My daddy

Scritto da , il 2019-01-20, genere incesti

Come poter iniziare un racconto che mi stà veramente a cuore, non è facile credetemi, ma ci proverò.
Tutto è iniziato quando avevo 16 anni, a scuola ho sempre avuto uno strano rapporto con il mio stesso sesso, mentre tutti parlavano di ragazze di figa di seghe, io ero come estraneo, non avevo particolari erezioni, ne interesse per il sesso femminile, ma nemmeno ero attratto da quello maschile, era come se fossi in un limbo.
I mie compagni, sfoggiavano, nelle docce cazzi di svariate grossezze e consistenze, e alcuni, i più svegli, spesso si masturbavano e sborravano davanti a tutti, e io poi a casa, provavo a farlo, ma con risultati, spesso avvilenti, se riuscivo a farlo indurire, non emettevo che poche gocce di sperma, e così, evitavo di ripetere l'operazione.
Poi alla soglia dei diciassette anni, il cambiamento della mia vita, a volte frequentavo, un bar vicino a casa, e come tutti gli adolescenti, andavo a giocare al flipper, e ci passavo a volte il pomeriggio, e un bel giorno, eravamo solo io e io propretario, un uomo meridionale, sui sess'antanni, e iniziò a chiacchierare con mè, e poi, dopo alcune partite, ero rimasto senza soldi, non potevo di certo andare a chiederli a casa, era la mia paghetta ed era finita, quindi dovevo attendere fino a sabato, e fù lì, che lui gentilmente mi disse che se volevo, poteva provvedere lui a darmeli, in cambio di un piccolo favore, un gioco per di più, e mise parecchie monete sul bancone, le guardai, e accidenti, ci avrei giocato per due giorni, e chiesi cosa dovevo fare, vidi un bagliore nei suoi occhi, seguimi mi disse.
Andammo nel locale adiacente, mi guardò e mi disse, dovrà rimanere un nostro segreto, e tu giocherai sempre gratis si ripeteremo il giochino, e un attimo dopo si abassò i pantaloni, ed estrasse il suo enorme cazzo, ancora più grande di quello dei miei compagni, che credevo fossero giganti, atterrito e imbarazzato chiesi cosa stesse succedendo, lo vedi? mi disse lui, fammi una sega e avrai i soldi per il flipper, rimasi alcuni attimi bloccato, ma poi lo afferrai, e iniziai una timida sega, ma dopo pochi minuti, presi il ritmo, mi piaceva tenerlo in mano, era caldo duro, ogni attimo che passava mi piaceva sempre più, e così pochi minuti dopo lo feci sborrare, schizzò una serie di getti copiosi, a una discreta distanza, e poi si ripulì e mi diede i soldi.
Giocai per tutto il pomeriggio, e così il giorno dopo mi ripresentai senza danaro, lui lo capì, e prese una manciata di monete e si diresse nello sgabuzzino, e ripetei la sega, e la cosa continuò per circa una settimana, i soldi li lasciavo apposta a casa per poterlo masturbare, poi un bel giorno, mi disse, leccalo, e così, per la prima volta leccai e succhiai un cazzo, fù stupendo, poi ad un tratto mi disse, se bevi, ti meriti una bibita gratis tutti i giorni, e così feci il mio primo pompino con ingoio, bevvi tutta la sua sborra, era gustosa, e così, divenni una pompinara da urlo.
Passarono le settimane, e qualcuno si accorse delle nostre strane manovre, e così, un bel giorno, Antonio il proprietario mi presentò un cliente, e mi disse se volevo fare a lui lo stesso servizio, e il tipo mi porse mille lire, accidenti, accettai, e così, feci la mia prima marchetta, lo segai e poi lo spompinai, senza bere però, e ne fù felice, in breve, ebbi na decina di clienti da soddisfare, e iniziai a contare del danaro, non ci credevo.
Poi un bel giorno, Antonio mi chiese se ero disposto a indossare intimo vestiti e scarpe da femmina per il periodo che restavo a bar, e una volta accettato, mi aiutò una donna del palazzo, e sotto alle sue cure, divenni una bella ragazzina, e così, gironzolavo per il bar, sedendomi sulle ginocchia dei vari zii, facendoli godere mentre giocavano a carte o nello sgabuzzino.
Poi un bel giorno, Antonio mi disse se volevo di più, se volevo godere come le donne, io ero molto attratta da lui, direi innamorata e chiesi in cosa consistesse, scoparti tesoro, infilarti il mio cazzo nel culetto e farti godere, accettai, non avevo però idea del dolore.
E lo provai il dolore eccome, anche se lui cercò di essere gentile e di prepararmi prima, ma il suo cazzo era veramente grosso, ma con pazienza e vari tentativi entrò, mi lacerò, ma mi sverginò, e dopo alcuni giorni ripetemmo l'operazione, e cos', in poche settimane lo ricevevo senza alcun dolore, anzi iniziai a goderne, e cos', per cinquemilalire, ero a disposizione dei clienti, con uso del preservativo, solo Antonio poteva farne a meno, era lui ormai che organizzava la mia vita sessuale, e cos' col passare dei mesi la clientela crebbe, e crebbe anche la tariffa, mi trasferii a casa della signora, e dalle due del pomeriggio, fino alle sei, chi voleva passava dal retro, saliva pagava alla signora e entrava in camera e mi aveva a disposizione per una mezz'ora.
I clienti chiedevano prima cosa dovevo fare e come comportarmi, e un bel giorno, la signora mi disse di mettermi il vestitino da bambolina, il reggiseno e gli slip con i pupazzetti, e di aspettare il cliente a pecora, col vestitino sollevato, e leggermente calate le mutandine, mi preparai, e attesi nella penombra della cameretta, poco dopo arrivò, si spogliò, e si avvicinò, e sentii le sue carezze sulle gambe, e poi la sua voce che mi diceva che ero una bambina cattivella e porcella, la voce, caspita la conoscevo eccome, era la voce di mio padre, rimasi atterrita, risposi con una voce in falsetto di sii, e lui iniziò a leccarmi , mi abbassò gli slip e infilò la lingua nel mio buchetto, e poi mi succhiò il pene, non resisto disse, e infilato il preservativo, si appoggiò a mè, e infilò lentamente il suo cazzo, era stupendamente grosso e lungo, lo sentii scivolare dentro, e lo sentii felice, dimmi tesorino quanti anni hai? io risposi diciassette zio, mmm rispose come mio figlio, si mi piace, ti chiamerò con il suo nome, e pronunciò il mio nome, mi sarebbe piaciuto scoparmelo sai, mi sa che è una checca, mm che bella che sei, mm e mi scopava con vigore, si ora girati tesoro che ti voglio scopare mentre ti bacio, ero fritta, mi avrebbe riconosciuta, ma ormai eravamo lì, presto o tardi mi avrebbe vista in viso, e così risposi, si papà ora mi giro, e mentre lui estraeva il suo cazzone, io mi girai e lo baciai, mi riconobbe, rimase di pietra, io prontamente gli tolsi il preservativo, e iniziai a fagli un pompino stupendo, lui cercò di allontanarmi più volte, ma caparbiamente mi fiondavo sul cazzo, e poi lui mi laciò fare, e dopo una decina di minuti mi stesi e gli dissi, papi, scopami, infilami il tuo meraviglioso cazzo e riempimi, mi salì sopra e con gentilezza entrò, lo abbracciai con le mie gambe e strinsi le cosce, montami papi fammi urlare di piacere e così fù, mi innondò poco dopo con il suo sperma, e si accasciò, io lo baciai, e poi gli dissi che aspettavo altri clienti che doveva andare, e che poi a casa avremmo parlato, inebetito si rivestì e se ne andò, io scopai con altri trè clienti, e poi andai a casa.
Una volta a casa, trovai papà, in sala ad attendermi, mi avvicinai lo baciai, e iniziai a raccontagli tutto dall'inizio, e mentre raccontavo, con astuzia mi soffermavo sui dettagli, e così si eccitò, poi mi inginocchiai, estrassi il suo cazzo, e gli feci un pompino da urlo, facendolo sborrare nella mia bocca e ingoiando tutto il suo sperma, appena in tempo perché mia madre rincasò in quello, e io con la bocca ancora mezza piena la salutai con un bacio e finii di deglutire, e lei mi chiese cosa stessi bevendo, e io una delizia e andai in camera.
Da quel giorno, ho continuato a prostituirmi per diversi anni, e ad essere l'amante di mio padre, e la moglie dopo il divorzio, che avvenne pochi anni dopo, e così, ora vivo da donna come donna con lui, e mentre lui è al lavoro io continuo a prostituirmi, dalla signora.
In primavera, siamo andati in Spagna, dove finalmente sono divenuta la moglie di mio padre, e ci siamo trasferiti a Milano, dove per tutti sono la sua giovane mogliettina, e dove posso vivere la mia femminilità senza problemi, e dove posso svolgere la mia attività di prostituta senza problemi, grazi DADDY.

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di bondagedonne e animali xxxi racconti fi milucornuti umiliatiracconti erotici con mia sorellati prego scopamiracconti di coppiaracconti erotici con la mammaracconti.eroticiporno racconti italianiracconti porno mia sorellaracconti erotici a69madre padronaracconti di masturbazione femminilestorie69scopate raccontieroticiracconyiracc milùracconti erotuicifilm porno storieracconti couckoldstorie scambistiracconti brevi hardsiti di zoofiliaracconti gay anzianiprima esperienza cuckoldracconti eroticjracconti zoofiliracconti erosstorie di sesso spinto69 scambio coppiaracconti sesso transracconti hard mammeerotici raccpiccole trasgressioni storie di vitaracconti erotici scambio di coppiaracconti con suocerastorie scopatestorie porno videoracconti porno tradimentoracconti porno amatorialeracconti dominazione lesborcconti eroticiracconti erotici msesso dopo massaggiostorie di scambi di coppianonna viziosaracconti erotici gratisracconto lesbicheracconti erotici madre e figlioracconti eroiticiporno ita netalba eroticascopata dal cane raccontiracconti di sesso incestoracconti tetteraconti gayracconti eroti cierotici racconrimoglie troia marito bisexracconti eoriticiracconti sesso cognataracconyi pornoincesto racconti veridonne che fanno sesso con cavalloracconti gay al marestorie porno incestoracconti feticismoracconto erotico veroracconti incesto ziaracconti erotici gay gratisracc di miluracconti erotici 69.itstoriw pornoraconti eroticeprima sega racconti