Il Dottore 2

Scritto da , il 2019-01-02, genere trans

Tornai a casa. Non capivo bene cosa era successo. Avevano abusato di me, ma in fondo avevo finalmente fatto quello che non ho mai avuto coraggio di fare... E avevo goduto tantissimo, mi sentivo come se avessi trovato la mia strada.
Il dottore aveva il mio numero. Andai subito ad acquistare altra biancheria per farmi trovare pronto. Provai anche a masturbarmi il buco ma desideravo altro.
Finalmente arrivó il messaggio che aspettavo. Un giorno e un'ora in cui presentarmi.
Mi vestii con la biancheria nuova, misi sopra gli abiti da uomo e andai nel suo studio.
"mio caro ragazzo, vedo che sei in forma. Mi faresti la cortesia di spogliarti?"
Mi tolsi tutto, restai solo con un perizoma e il reggiseno abbinato e le calze autoreggenti.
"bene, mi compiaccio. E riguardo all'altra volta cosa mi dici?"
Confermai tutto quello che aveva detto lui, confessai che avevo capito come mi piaceva godere e che non vedevo l'ora...
"allora, se sei d'accordo, niente pastiglia oggi. E neanche crema rilassante."
Chiesi cosa succede senza crema rilassante. Mi spiegó che avremo usato un lubrificante e che avrei sentito un po' più di dolore ma avrei imparato a godere davvero.
Mi fece abbassare il perizoma e mi fece una breve visita al cazzo e alle palle, tastando, scappellando, che mi causó una erezione. Ero poco dotato e me lo fece notare, in più aggiunse "sai che non useremo il tuo pisellino vero? È bene che ti abitui a non considerare orgasmi maschili. Per piacere rimettilo via e gradirei se ti sforzassi di non avere erezioni."
Si accomodó in poltrona, si slacció la cintura e tiró fuori il cazzo. Solo ora che era uscito l'argomento notai che aveva delle dimensioni generose.
Mi inginocchiai tra le sue gambe e lo leccai fino a farlo diventare duro. Poi lo baciai sulla cappella. Per compiacerlo gli dissi che avevo guardato diversi porno per imparare la tecnica. Mi disse di continuare e di fargli vedere. Lo presi in bocca, e mi sforzai di scendere più possibile, lo sentivo fino in gola. Succhiai con la massima concentrazione, gustandomi ogni centimetro dalla punta alla base. Intuii che stava per venire e mi preparai a bere, incitandolo a riempirmi. Sborró copiosamente, ritrovai il sapore dell'altra volta e mi passai lo sperma in bocca prima di deglutire.
Si alzó soddisfatto e facendomi i complimenti.
"ora, stenditi sul lettino."
Preparó una sacca con un liquido tiepido, con una cannula. Mi infiló la cannula nel culo e mi disse che era per pulirmi.
Mi disse di trattenere il più possibile poi di svuotarmi in bagno.
Mi riempì completamente, quando mi sentii esplodere corsi in bagno e buttai fuori tutto.
Tornai da lui in imbarazzo ma mi spiegó che era tutto a posto.
Mi fece stendere con il busto sul lettino.
Mi mise il lubrificante sul buco e spinse dentro due dita. Stavolta lo sentii effettivamente più dell'altra volta ma non dissi nulla. Puntò il cazzo di nuovo in erezione sul buco e spinse dentro. Il lubrificante aiutó ma stavolta sentii decisamente dolore.
Non volevo urlare perché mi pareva di essere fuori luogo ma gli dissi "dottore... La prego... Mi sta facendo male..."
Si fermó e non spinse oltre.
"ragazzo mio un po' devi soffrire e sopportare, col tempo il tuo ano si allargherà e potrai essere penetrato meglio. Vuoi che mi fermi o vuoi continuare nel tuo percorso?"
"no... La prego continui... Sopporteró..."
Lo spinse dentro tutto, sentii un forte dolore ma mugolai senza gridare.
"bravo ragazzo, così, fatti fottere per bene..."
Si mise a spingere con decisione a colpi lunghi e profondi.
Più andava avanti più sentivo i muscoli allentarsi e aumentare il godimento.
Si fermó e uscì.
"stenditi sul lettino, le gambe fuori e sollevale."
Feci come aveva detto, presi le gambe fasciate dalle autoreggenti e le sollevai.
Mi penetró di nuovo. Stavolta potevo vederlo e lui poteva vedere me.
Come l'altra volta, ebbi un orgasmo dal cazzo flaccido, poi venne anche lui riempiendomi il culo. Uscì fuori svuotandomi il culo. Io mi alzai e preso dall'impeto lo baciai in bocca.
Mi aiutó a pulirmi e a rivestirmi.
"vedo che sei molto preso... Vuoi continuare su questa strada? Ho una proposta per te. Prendi queste pillole due volte al giorno e torna tra un mese. Chiamami pure quando vuoi se non ti senti bene, ci vediamo tra un mese."

Questo racconto di è stato letto 4 3 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


trasgredire xvideosracconti porno genivracconti moglie condivisaerotici racconti.iterotici raccontodottoressa vogliosaporno raccontiracconti erotici zoofiliafarmi leccare i piediracconti erotici garacconti orsi italianiincesto con nonnoerotici racconti gratisracconti erotici-annunci69.itraccontifetishstorie porniraccomti pornotracconti eroticiracconti italiani pornoerotici raccomtiracconti sado masoracconti incetuosii segreti della ziaracconti-eroticistorie di scopateracconti sadomaso gayracconti porno ricattimoglie inculata prima voltaracconti erotici onlineracconti eropticiincesto nonno nipoteracconti erotiiracconti erotici genivracconti erotici scambiostorie di collantracconti proibiti realifumatrici sexyracconti erotici in italianoraccontimilugiorgina la troiaraccnti pornoerotic raccontiracconti pirnolesbo raccontoracconti sesso animaliracconti di enemacugina troiadonna scopa un cavalloracconti perettaracconti amatoriali di sessoracconti erotici vedovadonne che fottono con animaliracconti porno itracconti erotici professoreho sverginato mia cuginazoofilia cavalliracconti di incestoraqcconti eroticimoglie esibizionista in vacanzaracconti feetprimo scambio di coppiaracconti gratis eroticiracconti erotici con anzianiracconti erotici immaginispio mammaracconti erotici tetteerotici raccpntiracconti erotici sesso in famigliaracconti erotici analiracconti erotici generemia zia racconti eroticistorie erotic erac erotstorie di coppiaracconti aroticiracconti porno di donne maturetacconti porno