La rivelazione 3

Scritto da , il 2016-11-22, genere incesti

Così era nato Il nostro nuovo rapporto madre - figlia, ogni giorno ci addentravamo sempre più nelle nostre intimità, carezze , baci a go go, facevamo la doccia insieme con mille effusioni e coccole che diventavano via sempre più audaci, il nostro modo di parlare a poco a poco si faceva più aperto e non disdegnavamo nei momenti di maggior intimità usare qualche parola..ccia, ed anche nel vestire eravamo più libere: una vestaglietta a pelle mezza sbottonata o, spesso, Giulia con le tettine irte al vento che io spesso vellicavo. Sedute sul divano ci masturbavamo guardandoci e poi non di rado scivolavamo sul tappetto con il viso stretto dalle cosce l’una dell’altra per lapparci e berci e poi sfiorare con la punta della lingua il buchino e distendere le sue pieghette con delicati e deliziosi giri della lingua.
Giulia cercava nel pc qualche filmino lesbo, soprattutto fra una donna matura ed una giovane e lo guardavamo con occhi lussuriosi e lascivi lasciandoci andare a tenerezze e baci pieni di concupiscenza , sensualità e voluttà e con lo stesso spirito leggevamo anche racconti erotici con oggetto l’incesto madre - figlia.
Avevamo anche toccato l’argomento della sua verginità quando le toccavo l’imene chiedendole se non c’era ancora un ragazzo che le piacesse e lei mi rispondeva che stava bene così con me e che era contenta ed appagata.
La nostra vita sociale aveva ripreso a funzionare, uscivamo a mangiare una pizza, avevo ripreso le mie conoscenze ed anche Giulia si era fatto delle amiche con cui usciva a correre la sera andare in bicicletta sulle ciclabili, con una in particolare, Rosa Maria, sua compagna di classe usciva spesso.
Una sera eravamo sul lettone in mille tenerezze, toccamenti ed effusioni, Giulia mi fa: - sai mamma io sarei felice se mi sverginassi tu, tu mi hai fatta integra e la mia gioia sarebbe che tu mi facessi donna. Sono rimasta di stucco ed ho provato a dirle se non era il caso di trovarsi un ragazzo, ma lei, con testardaggine, insisteva ed io allora le ho detto che ci avremo pensato.
Poche sere dopo mia figlia mi invita al suo pc per vedere qualcosa, era su un sito sexy shop che guardava vibratori e oggettistica varie e mi fa : - potremmo comperare un attrezzo simile per farmi perdere la verginità, io ho guardato tutto questo pourpurry di toys di tutte le fattezze: lunghi, corti, grossi, bianchi e neri, ricurvi insomma di tutte le fattezze e gusti. Mi sono chinata su lei e, mettendole una mano sulle tettine, le ho proposto di andare in sexy shop in un centro commerciale a nord della città, lei entusiasta a proposto il sabato pomeriggio dopo la scuola.
Il sabato nel primo pomeriggio ci siamo preparate ed in auto siamo andate al centro commerciale in perfetto anonimato. Siamo andate per vetrine a guardare scarpe e vestiti fino a che abbiamo visto il sexy shop e siamo entrate.
Una signora, molto elegante, tubino nero a portafoglio sopra il ginocchio, camicetta bianca con il bottoni slacciati giusti facendo intravvedere un seno generoso, tacchi 7, calze nere velate, con cortesia ci ha dato il benvenuto e noi, straniate, abbiamo cominciato a girare decisamente imbarazzate fra tutta questa sexy oggettistica. La signora deve aver notato il nostro imbarazzo e ci si è avvicinata chiedendoci se vogliamo aiuto, mia figlia più spigliata ha detto di si e che siamo alla ricerca di qualche toys per divertirsi tra donne, io mi sentivo morire per la richiesta così diretta. La signora, per nulla imbarazzata, ci ha detto di seguirla e ci ha accompagnate in un reparto con vetrine piene di vibratori di tutte le fogge. Ha aperto le vetrine e ci ha mostrato dei vibratori di forma anatomica dicendoci: - se volete procurare piacere l’una all’altra vi consiglio uno di questi dildi, sono di forma anatomica con appendice per stimolare il clitoride con vibrazione variabile sia nel corpo penetrante che nell’appendice per il clitoride, è di latex siliconato molto liscio e tenace sentite con la mano - io con un sorriso di convenienza l'ho preso in mano, era decisamente consistente, poi lei ha preso un altro dildo falliforme a due teste fa - questo è un fallo doppio vaginale per avere rapporti penetranti con la partner - e, guardandoci - anche questo è molto consistente e permette un rapporto intimo fra le due vulve che si accostano e si toccano, anzi volendo si baciano, sentite come è liscio e le teste sono a forma di glande per permettere una facile penetrazione, io consiglio sempre di usare un gel a base di glicerina per facilitare l'uso se gli umori naturali non sono sufficienti, - Giulia ed io abbiamo preso in mano l'oggetto guardandoci con sguardo di complicità, ne abbiamo sentito la consistenza nel contempo morbida e serica, io ho sentito un brivido nella pancia - poi c'è questo, - continuo la commessa - è uno strap on, con le cinghie si allaccia ai fianchi e nello scavallo, lo indossa una delle partner ed è un pene di forma anatomica che permette un rapporto di penetrazione profonda tra donne, molto intima e conturbante - abbiamo guardato anche questo ed ho notato gli occhi lucidi di mia figlia, pure l'inserviente deve essersi accorta di questo perché le ha sorriso con tenerezza e l’ha invitata a prenderlo in mano per vederlo da vicino, mia figlia l’ha preso ed ha accarezzato il dildo con una mano, la signora ha continuato - poi c'è questo, - una mutandina di latex nero con un dildo interno ed uno esterno - si apre si fianchi si distende, si infila il dildo interno nella vulva - facendo la mimica - e quindi si chiude e si fissa sui fianchi con il ben stretto, il dildo esterno è fissato rigidamente con quello esterno e quindi tutti i movimenti si trasmettono da un fallo all'altro in una intimità coinvolgente e complice - io ero intrigata moltissimo, mi sembrava una situazione altamente erotica, ero intrigata assai ed anche...bagnata, avrei scommesso che anche Giulia fosse eccitata, guardandoci, l'inserviente con un cenno d'intesa ci disse - questo ha anche il pregio di avere il fallo intercambiabile, questo è normale, ma con un quarto di giro si stacca - e lo ha fatto - e potete prendendone un altro di dimensioni più grosse se gradite sentirvi dilatate e piene, e piene, mi raccomando usare sempre il gel, questo più fine è per le penetrazioni anali per un rapporto pieno e completo. Con gli occhi ci siamo consultate ed io ho detto - prendiamo questo-.
La signora ci ha sorriso, si è abbassata a prendere la scatola di confezione e facendo questo le si è aperta la gonna a portafoglio mostrandoci una gamba con calze velate grigio canna di fucile e con una balza di pizzo che arrivava all’inguine molto eleganti - belle calze , faccio io - ah, queste - mi rispose alzandosi - la facciamo fare da una artigiana di Castel Goffredo per il negozio - disse - e cosi facendo ha aperto la gonna con fare naturale facendoci vedere le gambe con le autoreggenti ed un filino di slip nero molto sgambato, siamo rimaste interdette e mia figlia fa - belle gambe e belle calze - di risposta la signora - senta quanto sono sottili e lisce - e mia figlia le ha accarezzato la gamba confermando con un cenno di assenso.
Abbiamo pagato, la signora ci ha ringraziato dandoci il badge con suo cellulare per ogni nostro desiderio. Siamo uscite, abbiamo preso l’auto e di corsa verso casa, mia figlia mi fa -sei eccitata? - ed io - si molto, quella signora era molto spigliata ed intrigante, mi sa che torneremo in quel negozio.
A casa, garage, ascensore, entriamo in casa , la porta chiusa dietro le nostre spalle e mia figlia corre verso la stanza spogliandosi nella corsa seguita da me con i vestiti in confusione sul pavimento, ci abbracciamo nude e ci lasciamo andare ad un bacio intenso, forte, lascivo mentre le mie dita sono scivolate nella sua vagina bagnatissima per sentirle l’imene che presto sarà rotto. Giulia mi fa - ti metto io la mutandina - ha preso lo strap on l’ha aperto, il fallo interno svettava - allarga le cosce - fa, io mi allargo tutta, lei striscia il glande fra le sue labbra, lo lecca e poi fra le mie grandi labbra, non c’è bisogno di gel, colo, la mia vagina inghiotte il fallo nel profondo, i miei muscoli vaginali lo accolgono e lo stringono pulsanti, era da tempo che non veniva invasa, alzo il bacino per fissare il velcro ed il pene esterno si erge maestoso quasi fosse di marmo, lo impugno con una mano, mi eccito ancor più nel vedermi cosi, mimo una masturbazione ed il fallo interno risponde meravigliosamente ai miei movimenti, chiedo a Giulia- sei pronta? - lei assente con gli occhi chiusi - come vuoi che ti prenda? - io mi impalo sopra te - mi risponde, la accarezzo ancora sento la sua vulva palpitante, il clitoride duro come nocciolina, mi addentro col dito medio nella vagina, sento la sua resistenza, ci baciamo ancora appassionatamente, mi metto supina col fallo irto in mano, mia figlia si accosta con le ginocchia piegate io accosto il glande alle sue labbra bagnatelo striscio ancora per trovare l’ingresso della sua vagina e lei si lascia cadere sul fallo piano piano, sento il mio che mi penetra e sento contemporaneamente la sua barriera sento la sua forza ed il suo desiderio di essere forzata e penetrata, sento la sua membrana poco a poco cedere, lacerarsi mentre dentro di me si scatenano le pulsioni più lussuriose, la mia carezza sul suo clitoride, le sue tettine irte ,gonfie mi fanno andare in un mondo alieno, finalmente sono penetrata in mia figlia con un suono gutturale, sì, sono entrata in mia figlia, in un impeto d’amore l’ho sverginata, la mia mano sul clitoride in una lasciva carezza, Giulia si impala su di me ,accompagno il suo movimento con il mio bacino la penetro e mi penetro, sentivo mille suoni e vedo mille colori, il desiderio di orgasmo mi squassava e sento anche il brivido di mia figlia che si munge le tettine , i nostri mugolii di piacere si esaltano l’un l’altra finché siamo esplose in un urlo di piacere ,quasi un rantolo, la mia fica mungeva il dildo compulsivamente , nel contempo penetravo nella fica di Giulia finalmente donna, siamo in estasi:i nostri respiri quasi un rantolo e sento i suoi umori sulle mie cosce e contemporaneamente i miei allagarmi sotto lo strap on.
Ci siamo accasciate con il respiro greve ed affannoso, ci siamo abbracciate strette ed il bacio pieno di passione è venuto spontaneo, le labbra si sono cercate,
ed si sono aperte nella bramosia si sentire le lingue guizzanti saettare l’una cercando l’altra.
Quando i nostri respiri si sono regolarizzati Giulia mi fa - sono felice mamma del nostro intimo rapporto, lo desideravo da tanto tempo, sai, quella notte io non dormivo, ma mi sono masturbata di proposito, ti desideravo mamma, mi toccavo al pensiero di accarezzarti, ti spiavo mentre ti preparavi a venire a letto, volevo toccarti, baciarti, non passava un secondo che ti desiderassi, annusavo i tuoi slip per sentire il profumo di te - da quando ti succede - faccio io - da quando Rosa Maria mi ha raccontato che ha scoperto sua madre in un rapporto lesbo e le ha detto che per stare zitta con suo padre voleva provare anche lei, un ricatto capisci che sua madre è stata costretta a subire e che si è trasformato poi in un piacere ed una gioia deliziosa di un rapporto pieno, consapevole ed appagante come il nostro.

Questo racconto di è stato letto 6 9 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


eros raccontiracconti suocera troiaraccontiincestistorie erotiche piedicornuti consapevoliracconti di donne lesbicheracconti porno zieracconti veri hardracconti erotici.comracconti erotici africaeroticiracconti.itracconti erotici neriracconto erotico lesbostorie porno sorellaracconti di mogli esibizionisteracconti erotici costrettaracconti mogli troieracconti prnola troia di mia suoceraerotici rccontiracconti erotici mogli troieracconti di seghecane scopa moglieracconti sensualibdsm storieracconti amatoriali gratisi generi di racconti inceatoracconti foot fetishstorie di sessraccontieroserotic raccontiraccontisadomasoracconti erotici gay stuproracconti car sexstorie di mariti cornuticuckold racconti veriracconti porno sexlaurax raccontiraccontimilu.comstorie spintemammatroiasborra a go goracconti erotici padre e figlioracconti erotici suoraracconti proibiti realira cconti eroticierotici raccontoracconti travstorie sesso analemio marito e cornutoerositalia raccontichiavare con animaliracconti ereoticiraccnti gayla cognata raccontiracconti sesso con canei segreti della ziaracconti erotici la professoressaragazze che scopano in discotecamature racconti eroticistorie di sesso 69orge racconticuckold raccontiracconti erotici con donne matureeroticiraccontiyoutube racconti eroticiracconti sesso lesbostprie pornostorie trioracconti piediniracconti fi miluracconti di tetteraccconti incestoracconti di milfracconti sottomessaracconti erotici iniziazionechiavo mia madretradimenti eroticimilùraccontiracconti wroticiracconti porno tradimentoracconri pornoracconti:erotici