Ho scopato mia sorella

Scritto da , il 2011-05-22, genere incesti

Al compimento del diciottesimo anno il regalo che chiesi a mia madre fu la richiesta di poter frequentare l'autoscuola per poter conseguire la patente di guida per autoveicoli, dopo l'iscrizione e al conseguimento del foglio rosa, cominciai a fare le lezioni di guida con mia sorella Sara, per nostra sicurezza mia sorella scelse un posto con poco traffico alla periferia della città e dopo un ora di partenze, parcheggi, inversioni salite e discese, ci fermammo in un chiosco dove vendevano panini e bibite per fare uno spuntino.

Mia sorella scese dall'auto e mentre s'incamminava precedendomi verso l'ingresso del chiosco la seguì con lo sguardo, era molto graziosa, vestiva con molto gusto, ero molto orgoglioso di lei, Sara apri la porta, ci sedemmo in un tavolino ed ordinammo, il locale era semivuoto fatta eccezione per un camionista e due ragazzotti, che lanciarono occhiate di ammirazione nella sua direzione, la cosa mi fece sorridere e lo dissi a Sara, lei rimase impassibile e dopo aver mangiato uscimmo dal locale quando il cellulare di mia sorella squillò, risalimmo in auto e guidò lei fino al suo posto di lavoro una delle dipendenti di mia sorella l'aveva chiamata per un problema in agenzia.

Ricapitolando mia sorella Sara è la proprietaria di un agenzia Viaggi, ventinovenne e con un matrimonio fallito alle spalle, è una donna di carattere intraprendente e risoluta, e sebbene fra lei e me ci siano ben undici anni di differenza ci vogliamo bene, condividiamo gusti musicali e modi di vivere esiste un vero feeling che raramente si riscontra fra fratello e sorella, stavo per salutarla e andarmene quando mi chiese: “ fratellino vuoi stare da me stasera mi farebbe piacere, avviso io la mamma” accettai con piacere e mi feci consegnare le chiavi di casa.

Mia sorella abitava in una palazzina di recente costruzione era uno stabile silenziosissimo dove non c'era una cosa fuori posto, dai fiori all'ingresso alle scale pulitissime la posta era ben ordinata nelle buchette e tutto era lucido e ben curato, l'ascensore si fermo al terzo piano, uscì ed aprì la porta d'ingresso dell'appartamento il buon gusto di Sara si vedeva subito, dall'arredamento ai quadri dalle tende alle suppellettili era tutto dannatamente perfetto gironzolai per la casa curiosando quà e là, per un paio d'ore guardai la televisione poi mi addormentai sul divano del soggiorno.

Fui svegliato da Sara: “Sveglia dormiglione, dai che ora mangiamo ti vanno delle crocchette” risposi affermativamente e mentre mia sorella preparava da mangiare feci la doccia, dalla cucina la sentì dirmi: “Sono stata dalla mamma per dirle che stasera stavi da me, lei e il papà ti salutano e ti mandano un bacione, ahh!! dimenticavo mi ha dato anche una maglia pulita e un pigiama per te, metto i tuoi indumenti qui sul tavolino vicino al telefono”, dentro di me me pensai com'è dolce e come è armoniosa la sua voce sentivo per lei molto un affetto enorme.
Andai in cucina e mia sorella mi rimproverò per i capelli bagnati: “Sei proprio uno zuccone,ti prenderai un raffreddore con la testa cosi bagnata” accese l'asciugacapelli e cominciò a passare la sua mano fra di loro, con la sua pancia si appoggiò allo schienale della sedia e io istintivamente appoggiai la testa all'indietro sui suoi seni.

Dopo mangiato parlammo di diverse cose, ero curioso di sapere se era felice e se aveva un altro uomo, le posi la domanda direttamente, lei ci penso sopra un attimo e disse: “Non ho una relazione fissa ogni tanto frequento un mio amico ma non è una cosa seria,” poi come per troncare il discorso disse: “vado a fare la doccia, e tu hai la ragazzina?” risposi: “che la momento non l'avevo e che mi sarebbe piaciuto averla uguale a lei” lei sgrano gli occhi e fece una risata “Come me?meglio di no Federico” mentre parlavamo si era tolta i jeans e la camicetta rimanendo in collant, mutandine e reggiseno bianchi, raccolse i vestiti, andò in bagno e s'infilo sotto la doccia.
Chiesi a Sara: “ Dormo nel letto con te” dal bagno lei rispose “Certo dove vuoi dormire? Non aver paura che non ti violento” e rise sonoramente le lenzuola sapevano di pulito con una leggera fragranza di lavanda appoggiai la testa sul cuscino e il mio pensiero volò a lei al suo corpo armonioso al candore della sua pelle e al virgineo colore della sua biancheria.

Dopo una ventina di minuti venne a letto indossava un pigiama rosa si distese sopra le coperte mi accarezzo mi diede un bacio sulla guancia e prese un libro dal suo comodino e comincio a leggerlo le chiesi: “Sara posso appoggiare la mia testa sulla tua spalla” lei mi guardo e rispose “ ma guarda il mio fratellino orsacchiotto ha bisogno di coccole”lei circondò le mia spalla con il suo braccio e io appoggiai il mio capo nell'incavo dell'ascella con la faccia rivolta al suo seno, la sua mano mi accarezzo il volto e la sua bocca mi bacio le guance, il naso, gli occhi.

Dopo un oretta Sara spense la luce con il proposito di dormire lei si mise di fianco ed io assunsi la stessa posizione con il mio corpo appoggiato al suo la mia mano prima con mosse leggere tocco le sue cosce poi si appoggio nella parte alta del bacino il mio pene si stava indurendo e si appoggiava al suo sedere, a quel punto lei assunse una posizione supina e sottovoce la sentì dire: “ Fede cosa stai facendo” io mi bloccai e dissi “ Sara vuoi che vada a dormire sul divano” lei non disse nulla ci fù un interminabile attimo di silenzio, poi la mia mano s'insinuò sotto i pantaloni del pigiama e sebbene lei stringesse le gambe entro dentro la sua fonte del piacere era tutta bagnata la senti gemere:”Ahhh!!!! Fede siamo fratello e sorella ,non facciamo la cosa giusta Ahhh!!!” la baciai la mia lingua s'intrufolò fra le labbra serrate si apri un varco nella sua bocca e si avviluppò con la sua, il suo tentativo di respingermi fù debole ,senza convinzione, i suoi dubbi si attenuarono quando le mie mani cominciarono ad esplorare ogni angolino del suo corpo si fermarono solo per lasciare spazio alla mia voce: “Sara ti amo fammi stare con te, dentro di te” sentì il suo corpo sobbalzare su questa frase: “Fede non si può non mi puoi scopare ”per tutta risposta le sollevai la parte superiore del pigiama, le mie mani si posarono sulle coppe dei seni e cominciai a baciarle i capezzoli, leccai il suo corpo lasciandole una scia di saliva dal seno alle cosce, sulla pancia la mia lingua s'insinuo dentro l'ombelico poi scese verso la fessura, le grandi labbra si schiusero lasciando che potessi assaporare il gusto salato del suo sesso, affondai il mio volto fra le gambe di Sara, un piccolo cespuglio ben curato di peli biondi solleticò il mio mento, con destrezza le sfilai i pantaloni del pigiama il suo estremo tentativo di difesa fu quello di accavallare le gambe per evitare di rimanere nuda.

Per un attimo c'incrociammo con gli sguardi poi le nostre bocche si avvicinarono e questa volta mia sorella prese l'iniziativa, mi prese il volto fra le sue mani e mi bacio appassionatamente, poi si posizionò all'altezza del mio pene, lo infilò in bocca e comincio a leccarlo a succhiarlo e a giocare con i testicoli per un periodo che a me sembro troppo corto, ma di un intensità estrema, poi con malizia si distese sul letto e mi trascinò sopra di lei, il mio pene si apri un varco fra le labbra della sua vagina, delicatamente con dolcezza le entrai dentro, il suo corpo s'inarcò per meglio ricevermi, sentì la sua voce dirmi: “ Tesoro sto facendo una cosa che mai avrei potuto pensare di poter fare” i miei movimenti ora erano molto più veloci e decisi, gli umori vaginali lubrificavano le pareti della figa di Sara, il mio pene entrava ed usciva con una cadenza ritmica sentivo i suoi sospiri trasformarsi in gemiti di lussuria “ Si amore cosi bravo fammi godere, ti sento benissimo, come e grosso il tuo cazzo Ohhh!!! amore puoi sborrarmi dentro se vuoi non aver paura vai tranquillo Ohh!!! come godoooo” queste parole mi eccitarono ulteriormente e venni dentro la pancia di Sara con un urlo di liberazione,uno sfogo animalesco che riempi tutta la stanza, la mia calda crema travalicò dal suo sesso ed usci in un rivolo fra le sue gambe colando sul lenzuolo.

L' avere scopato mia sorella fu una sensazione meravigliosa averla baciata aver annusato il profumo della sua pelle ,l'odore del suo sesso, averla vista nuda e posseduto il suo corpo, sentire le sue labbra su di me, aver scrutato ogni interstizio nascosto e violato ogni pertugio, furono sensazioni inimmaginabili, ora io e lei siamo amanti stiamo programmando le vacanze estive, non facciamo progetti però abbiamo scoperto che non possiamo fare a meno l'uno dell'altro perché ci amiamo veramente l'amore non può essere vincolato o fermato dal rapporti di parentela.

Questo racconto di è stato letto 4 1 9 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti hard 69cconti eroticieroticraccontistorie pornitette raccontiracconti strap onstorie di tradimenti pornomilù racconti eroticistorie sesso con animaliracconti di minunonna eroticaracconti incetuosiracconto incestiiraccontidi miluracvonti pornoracconti erotiicracconti suocera e generomio marito e un cornutoracconto erotico tradimentostorie erotichemilfomaneracconti prima volta gaystorie erotivheracconti di mogli porcheracconri eroticimoglie e marito bisexavventure cuckoldracconti cucoldracconti erotici safficiracconti oornoracconti di annunci 69racconto lesbicomoglie zoccola raccontiraccontisessualistorie di sesso vereracconti eeoticiracconti lesbizia sporcaccionaracontieroticiraccontierosracconti erotici in italianoracconti eoriticracconti erotici estremierticiraccontiracconti analestorie scopateracconti porno maturaracconti erotici suoreracconti erotici i generiracconti moglie zoccolastorie porno eccitantivogliadipornoracconyi pornositi racconti pornoracconti erotici incestinonno superdotatorcconti eroticiracconti nudiconfessioni analiracconti erotici universitàstorie femdomracconti erotici donnaracconti lesbomi sono fatta inculareracconti rtoticiracconti erotici castrazioneragazze che scopano in discotecastorie porno analestorie pornraconti erosesperienze sessuali a treschiava aziendaleracconti porno nuovi