Prima Esperienza con sig. matura

Scritto da , il 2017-08-19, genere etero

Dopo tante insistenze mia madre mi aveva convinto ad accompagnare una vicina di casa ad un funerale di un suo cognato in una città della Lombardia andata e ritorno 600 km. Partenza al mattino con la Rally1 di mia madre, la signora che chiamerò Dina aveva 61 anni un po' in carne come diceva lei io 21, con una figlia laureata che tutti dicevano figlia del prete. Strada facendo si parlava del più e del meno, ad un certo punto mi chiese se avevo una compagna, al mio no, rispose peccato se ero più giovane non ti lasciavo perdere ,le risposi che non era poi così vecchia. A metà dicembre era freddo 15 sotto zero in auto si stava bene, la signora s'era tolta la pelliccia, sotto aveva un maglioncino che le aderiva come una seconda pelle mettendo in risalto i seni , gonna nera che saliva oltre mezza coscia quando accavallava le gambe fasciate da calze nere, che scoprirò erano sostenute dal reggicalze, a quei tempi erano rari i collant. Ero arrivato in anticipo, visto che lei conosceva la zona decidiamo di fermarsi in un locale poco distante mangiare qualcosa e poi seguire il funerale, dopo le solite condoglianze e saluti alla fine della cerimonia tra pioggia e neve eravamo abbastanza fradici, ripartiamo per il ritorno a casa, prima di entrare in autostrada si rompe la cinghia dell'alternatore, dopo tante peripezie un meccanico ci scarica in una pensione dicendo che il mattino dopo alle 10 ci avrebbe portato l'auto. Vista l'ora beviamo qualcosa di caldo e un toast, saliamo in camera l'unica libera con un letto scassato ,per fortuna il riscaldamento funzionava, io ero rimasto in slip il resto l'avevo steso sul termo ad asciugare, la Dina era fortunata aveva solo i piedi bagnati la pelliccia l'aveva riparata. Quando uscì dal bagno mi fece strabuzzare gli occhi indossava una specie di body di pizzo nero con elastici che le facevano da reggicalze, un paio di mutandine rosa, mise le calze ad asciugare, come era sexi con quel indumento, Seduti sul letto chiacchieravamo del più e del meno ci eravamo avvicinati, intravedevo l'aureola scura e capezzolo come la falange del dito medio risaltavano sul bianco seno. Quando l'abbracciai mi disse solo sei sicuro di quello che fai, posso essere tua nonna? Non le risposi mi tolsi gli slip liberando il cazzo, e anche quel suo specie di body e mutandine mettendole a nudo il sesso gonfio e peloso, con le piccole labbra violacee che fuoriuscivano dalle grandi abbondantemente, ne avevo viste di abbondanti anche mia madre era dotata ma non così. Dopo averla succhiata leccata era ancora più gonfia dalla figa socchiusa colava liquido trasparente, lasciai a lei l'onore di infilarselo in tutta quell'abbondanza di carne calda e scivolai nel profondo, dopo pochi movimenti le scaricai diverse spruzzate di sborra,mentre mugolava stringimi sentivo diversi spasmi vaginali alzava il culo facendo dei rumori come un risucchio mentre le ondate dell'orgasmo la lasciavano con il fiatone, era impressionante come si contraeva la pancia e la figa sembrava me lo succhiasse riportandomi ad un'altro orgasmo, era veramente una macchina da sesso. Abbracciati ci siamo addormentati, quando ci siamo svegliati eravamo impastricciati in bagno ci siamo lavati alla meglio, mentre era piegata avevo provato ha infilarglielo fra le chiappe, purtroppo mi allontanò. Ritornati alle proprie abitazioni, una volta a settimana andavo a farle visita e finivamo a letto io insistevo per farle il culo purtroppo non ci sono riuscito, dovevo accontentarmi delle scopate tradizionali.

Questo racconto di è stato letto 6 3 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone