Apparenza e verità

Scritto da , il 2016-02-11, genere incesti

Sono una donna di 35 anni, credo di essere una bella donna, molto rispettata dalla comunità. Sono sposata da una decina di anni con Angelo, che per lavoro è fuori dall'Italia per mesi interi. Vivo nella nostra casa, insieme ai miei suoceri e mio cognato. Nella casa accanto vivono i miei e siamo una famiglia molto unita.
Più unita di quanto la gente immagini.
A volte ricevo avance dagli uomini che conosco, ma sono sempre restia, passo per timida e vengo indicata quale moglie esemplare e fedele.
Viviamo in un piccolo paese e le apparenze sono tutto. In realtà sono la puttana privata di tutta la famiglia.
E' stata mia suocera a prendere il comando di tutta l'operazione. Il giorno prima delle nozze mi ha chiesto di passare con lei il mio tempo, mi ha invitata a pranzo. E' sempre stata una donna austera, e non ero certa che fosse contenta del matrimonio. Mi confessò infatti le sue remore e mi chiese una prova di dedizione.
Mi accompagnò a casa sua, nella sua camera da letto e mi chiese di spogliarmi.
L'accontentai, non vedevo nulla di male nella mia nudità di fronte a lei.
Mi palpò ovunque, e quando feci per ritrarmi mi schiaffeggiò.
Rimasi ferma senza dire una parola, quando la sua mano scivolò fa le mie cosce ed arrivò a sfregarmi la figa. Mi invitò a divaricare le gambe ed eseguii.
Mi fece stendere sul letto e la trovai con il viso affondato a leccarmi. Mi abbandonai alla sua lingua, ammetto che avevo cominciato a godere. La situazione era paradossale ma mi intrigava. Al terzo orgasmo consecutivo avevo dimenticato ogni pensiero sul matrimonio. Lei era risalita a succhiarmi i capezzoli, stringendo forte le mie grosse mammelle.
Percepii un'ombra nella stanza, che divenne una presenza reale. Era suo marito, nudo, con il cazzo eretto, che si avvicinava e ad un cenno di lei si piazzò davanti a me e mi penetrò. Urlai di no, mi mossi per spostarmi, ma entrambi mi fermarono e lui affondava dentro di me, scivolando bene nella mia figa bagnata e aperta dal piacere appena provato con lei.
Continuò a lungo, e inaspettatamente il mio fisico reagì a quello stimolo, procurandomi l'ennesimo orgasmo. Mi venne dentro, sentivo lo zampillo della sua sborra schizzare contro l'utero.
Uscì da me, lei mi ordinò di rimanere a gambe aperte. Così vidi l'altro suo figlio, pronto per la sua parte di figa. Non tentai nemmeno di reagire. Infilò il suo cazzo bello grosso dove era appena uscito suo padre e prese a pompare.
Non veniva e decisero di farmi mettere a pecorina. Mi prese da dietro e così, dopo diverse spinte, anche lui venne.
La mia futura suocera si legò una cintura ai fianchi, a cui attaccò un dildo. Lo lubrificò con del gel e mentre ero ancora a quattro zampe mi appoggio la cappella di gomma al culo e con un solo colpo entrò, sverginandomi.
Urlai e piansi, ma lei non si fermò fino a quando non percepì il rilassamento del mio sfintere, l'accettazione a quel corpo estraneo e l'inizio di un'altra forma di piacere.
Quando decise che era sufficiente, mi abbracciò ed inizio a limonare con me e a farmi limonare dagli altri due.
Mi disse che ormai eravamo una grande famiglia, che loro avrebbero provveduto a me quando mio marito Angelo sarebbe stato via, ed io avrei ricambiato per dimostrare la mia riconoscenza.
Da allora nono sono solo la loro troia, ma una puttana a tempo pieno.
Lei dirige il gioco ed io mi accoppio come e con chi lei decide. La prima persona che devo soddisfare al mattino è lei, poi devo rimanere pronta e disponibile per gli altri due. E' diventato normale prenderli insieme, sono diventati abili a sincronizzarsi. E' un gran piacere sentirsi riempita di due cazzi in contemporanea, non nego che godo davvero tanto.
Lei, Maria, mi ha indotto ad avere rapporti anche con mio padre. Quando succede lei rimane discretamente in ombra, ma vigile. Ha voluto che lo seducessi, senza che mia madre se ne accorgesse. Prima con degli sfioramenti, poi con sfacciataggine prendendoglielo in bocca, poi facendomi montare.
Quando il nonno di Angelo ci viene a trovare rimango nuda, pronta a essere toccata. Non sempre riesce ad avere delle erezioni, ma si diverte lo stesso palpeggiandomi e leccandomi.
Negli anni mi hanno regalata per il piacere dei cugini e dei nipotini che crescevano.
Tutti i giorni vengo montata almeno due o tre volte al giorno.
Ma fuori casa ho abiti castigati, tengo gli occhi bassi, e tutti parlano della mia virtù

Questo racconto di è stato letto 1 2 5 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone