Tutto è bene quello che finisce bene

Scritto da , il 2019-04-17, genere comici

“Guardati e guarda lei”- mi dici indicando mia cognata in questo pranzo di famiglia a casa nostra.
Al momento cerco di non dare troppo peso a queste tue parole, ma tu, quando decidi di fare lo stronzo, ce la fai benissimo a tirare fuori il peggio di te.
“Guarda com’è vestita! Tutta truccata, preparata, capelli tinti.... Non vedi che ultimamente ti stai trascurando un po' troppo?”
Mi giro verso mia cognata, che ha dieci anni meno di me. Sorride, e con aria compiaciuta, cerca di giustificare il mio abbigliamento “poco presentabile”, almeno secondo il tuo parere.

Sorrido come un’ ebete, ma dentro di me sto bollendo di rabbia. Lei, contenta dei complimenti, si sistema i capelli lunghi, divisi in mezzo, come le vecchiette di una volta.
“Tranquilla,- le dico- i complimenti in questa casa fanno parte del pranzo per gli ospiti, anche a scapito della padrona di casa, nonché cuoca.”

Sono stata acida. Non dovevo- mi rimprovero.
Per smorzare la tensione, dico a tutti: “Scusate, vado un attimo in bagno.”

Una volta dentro, chiudo la porta a chiave e guardo me stessa allo specchio. Ho addosso un paio di jeans aderenti con una magliettina che scende da una spalla. I capelli, effettivamente, sono in disordine, ma è colpa loro. Sono venuti con un'ora di anticipo. Era tutta la mattina che cucinavo e al momento, quando potevo far la doccia, i nostri ospiti sono arrivati e non ho potuto più farla, così come non ho potuto nemmeno truccarmi.
Mi rinfresco un po’ il viso con dell’acqua, con una molletta tiro su i miei capelli mai tinti, tra cui qualche capello bianco comincia a farsi notare.
Mi è sempre piaciuto il mio colore dei capelli, un castano caldo, e ho sempre preferito essere naturale piuttosto delle due ore seduta dal parrucchiere a far la tinta. Forse è ora di cambiare le mie abitudini anche io- mi dico.
Una volta esaminatami e preso coscienza della mia persona, entro in sala dove siete tutti e tre a chiacchierare animatamente. La vostra discussione si interrompe con il mio arrivo. Sento sei occhi puntati addosso, forse vi state chiedendo se ci sono rimasta male poco fa.
Sono tranquilla. Ora sono tranquilla. Con un sorriso, degno di un’ amabile padrona di casa, dico a voce alta:
“Chi vuole uno sgroppino?”

Rispondete tutti e tre in coro di sì. Tiro fuori il gelato, la vodka al limone, il prosecco e mi metto a prepararlo. Di tutto il pranzo questo è il momento che mi piace di più. Amalgamo bene gli ingredienti, stando attenta che non rimangano grumi di gelato. Per farlo un po’ più delicato ci aggiungo pure un pochino di latte. Una volta finito, lo verso nei bicchieri. In quelli dei maschi metto anche un po’ di curaçao, invece per me e mia cognata aggiungo un filino di sciroppo alla fragola, al bordo del bicchiere una fragola come guarnizione. Contemplo il mio lavoro e vi raggiungo.
“Che bellezza!”- dice mio cognato che subito si mette a fare la foto al vassoio con i 4 bicchieri.
Ringrazio soddisfatta, mentre tu continui a guardarmi. Sai già d’averla combinata grossa e stai aspettando la mia esplosione. Sai benissimo che sotto la mia corazza serena si nasconde un veleno che non vede l’ora di venire fuori.
In tutto questo non ti degno neppure di uno sguardo. Non ti ho più guardato da quando mi hai sminuita.
Chiacchieriamo ancora per un po’. Arriva l’ora del caffè. Ti offri per prepararlo tu, ma non te lo permetto. Anche questo è una cosa che mi piace fare, soprattutto giocare con la schiuma.
Tra baci, abbracci e ringraziamenti, i nostri ospiti se ne vanno, dicendoci che la prossima volta vorrebbero ricambiare.
Siamo soli io e te. Fai per abbracciarmi, complimentandoti per l’ottimo pranzo. Mi dici che era venuto proprio bene.
Non te lo permetto. Mi svincolo con tatto, senza farti capire che sono ancora arrabbiata con te.
“Amore, io mi faccio una doccia. Poi devo andare da Davide a farmi la tinta. Tu intanto metti a posto la cucina. Dopo cena dobbiamo uscire con Lorenzo, giusto?”
Annuisci.
Lorenzo è un tuo amico che a me sta molto simpatico. Ho accettato volentieri quando ci ha invitati per un aperitivo fuori la settimana scorsa.

Guardi terrorizzato la cucina. I lavandini sono stracolmi di pentole e teglie da disincrostare. Il tavolo è ancora pieno di bicchieri e degli ultimi piatti da dolce e frutta. Non avevo permesso a mia cognata prima di darmi una mano. Avevo detto a lei che ci avresti pensato tu dopo.
Si caro, è uno dei premi per il trattamento che mi hai riservato. E questo è solo l’antipasto.

“Alba, quando hai preso appuntamento dal parrucchiere?”

“Ah... appena mi hai detto che sono in disordine. Mi sono guardata allo specchio e ho visto che avevi ragione. Per fortuna è riuscito a spostare una cliente e ha potuto prenotarmi subito, così non ti faccio fare brutta figura stasera davanti a Lorenzo.”- sorrido sorniona.

Farfugli qualcosa, ma non ci faccio caso. Non me ne frega niente se tu hai da ridire. Magari la prossima volta ci pensi prima di sparare le tue stupidaggini grandi e grosse quanto una casa.

“Amore, mi servono dei soldi!- ti dico prima di uscire.

“Prendi il mio portafogli. E lì, sul tavolo.”

Vengo verso il lavandino, dove tu senza guanti cerchi di togliere olio e crosta dalle teglie. Ti parlo, che così mi guardi mentre tiro fuori i soldi. Mi prendo 500 euro giusto per dispetto e te li sventolo davanti agli occhi.
“Amore- mi dici balbettando- ma come mai così tanti?”

“Avevi ragione tu, ultimamente mi sono trascurata troppo. Da oggi in poi ho deciso di cambiare. Avrò più cura di me stessa. Promesso. Intanto mi prenoto il ciclo di 10 massaggi che l’estetista mi aveva proposto l’altra volta. E’ in promozione, e la prima seduta mi viene gratis. Poi dovrò rifare le unghie. Non mi piace lo smalto che ho messo la settimana scorsa...”

Mi guardi sbalordito, ma non ti lascio tempo per parlare. Ti do un bacio sulle labbra e scappo.

***
Eccomi, ora sono dal parrucchiere. Mi tocca, mannaggia. Mio marito ha ragione, ma che colpa ne ho io se non riesco a stare senza fare nulla? Questo poi è proprio lento. E’ molto bravo, ma è più lento di una lumaca in un pozzo. Un giorno mi ha tenuta un’ ora e mezza per una piega... vabbè, dai, mi ha fatto pure il taglio, ma ciò non giustifica tutto quel tempo.
E oggi con la tinta? Cosa succederà?
Non pensarci Alba. Cerca di goderti questo momento dopo il lavoraccio di stamattina. Fallo diventare piacevole.
Ah... se volete saperla tutta, a me non piace nemmeno stare ferma per farmi la piega. Le poche volte che ci sono andata è stato solo perché è mio marito che rompe. Prende lui l’appuntamento visto che è anche il suo parrucchiere, ed io per farlo contento ci vado. Diciamo che sono fortunata ad avere i capelli lisci. Mi basta lavarli e asciugarli a testa in giù e sono sempre in ordine.
Questo penso mentre sto qui ad aspettare il mio turno.
“Alba, tutto ok?” - mi chiede lui.

“Sì sì, grazie.”

“Come mai hai deciso di farti la tinta?”

“Perché mi è uscito qualche capello bianco”- ammetto con dispiacere- non posso farne a meno.”

“Mi dici cosa vuoi fare? Hai qualche idea?”

“No.”

“Vuoi fare le mèches?”

“Eh?”

“ I colpi di sole, intendo. Anche se te lo sconsiglio. Sono passati di moda. Ti consiglierei...”

Davide spiega e spiega ma io lo guardo come parlasse arabo. Mi parla di tecniche moderne per tingere i capelli, poi mi dice di mantenere il mio colore ma lo ravviviamo un po’. Poi mi parla di un effetto metà e metà di cui ora non ricordo più il nome... insiste dicendomi che se li facciamo scuri sulla radice e più chiari sulla punta verrebbe proprio un bell' effetto sfumato.

Quando si accorge che lo sto guardando come se mi parlasse un’altra lingua, Davide dice:
“Mò ti faccio vedere.”- e si mette a cercare sul suo telefono e mi fa vedere delle foto.
Lo guardo ancora più confusa di prima, poi gli dico:
“Davide, fa quello che vuoi. Mi fido di te.”

“Ok, grazie della fiducia.”- e si mette all’opera.

Mentre lavora mi parla dei miscugli puzzolenti che sta per mettere sulla mia povera testa.
Continuo a costringermi a non pensare. Finisce. Mi copre i capelli con del cellofan, mette il timer 20 minuti, poi va ad occuparsi degli altri clienti.
Una ragazza viene per chiedermi se gradisco una rivista o qualcosa da leggere, ma mi rifiuto. Preferisco leggere Er, è più divertente dei gossip noiosi da quattro soldi dei parrucchieri. Almeno troverò un racconto eccitante... forse...
Mentre smanetto con il telefono, ecco che un suo collaboratore mi viene vicino:
“Cara, vuoi un caffè?”
Faccio in tempo a nascondere ciò che stavo leggendo e lo ringrazio gentilmente per la premura, ma non vorrei nessun caffè.
Dentro di me penso, ci manca solo quello ad agitarmi ancora di più.
Drin, il timer suona. Tempo scaduto, per fortuna. Ora sono sul lavandino per lavarli. Davide comincia a sciacquarmeli con cura. Mi piace il massaggio al cuoio capelluto, l’unico rito del parrucchiere che mi fa stare bene. Chiudo gli occhi per rilassarmi.
Il parrucchiere riprende a parlarmi:
“Ora ti metto questa soluzione. Serve per unificare il colore e dare più lucentezza al capello.”

Dio, ora mi sta prendendo di nuovo l’angoscia. Come sarò? Bionda? Rossa? Mora? Nera? Perché sono stata così stupida? Come ho fatto a far decidere lui per la mia testa?

Davide mi dice di mettermi di nuovo davanti allo specchio per farmi asciugare i capelli. Bagnati come sono non riesco a capire il colore. Chiudo di nuovo gli occhi. Respiro profondamente. Cerco di non pensarci più. Ormai quel che è fatto è fatto. Basta. Non si ritorna più indietro.
“Li vuoi mossi o lisci?”

“Mossi, grazie. Lisci me li faccio da sola a casa.”

“Da quale parte la riga?”

Mi vergogno a dirlo, ma non la ricordo più.
“A destra... no, a sinistra...”
Destra, sinistra, ripeto un paio di volte, ma non ne sono proprio sicura.
Davide ride. Sono in imbarazzo. Mi sento proprio scema.

“Il colorare i capelli, ti ha proprio sconvolta, vero, Alba?”
Sorrido. Finalmente finisce di farmi la piega.
“Guardati come stai bene. Il colore è bellissimo!”

Mi guardo. Devo ammettere che ha fatto un buon lavoro.
Mi sento diversa, strana, ma mi piaccio. I capelli mi scivolano sulle spalle. Li sento morbidi, voluminosi, anche se non ancora miei.

Dopo due ore e mezza rientro a casa. Tu hai già pulito tutto e stai guardando la tv seduto sul divano.
Non presto attenzione al programma. Ti saluto e passo direttamente in bagno per truccarmi.
“Aspetta,- mi dici- fatti vedere un attimo.”

“Amore, non c’è tempo, - rispondo con finta dolcezza- tra un' oretta dobbiamo uscire con Lorenzo, e quindi voglio essere bellissima per te.”
Mi segui in bagno. Stai lì per un attimo a guardarmi mentre spalmo delicatamente il fondotinta sul viso e il décolleté.
Mi soffermo a lungo su quest’ultimo. Mi massaggio chiudendo gli occhi, ignorando la tua presenza. Non dici nulla. Esci e vai a cambiarti anche tu. Ti sei vestito semplice, con jeans e maglietta e mi aspetti di nuovo seduto sul divano.
Entro in camera per cambiarmi. Fino all’ultimo avevo pensato di vestirmi come te, ma poi cambio idea. Un abitino nero aderentissimo a tubino attira la mia attenzione. Mi piace tanto. E’ smanicato e ha uno spacco laterale abbastanza profondo, ma non volgare. C’è quell' effetto, vedo non vedo, che tanto adoro. Nella parte alta della scollatura è fatto di pizzo nero trasparente. Con un reggiseno a balconcino dovrei riuscire a far vedere qualcosa anche da lì. La cerniera dietro che passa dal fondoschiena e arriva fino a dietro la nuca, il pizzo dell' autoreggente che viene fuori innocente dallo spacco del vestito, scarpe col tacco, un coprispalle sempre nero...
“Eccomi pronta,- ti dico facendo una giravolta davanti a te- ora possiamo uscire.”

Ti alzi con un “wow!”
Sono contenta. Ho ricevuto l’effetto desiderato.
Ti dirigi verso la camera. So cosa stai per fare, vorresti vestirti elegante anche tu, com’è giusto che sia, ma io ti rompo le scatole lo stesso:
“Dove vai? Guarda che facciamo tardi.”

“Devo mettermi elegante anche io... non possiamo presentarci così. Certo però che me lo potevi dire prima come ti saresti vestita... comunque faccio presto”.- parli a voce alta dalla camera.
Faccio finta di niente, ma dentro di me sono alle stelle. Ti sto mettendo in difficoltà ed è solo l’inizio.

In un attimo sei da me. Scendiamo le scale. Ti avvicini per darmi un bacio, ma continuo ad evitarti.
In macchina continui a guardarmi con la coda dell’occhio. Io mi guardo allo specchietto, ammirando i miei capelli nuovi per cercare di abituarmi e convincermi che mi stanno bene.

“Ti piaci?”
“Sì, dai...”- sono le uniche parole che ci scambiamo.

Parcheggiamo e ci avviamo verso il bar dove abbiamo appuntamento con Lorenzo. Lui ci aspetta fuori.
Ci salutiamo con due baci sulla guancia, poi Lorenzo mi prende la mano e mi dice:
“Alba, ma hai cambiato look? Stai benissimo così.”
Lo ringrazio con tanto entusiasmo, più del dovuto, ma poi entriamo dentro al bar. C’è un tavolo un po’ appartato. Voi due vi sedete. Io mi siedo vicino a Lorenzo, ma di fronte a te perché devi vedere bene cosa sto per fare. Voi due ordinate gli aperitivi, io invece ho voglia di un dolce. Chiedo alla barista se fanno le crêpes. Alla sua risposta positiva ne ordino una alla nutella, con tanta panna e la granella di cioccolato sopra. Chiacchieriamo ancora finché arriva di nuovo lei con l’ordinazione pronta. La crêpe è proprio invitante. Mi lecco le labbra prima ancora di assaggiarla. Comincio ad assaggiare la panna. Tiro fuori la punta della lingua con tanta delicatezza. Lecco piano, poi chiudo gli occhi.

“Mmm che prelibatezza.” - dico ad entrambi.
Vedo lo sguardo tuo di rimprovero. Continuo a far finta di nulla e mi avvicino a Lorenzo.
“Vuoi assaggiarla?”

Lui imbarazzato mi dice di sì e chiede una forchetta alla barista, che in quel momento sta passando vicino a noi.
“Lorenzo che forchetta? Guarda che volevo darti solo un pezzettino giusto per assaggiare. Mi piace troppo per dividerla.”- rispondo con aria di rimprovero.

Intanto, accidenti alla barista, arriva la forchetta. Non erano questi i piani, ma gli permetto di prendere due forchettate. Nel frattempo mi avvicino a lui ancora di più con la sedia e ci parlo amorevolmente. Ogni tanto ti guardo di sottecchi per vedere come sei messo. Sei nervoso. Lo percepisco e godo.
Vorrei aumentare il tuo disagio. Metto una gamba sopra l’altra, così la mia coscia fasciata dalle autoreggenti si vede ancora di più. Il pizzo in cima è sensuale, provocante. Finalmente Lorenzo lo nota e dimentica che sono la moglie del suo amico. Ogni tanto torna in sé e cerca di parlare con te, ma io non glielo permetto. Per avere la sua attenzione, gli tocco sempre il braccio e gli parlo di continuo, mentre con l’indice e il medio gioco con le ciocche dei miei capelli nuovi. Adesso si è alzato per farti vedere dal telefonino un articolo che parla di uno che aveva tradito sua moglie il giorno del matrimonio, al momento che dovevano tagliare la torta, con un altro uomo, e di come era stato scoperto dai parenti della sposa. Ridi forzatamente. Con la scusa di guardare l’articolo, mi alzo e mi appoggio a Lorenzo da dietro. Il mio braccio è sulla sua spalla, appoggio il seno sulla sua schiena e continuo a ridere a voce alta.
Per carità, l’articolo e’ divertente, ma non è quello lo scopo. Nel frattempo ti guardo di nuovo di sfuggita. Vedo che stai bollendo.
Mi siedo al mio posto. So che adesso ho esagerato, ma ho anche ottenuto ciò che volevo. Lorenzo ci guarda tutti e due senza capire nulla , poi si allontana imbarazzato e va a pagare. Di solito non è facile offrirti qualcosa. Sei sempre tu quello che offre, ma questa volta non ti muovi. Sei imbambolato, arrabbiato.
“Ops, Alba, hai esagerato di brutto.”- mi dico.

Ci salutiamo con Lorenzo. Ora sono tornata la brava Alba di sempre. Ho ottenuto ciò che volevo. Ti ho ripagato con gli interessi, e adesso, anche per paura della tua reazione, mi sono proprio calmata.
Saliamo in macchina. Sbatti con forza la portiera. Non parliamo per strada. Cerco di accendere la musica, ma tu spegni. Non mi oppongo.
Scendiamo giù in garage. Scendo e mi avvio verso casa, mentre tu devi parcheggiare all’interno. Vado subito in bagno e cerco di cambiarmi. Ho tolto le scarpe ma ho difficoltà con la cerniera. Alla fine ce la faccio ad aprirla fino in fondo. Tolgo il vestito dalle spalle, che scende ma si ferma sul bacino, proprio mentre apri la porta del bagno sbattendola forte contro il muro. Sussulto. Ora ho paura. La tua mano mi prende il braccio sinistro e me lo porta dietro la schiena.
“Aia- mi lamento- mi fai male.”

Non ti fermi. Me lo giri più forte spingendomi a forza contro il muro del bagno e in questa posizione cominci a mordermi forte la schiena. Nonostante provi dolore, questa tua presa di posizione, la tua possessivitá , mi eccita da morire.
Tra i morsi cominci a urlare e a sfogare la tua rabbia:
“Ti piace provocarmi brutta stronza? Adesso ti faccio vedere io di cosa sono capace.”

Mi abbassi con forza il vestito. Il perizomino striminzito copre ben poco. Cominci a mano piena a colpirmi con forza sulle chiappe. Sento uno schiaffo: ciaff, due, tre... colpisci e mi urli. Te la faccio pagare io questo che mi hai combinato oggi.
Mi oppongo, mi giro verso di te e comincio ad insultarti pure io. Sputo tutto il veleno che ho dentro. Ti dico come mi sono sentita ferita dal paragone con mia cognata, di com’è stato umiliante, dopo ore e ore che avevo lavorato ai fornelli, che tu invece di chiedermi se ero stanca e complimentarti per tutto ciò che ho preparato per voi, per fare bella figura, mi hai rimproverata per l’aspetto.
Mi stringi forte il collo.
Cerco di graffiarti il viso.
Non mi arrendo nonostante tu mi blocchi. Urliamo insieme la rabbia. Ognuno esponendo le proprie delusioni.
E' in quel momento che mi accorgo che sei senza pantaloni e sei arrappato. Tieni il membro durissimo in mano e me lo infili dentro il mio sesso con forza.
Una volta dentro ti rilassi. Faccio per dire altro, ma tu con voce roca mi dici:
“Vorrei tapparti quella boccaccia con il mio cazzo per farti stare zitta, ma ho paura, che arrabbiata come sei, me lo mordi.”

Cominci a pompare. Mi lecchi la faccia. Le lingue si intrecciano. Mi aggrappo con le gambe ai tuoi fianchi. Tu mi reggi per le chiappe. Ci infili le unghie in profondità. Ti mordo il collo all’altezza della spalla. Urli e spingi più a fondo. Mi sbatti al muro e spingi ancora. Il mio corpo trema ad ogni tuo colpo. Ti vengo incontro ogni volta che spingi per sentirti più a fondo. Siamo due corpi caldi, teste bollenti, spiriti infuocati che si stanno consumando in fretta. Gemo dal piacere che sento arrivare. Urli il tuo con un grugnito da animale. Ci spegniamo così mentre mi invadi con il tuo sperma il ventre.
Stai ancora dentro me e con me in braccio ti avvii in camera da letto. Ci buttiamo sul letto ancora abbracciati. Scambiamo baci, questa volta teneri.
“Scusa, per oggi a pranzo- mi dici sincero- non volevo offenderti, sappilo.”

“Scusa tu. Sappi che manco io volevo umiliarti. Tanto meno davanti a Lorenzo, solo che... solo che oggi un po’ di pepe ha fatto bene alla nostra vita di coppia, ha dato più sapore, ma non voglio arrivare a tanto per farmi rispettare.”

Mi tolgo da te, baciandoti ancora. Vado in bagno a prendere la borsa. Dal portafogli tiro fuori 420 euro e li butto sul letto.

“Ma non volevi farti il ciclo dei massaggi?”- mi chiedi.

“Certo, ma dove vado io, pago in natura. Non mi servono i soldi.”

“Eh?”

Tiro fuori dal comodino l’olio di mandorle.
“Amore ti ho già pagato in anticipo. Adesso datti da fare, perché ho mal di schiena.”

Mi fai il solletico, mi baci. Ridiamo.

Questo racconto di è stato letto 3 2 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i generi dei racconti eroticiracconti di massaggierotici racconti.itracconti hard al cinemascambisti raccontiraconti eroticopiedi femminili raccontiracconti veri sexracconti sverginatasesso69racconto sculacciataracconti porno sottomessaracconto incestuosoracconti.incestoerotici racconti.itstorie di travestitisesso porno raccontiracconti erotici vedovanonna sega nonnoracconti eroticviracconti rtoticisesso gay racconticagna sottomessastorie poenostorie eroticiraccontierotici69racconti puttanastrorie pornoracconti erotici.comracconti erotici madre figlioracconti porno zooracconti di sesso incestoracconti eroticracconti di ragazze lesbicheincesti con zieerotico raccontoracconti erotciracconti erotici con la suoceraracc hardracconti erotici vipracconti porbostorie osèstorie sesso gratisracconti potnoracconti erotici di mogliclistere racconti eroticiracconti massaggioerotiraccontitroie scopate da animalistorie di milùracconti milùracconti di moglie troiaracconti porno incesto gayla troia di mia cuginavisita ginecologica eroticaracconti erotici incesto sorellaracconti sesso con caneprima inculata gayracconti 69 gayerotismo raccontimonella sculacciataracconti veri tradimentiho inculato mia mammascopate con la vicinaracconti erotixistorie pornerotic raccontiracconti porno realmente accadutiracconti guzzon59racconto cuckoldracconti porno spintiracconti erotici marito cornutoporno racconti incestuosiracconti erotici prima volta analei generi di racconti inceatoracconti di milfracconti erotici a69raccontidisessomia suocera troiamamme racconti eroticiracconti erotici zoofiliragazza scopa con caneracconti porno gratuitiracconti moglie ninfomaneracconti erotici genivracconti pornpracconti mia moglienel culo raccontistorie eritichesiti di incestodonna inculata da un cavallo