La compagna di scuola di mia figlia V

Scritto da , il 2019-04-19, genere prime esperienze

Poi Cristina si alza in piedi e viene verso di me, sposta Anya, e si siede sulle mie ginocchia spingendo il suo sesso bagnato contro il mio che è bagnato e sporco di saliva e sborra.
Mi prende il viso tra le mani e avvicina la bocca alla mia
“sei un porco, il mio porco, il mio bastardo, ti amo stronzo”
“voglio farti morire di sesso, puttanella, voglio che tu sia la regina delle zoccole, mi hai rubato l’anima lurida troia e ora devi pagare godendo e facendomi godere”
Segue immediatamente un bacio animale in cui lei spinge e strofina la figa contro il mio cazzo sempre in tiro. Tutto il resto sembra immobile per i secondi che seguono, poi all’improvviso Cristina sembra ricordare qualcosa che l’aveva distratta prima e smonta dalle mie cosce per alzarsi e avvicinarsi al quartetto rimasto ancora in disparte. Tre uomini e una donna con collare e guinzaglio e con un cappuccio che ha un’apertura in corrispondenza della bocca che forza per tenere aperta e dalla quale a causa della posizione esce un filo di saliva, una tuta di latex che lascia scoperti i seni e la zona del bacino dalla quale fan capolino una figa perfettamente depilata e un paio di scarpe molto simili a quelle di Cri. Bracciali con anello di tenuta su polsi e caviglie. Cristina si avvicina e porta la tipa sulla pedana insieme ai tre ragazzi rimasti, fa il giro intorno a lei e scoppia a ridere.
“guarda qui che carino”
Fa girare la ragazza che ha un plug anale con tanto di coda che fa bella mostra di se e risalta contro la pelle del culo nudo.
“Interessante, non ho mai avuto una serva pronta per me, posso farci quello che voglio?”
“questa idea non è mia, io avevo pagato per le due troie qui e per i ragazzi, lei non so perché sia qui”
Mario ci dice che lei è la serva che ci da in regalo per la laurea, un omaggio della casa insomma e ci garantisce che è assolutamente a disposizione per qualunque cosa. Come per ribadire il concetto fa entrare un enorme carrello su cui fanno bella mostra di se cazzi in lattice di varie dimensioni, plug anali, paddle, catenelle con morsetti, manette, funi, imbuti, e addirittura alcune fruste.
Cristina gira intorno alla ragazza, la palpa, le strofina la figa, le mette in bocca due dita e ci gioca, intanto ordina ai tre ragazzi di togliersi l’unico indumento che hanno, i jeans che avevano conservato al contrario del mezza coscia. Il guinzaglio finisce nelle mani della mia puttanella e mi aspetto da un momento all’altro di veder iniziare l’ennesimo spettacolo che la fantasia perversa della ragazza sta evidentemente studiando e per prepararmi mi sfilo la camicia che Anya non aveva ancora tolto. Le altre due puttane come avessero capito che aria tira si sono sedute di fianco a me, una per parte e se ne stanno a cosce spalancate titillandosi la figa ognuna per i fatti suoi e che non sia solo messa in scena lo si vede dalle bocche appena aperte, dalle lingue che scorrono sulle labbra e dal respiro irregolare che muove i loro seni.
La serva finisce a quattro zampe, non ne dubitavo, con la faccia tra le cosce della mia donna e la sua lingua esce appena de quella apertura per andare a tormentarle il clitoride.
I tre ragazzi ubbidienti per ora si menano i cazzi per farli rizzare ancora di più anche se a ben vedere non mi pare ce ne sia bisogno. Cristina si stacca, ordina al trio di scaldare la serva e si dirige verso il carrello e con attenzione vaglia il contenuto fermandosi su uno strapon che indossa e su una paletta lunga una cinquantina di cm con la quale credo intenda ravvivare il colore del culetto della serva.
Contrariamente a quello che pensavo si avvicina poi al nero e lo afferra per il cazzo, tirandolo a se e limonandolo per cominciare a fargli una sega che rimette in posizione l’obelisco.
“prima di andare a dormire mi schianti questo coso in tutti e tre i buchi, voglio vedere se riesco a prenderlo tutto, spero tu sia contento”
Gli sorride mentre la mano lo percorre per tutta la lunghezza
“posso farmi sbattere e riempire da questo palo nero? Credo non mi dispiacerebbe provare a prendere… quanti sono, trenta cm? Voglio che mi scopi in gola passando dal culo, ti piacerebbe vedermi riempita da questo affare amore?”
La scena mi esalta già e per farglielo capire ricomincio a menarmi l’uccello.
“siamo tutti qui per te, zoccola”
“allora ora collauda la stronza in latex, fattela prima che la riempia io”
Dice mostrandomi lo strapon rosa che fa bella mostra di e che le sporge dal pube.
Non ci penso due volte e mi alzo per approfittare della posizione della cagna messa a quattro zampe che subisce le mani, i pizzichi e le manate su tette, faccia e culo dai tre maschi che la tormentano. Mi piazzo con il cazzo in tiro davanti alla sua bocca e spingo la cappella in quel buco che sbava. Non mi sono mai fatto una in tenuta sadomaso e mi eccita spingerle il mio cazzo sempre più in fondo fino a vederla strabuzzare gli occhi e poi tirarmi indietro per lasciarla respirare e poi rispingere a scoparle la gola dal quale esce un suono gutturale e osceno. Le ho afferrato la testa e la scopo in bocca con studiata forza e fino a sbatterle la cappella contro le tonsille. I tre ragazzotti ne approfittano per aprirle le chiappe e infilare le dita dentro alla figa e al buco del culo e i loro cazzi sono tesi e pronti all’uso mentre Cristina, seduta sui talloni prova a infilarsi in gola quello splendido obelisco nero di carne. Vedere quel cazzo finto assicurato da cinghie penderle in mezzo alle cosce mi fa eccitare e in preda all’eccitazione aumento il ritmo in bocca alla cagna che a fatica regge i miei assalti.
Voglio chiavarla nel culo e mi sfilo, le giro intorno, mi inginocchio dietro a lei e le strofino il cazzo sul buco del culo aperto dalle dita dei ragazzi. Spingo in un colpo tutta la cappella fino allo stomaco e quello che sento è un urlo di dolore e le pareti del suo culo bianco che mi avvolgono la cappella. Manco a dirlo comincio a stantuffarla nel culo mentre i tre porcellini, come se avessero letto i miei pensieri si impossessano di mani e bocca trovando così da fare alla serva a cui sto trapanando il culo. Non mi pare che però le dispiaccia considerato che ha cambiato il tono di voce e i suoi sembrano più guaiti di piacere che di dolore. Poi guardo la mia puttana che si sta facendo guidare dal nero che, dopo averle afferrato la testa la scopa in bocca e vedo quanto di quel cazzo sparisce nella gola della puttanella che improvvisamente stoppa, lo afferra e lo trascina vicino a me, si piazza anche lei a quattro zampe e ordina
“chiavami porco nero bastardo, fottimi e spaccami figa e culo”
Con le mani si apre e io vedo il ragazzo afferrarsi la mazza e spingerla in fondo alla mia cagna che ricomincia a bestemmiare e a insultare il suo cavallo da monta.
Non reggo alla scena e mi scarico nel culo della serva, diritto nell’utero con un urlo di piacere da parte di entrambi e poi ordino ai tre di fare lo stesso.
“scopatela e riempitela dappertutto, fatela grondare”
Cristina caccia un urlo e intuisco che lo stallone le sta scaricando tutta la sborra in pancia. Dopo l’attimo di smarrimento lei si alza e, recuperato il paddle colpisce tette e culo della ragazza che subisce gli assalti dei tre cazzi prossimi a godere. Silvia e Anya intanto sono ormai ridotte a orifizi lucidi e gonfi di saliva e liquidi dei loro orgasmi, le bocche si intrecciano e le dita entrano ed escono da tutti i buchi.
I tre ormai esplodono dentro la serva che si muove per farsi riempire più che può.
Cristina si sdraia e ordina alla cagna di impalarsi sul suo strapon mentre i tre esausti si lasciano andare sul pavimento e l’altra comincia a fottersi fino in fondo mugolando mentre la mia puttana la insulta e la schiaffeggia. Il latex lucido e gocciolante di umori e sborra di un po’ di tutti sotto i fari che Mario ha sapientemente acceso inquadrano la scena di una ragazza nuda, sdraiata sul pavimento che ha un cazzo legato alla vita su cui una donna ricoperta da una tuta aderente nera, aperta in alcuni punti, sta agitandosi per riempirsi fino in fondo. Da ancora qualche decina di colpi forsennati e poi con un verso si riempie e si accascia andando a limonare quella che la chiavava.
La scena è ipnotica ed è il centro di tutti i nostri sguardi, la mia puttanella e al sua serva sul pavimento.
Chiedo a Silvia e Anya di portare sul divano le due troie e a tutti di masturbarsi su di loro in modo da bagnarle ancora e le due sempre al centro della scena, scosciate e grondanti sborra dalla figa affondano le dita per tirare fuori tutto quello che riescono. Persino Mario non resiste e si avvicina anche lui segandosi davanti ai due visi. Mi avvicino alla ragazza misteriosa e le afferro il cappuccio sfilandoglielo e resto di stucco:
“Paola? Che cazzo ci fai tu qui”
La mia figliastra coperta di latex e grondante sborra dalla figa e dal culo si sta sditalinando davanti a me in mezzo a un gruppo di porci e puttane eccitati.
“Io e lei facciamo sesso da mesi, e una notte Cristina nel letto parlando nel sonno ti chiamava e ti chiedeva di sfondarla. A quel punto non ho resistito e ho cominciato a seguirvi e ho scoperto che cazzo combinavate.
Li ho cominciato prima ad essere gelosa poi a volere anch’io essere come voi. Quando una sera sei venuto da Mario l’ho convinto a farmi partecipare e il resto lo hai visto”
Si sono fermati tutti, me compreso. Non so cosa fare con la figlia di mia moglie a cui ho appena riempito bocca e culo e la mia puttana che amo e che ho capito perché girava per casa mia così assiduamente.
Cristina sorride e prende Paola per i capelli costringendola a baciarla e la limona vistosamente.
“dai papino, fai contente le tue bambine, regalagli la tua sborra da dividersi e di agli stronzi che sono qui che vogliamo i loro orgasmi, che siamo qui per la mia festa e vogliamo brindare con sborra e succhi di passera”
Non ho tolto la mano dal cazzo e le guardo. Non mi ero mai reso conto di quanto fosse figa anche Paola e ricomincio a menarmi l’uccello senza pensarci. Intorno il fermento riprende fino a che non schizziamo e laviamo le due cagne che dopo aver pulito fighe e cazzi e essersi passate di bocca in bocca qualunque cosa mi fanno sedere in mezzo a loro e a turno mi baciano.
“grazie papino” mi dice Paola con un sorriso
“grazie Amore” Cristina appoggiando la testa sulla mia spalla.
“ma tu lo sapevi?” le chiedo
“no, ma ho riconosciuto la fighetta ed è per quello che l’ho fatta chiavare dal negro, per premiarla.”
“credo che a questo punto possiamo tornare a casa tutti e tre. La festa è finita.”
Ci rivestiamo e usciamo nel cortile incuranti di tutti e tenendoci per mano.
Si è già fatto giorno. Un nuovo giorno.

Questo racconto di è stato letto 5 1 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone