Iniziato dalla suora

Scritto da , il 2011-05-20, genere prime esperienze

Questa è una storia vera successa mi all'età di 13 anni.
Andavo a scuola in un istituto parificato religioso dove gli insegnanti erano preti e sia a causa della rigida educazione religiosa sia per il fatto di vivere in una piccola cittadina in Sicilia al sesso ancora non ci si pensavamo nemmeno.
Eravamo appena rientrati dalle vacanze estive è il preside era li per aggiornarci sulle decisioni prese dal vescovo per la nostra scuola, ci sorprese subito presentandoci tre nuove insegnanti della scuola, tre suore di colore, due venivano dal Kenya e una suor Maria dagli U.S.A. e la creazione di due formazioni sportive una di calcio e una di rugby.
Io fui selezionato per la la squadra della palla ovale e incominciammo gli allenamenti e lo studio di uno sport per noi sconosciuto, ci allenava il padre che insegnava educazione fisica affiancata da suor Maria (un nome ovviamente inventato) l'insegnante di storia.
Tutto andava secondo le aspettative fino ad una trasferta in una cittadina dall'altra parte della nostra regione ospiti di una base militare nato, avevamo giocato una buona partita contro i figli dei soldati americani e negli ultimi minuti di gioco in seguito ad un placcaggio un po rude mi fratturai il braccio destro e dovetti essere steccato e ricoverato nell'ospedale della base, in attesa che si sgonfiasse l'ematoma che sia era creato per poi gessare il braccio.
Subito si noto il problema di comunicazione in quanto non parlavo l'inglese allora decisero di far rimanere suor Maria come interprete e a farmi compagnia, la sera passò un infermiere che le consegnò degli antidolorifici con effetto secondario di narcotico da farmi prendere solo se i dolori sarebbero diventati insopportabili, e nel modo di posarli le caddero dietro il comodino.
Dopo aver rassicurato al telefono i genitori rientrai nella cameretta dove trovai la suora intenta alle sue orazioni serali poi andò in bagno e allora io mi infilai nel letto, lei usci poco dopo sempre con indosso la tonaca bianca ma senza soggolo,chiacchierammo una mezz'oretta poi mi addormentai e le si accomodò su una sedia e attenuò la luce .
Mi sveglio una strana sensazione all'inguine e vidi suor Maria che con una mano sotto la tonaca
stava facendomi una violenta sega, credendomi sicuramente sotto l'effetto degli antidolorifici non si curava nemmeno di controllare se mi svegliavo, venni molto presto e lei continuò a smanettarmelo e continuando a masturbarsi finché con degli spasmi e dei mugolii non ebbe anche lei l'orgasmo, poi andò nel bagno a rassettarsi ed io imbarazzato al massimo e non sapendo cosa fare continuai a fingere di dormire.
L'indomani mattina arrivando la colazione la suora sposta il comodino è nota la pillola caduta e capisce subito che la sera prima ero cosciente balbettando mi dice che dovevamo parlare seriamente più tardi, cosa che avviene, mi dice che nonostante i voti è pur sempre una donna con i suoi bisogni e che aveva avuto delle esperienze prima di diventare suora e che se non dicevo niente non me ne sarei pentito.
La sera pretesi immediatamente un pompino che lei concesse dopo aver chiuso a chiave la porta e denudato il seno che era abbastanza prosperoso sotto un reggiseno molto costrittivo,fu molto dolce leccando l'asta e le palle mi succhiava la punta del cazzo e imboccandolo tutto riusciva a succhiare e leccare allo stesso tempo poi si fermava e titillava il frenulo, era bravissima, alla fine mi fece sborrare con una magnifica spagnola leccando tutto dalle sue tette, poi disse che avrei dovuto ricambiare e che mi avrebbe guidato lei, si accovacciò sulla mia faccia aprendosi una figa carnosa e pelosissima già grondante di umori, ricordo ancora il gusto asprigno e salato, il colore roseo cosi contrastante con il nero della pelle, mi indico come leccare l'interno e delicatamente stimolare con la punta della lingua la clito che era molto sviluppato, quanto il mio dito mignolo, mi chiese di prenderlo delicatamente tra le labbra e giocarci con la punta della lingua, mi impegnai al massimo finché non venne con dei getti di umori e mugolii e spasmi da soffocarmi, ci separammo e andammo a pulirci assieme tenendoci per mano, nel bagno si accorse che ero di nuovo in tiro e inginocchio mi fece un'altra pompa poi ritornammo nella cameretta e le chiesi che l'indomani si procurarsi un rasoio perché i peli della sua gustosa fica erano fastidiosi e ridendo ci addormentammo soddisfatti.
La mattina successiva i medici soddisfatti delle condizioni del braccio avvisarono che nel pomeriggio lo avrebbero gessato e quindi sarei stato dimesso in serata, la mia suorina andò allora a prenotare due cuccette sul treno per ritornare a casa, cosa che facemmo la sera ritirandoci subito nelle nostra cabina e dopo che il controllore ebbe obliterato i biglietti chiudemmo a chiave e ci spogliammo e sorpresa si era rasata completamente la figa, mi dice che quella sera se l'avessi fatta godere come la sera innanzi mi avrebbe fatto un regalo,si sedette sulla cuccetta ed io in ginocchio presi a leccarle e baciarle l'interno delle cosce poi la zona perianale ed infine la fica mettendo in pratica tutti gli insegnamenti delle sera innanzi, leccai infinitamente il suo bottoncino e le delicate e rosee intimità con la sua fica bagnatissima e gocciolante davanti a me la sentii venire, nel frattempo mi chiese di farmi una sega cosi poi sarei durato di più dopo.
Poi mi fece distendere per terra e mi succhiò fino a renderlo durissimo allora prese una siringa che riempì di vaselina e se la inietto nel culo poi unse anche il mio cazzo e lentamente con evidente dolore s'impalo! Appena entrato si fermo e si rilassò, incomincio un lento su e giù mormorando parole in inglese che non capivo ma che avevano il potere di eccitarmi oltre ogni immaginazione, aveva dei fianchi larghi che afferrai con una mano e l'altra quella gessata a toccare il seno che lei piegandosi avvicinava alla mia bocca per farseli succhiare e mordicchiare, tutto ciò assieme al suo culo caldo e avvolgente mi porto in una decina di minuti ad allagargli il deretano come un fiume in piena, venne anche lei con un orgasmo che le fece mordere le sue carnose labbra per non gridare e cosi farci scoprire dagli altri viaggiatori.
Ci pulimmo con dei fazzoletti e ci accoccolammo stretti in una cuccetta, dopo un po riebbi un'erezione a contatto delle mutandone da suora che si era rimessa ma prendendomelo in mano mi disse che dal davanti non sarei mai entrato e che se proprio avevo di nuovo voglia mi avrebbe fatto una pompa, ma dopo mezz'ora ancora non riuscivo a venire le chiesi di nuovo il culo e lei con un sospiro si mise a pecora dandomi ciò che restava della vaselina, mentre stavo per ungerla mi venne una perfida idea, con un colpo di reni approfittando della sua rilassatezza l'inculai schiacciandole la testa nel materasso per attutire le sue proteste. Proteste che stranamente si trasformarono in uggiolii di piacere dopo pochissimo tempo di su e giù le sborrai nel culo ciò che mi era rimasto nei coglioni e lei mi baciò sulla bocca per la prima volta ringraziandomi per ciò che le avevo fatto e mi spiegò che lei riusciva ad arrivare all'orgasmo solo se aveva stimolata la clitoride o con la penetrazione anale e che i rapporti normali avuti da ragazza non le avevano dato nessuna soddisfazione.
La mattina all'arrivo ci vennero a prendere i miei genitori che accompagnarono suor Maria al convento e me a casa, non ebbi mo più occasioni di rimanere da soli e a fine anno presa la licenza media non ci rivedemmo fino a un mese fa dopo 18 anni.
P.S.
RILEGGENDOLO MI ACCORGO CHE NON E MOLTO ECCITANTE MA LO SCRITTO DI GETTO E PER COME LO RICORDO.

Questo racconto di è stato letto 5 1 1 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici di anzianiracconti porno illustratistorie69racconti calci nelle pallerotici raccontiracconti sottomissioneho scopato mia sorellascopare con cavalloracconti erotici con nonneporno racconti animalracconti di ricatti sessualii generi dei racconti eroticitrampling storieracconti erotiicracconti a69racconti amatoriali per adultiracconti hotracconti erotuciracconti porno prima voltamistress cagasesso donna con animalestorie erotivheracconti eroticjraqcconti eroticiracconti eroticviracconti erotici di casalingheraconti eroticierotici raracco.ti eroticiracconti erotici con fotoracconti ziaracconti sesso donneracconti erotici i generila prima volta racconti eroticiracconti per adulti gratisracconti di mamme incestuoseracconti di incestiracconti porno famigliai raccomti di miluracconti eoritciracconti porno piediracconti di coppie con transracconti club privedonne che scopano con i cavalliracconti erotici vipracconti erotici di inculateracconto incestuososchiavo di mia cuginaracconti hard mammesex clistereporno letturecar sex raccontiracconti feticismoracconti di chiavateraccomti 69racconti scambio di coppieracconti porno trenogay eroticila porca di mia ziaracconti erotici prima volta analeracconti erotriciracconti gay pornoracconti incesrozoofilia cavallistorie vere di sessoraccontieroticigratisstorie pornostorie erotiche miluuna zia porcayouporn clisteri