Lo zio Alberto

Scritto da , il 2011-04-18, genere incesti

LO ZIO ALBERTO (parte prima)

Alberto era un uomo non più giovanissimo ma che si manteneva ancora bene. Aveva superato da un po’ i 50 ed i segni del tempo ancorché visibili erano tali da regalargli una apparente minore età. Non molto alto, capelli brizzolati, viso ancora da giovane, pettorali bene in evidenza, polpacci massicci da fare invidia ai calciatori, solo un po’ di pancetta ed i “rotolini” sui fianchi tradivano una certa trascuratezza del soggetto. Sessualmente in forma, ancora riusciva ad avere almeno tre rapporti alla settimana, generalmente con la moglie. Zio Alberto andava fiero della sua sessualità e della sua voglia di fare sesso. Ben dotato, curava in tutti i modi il suo “albertino”, come lo chiamava lui. Un cazzo non eccessivamente grande e grosso, con i suoi 20 cm di lunghezza e i 5 cm di diametro era la misura giusta per riempire completamente la figa di una donna e stantuffare come un pistone nel suo cilindro.
Zio Alberto era originario della Calabria, ma a causa del suo lavoro viveva in giro per l’Italia, Roma, Milano, Torino, ecc. ecc.. Tutti gli anni, per le ferie, scendeva sempre e solo in Calabria, dove aveva una casetta vicino al mare e vi trascorreva il periodo di riposo. Nelle vicinanze viveva una sorella della moglie, Michela, alla quale Alberto era particolarmente legato, e quasi tutti i giorni Alberto con la moglie andavano a pranzo da Michela e trascorrevano anche buona parte del pomeriggio. Michela aveva due figlie: Eleonora ed Emanuela. Eleonora, la più grande 22 anni era un fiore di ragazza, bella, formosa, due tette che erano la fine del mondo, portava una quinta piena e nonostante la grandezza erano belle sode, anche senza reggiseno stavano su da sole. In cima a quelle dolci colline vi erano due capezzoli grossi quando un dito mignolo contornati da due aureole che solo a guardarle ti facevano diventare il cazzo duro come il marmo. Per non parlare poi del lato “B”, una favola. Quante volte zio Alberto aveva fantasticato sul quel culo, rotondo, bello in carne, lavorarci su doveva essere la fine del mondo. A sostenere quelle chiappe c’erano due “colonne d’ercole”, due cosce ben tornite che per poterle accarezzare in tutta la loro lunghezza ci voleva una giornata lavorativa. La sensualità di questa ragazza era esplosiva, bastava uno sguardo con i suoi occhi penetranti che un uomo si sentiva ribollire il sangue, tramare le gambe, perdere la testa, fantasticare e sentirsi in un attimo il cazzo diventargli duro. Questo era l’effetto che questa ragazza provocava negli uomini. Emanuela, più giovane, 18 anni appena compiuti viveva un po’ all’ombra della sorella, anche lei bella, ben fatta, ma non aveva quella sensualità che sprizzava da tutti i pori della sorella più grande. Ma torniamo al nostro racconto. Come dicevamo, spesso zio Alberto e la moglie andavano a pranzo da Michela e dopo mangiato Alberto aveva l’abitudine di andare nella stanza della nipote Eleonora e collegarsi con il PC ad internet un po’ per leggere la posta, un po’ per cazzeggiare. Anche quel giorno dopo mangiato Alberto chiese alla nipote se poteva andare nella sua stanza e collegarsi ad internet. Erano i primi di agosto ed in Sicilia fa molto caldo. Alberto come al solito era in pantaloncini e dopo mangiato si metteva dorso nudo. Anche quel giorno entrando nella stanza della nipote si tolse la canottiera sfoderando i suoi possenti pettorali ma anche l’abbondante pancetta. Si mise al PC, si lesse la posta e dopo un po’ che cazzeggiava a spasso per la rete, aprì il sito di erotici racconti. Si scelse un racconto e si mise a leggere. Il racconto era particolarmente arrapante ed avvincente. A poco a poco il cazzo di Alberto comincia a farsi sempre più duro, e lui automaticamente si portò la mano sul cazzo e cominciò a massaggiarselo. Tra gli stimoli della lettura ed il massaggio, il cazzo di Alberto diventò subito possente e quei miseri pantaloncini non riuscivano a nascondere quello stantuffo pronto all’uso. Mentre era assorto nella lettura la nipote entrò nella stanza e si avvicinò alle spalle dello zio, che non avendola sentita entrare continuava a leggere, fantasticare e massaggiarsi il cazzo da sopra i pantaloncini. Eleonora osservò lo zio e guardò il PC e cominciò a leggere anch’ella il racconto. Tra la lettura di quel racconto e la vista dello zio che si massaggiava il cazzo, Eleonora cominciò ad eccitarsi, e più si eccitava più leggeva il racconto e più guardava il cazzo dello zio che sembrava volesse uscire dai pantaloncini e scoppiare. Più guardava il cazzo dello zio e più si eccitava, ormai era entrata in una spirale d’eccitazione che la teneva incollata in quella posizione. Così in modo naturale, senza alcuna volontà la sua mano scivolò dentro i suoi pantaloncini e cominciò ad accarezzarsi la fichetta. La teneva sempre ben pulita e depilata. Era già bagnata e gli venne facile allargare le grande labbra e risalire con dolcezza fino al clitoride. Lo trovò già turgido, ritto come un “pistolino” pronto per essere accarezzato, stimolato. La ragazza cominciò a sdidalinarsi e penetrarsi con le dita, stava cominciando a godere quando un mugolio scappatole inavvertitamente fece sobbalzare lo zio che si accorse della presenza della nipote. Subito tolse la mano dal cazzo e preso il maus stava chiudendo la pagina di lettura. La nipote prontamente prese la mano dello zio e la bloccò. Lascia zio, il racconto è molto bello- disse Eleonora- e lo zio Alberto quasi come un automa tolse la mano dal maus e la pose sul bracciolo della sedia. Dopo qualche istante di silenzio e di lettura Eleonora ruppe il silenzio e rivolgendosi sottovoce allo zio disse: visto che non continui tu lascia fare a me. E la sua mano lentamente, accarezzando il collo ed i pettorali dello zio scivolò dentro i pantaloncini dello zio dove “albertino”, duro come non mai, aspettava impaziente. E mentre la destra di Eleonora impugnava il cazzo dello zio la sinistra continuava a accarezzare la fichetta fradicia di umori. Con molta delicatezza la nipote tirò fuori il cazzo dello zio e cominciò a menarlo. Una sega lenta, costante su e giù, su e giù, la cappella scoppiava di quando era turgida. Ogni tanto la ragazza stringeva il cazzo come a volerlo sentire parte della sua mano. E su e giù e su e giù, allo stesso ritmo con cui si penetrava con le dita. Era un fatica stare zitti, non fiatare no urlare dal piacere, non poter prendere la nipote e sbatterla sul letto e infilargli dentro la fica tutto il suo cazzo che stava esplodendo di piacere. Tanto era l’eccitazione dei due che poco dopo lei cominciò a venire e dal cazzo di zio Alberto uscì un fiume di panna calda che la nipote a stento cercò di non farla arrivare da tutte le parti raccogliendone il più possibile con il palmo della mano e portandosela in bocca ad assaggiare il sapore di quella sborra. Si leccò tutta la mano senza lasciarne traccia e quando vide che alcune gocce erano finite sulla pancia dello zio li raccolse con attenzione a non lasciarne traccia e si leccò avidamente le dita. Andandosene la ragazza si rivolse allo zio e disse: grazie zio era da tempo che speravo di assaggiarti, hai un buon sapore. (……..continua)

Questo racconto di è stato letto 2 9 6 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone