- Ma se l’Imperatore scopre che quegli uomini sono al mio comando, mi farà decapitare! o peggio
La donna gli poggiò una mano sul rigonfiamento dei calzoni, da cui si indovinava il pene. A quel contatto il Lord trasalì.
- Non dovete dirmi questo Franz - pronunciò il Barone sorridendo ancora - Volete forse dirmi che non volete aiutarmi?
A quelle parole la donna si fermò e guardò il Lord, in attesa.
- Si, si certo che voglio aiutarvi - subito intervenne il grassone, godendosi il contatto della mano della collaboratrice del barone, che ora tornava a carezzarlo - Non preoccupatevi, manderò i miei uomini
Intanto la donna gli slacciò i calzoni e tirò fuori il pene, eretto e nudo. Giocherellò con la pelle dello stesso, facendola scendere e salire lungo l’asta un paio di volte. Con l’unghia dell’indice dell’altra mano iniziò a solleticare la cappella scoperta, stuzzicando il buchino che sormontava la stessa. Il Lord proseguiva a sudare e a mostrare il suo nervosismo.
- Mi fa piacere la vostra collaborazione Franz - continuò Lorenzo - Quanti uomini contate di mandare?
Intanto la donna si calò sul pene di lui e iniziò a leccargli la cappella. Lentamente cinse le labbra intorno al pene e iniziò a scendere lungo tutto la sua lunghezza, fino a infilarselo tutto in bocca, fino ai testicoli. Iniziò a risalire lungo l’asta, fermandosi a metà per poi riscendere ancora.
- Pensavo di mandare un paio d! AH!! il Lord urlò quando sentì i denti della donna aderire al suo pene e stringere sempre più forte - Dieci!! Venti!! Trenta uomini!!! Manderò trenta uomini
- Ora ragioniamo - acconsentì il Barone.
La donna proseguì a lavorare di bocca sul cazzo del Lord. Le labbra ben strette intorno al suo spessore, salendo e scendendo sempre più rapidamente mentre la lingua, esperta e rapida, gli carezzava la cappella dentro la bocca. Una mano di lei prese a massaggiargli la sacca dei testicoli, mentre con l’altra teneva ben stretta la base del pene. Proseguì così ancora alcuni attimi. Quando sentì il lord sul culmine del piacere si alzò e smise di succhiarglielo e toccarglielo. Senza una parola tornò a sedersi accanto a Lorenzo.
- Ma! ma! - Franz non aveva parole tanto il disappunto.
- Che c’è Lord? Avrete modo di divertirvi con la mia amica quando l’Impero sarà caduto - intervenne il Barone sorridendogli - Fate in modo che ciò accada presto
Detto ciò lo congedò.


Hai dubbi? Domande? Curiosità? Suggerimenti? Commenti? scrivimi a o visita ilregnooscuro.blogspot.com.

Questo racconto di è stato letto 3 1 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone