La compagna di scuola di mia figlia III

Scritto da , il 2019-04-12, genere prime esperienze

Sorride illuminata dalla luna e del riflesso di qualche lampione del parco tra gli alberi, l’unico indumento sono le sue All Stars e qualche tratto di pelle ricoperto da gocce bianche di sperma o di saliva e sto letteralmente impazzendo. Siamo intorno a lei e tutti e tre sull’orlo di un collasso, ci passa in mezzo e va a recuperare l’abito buttato prima sul sedile, lo butta sulle spalle e poi afferrando i due cazzi dei due compagni di giochi si gira verso di me: “allora? Da che parte andiamo?”
Le indico un sentiero che porta ad una macchia di alberi sotto la quale ci sono tavoli e panche e lei ridendo anche troppo, con la voce rotta dall’eccitazione, e senza mollare mai i due cazzi si dirige in quella direzione.
La guardo con il cazzo in tiro fuori dai pantaloni, le guardo il culo perfetto, i fianchi sottili, le gambe che si muovono veloci e la sento mia in maniera ossessionante. Mi sto innamorando di questa incredibile puttanella e la sento mia come non mai.
”c’è già una festa lì e credo di avere concorrenti” dice accelerando il passo.
In effetti su quella panchina è seduta una donna vestita da puttana che evidentemente sta ingoiando il cazzo ad un uomo mentre una mano sta in mezzo alle sue gambe e più in la un tizio dell’apparenza di un contadinotto si sta masturbando.
Si blocca tutto per un momento, io ho qualche timore, i due porci probabilmente anche ma Cristina sta guardando la puttana e riprende il cammino spedita verso di lei senza mai mollare la presa, arriva davanti a lei, si inginocchia in mezzo ai due che tira in modo da averli a portata di bocca e ricomincia a spompinarli.
Il cazzo mi scoppia in mano a vedere la scena, la cappella è viola, mi pulsa tutto.
“gran puttana la bambina”
La voce della donna ha qualcosa di flautato ma basso e solo allora guadandola bene mi accorgo dei tratti duri del viso. Guardo la mano tra le sue cosce e mi accorgo che in mano ha un cazzo di tutto rispetto e davanti alla bocca ha un altro tronco niente male. Anche Cri lo guarda e evidentemente si accorge che davanti ha un trans. Evidentemente eccitata succhia i due ancora più velocemente e a fondo lasciando a loro il compito di scoparla in bocca tenendosi i cazzi mentre le mani della mia piccola troia cominciano a tormentarsi figa e clitoride.
Non ce la faccio più, faccio i pochi passi che mi separano da lei, l’afferro per i capelli e ma la porto sulla panchina dove mi accomodo di fianco al trans e mi tiro addosso la ragazzina per impalarla sulle mie cosce.
Lei con la figa colma di umori si infila il cazzo agevolmente fino alla bocca dell’utero e sento le pareti dalla sua figa stringersi sul cazzo, si piega un po’ verso sinistra sporgendo la mano per afferrare il cazzo del trans e lo prende per i coglioni, li massaggia, li stringe ci gioca.
“vorrei tanto mi scopassi anche tu, frocio, voglio te e voglio godervi tutti, bastardi maiali “ e stingendo l’asta del travestito comincia a scoparsi come non mai.
“vi voglio nudi e tutti dentro, voglio ogni millimetro dei vostri cazzi e ogni goccia della vostra sborra luridi maiali. Non avete mai scopato una vacca come me e tu fammi sentire il tuo cazzo in pancia”
Lo dice accelerando il movimento del bacino mentre i due ragazzi più giovani come dei fulmini si posizionano uno dietro lo schienale della panchina alle mie spalle l’altro alla mia destra in piedi sulla panca, il cazzo in mano all’altezza della bocca della mia piccola troia che raccoglie l’invito e lo imbocca fino alle tonsille. Mugola e si contorce, si dimena e agita, si scopa emettendo suoni inarticolati e si impala con foga su e giù sul mio uccello che sono convinto che si spezzi in due.
Il trans si alza e ora posso vedere bene la tenuta da puttana completa di calze autoreggenti e tacchi, una minigonna rimboccata in vita e una camicetta aperta dalla quale emergono slip e reggiseno modello puttana. Con la mano regge un cazzo grosso quasi quanto il mio che smanetta con studiata perizia e sorridendo si porta dietro a Cristina. Il suo posto viene preso dall’altro ragazzo e il suo cazzo fa a turno con il primo alternandosi tra mani e bocca di Cri al secondo evidente e animale orgasmo.
“adesso vediamo se ti piacciono anche i travestiti”
Si è portato dietro Cristina che intuisce le evidenti intenzioni del tizio che le afferra e apre le natiche avvicinando il cazzo al buchino di Cri che rallenta il ritmo e si sporge.
“non mi ha mai scopata una donna col cazzo, spingi quell’arnese nel mio culetto stronza”
Non se lo fa ripetere due volte e io sento un altro cazzo scorrere nel canale attiguo a quello in cui da qualche minuto io sto scopando. Lei sussulta, rallenta, si ferma per accoglierlo diritto nell’intestino e fermandosi mi fissa negli occhi, mi bacia affondando la lingua nella mia bocca e tra di noi scorrono le parole ti amo che restano sospese per alcuni secondi prima di ricominciare a godere.
Il compagno di viaggio incontrato prima si porta alle spalle del travestito strofinandogli il cazzo tra le natiche e cercando di fotterselo, il contadinotto con le braghe calate non smette di guardare la scena e si mena il cazzo a una velocità tale che se non gode subito quell’uccello gli cadrà a terra e infatti il primo schizzo si libra in aria finendo sulle calze del trans che ormai sta inculando la mia troia bambina. Gli altri due insultano e bestemmiano cercando la bocca o le mani di Cristina che ormai è intenta solo a godere e urlare mentre le riempiamo utero e intestino.
Vuole il cambio di cazzo e si gira accompagnando il mio cazzo all’imboccatura del suo buchetto.
“ora tu in figa stronza” e il trans non se lo fa ripetere aprendole le gambe le infila il cazzo nella fighetta che cola di tutto ormai.
Gode ancora e io non ne posso più. A portata di bocca ho il trans che voglio limonare e con un numero degno di contorsionisti ci baciamo e mi piace il suo sapore.
“ora ti allago amore, ti vengo nel culo e spero che anche l’altra troia ti sborri”
Lei accelera e io sento lo sperma incandescente percorrermi l’uccello e finire dritto nel culo della mia cagnetta mentre il trans urlando di tutto estrae il cazzo e la inonda di sperma. Uno dei ragazzi le affonda il cazzo nella figa lasciata libera e dopo pochi colpi sborra con un urlo liberatorio. Sento il suo corpo mollare la tensione con ancora il mio cazzo nel culo e le mie mani l’accarezzano impiastricciandosi di un liquido caldo e viscoso che le cola quasi dappertutto. Siamo senza fiato, e ci abbandoniamo ognuno dove può. Cristina si sfila dal mio cazzo e girandosi sempre seduta sulle mie gambe mi abbraccia e mi bacia.
“grazie amore mio, grazie, grazie, grazie” e lacrima di gioia.
La abbraccio e bacio come non mai.
“sono innamorato di te magnifica puttana. Credo che tu mi abbia incasinato la vita”
La stringo ancora finché sento il suo respiro tornare normale e poi abbandoniamo quello che resta dell’allegra brigata per tornare a casa. A casa mia, domani poi vedremo.



Questo racconto di è stato letto 5 2 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


uomo bifallicorotici raccontiracconti sesso in famigliastprie pornodominazione raccontiracconto milustoria porno italianostorie porracconti porno animalistorie pormomi ha pisciato in boccastorie suoceraracconti erracconti erotici con fotola dea del pompinoraccoti eroticistorie porno gratisraccontierotici gratisracconti di ragazzi gayracconti gay miluracconti la suoceraracconto sesso analestorie sesso analewww.eroticiraccontiracconti cockoldstorie pirnoracconti sadomasoracconto xxxracconti porcatestorie di sesso gratisfaccio sesso con mia suoceraraconti sexracconti/eroticiracconti tradimenti pornoracconti nonno gayschiava aziendale 7storie di sesoblog racconti pornoracconti picantistorie pormoracconti rroticircconti incestoracconti porno nonnoletture pornoannunci 69 storieraccotni eroticiracconti erotcuckold raccontiracconti schiavo gayracconti lesbo matureracconti sex gratissorelle incestuoseracconti moluracconti porno cuginaracconti amatorialestorie erracconti di incesti realiracconti di zoccoleerorici raccontiracconti erotici privatiracconti feticismoracconti erotici famosiracconti poroconfessioni pornoracconti storie eroticheracconti erotici mia sorellastorie potnoracconti erooticisesso porno raccontiil culo della nonnaraccontisadomasoraconti eroticoracconti erosporno storiporno italiano storieano allargatoracconti super eroticiracconti por noracconti eoriciracconti erotici spankingracconti hard gratisclisteri racconti