Donatella cap.9 - Finalmente mamma e figlia

Scritto da , il 2019-04-23, genere feticismo

Le mie ultime esperienze con Gabriella avevano fatto sì che si instillasse dentro di me il dubbio del menage a trois. Quello che non sapevo era se Donatella avrebbe accettato quella situazione. Temevo che quella cosa avrebbe rotto qualcosa tra noi due, nel nostro rapporto e quella era una cosa che non volevo.
Se potevo tollerare che un uomo si scopasse la madre ed anche la figlia separatamente, continuavo a trovare impossibile (seppur incredibilmente eccitante) che un uomo se le scopasse in contemporanea e che entrambe si prestassero ad un momento del genere.
Io e Gabriella eravamo d’accordo. L’incognita era generata da Donatella. Non avevo alcuna idea su cosa ella pensasse al riguardo. Non si sbottonava troppo riguardo alla figlia ed io temevo di sembrar un ficcanaso o di farle sospettare qualcosa di losco nei suoi confronti.
Nel corso dei miei successivi incontri amorosi con Donatella, cercai di indagare. In uno di questi in particolare, lei si sbottonò più del solito ed io riuscii a capire qualcosa in più. Avevamo appena finito di scopare nel suo appartamento e ci stavamo rilassando, semisdraiati sul divano. Donatella era andata in bagno e durante la sua assenza io avevo visto un paio di decolletè, chiaramente della figlia, poco lontane dal divano. Avevo preso l’occasione di entrare nel discorso chiedendole di chi fossero.
“Se indossassi io quei tacchi, ti supererei di qualche centimetro”, mi rispose venendosi a sdraiare vicino a me e raggomitolandosi. Era vero. Mi avrebbe certamente superato. Mi si strusciò addosso e mi fece capire che il nostro incontro di quel pomeriggio non era certamente finito lì.
“Gabriella è più bassa di te, vero” ammisi.
“Ultimamente mi pare un po’ troppo libertina”, si lasciò scappare.
“In che senso?”, le chiesi sorridendo. Allora mi raccontò di come stesse spesso fuori casa, di come tornasse tardi e di come avesse modificato il proprio look passando da un look piuttosto sportivo ad un femminile abbastanza audace.
“Veramente???”, le chiesi fingendo di non sapere.
“È una bella ragazza, secondo me non ha problemi a trovare ragazzi con cui uscire”, disse lei.
Ammisi che era vero. Evitai di aggiungere quanto fosse porca, ma decisi di restare sull’argomento.
“Secondo me ha preso tutto da te”, dissi io.
“Lo spero”, rispose “Vorrà dire che nella vita si divertirà. Io, come vedi, ho sempre cercato di ottenere il massimo per me ed anche per i miei figli. Magari meglio se si sposerà un po’ più tardi di quanto non abbia fatto io”.
“È fidanzata?”.
“Con un ragazzo solo non credo proprio. Ogni volta che esce si cambia e sento nomi di ragazzi completamente diversi quasi ogni giorno”.
Pensai che tra quei nomi, nel bel mezzo di quella gioventù che si divertiva, Gabriella trovava il tempo per giocare anche con me e, seppur indirettamente, anche con sua madre. Mi sentii in colpa nei confronti di Donatella, ma ormai il meccanismo era avviato e fermarlo sarebbe stato impossibile. Bisognava oliarlo e riuscire ad indirizzarlo dove volevamo io e sua figlia.
Speravo solo che non avrebbe distrutto ciò che avevamo, con pazienza e difficoltà, costruito in tutto quel tempo da cui avevamo cominciato a frequentarci. Condizione sine qua non di successo era evitare di raccontarle che io mi fossi spupazzato sua figlia a sua insaputa.
Fu il tempo a risolvere la questione a nostro favore, quando meno me lo stavo aspettando e da un certo punto di vista nel momento in cui avevo pensato che non saremmo mai giunti ad una conclusione.
Era un martedì di febbraio, faceva piuttosto freddo ed io e Donatella avevamo deciso di vederci in casa sua. Avevo avvisato Gabriella anche se, da qualche tempo, non manifestava più il desiderio di guardare e basta. Voleva diventare parte attiva della situazione, voleva godere con noi. Lo aveva detto più di una volta ma io temevo che ella stessa avesse qualche problema a palesarsi con la madre.
Un giorno mi disse:”Giuro che la prossima volta, mentre la scopi a pecorina, salto dentro e la obbligo a leccarmi la passera. Tu la tieni immobilizzata ed io le apro le gambe davanti alla faccia”.
Io temevo questo tipo di situazione che, secondo i miei timori, avrebbe potuto degenerare e distruggere tutto quanto. Se Donatella non avesse più voluto vedermi, forse sarei riuscito a scoparmi ancora qualche volta Gabriella, ma non era ciò che volevo.
Quello che accadde fu comunque completamente diverso da tutte le idee che mi ero fatto in precedenza. Innanzi tutto fu inaspettato e non premeditato. E poi fu di una naturalezza unica.
Quel martedì Donatella era particolarmente eccitata. La settimana precedente non ci eravamo visti. Lei mi aveva implorato di incontrarci il lunedì, ma per me era impossibile ed allora ci eravamo ricavati quasi l'intero pomeriggio del martedì, dalle 15 fino alle 18. L'idea era di scopare almeno un paio di ore e comunque di chiacchierare anche un po'. Come spesso accadeva avevamo lasciato le chiacchiere per ultime e ci eravamo immediatamente gettati l'uno tra le braccia dell'altra. Tutto era iniziato in sala, ma ci eravamo subito trasferiti nel bagno perché Donatella si era preparata a dovere per mostrarsi a me mentre urinava. Si era abbassata la gonna, sotto alla quale indossava solo le autoreggenti color carne, senza slip, poi si era seduta sulla tazza del water ed aveva liberato la vescica, tenendo aperte le cosce per mettersi in mostra. Era stato a quel punto, mentre io mi spogliavo, che avevo sentito un fruscio di aria ed avevo capito che Gabriella era entrata in casa. Sua madre, presa com'era dall'atto di urinare, non si era accorta di nulla.
Quando mi ero avvicinato a lei non aveva ancora finito di urinare. Allora decisi di portarle la mano sul sesso, sentendo il suo liquido caldo che scrosciava lungo il mio palmo. Sfregai le dita contro alla sua peluria mentre le ultime gocce lambivano la mia mano.
“Quando fai così, mi fai impazzire”, mi sussurrò lei.
Allora cominciai ad accarezzarle il sesso mentre anche lei cercò di prendersi cura di me con la mano. Lasciò che il mio dito medio si facesse strada dentro di lei. La sua fica era calda e desiderosa di essere esplorata. Ci eccitammo un sacco e da lì ci trasferimmo in camera sua, denudandoci completamente durante il percorso. Donatella tenne solamente le autoreggenti. Quando si sdraiò le leccai un po' la passera che sapeva ancora di urina, poi salii sul letto e mi sistemai dietro di lei, entrando lentamente nel suo corpo.
“Mmmhhh....sei fantastico...”, mi sussurrò. Eravamo sdraiati vicini, io poggiato sul mio fianco sinistro, con il viso rivolto verso l'ingresso della casa, lei di schiena. Fu a quel punto che la vidi e capii subito. Avanzava verso di noi, lentamente, senza indecisione. Fu in quel momento che capii che sarebbe andata a fondo, che da quel momento in avanti sarebbe cambiato tutto. Era quasi completamente nuda, fatta eccezione per un collant color carne che aveva preventivamente aperto alla altezza del suo sesso. I lunghi capelli biondi erano sciolti lungo le spalle ed ai piedi indossava delle scarpe con il tacco nere. C'era un tappeto lungo tutto il corridoio, motivo per il quale Donatella non udì il rumore dei suoi tacchi.
“Mi stai facendo impazzire”, mi disse Donatella mentre ad occhi chiusi si faceva penetrare. Proprio in quell'attimo Gabriella si poggiò allo stipite della porta, si leccò un dito, forse il medio non ricordo, e si portò la mano sulla passera, accarezzandosi e guardandoci mentre scopavamo. Il suo movimento causò un leggero rumore e Donatella se ne accorse. Si accorse anche del mio silenzio e si accorse che qualcosa era cambiato. Non poteva vedere la mia faccia stupefatta e nemmeno io la sua.
Io pensai che in quel momento sarebbe finito tutto, che Donatella sarebbe balzata in piedi, avrebbe urlato e si sarebbe scatenato il finimondo.
Invece non accadde niente di ciò.
Restai a bocca aperta ma non mi fermai nella mia azione. Donatella sollevò lo sguardo voltandosi verso di me e si accorse che io avevo una strana espressione. A quel punto si voltò in avanti e la vide. Per me in quell'attimo il tempo si fermò e sembrò durare una eternità. Restò esterrefatta ma non disse nulla e mentre io continuai a pomparla, scrutò la figlia che, poggiata alla porta, si stava toccando guardandoci. Non successe niente di quello che avevo temuto. Non si irrigidì nemmeno ed io continuai a spingermi dentro di lei senza rallentare il ritmo. Calò un silenzio tombale nel corso del quale credo che io non respirai per almeno un minuto.
Fu Gabriella a rompere il silenzio. Si passò la lingua sulle labbra e guardando sua madre, le chiese:”Ti piace, eh?!?!?”.
Da quel momento in avanti fu un crescendo che ancora oggi, al solo pensarci, mi pare incredibile.
Donatella non rispose, ma abbassò lo sguardo e Gabriella continuò a toccarsi cambiando però posizione. Si accovacciò a terra, nella classica posizione della donna che urina sulla turca e lasciò che le sue dita entrassero ed uscissero velocemente dal suo sesso. Rimasi colpito dalla sua totale mancanza di pudore nei confronti della madre e mi chiesi come avrei giustificato con Donatella il mio essere indifferente a quella situazione. Era evidente la nostra complicità ed inizialmente temetti che il silenzio di Donatella fosse legato al sospetto della nostra tresca.
“Quanto mi eccita guardarvi” disse Gabriella rompendo di fatto il silenzio che si era creato. Si sentiva solamente il cigolare del letto e lo sfregare dei nostri corpi. Donatella era muta ed io lo stesso.
Poi la figlia calò l’asso che di fatto mi assolse da qualsiasi complicità:”Voi non sapete nemmeno quante volte vi ho spiato, quante volte vi ho seguito e quante volte ho sognato questo momento…..siete una coppia eccitantissima!!!”.
Non le dissi nulla, ma gliene fui grato. Mi spiegò successivamente che il suo fine era altro. Era di ripeterlo ancora in futuro, di poter sperimentare nuovamente quella situazione. Non voleva che finisse lì, con quella scopata a tre. Perché quello fu quello che accadde quel giorno. L’ingresso di Gabriella non si limitò al solo guardarci. Pochi attimi dopo essersi procurata un primo orgasmo, si alzò dalla sua posizione e ci raggiunse sul letto. Con una mano accarezzò leggermente il sesso della madre mentre veniva penetrata, poi si sedette vicino alle nostre teste ed aprendo le gambe ci chiese chi volesse leccarla.
Donatella disse semplicemente:”Tu, ti prego. Fallo tu”.
Era rivolto a me. Mi comandava di farlo ed io lo feci. Affondai il volto nel sesso della figlia senza smettere di spingermi nel corpo della madre e sentii crescere l’eccitazione di quest’ultima che pochi attimi dopo raggiunse un orgasmo. Fu a quel punto che si allungò lei stessa, senza che nessuno le dicesse niente, verso il sesso della figlia. Io mi ritrassi e la lasciai affondare la bocca contro alla fica di Gabriella. Vidi la sua lingua percorrere quelle pieghe che la mia stessa lingua aveva percorso più volte ed insinuarsi dentro al suo sesso. Gabriella si teneva aperte le labbra con due dita per agevolare l’azione della madre.
“Bravi, bravi”, disse la ragazza “Mi fate impazzire! Cazzo quanto è eccitante!!!”.
Uscii dal corpo della mia vera amante e restai un attimo a guardare quelle due femmine, quel mio sogno che si concretizzava. Una madre che leccava la fica alla figlia, una figlia che desiderava essere presa di fronte alla madre ed io che le volevo entrambe. Ci accoppiammo in diversi modi ed io dovetti trattenermi fortemente dall’eiaculare più volte. Donatella non era esperta nel sesso lesbico e nemmeno Gabriella. Mi confessò poi che fosse la sua prima volta con una donna così grande, il che lasciava presagire che avesse già avuto esperienze lesbiche ma evidentemente con ragazze più giovani di sua madre.
Gabriella volle essere presa analmente e lo chiese senza mezzi termini, incurante della presenza di sua madre. Era lei a dirigere l’azione, disse di volere essere presa dal dietro e poi disse alla madre di sistemarsi davanti a lei per ricambiare ciò che lei le aveva appena fatto. Mi invitò di nuovo a farlo mentre affondò la bocca nel sesso della madre che, per tutto quel tempo, non aveva proferito parola. Donatella mi confessò poi di aver provato diverse sensazioni contrastanti tra loro.
“Ho avuto paura. All’inizio è stata la paura a bloccarmi. Paura di tutto. Di tutto ciò che avrebbe potuto accadere, di ciò che avrebbe potuto svelare Gabriella, paura di me stessa nuda, di fronte a lei ed insieme a te. Sono stata zitta, sono rimasta di stucco e non ho saputo reagire in alcun modo. Una parte di me mi diceva di fermarmi e porre fine a quella situazione mentre un’altra, più forte e decisa, mi diceva di lasciarmi andare, liberamente ed incoscientemente a quella carnalità che mia figlia ci stava proponendo. Ci rividi me da giovane, la mia voglia di trasgressione, tarpata da una gravidanza precoce ed il mio desiderio di sesso che era stato poi tarpato per anni, fino a quando ho incontrato te. Non ho detto niente per tutto il tempo perché ero veramente senza parole. Vedere la mia bambina in quella situazione ed esserne addirittura complice, da un lato mi stava facendo stare male ma dall’altro mi stava eccitando incredibilmente”.
Mentre sua madre era sdraiata a gambe aperte e Gabriella era carponi impegnata a leccarle il sesso, io mi posizionati dietro di lei e la presi per i fianchi. Una scarpa le era caduta a terra, il collant invece era completamente lacerato. Si staccò un attimo dal sesso di Donatella per dirmi solamente:”Il culo. Ti voglio lì”.
Vidi sua madre guardarmi per un frazione di secondo e poi roteare gli occhi all’indietro, richiudendoli velocemente sotto le palpebre. Continuò a mugugnare di piacere nonostante la figlia lanciò qualche urletto mentre il mio membro si fece strada nel suo ano. La penetrai con delicatezza, senza esagerare, quasi timoroso che sua madre mi chiedesse di non farle male. Fu quando incrementai le spinte che Donatella raggiunse il suo orgasmo, il primo per mano di sua figlia. La vidi allontanare il capo della figlia, portarsi una mano sulla fica ed assaporare il godimento puro. Gabriella smise di leccarla ed affondò il volto nel letto, implorandomi di non distruggerle il culo. A quel punto la madre si alzò e mi affiancò, invitandomi a rallentare nelle spinte. Uscii allora dal suo culo ed entrai nella sua passera mentre Donatella le accarezzò la schiena e la testa, come poteva fare una madre apprensiva.
Per me era tutto un sogno. Mi sembrava la cosa più assurda che mi fosse capitata nella vita.
Pochi attimi dopo Gabriella raggiunse un orgasmo ed io dissi a Donatella che la volevo.
Da quel momento cambiammo diverse posizioni e mi dedicai con vigore a soddisfare la madre che nel frattempo si dedicava anche alla figlia, osservandole provare piacere entrambe.
Quando capii che anche la mia resistenza aveva un limite, mi sdraiai sul letto e chiesi a Donatella di accovacciarsi su di me. La sua fica, completamente bagnata, era un burro. Entrai nel suo corpo in un attimo, senza fatica. Gabriella si affiancò alla madre, senza salire sul letto e la costrinse ad avvicinare il capo ai suoi seni. Nel frattempo io continuavo a scoparla ma la figlia la invitò a succhiarle i capezzoli. Vidi la bocca di Donatella chiudersi attorno ai capezzoli della figlia che nel frattempo si era portata una mano tra le gambe ed aveva ripreso a masturbarsi.
“Siete una coppia fantastica….”, disse Gabriella.
“Anche tu lo sei”, le disse la madre, parlando per la prima volta.
“Non vi immaginate per quanto tempo io abbia sognato questa situazione”.
“Sto per godere, ci sono! Ci sono!”, dissi io, interrompendo di fatto quel colloquio tra madre e figlia.
“Riempila, dai”, disse Gabriella mentre la madre si accasciò su di me ed io le diedi gli ultimi colpi, prima di esplodere dentro al suo corpo. Mi sentii svuotare e restai dentro di lei finché il mio membro non si afflosciò.
Restai con gli occhi chiusi per qualche minuto e Donatella allo stesso modo, avvinghiata a me con la testa rivolta dal lato opposto rispetto alla figlia che di lì a poco raggiunse il suo ennesimo orgasmo. Aveva continuato a toccarsi, senza mai smettere, infilandosi dentro le dita ed utilizzando entrambe le mani per procurarsi quello che poi avrebbe definito “un piacere indicibile”.
Noi due non parlammo. Nessuno di noi disse nulla, restando in silenzio ad ascoltare il mugugnare di Gabriella ed una volta che il suo piacere si fu placato, ci salutò entrambi con un bacio veloce e si allontanò dall’appartamento, lasciandoci sbigottiti.
Io e Donatella non ne parlammo. Lei non volle.
Disse solamente: “Non dire nulla. Non adesso. Ci vediamo la settimana prossima”.
Mi chiesi cosa si sarebbero dette quella sera o nei giorni successivi e che cosa mi avrebbe detto Donatella la prima volta che saremmo stati a tu per tu, magari la settimana prossima.
Uscii da quell’appartamento quel giorno, con il timore di non tornarci, la paura che i miei precedenti con Gabriella venissero svelati ma anche con una grandissima eccitazione che, ovviamente, non avrei potuto raccontare a nessuno.

Questo racconto di è stato letto 4 3 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eoriciracconti di scambio coppieracconti transessualiracconti gang bangracconti erotic istorieroticheracconti erotici sui piedicrociere eroticheracconti hardporno racconti realipalline cinesi raccontiho scopato mia sorellaracconti eriticifarfallina racconti eroticiracconti erotici suocera generozia perversastorie spinteracconti roticiracconti gay bisexi generi racconti eroticiracconti fi milustorie eotichechiavare la suoceraraccontierdonna inculata da cavalloracc er 69racconti piccantissimiracconti erorticiracconti erotici collegaracconti mamme troiestorie a luci rossestorie ertichemia sorella mi provocanonna troia raccontiracconti erotici con zieraccnti eroticiracconti erotici in saunaracconti tettonaracconti:eroticiracconti erotici tettonestorie di travstorie gay 69ho scopato mia ziastorie eroticaravconti eroticiraconti eroticiscambio di coppia bisexavventure cuckoldiincestisesso racconti eroticigolosa di spermaio milùdonne montate da animaliracconti erotici ragazzeraconti sexstorie di sesso al cinemaracconti tradimenti pornoannunci incestoracconti/eroticifemdom raccontiracconti di mariti cornutii generi dei racconti gayracconti erotivprofessoressa zoccolastorie di ragazze troieracconti 69 gaymary rider escortfumetti erotici incestoracconti erotici spogliatoioraccontihotannunci 69 storieracconti rroticicognata raccontoracconti erotici gitaracconto porno gratiseracconti eroticistorie porniracconti porno lesbicheracconti reali di sessoprime esperienze raccontistorie porno moglieracconti lesbiciracconti eroriciracconti erotici mistresseroyici raccontistorie di sesso lesboraccontierosinculami papàavventure cuckoldraccontu pornoero raccontiho inculato mia mammaracconti milu comsculacciata storieracconti incestuosi realirita gaudenteeroticiracconti