Trasgressione di una matura

Scritto da , il 2017-04-06, genere prime esperienze

Dopo l'esperienze già raccontate in precedenza mi sentivo un'altra persona, i rapporti con mio marito erano rifioriti e spesso ci concedevamo belle serate con i ns "amici". Purtroppo l'amico circonciso si era trasferito in altra città per motivi di lavoro lasciando impresso nella mia mente il bel ricordo dei suoi meravigliosi massaggi al clitoride fatti con la cappella ben umida. Ero rimasta impressionata dalla delicatezza del massaggio e dalla sua grande resistenza, che diceva dovuta alla circoncisione, che sentivo il bisogno di trovare un sostituto ma non sapevo come fare. Quando, parlando con mio marito, ho esternato tale desiderio mi ha risposto con semplicità che non era difficile trovarlo, bastava cercare un mussulmano, loro per motivi religiosi sono circoncisi. Perciò mi ha detto che al Circolo velico c'era un americano, proprietario di un bel 36 piedi, che era della ns età ed era mussulmano ma che forse avrei avuto delle riserve nei suoi confronti trattandosi di un mulatto, non per ragioni razziali, non sono affatto razzista, ma per la fama che gli uomini di colore hanno dotazioni grosse che io non gradisco. Comunque alla prima occasione me lo avrebbe presentato ed ero io a decidere sul da farsi. Fu così che il sabato andammo a pranzo al circolo e al bar per l'aperitivo lo trovammo, era solo e mi fu presentato. Un bell'uomo, sui 60 portati bene, alto, longilineo, elegante ed educato. Parlammo per un po' e lo invitammo al ns tavolo così il colloquio continuò anche dopo. Ad un certo punto mio marito, vedendo che io non avevo pregiudizi, con una scusa ci lascio soli per un po'. Fu così che gli dissi che mi sarebbe piaciuto fare, uno di questi giorni, un giro con la sua barca. Ci invito allora per il martedì mattina al molo, meteo permettendo. Il tempo sembrava non passare, tre giorni che mi sembravano una eternità, ma finalmente si arriva al mattino fatidico, bella giornata primaverile con un caldo sole. Arrivata al molo lo trovò già ad armeggiare sulla barca, mi scuso per l'assenza di mio marito dovuta ad impegni di lavoro e dico che possiamo andare noi due se gli fa piacere. Eseguite le operazioni di ormeggio partiamo a motore ed usciamo, fuori dal porto issiamo le vele al poco vento presente e ci dirigiamo a largo. Lui innesca due lenze e dice di sperare in qualcosa per il pranzo poi ci sediamo nel pozzetto a parlare del più e del meno, è una persona simpatica con il suo accento americano ed i discorsi volgono su vari argomenti fino a che lui comincia a fare apprezzamenti e complimenti, io faccio la timida e cerco di stuzzicarlo quando ad un certo punto lui mi dice esplicitamente che è attratto da me e che gli piacerebbe molto fare l'amore. Resto ammutolita per la richiesta improvvisa e che non mi aspettavo così repentina, forse divento rossa e lui mi invita ad una risposta. Io tentenno e lui mi si avvicina, mi accarezza il viso e ripete la richiesta invitandomi a dire un si od un no. Io sul momento annuisco e resto imbarazzata ma dentro me dico che era ciò che volevo e quindi contraccambio la carezza e l'abbraccio. Dirige allora la barca verso la
scogliera, si avvicina, getta l'ancora, ammaina le vele poi mi prende per mano e mi porta dentro
la cabina sulla cuccia matrimoniale. Cominciamo a spogliarci ed una volta nudi ci scambiamo
un grosso bacio. Il mio sguardo cerca subito i suoi attributi e la cosa mi sconvolge e mi preoccupa molto, infatti non ancora eccitato mi si presenta un pene quasi mostruoso, circonciso
come volevo ma di una lunghezza enorme e largo più di quello di mio marito, non sapevo che fare, ero certa che non lo avrei preso perciò gli dissi chiaro ciò che pensavo e che dovevo porre delle condizioni. Lui mi chiede quali fossero le condizioni e così mi viene spontaneo di dire: no nel lato b, no dentro ma solo bocca e massaggio al clitoride. Lui, un po' deluso, annuisce e dice ok. A quel punto sorrido e mi precipito sulla sua cappella ed iniziò a leccarla come un gelato mentre lui mi palpeggia le tette facendomi indurire i capezzoli poi scivola con una mano in basso fino a sfiorarmi il sesso ed incomincia a carezzarlo. Nel frattempo il suo pene, che mi cresceva in bocca, si è completamente indurito ed è diventato grosso, uno spettacolo con la cappella aperta. Lo prenderlo con entrambe le mani e lo metto in bocca cominciando un pompino ma, causa la larghezza, dopo un po' devo desistere per il dolore alle mandibole. Gli spiego allora come fare il massaggio al clitoride e così mi lubrifica leccandomi poi incomincia il massaggio strusciando ben bene delicatamente le grandi e piccole labbra, il clitoride e stuzzicando il buco con la punta. Io sono eccitata al max ed in poco tempo arrivo ad un primo
orgasmo e lui continua con un lento movimento che mi provoca dei brividi di godimento. Ogni tanto , con la scusa di lubrificarlo, riprendo il pompino per portarlo al godimento ma lui dopo ritorna a strofinare. La cosa è andata avanti per un bel po', non ho contato le volte che sono venuta e lui sembra instancabile. Arrivata vicino all'ennesimo orgasmo ho preso una decisione drastica, ho aspettato che presentasse la punta sul buco e con le gambe avvinghiate alla sua vita, l'ho spinto dentro ed è entrato per un bel po', lui ha spinto fino in fondo e si è fermato. Il dolore iniziale è stato grande, mi sono sentita come dilianare la carne e poi toccare il fondo. Lui, forse sorpreso, è rimasto immobile per un po' ed ha consentito, con mio piacere, a calmare il dolore momentaneo, poi ha preso a muoversi prima lentamente facendomi emettere mugoli di godimento ad ogni stantufata, quindi sempre più forte portandomi ad un orgasmo eccezionale specie quando ho sentito il calore del suo seme riempirmi con grossi flutti e con palpitazioni del suo eccezionale pene. Ci siamo così rilassati e poi, con calma, abbiamo ripreso la navigazione per il rientro in porto. Ci siamo lasciati con la promessa che questa non sarebbe restata sola ma che ci sarebbero state altre occasioni, sempre nel rispetto dei limiti. Complessivamente è stata una esperienza molto positiva, ho goduto molto, più di quel che mi aspettavo, ho fatto cose che non credevo di fare, anche se ho avuto bruciore e fastidio per tre giorni ed ho dovuto fare lavande, unico rimpianto è quello di non riuscire a fargli un pompino, ma non è detta l'ultima parola. Ne ho parlato con mio marito che ha approvato il mio comportamento e si è detto felice della mia scelta però ho commesso un errore, non gli ho raccontato tutto, non gli ho detto di averlo preso tutto dentro.....spero, quando glielo dirò, col tempo, sappia capirmi Ciao alla prossima avventura.

Questo racconto di è stato letto 7 7 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone