In ospedale

Scritto da , il 2017-06-20, genere trio

In Ospedale.

Mi ero ricoverato in una clinica privata per una serie i controlli. Le giornate scorrevano noiose tra flebo, accertamenti, ore di letture e qualche sigaretta nel cortile, finché non ho conosciuto suor Gemma. E’ successo al terzo giorno quando alle sette di mattina è entrata nella mia camera per mettermi la flebo. Mi ero appena svegliato, mi ha fatto distendere il braccio, si è seduta sul bordo del letto e mi ha infilato l’ago in vena facendomi un po’ male. Quando gliel’ho fatto notare mi ha preso in giro: “Ma come, un uomo grande e grosso come lei che ha paura di un ago?” E si è alzata sorridendo. In quel momento ho potuto vederla bene: avrà avuto 62 anni ma li portava bene. Non era bella, portava gli occhiali ma aveva un bel sorriso. Se n’é andata dicendomi che sarebbe tornata per togliermi la flebo. Cosa che ha fatto dopo circa mezz’ora. In mano aveva già la siringa pronta. L’ha appoggiata sul comodino, m’ha tolto la flebo e mi ha invitato a voltarmi. Ho scoperto una chiappa e mi ha infilzato. Alla fine mi ha strofinato il cotone sulla parte e mi ha dato uno schiaffetto nella chiappa. Mi sono girato e mi sono sistemato il pantalone della tuta accorgendomi solo allora che ero eccitato. Infatti il mio cazzo aveva rigonfiato tutto il pantalone. Mi sono disteso supino non facendo niente per non far vedere il mio cazzo in tiro sotto la stoffa. Suor Gemma se n’è accorta, m’ha guardato di sfuggita poi ha indirizzato il suo sguardo verso i libri che avevo sul comodino.
“Cosa legge?”
“Ecco, guardi.”
Dopo averli posati e mi ha chiesto due o tre cose di me. Mentre rispondevo alle sue domande ho alzato la gamba sinistra piegandola. Continuando a parlare, istintivamente, Suor Gemma ha poggiato la mano sul mio ginocchio, cosa che mi spiazzato non poco. Quella mano sul ginocchio ha avuto il potere di far ripartire la mia eccitazione che negli ultimi minuti era un po’ scemata. Il cazzo mi si è indurito totalmente. A quel punto ho appoggiato la mano su quella di Suor Gemma che invece di toglierla mi guarda fisso senza dire nulla, poi facendomi pressione sul ginocchio me lo fa abbassare. Libera la sua mano dalla mia e me l’appoggia sul cazzo massaggiandomelo. Con la voce roca dall’eccitazione le sussurro:
“Le piace?”
Mi guarda e annuisce. A quel punto le dico: “Me lo tiri fuori.”
Lei infila la mano dentro e lo estrae mentre io l’aiuto abbassandomi i pantaloni della tuta. Ora sono completamente nudo con il cazzone svettante. Suor Gemma comincia a masturbarmi. Ad un certo punto si ferma, si alza e mette una sedia davanti alla porta dicendomi: “Non dovrebbe venire nessuno ma non si sa mai…” Torna ad occuparsi del mio cazzo e comincia a masturbarmi velocemente. Mi guarda e mi dice: “Ora non ho molto tempo… ci vediamo stasera…” Ed intanto continua a menarmelo fino a che io non comincio ad inarcare le gambe. Lei se ne accorge ed aumenta il ritmo. Sto venendo. Glielo sussurro:”Sto godendo.”
Suor Gemma di colpo si abbassa e si mette quell’asta di carne pulsante in bocca ingoiando tutta mia sborra che tiro fuori sussultando nel letto come un tarantolato. Dopo averla ingoiata si alza di scatto, recupera la flebo vuota, la siringa e velocemente esce dalla stanza che sono ancora mezzo nudo. Mi getto disfatto sul letto. Ho bisogno di fare colazione, un caffè ed una sigaretta per rendermi conto di ciò che mi è accaduto. Vado al bar, faccio colazione, prendo i giornali e rientro in camera. Mi chiudo in bagno per fare le mie cose ed esco mezz’ora dopo fresco come una rosa. Mi distendo sul letto e comincio a contare i minuti che mi separano dal mio nuovo incontro con Suor Gemma, sempre se manterrà la parola.
Insomma la giornata scorre noiosa, ma le nove di sera e l’ora della flebo si avvicinano sempre di più. Finalmente giungono. Bussano alla porta che subito dopo si apre ed entra Suor Gemma con la flebo. Io mi alzo dal letto, vado alla porta e guardo nel corridoio. E’ buio, silenzioso. Tutti i ricoverati del reparto, essendo tutti vecchi a quell’ora dormono. Rientro dentro, chiudo la porta a chiave e la vedo che sta preparando la flebo. Mi avvicino a lei, le metto una mano sul fianco, con l’altra, la stringo a me. Non fa una piega, lascia la flebo e si gira verso di me. Ci guardiamo e ci baciamo in bocca ficcandoci dentro tutta la lingua a disposizione. Pomiciamo per un po’, poi le comincio ad alzare il vestito. Lei mi aiuta. Ha delle calze spesse ma autoreggenti. Porta mutandine piuttosto larghe. Le infilo una mano dentro e le scosto il bordo delle mutandine. Le scopro il pelo tutto bianco. Comincio a masturbarla. Lei comincia a gemere. Le tolgo le mutandine per avere tutta la fica a disposizione. E’ bella, carnosa, grande. La faccio appoggiare alla sponda del letto, le faccio alzare ed allargare le gambe e comincio a leccarla. La cosa va avanti per dieci minuti, quando viene è costretta ha mordere il cuscino per non urlare. Mi tolgo i pantaloni e la maglietta. Il cazzone è già pronto. Mi avvicino a lei e glielo affondo tutto nella fica adagiandomi su di lei. Ci baciamo, le lecco il collo. Mentre la pompo lei è infoiata come mai tanto che dalla bocca le escono solo dei rantoli. Mi fermo, la faccio mettere alla pecorina con le mani sul bordo del letto, mi abbasso un po’ e la prendo da dietro. Lei non capisce più niente e comincia a dire: “Ma che mi sta facendo fare… io non dovrei essere qua…” Queste parole mi eccitano ancora di più. La sbatto con più forza. Suor Gemma, si gira per guardarmi e mi dice: “Si godimi… godimi dentro… ah, ah… sto venendo…”
A quel punto accelero i colpi e le sborro dentro la pancia dandoglielo fino all’ultima goccia. Mi accascio su di lei e restiamo così per cinque minuti. Poi ci alziamo, lei va in bagno a lavarsi, io mi vesto e mi metto a letto. Suor Gemma torna dal bagno e mi mette la flebo. Poi va via. Torna mezz’ora dopo. Mi toglie la flebo. Vado in bagno per lavarmi e pisciare e sento che sta chiudendo la porta a chiave. Aspetto qualche minuto poi esco e la vedo nuda sul letto. Ora la posso vedere bene. Ha qualche chilo di troppo, ma ha un seno ed un culo imbattibili. Mi spoglio e mi adagio accanto a lei. Cominciò a baciarla ed a leccarla sul collo e sul seno, lei chiude gli occhi. Poi si impossessa sul mio cazzo e comincia a succhiarmelo fino a farlo diventare duro e svettante. Quando è pronto senza che io le dica nulla si mette alla pecorina: “Facciamolo come prima… se non ti vedo in viso è meglio.” E’ inutile dirvi che ogni qual volta apre la bocca la mia eccitazione va a mille. Mi posiziono dietro di lei e la monto come si fa con una vacca cominciandola a spaccarle la fica con colpi veloci e decisi. Lei sussulta sotto i colpi del mio cazzo e geme come una troia. Perdo la testa e comincio a sussurrarle: “ Ti piace troia, puttana, vacca…” “Si, sono una puttana, la peggiore delle puttane, chiavami, sfondami tutta ho aspettato fino ad un anno fa prima di farmi chiavare.”
“Chi è stato sverginarti troia?”
“Un ragazzo di 22 anni con un cazzo grosso come il tuo… Mi ha scopata anche dopo che è stato dimesso, veniva a trovarmi nella mia stanza, in foresteria.”
“Quando ti scopava?”
“Di notte, io l’aspettavo sveglia.”
Mentre mi raccontava quanto fosse troia continuavo a pomparla fino a che mi sono fermato. L’ho tirato fuori, mi sono abbassato, le ho leccato a dovere il culo e mi sono rimesso in posizione allargandoglielo bene con le mani. Le ho puntato la grossa cappella sul buco e le ho chiesto: “Il tuo amante il culo te l’ha sfondato?”
“Si, sin dalla prima volta, ce l’ho più aperto della fica.”
La prendo per i fianchi e glielo pianto dentro. All’inizio fa un po’ di fatica ma poi entra tutto in quel culo sfondato di suora. Comincio a chiavarla. Il cazzo entra ed esce che è una meraviglia.
Lei mi incita: “Sì, sì, dimmi che diventerai il mio amante, dimmelo, dimmi che darai ancora questo bel cazzone, farò quello che vuoi, sarò la tua puttana fin quando vorra.”
Aumento i colpi. In pratica la sto sfondando. Sto per venire mentre lei si masturba la fica. Le do tutta la sborra che ho. Gode anche lei mordendo nuovamente il cuscino. Ci stacchiamo e ci andiamo a lavare. Lei guarda l’orologio. Ha ancora da fare. Si veste in fretta, recupera la sua roba e va via.
Io mi faccio un sonno ristoratore e aspetto che giunga l’indomani.
Il giorno dopo ed i quattro restanti in cui sono stato ricoverato sono stati caratterizzati da una sinfonia di pompini e inculate in piedi o appoggiati al lavandino del bagno o a sponda di letto. Ho dato più sborra a Suor Gemma in una settimana che alla mia ex fidanzata in un mese. Insomma esco dalla clinica e nonostante le tante scopate sto in piena forma anche perché gli accertamenti sono andati bene su tutta la linea. Torno alla mia vita ed al mio lavoro ma con qualcosa in tasca: la chiave del cancello della foresteria dove dorme Suor Gemma. La foresteria è un palazzotto antico a due piani che sta proprio attaccato alla clinica.
E’ pomeriggio. Squilla uno dei miei due cellulari (l’altro è per lavoro e per gli amici intimi). E’ lei. Mi chiede quando ci vediamo. Ormai è cotta. Le do appuntamento per le dieci.
Alle dieci in punto apro il cancello della foresteria. Percorro i pochi metri di giardino che mi separano dal palazzo e arrivo ad un portone dove ci sono sei citofoni. Uno è intestato a lei, un altro ad una certa suor Teresa e tutti gli altri vuoti. Suono. Un istante dopo il portone si apre. Entro. E’ buio, si apre una porta a piano terra. Mi avvio verso la luce e la vedo che mi sta aspettando. Indossa una vestaglia trasparente sotto cui ha una culotte con reggicalze. Indossa un paio di scarpe col tacco ed è senza mutande. La raggiungo, entro, chiude la porta e ci baciamo. Mi fa accomodare, mi offre da bere e cominciamo a parlare. Mentre parliamo la tocco e le accarezzo la fica. Ho già il cazzo in tiro. Lei mi guarda e mi fa: “Ti va se ci vediamo un filmino.” Dico che va bene. Si alza, da un cassetto prende una cassetta, accende il televisore e la infila nel videoregistratore. La cassetta parte, lei torna a sedersi accanto a me che intanto sto col cazzo duro in mano. Parte il film. E’ una storia di incesto. Il padre che si scopa la figlia. Ci eccitiamo e per prima cosa me la chiavo facendola sedere sopra di me. Poi la inculo. Mentre ci riposiamo parliamo un po’, mi racconta di lei poi, senza che io glielo chieda, mi parla di suor Teresa che abita nel palazzo ma che quella sera è di servizio in ospedale. Mi dice che ha 35 anni e che è di Zurigo. Incamero le informazioni e passo oltre. Dopo il primo round ed il riposo ricominciamo a scopare. Le piacciono i giochini così la lego con la cravatta alla sedia e me la chiavo alla pecorina, quando sto per venire faccio il giro e le sborro in bocca. Ci prendiamo una pausa più lunga. Mi faccio fare un panino per rifocillarmi. Fumo una sigaretta e mi risiedo sul divano accanto a lei che ora indossa solo la culotte e le scarpe. La guardo bene: è proprio una vecchia bagascia come piacciono a me. In più è suora. Le chiedo di suor Teresa. Lei se l’aspettava, sorride: “Che vuoi sapere?”
“Se pure lei si fa scopare da qualcuno?”
“Da quello che so, no, ma so anche che le piacerebbe. Me l’ha confidato lei credendo che anch’io sia ancora vergine, perché a cosa stai pensando?”
“Che mi piacerebbe scoparmela insieme a te.”
”E come si fa?”
“Non lo so, tu la conosci, sta a te convincerla.”
“Va bene io ci provo ma se vedo che non devo insistere mi fermo.”
“O.k. ma a te piacerebbe?”
“Ora che mi ci fai pensare perché no?”
Quel discorso aveva avuto il potere di farci nuovamente eccitare. Comincio a farle intravedere tutti i giochi che possiamo fare in tre. Suor Gemma si eccita sempre di più alla prospettiva che suor Teresa si faccia leccare la fica da lei mentre io da dietro me la inculo. Me lo prende in bocca e mi spompina a dovere. Poi la sbatto un po’ sul divano fino a che non sto per venire. A questo punto tiro fuori il cazzo e le sborro in bocca e in faccia, dicendole le peggio cose che lei gradisce molto. Vado via alle quattro di notte. Ci lasciamo con la promessa che la prossima volta, se ci riuscirà, mi farà la sorpresa di farmi trovare suor Teresa.
Un paio di giorni dopo squilla nuovamente il mio cellulare: è lei. Mi dà appuntamento per la solita ora, le chiedo se è riuscito a fare quella cosa. “Tu vieni, poi ne parliamo.”
Passo tutto il giorno pensando a ciò che mi aspetta. Arriva la sera. Mi reco all’appuntamento. Lei mi apre vestita da suora e già la cosa mi eccita. Entro, è sola, ci baciamo. Mi dice che è arrivata da poco. Poi le chiedo di suor Teresa. “Tra poco arriva, sei contento?”
“Come hai fatto a convincerla?”
“Quante cose vuoi sapere.”
Sto per ribattere quando suonano al campanello. Lei apre ed entra Suor Teresa. Non è bella, anche lei ha gli occhiali e visto che è vestita da suora non riesco a capire come possa essere fisicamente. Suor Gemma le dice: “Lui è la persona di cui ti ho parlato.” Capisco che per convincerla ha dovuto raccontarle tutto.
Suor Teresa mi porge la mano, gliela stringo. Ci sediamo sul divano. Suor Gemma ci lascia e scompare nell’altra stanza. Io e Suor Teresa restiamo a chiacchierare. Passano dieci minuti e riappare la mia amante. E’ vestita in borghese. Gonna al ginocchio, maglioncino e scarpe col tacco. Si siede accanto a me. Sono in mezzo. Suor Gemma non perde tempo e mi mette una mano sulla gamba per saggiare la reazione di suor Teresa che guarda senza dire nulla. Comincio ad eccitarmi, prendo la mano di suor Teresa e l’appoggio sull’altra gamba. Non la muove da lì. Suor Gemma mi tira fuori il cazzo già duro e rivolta a Suo Teresa le dice: “Hai visto quant’è grosso?” Suor Teresa annuisce.
Suor Gemma si alza in piedi, si accoccola tra le mie gambe e me lo prende in bocca, cominciando a spompinarmi. Suor Teresa ha gli occhi lucidi dall’eccitazione, le sussurro: “Ti piace?” Annuisce. Mi stacco da Suor Gemma, mi alzo e indirizzo il cazzo verso la bocca di suor Teresa che chiude gli occhi e la apre. Glielo metto dentro, quasi soffocandola. Intanto quella troia di suor Gemma si spoglia e rimane in reggicalze, calze e scarpe. Si avvicina da dietro e comincia a leccarmi il culo. Mi stacco da suor Teresa e mi spoglio. In un attimo sono nudo. Mi avvicino nuovamente a suor Teresa, le allargo le gambe e le sfilo collant e mutandine. Ha una fica pelosissima. La metto in posizione e mi sposto. Suor Gemma si abbassa e comincia a leccargliela. Io mi posiziono dietro la mia amante, mi inginocchio dietro di lei, le lecco il culo e poi glielo metto dentro. Geme e rivolta alla sua amica le dice: “Lo sai mi sta inculando.” Suor Teresa ha gli occhi chiusi e la testa appoggiata al divano. Comincia a gemere anche lei. Andiamo avanti così per una decina di minuti fino a che, esco dal culo sfondato di quella vacca di suor Gemma, la faccio spostare e mi avvicino a Suor Teresa. Le faccio allargare di più le gambe e le appoggio la cappella sulle labbra della fica. “Fai piano è vergine.” Mi dice suor Gemma. Annuisco. Mi posiziono meglio e con un colpo secco rompo la fica a suor Teresa che lancia un urlo di dolore. Ma è di breve durata poiché quando comincio a pomparla gode come una troia mentre le lacrime le escono dagli occhi. Suor Gemma intanto si masturba. Mi fermo, faccio girare suor Teresa alla pecorina e la prendo da dietro. Quando sto per sborrare esco e do il mio cazzo in bocca a suor Teresa che si beve tutta la sborra. Ci riposiamo. Suor Teresa è distrutta. Suor Gemma si siede accanto a lei, l’accarezza e le dice delle cose che non riesco a sentire. Vanno in bagno a lavarsi. Tornano dopo dieci minuti. Ora suor Teresa è completamente nuda. Noto che ha un bel corpo con due belle tette e un bel culo. Ce ne andiamo a letto e ricominciamo andando avanti per tutta la notte. Me le chiavo in tutte le posizioni. Ad un certo punto con le calze lego suor Gemma alla testiera del letto in modo da avere la visione del suo culo bene in vista. Suor Teresa glielo lecca insieme alla fica e me la prepara. Mi piazzo di dietro e la monto proprio come fanno i cani. Comincio a incularla così mentre suor Teresa mi bacia in bocca e accarezza l’amica. Le sborro nel culo e mi accascio sfinito sul letto.
Continua.

Questo racconto di è stato letto 9 6 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti lesbicheracvonti eroticiminidotatistorie transexannuncio 69 itprima volta nel culo raccontiracconti hotmassaggi raccontiracconti incesto pornoracconti erotici diracconti erotici per adultiracconti:eroticiracconti erotici.comstorie pornoracconti moglieracconti porno+racconti di donne sodomizzatechiavo mia mammail mio primo ingoioraccontieroticiraccontihotracconti xxracco.ti eroticistorie eriticherocconti eroticistorie hardminidotatiracconti doppia penetrazioneracconti porno+racconti erotici suocera generopapa inculamiracconti feetstorie di sesso tra fratelliracconti porno zieavventure gayracconti erotici zieracconti troieracconti zoofilixnxx fratelloracconti puttanaracconti madre figliostorie di sesso amatorialistorie erotichrracconti umiliazionegenere racconti eroticistorie pirnoracconto massaggio eroticoracconti veri di incestiracconti oornoracconti erotucischiava aziendale 7racconti di storie di sessoracconti sesso donneho scopato mio figlioertici raccontiracconti lesbo gratisi generi racconti eroticiracconti esibizionisteracconti sesso con animaliracconti eroriciracconti ercamionisti porcila prima volta nel culo raccontiracconti di lesbicheracconti roticipalline cinesi raccontilaura panareiracconti di pissingracconti erotociraccontimilu.comfoto racconti hardliberaevaracconti/eroticistorie pornracconti erotici confessioniannunci 69 incestoracconti erotocoimcestitettona in toplessracconti frocizia sporcaccionastorie pornracconti di bdsmracconti di tradimenti coniugaliil culo di mia cognataracconti reoticiracconti eroticu