Demolizione anale

Scritto da , il 2009-10-07, genere dominazione

Avevo sempre sognato una donna come Stella, ma, dopo l'ennesima delusione, mi ero quasi arreso tentando di convincermi che una donna così albergava solo nel mio immaginario erotico ed in quello di chissà quanti uomini. Poi ho conosciuto lei: capelli lunghi e lisci di un rosso peccaminoso, non molto alta ma con un fisico decisamente atletico che, attraverso la generosa scollatura posteriore del vestito, lascia intravedere i diversi anni passati in palestra. Il vitino da vespa si appoggia su un culetto tondo e sodo il quale prosegue con due gambe che sembrano scolpite da Michelangelo tanto sono perfette. Poi le caviglie (io ho sempre avuto un debole per le caviglie) sottili ma decise, circondate da tre cinghiette nere delle scarpe, punta aguzza e tacco a spillo, in metallo 12cm. Somigliano molto ai modelli che si trovano nei cataloghi di indumenti dei sexi shop. L'attrazione tra noi era stata fortissima sin dal primo momento, poi con il desiderio di conoscerci meglio, soprattutto sotto il profilo sessuale, avevamo scoperto di amare le stesse cose, praticamente tutto. Amanti della masturbazione, dei film hard e delle riviste per soli adulti, io con tendenze S/M, lei impazzita per l'animal sex. Finalmente avevamo trovato il partner giusto con cui dare sfogo a tutte le nostre fantasie, anche le più spinte, per troppi anni represse. Ed eccoci lì, lei seduta sul tavolo della cucina, con il vestito raccolto in grembo, le cosce spalancate inguainate in un paio di calze nere e rigorosamente con la cucitura, una guepiere con i laccetti sul petto che le stringe la vita tanto da far schizzare fuori le tette, non molto grandi, ma perfette con i capezzoli grossi e sempre in tiro. I tacchi a spillo conficcati sul mio petto mentre mi dedico alla leccata di turno della passera, ovviamente completamente depilata per aumentarne le sensazioni al contatto con la mia lingua. Sta sfogliando una rivista anal per eccitarsi di più ed intanto dalla sua fica escono in continuazione rivoli di umore che io ingoio avidamente. Lei non riesce a star zitta ed una serie di mugolii misti ad apprezzamenti sul mio operato le escono dalla bocca ed io mi eccito pensando alla baldracca della porta accanto che sicuramente sarà dietro la porta ad ascoltare le nostre evoluzioni erotiche. A volte mi viene voglia di aprire la porta d'ingresso a sorpresa per vedere se si limita ad ascoltare o si diverte anche a sgrillettarsi. L'orgasmo di Stella arriva come al solito impetuoso e mi riporta con la mente a quello che sto facendo. La sua fica cola e palpita sotto le mie stilettate, mi implora di smettere perché la clitoride le è diventata troppo sensibile, ma io, infoiato al massimo le blocco le gambe con le mani e continuo a leccarla sempre più forte godendo di tutte le sue vibrazioni. Alla fine cedo e le regalo un attimo di relax del quale lei mi ringrazia andando alla ricerca del mio cazzo che ormai è all'ultimo stadio dell'inturgidimento. Sa che non sono un coniglio e che soddisfarmi sarà un impresa e questo la eccita ancora di più. Mentre mi succhia l'uccello facendoci sopra dei delicati giochi di lingua io penso a quale sarà il prossimo gioco. "Devo assolutamente pisciare" mi dice lei "aspettami un attimo che vado in bagno e torno subito". Ecco l'idea, mi stendo sul pavimento e la faccio sedere con la fica bene aperta sulla mia bocca e le ordino di pisciare lì. Lei, sempre ubbidiente, si accovaccia in modo da offrirmi la miglior vista della sua vulva e, dopo qualche istante, ecco che le prime goccie di pioggia dorata arrivano a bagnarmi la lingua. Io non resisto e comincio a massaggiarmi l'uccello e lei alla vista della mia eccitazione esplode in una pisciata gigantesca. Mi prende la testa fra le mani e mi spinge la bocca sulla sua fica in modo che io sia costretto a berla tutta, cosa che io faccio con molto piacere. Poi mi chiede di pulirgliela con la lingua e di dedicarmi un po' anche al suo culetto. La richiesta è chiara: vuole essere inculata. Non aspettavo altro, inizio ad insalivargli per bene lo sfintere fino a quando lo sento aprirsi alle spinte della mia lingua. La faccio alzare in piedi e la giro a pecorina con le mani appoggiate al muro. Punto il cazzo e spingo con tutta la forza che ho. Lei grida e vedo che le scendono alcune lacrime dagli occhi, ma questo non fa che aumentare la mia foia e comincio a pomparla senza riserva. Si vede ad occhio che sta soffrendo, ma non si sposta di un millimetro sotto l'incalzare dei colpi del mio cazzo. Poi il dolore cessa e comincia a salirle l'orgasmo. Stella è una vera maiala e riesce a godere con ogni parte del suo corpo, anche con il culo. L'inculata procede a ritmo serrato, il mio cazzo si fa più grosso ad ogni affondo, ma ormai il suo ano si è talmente allargato che non avverto più nessuna resistenza. È giunto il momento per passare al big boy, un cazzo in lattice di 25cm di circonferenza. Lentamente esco dal suo sfintere e le ordino di non muoversi; dal suo sguardo eccitato ed impaurito intuisco che lei ha già capito le mie intenzioni, nonostante ciò non dice niente anche se vorrebbe fermarmi. Io sono arrapatissimo e tirato fuori il fallo glielo passo sopra la fica per inumidirlo un po', giusto quanto basta per farlo scivolare meglio. Le faccio allargare le chiappe con le mani e appoggio la punta del cazzone al suo sfintere. Un po' di pressione e già comincia a farsi strada, aumento la pressione e riesco a far entrare la cappella. Mi fermo un istante per prendere bene la mira e poi giù, di cattiveria fino alle palle. Adesso 20cm di fallo artificiale le stanno sfondando il culo, penso che di questo passo, prima o poi, sarà pronta anche per ricevere la mia mano dentro al culo ma per il momento mi limito al fallo che comunque non si discosta molto come dimensione. La vedo mordersi il labbro inferiore con forza e non riesco a capire se quella sbavatura sulla bocca è di rossetto oppure di sangue. La cosa non mi interessa, il solo desiderio è di cominciare a stantuffarla con forza ed è quello che faccio. Lei cerca di allargarsi le chiappe il più possibile per aumentare la facilità di penetrazione e ridurre il dolore, facendo questo la vedo impiantarsi le unghie laccate di rosso sui suoi glutei. Adesso la mia perversione sta arrivando al limite: con decisione le afferro una mano e gliela posiziono sul fallo costringendola a pomparsi da sola. "Con forza le intimo, devi spingerlo con forza" ed ogni volta che la vedo rallentare il ritmo la sculaccio violentemente sulle natiche. Dopo un po' di colpi la mano inizia a farmi male ed allora ricorro ad una cinghia in pelle per frustarla a dovere. Lo spettacolo mi ha eccitato all'inverosimile ed ho bisogno di un po' di sollievo quindi la prendo per i capelli e le ficco il mio cazzo in bocca. Lei lo succhia avidamente sperando che, una volta venuto, la smetterò con quel gioco sadico, ma io non ho nessuna intenzione di godere subito e quindi controllo la mia sborra che ormai mi sta facendo scoppiare i coglioni. Dopo una ventina di minuti decido di darle un po' di riposo, ma la obbligo a tenersi il cazzo ben conficcato nel culo. Altra fantasia. Prendo il cuneo vaginale, quello con la pompetta per essere gonfiato e lo sostituisco al fallo, nel suo culo. La faccio sedere sul tavolo e le faccio mettere il cazzone di gomma nella fica. "Fottiti la fica con questo" le ordino e lei lentamente comincia a trombarsi con il super cazzone toccandosi la clitoride per cercare un po' di piacere. Ormai non ce la faccio più, devo sborrare. Quindi gli rimetto il cazzo in bocca e comincio a scoparla tra le labbra. Sul tavolo mi accorgo che sono rimaste alcune mollette da bucato e ne prendo due per attaccargliele sui capezzoli i quali si stringono fino ad appiattirsi. Lei mi guarda, ma non osa toglierle, anche se dal suo sguardo si vede chiaramente che la fanno soffrire, e continua a impalarsi con il fallo, sempre più forte, presa da un'eccitazione che la sta portanto violentemente all'orgasmo. Io scopandola in gola comincio ad azionare la pompetta per far gonfiare il cuneo che ha nel culo. Ad ogni spinta di cazzo corrisponde una pompata: la sfida ora è se lei riuscirà a farmi venire prima che io le spacchi completamente lo sfintere. Quindi con un impegno mai visto comincia a spompinarmi, smettendola anche di sgrillettarsi per aiutarsi con la mano a masturbarmi. Io godo e continuo a pompare aria nel cuneo. La difficoltà con la quale vedo il cazzone di gomma entrarle nella fica mi fa capire che ormai il culo deve essere allargato al massimo. Il cazzo comincia ad avere le pulsazione preorgasmiche e lei, all'idea di sfarsi sborrare nella gola si eccita ancora di più e intensifica la pompate nella fica. Vengo un istante prima di lei, riempiendole la bocca a tal punto che alcune goccie di sperma le fuoriescono dalle labbra. Ingoia tutto e con un ultimo sforzo si ficca il cazzone nella fica, fino in fondo, talmente in profondità che non riesco a capacitarmi delle dimensioni del suo utero. Urla e geme in preda ad un orgasmo intensissimo che le fa dimenticare immediatamente tutte le sofferenze patite, lasciandola stravolta distesa sul tavolo, con i due cazzoni ancora ben conficcati nella fica e nel culo, incapace per il momento di toglierli. Io la guardo e nel compiacermi di quella visione sento la porta della mia vicina guardona aprirsi e richiudersi velocemente.

Questo racconto di è stato letto 1 7 2 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


zia raccontoi generi racconti eroticiracconti erotici scuolail mio cane mi lecca la figaracconti veri incestostorue pornoracconti dominazione gayracconti piccantissimimoglie porca raccontipadrona e sottomessoracconti rtoticiracconti di sesso realiraccontieroticigaystorie milustori pornoracconti erotici 69racconti eroticvii generi di racconti eroticinonno racconti eroticilesbo raccontistorie feticismo piedisesso anale racconti eroticistorie di ragazzi gayracconti di bdsmracconti erotivracconti fetishi generi dei racconti eroticieracconti eroticimamma mi fai un pompinomarito schiavo raccontiracconti animal sextopless raccontiraconto pornoracconti erotici zooracconti sesso genivracconti inculateraccontipornograficirac eroticiracconti.eroticistorie feticismo piediracconti milfstorie sexcuckold storieracconti tabooacconti pornoerotici rccontiracconti perizomaracconti mogli esibizionisteracconti ertoticiracconti storie di sessosorella esibizionistastorie reali pornoracconti sroticiporno fotoraccontiracconti erotici storie verestori pornostore pornostorie eroticraccontti eroticiracconti sborratestorie eroticiinculate atrociracconti erotiiracconti gratis eroticisesso porno raccontiracconti incesto mamma e figliaracconti erotici ricattataerositalia raccontistorie di culotacconti gayracconti eroticcornuto e guardone