Un giorno a casa

Scritto da , il 2019-03-22, genere incesti

Mi chiamo Paola e da poco ho compiuto i 19 anni. Molti mi ritengono una bella ragazza con un carattere molto socievole e vivace.
Ho ereditato dalla mamma i capelli biondi e gli occhi azzurri. Ho un culo sodo e due gambe lunghe e ben allenate a causa della palestra.
Un giorno d'estate ero rimasta a casa perché non avevo voglia di uscire e faceva troppo caldo quindi decisi di rimanere in mutandine e una maglietta senza reggiseno sotto.
I miei come al solito erano al lavoro, mamma in ospedale e papà in ufficio quindi decisi di non perdere tempo prezioso e andai a prendere il mio vibratore ben custodito sotto il letto per masturbarmi dato che il mio ragazzo era via con i suoi per vacanza.
Ero tutta concentrata a masturbarmi che non mi accorsi che la porta di casa si aprí improvvisamente ed entrò mio padre che rimase in un primo momento di sasso ma poi ritornò in se è mi disse:"che stai facendo, non pensavo che fossi così troia".
Io tutta imbarazzata:"papà non è colpa mia ma avevo voglia. "
Dopo queste parole mio padre gettò a terra la sua borsa e mi si avvicinò con aria molto maliziosa e affamata.
Notavo benissimo la sua erezione a causa dei pantaloni molto attillati e per un attimo avevo paura di lui.
Per carità mio papà è un bellissimo uomo sui 50 anni ben fisicato e giovane che faceva invidia a tutti i suoi amici però non avrei mai pensato a quello che sarebbe successo subito dopo.
Mi diede una carezza molto gentile sul viso e mi disse:"ora ci penserà papà a farti godere brutta troietta".
A quelle parole provai a scappare ma lui mi afferrò per i capelli e mi mise in ginocchio davanti a lui con la faccia che era posizionata proprio difronte alla sua immensa erezione.
Mi diede un piccolo schiaffo e mi disse di estrarre il suo cazzo e di succhiarlo e non potendo fare altrimenti eseguí gli ordini.
Tolsi la sua cintura e i pantaloni e appena sfilò anche le mutante il suo cazzo saltò fuori come una molla colpendomi la faccia.
Ero incredula, non avevo mai visto un pene di tale dimensione e non credevo che mio padre potesse avere una mazza di 23cm,difronte a questa scena sentí un brivido lungo la schiena e lui manco mi diede il tempo di riprendermi che mi inficcò il suo grosso pene dentro la mia bocca scopandola con forza.
Non ero abituata a una dimensione del genere e infatti non riuscivo a respirare faticavo a contenerlo tutto in bocca ma mio padre da esperto mi lasciava qualche secondo per respirare e poi ricominciava a scoparmi la bocca.
Dopo averli spompinato per bene il cazzo mi fece sdraiare sul divano con le gambe aperte e iniziò a sditalinarmi la figa. Si vedeva che era molto bravo e infatti non resistetti per più di 5 minuti e ebbi il primo orgasmo e ansimavo proprio come una gran troia.
Mi lasciò qualche minuto per farmi recuperare le forze e mi disse:"ora papà si dovrà divertire con te haha".
Dopo queste parole mi fece mettere a peforina con il culo ben in mostra e cominciò a leccarmi in buchino per lubrificarmelo al meglio e inseguito mise un dito per allargarnelo.
Premetto che non ero vergine di culo perché lo avevo già fatto molte alte volte con il mio ragazzo ma con mio padre percepivo una sensazione diversa, godevo di più mi piaceva che lui mi sottomettesse ai suoi desideri sessuali.
Dopo un po' inziò a puntare la sua cappella sul mio buchino e con un colpo secco mi entrò tutto e io gridai di dolore.
Cominciò con lenti movimenti col bacino per farmi abituare e poi iniziò a spingere con foga come se fosse una bestia in calore, il dolore si trasformò in puro piacere e godevo come una matta e finí ad avere un altro orgasmo.
Uscì dal mio culo e sedette sul divano e con tono minaccioso mi disse di sedermi su di lui di cavalcarlo non più nel culo ma bensì nella figa tutta bagnata.
È così feci mi impalò sopra di lui e inziai a cavalcare quel cazzo così grosso e così performante, mi sentivo al settimo cielo ero in estasi mi sentivo piena sentivo le sue palle colpirmi il culo sentivo che lui ansimava di piacere e all'improvviso mi ritrovai la figa in unfiume di sperma calda.
Lui estresse il cazzo e mi disse di rupilirlo e lo feci succhiai l'ultima goccia del suo seme avidamente fino a quando non crollai sul divano per la fatica.
Da quel giorno quando capita scopriamo come ricci senza la presenza della mamma.

Questo racconto di è stato letto 2 1 3 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone