Dall'androloga (parte 2)

Scritto da , il 2015-03-21, genere tradimenti

Io e la dottoressa ci guardammo per un attimo mentre i ricordi invadevano le menti di entrambi. -Fra?- -Costanza...-. Il suo viso si illuminò e corse ad abbracciarmi. Eravamo compagni di liceo e non ci vedevamo da quasi dieci anni. Mi bastò un attimo per riconoscerla, quei suoi occhi azzurri dolcissimi erano rimasti quelli di una volta. Strinsi il suo corpicino esile ma tutto ben proporzionato da sopra il camice bianco mentre lei mi dava un bacino sulla guancia. Sotto il camice vidi che portava una minigonna scozzese senza le calze e una camicetta bianca, il tutto adornato da un paio di decoltè celeste chiaro, a occhio un tacco otto. Si staccò da me e disse -come stai? È una vita che non ti vedo più...- -non c'è male. E tu? Ti trovo in gran forma-. Arrossì lievemente -grazie... io sto bene sono solo un po' stanca i turni qui sono massacranti- disse mentre mi faceva accomodare all'interno dello studio. -che cosa fai qui? Voglio dire la mia ragazza diceva che la sua ginecologa era una donna di 50 anni- -ah certo la dottoressa Perotti . Io facevo il tirocinio qui fino a un mese fa, mi sono laureata e la dottoressa mi ha lasciato questo studio. Lei ne ha un altro in centro. Sono come una figlia per lei e quindi ha deciso così.- -Bè congratulazioni...- -grazie... ma allora Silvia è la tua ragazza?- -sì esatto- -parla sempre così bene di te anche se non avevo capito fossi proprio tu. Sei fortunato...- sorrisi e ringraziai. -Allora Silvia mi ha parlato di un'irritazione al glande... arrossamento eccetera...- disse mentre consultava i suoi appunti -...dopo ogni rapporto sessuale?-. Improvvisamente ero accaldato e imbarazzato e semplicemente annuii, -...con bruciore del prepuzio..., la prima cosa che mi viene in mente è un'allergia, probabilmente al preservativo. Hai cambiato marca?- -più d'una ma non è cambiato nulla- -capisco...-. Si alzò continuando a leggere e venne a sedersi a fianco a me. -bè devo visitarti per avere le idee un po' più chiare. Avanti, alzati e spogliati-. Deglutii -come?-. Costanza sorrise comprensiva -lo so che per voi uomini è imbarazzante ma ho bisogno di vedere il tuo pene per capire cosa ti causa quello sfogo-. Annuii deglutendo di nuovo -va bene...-. Mi alzai lentamente e misi mano alla fibbia della cintura slacciandola. Lei mi guardava con un leggero sorrisino e cominciai a chiedermi se quella fosse davvero la procedura standard. Mi abbassai la cerniera e slacciai il bottone. I jeans mi calarono lungo le gambe. Lentamente abbassai anche i boxer. Il mio cazzo venne fuori ancora un po' ammosciato per la sborrata di qualche minuto prima. Lei lo osservò per qualche attimo poi allungò la mano. Sentii la sua mano morbida palparmi il cazzo, mentre l'altra mi palpava i testicoli. Trattenni il respiro e strinsi il pugno cercando di trattenermi, mentre sentivo il cazzo irrigidirsi e l'erezione diventare sempre più prominente. Lei sorrise mentre il mio pisello si ergeva di fronte ai suoi occhi, -non preoccuparti è del tutto normale... mmmh Silvia non esagerava allora... anche lei è fortunata dopotutto...-. Inutile dire che dopo quelle parole il mio cazzo si era teso ancora di più. Cercai di sdrammatizzare e dissi -Lo dici come se fossi invidiosa, ma scommetto che ne hai uno anche tu che ti fa impazzire tutte le sere...- Data la situazione non mi sembrava così fuori luogo come commento. Lei sorrise, distogliendo i suoi occhi azzurri dal mio pene fissandoli nei miei per qualche secondo. -magari... non ho tempo per un uomo... e poi ho da poco chiuso col mio ex... un grande stronzo, come tutti quelli prima...- sorrisi -mi sembri disfattista, stai pensando a nuove strade? Un po' più femminili?-. Lei rise -No, figurati! Ho già avuto il mio periodo lesbo e mi è bastato...-. Il mio cazzo ormai era di marmo. -...anche se un pensierino su Silvia ce lo farei volentieri...- il mio cazzo ebbe un guizzo. Lei rise di nuovo -...e non ti dispiacerebbe neanche vedo! Comunque per il momento mi basterebbe anche una sveltina... sono mesi che fra le gambe non sento qualcosa che non vada a batterie...-. La situazione stava degenerando, e mi sembrava che come palpazione durasse un po' troppo e che costanza se la stesse godendo anche un po' troppo. Ormai praticamente mi stava masturbando. -Fra?- -dimmi- -ma... hai eiaculato di recente?- -può darsi...- -ma avevo detto a Silvia che per almeno un giorno prima della visita non dovevate avere rapporti...- -infatti...- -ma hai dei residui di sperma sul glande, e sono recenti...-. In quel momento capì -la ragazza qui fuori... ecco perchè eri così accaldato... te la sei scopata?-. Ero imbarazzato ma le sue guance rosse mi dicevano che si stava eccitando. -No, solo un bel bocchino e una spagnola alquanto soddisfacente- -La conosco Rebecca, quella è una che la darebbe a chiunque...- -disse la dottoressa eccitata- -non sono eccitata!- -ah no? E allora perchè non riesci a staccare le mani dal mio cazzo?- -ti sto visitando... è il mio lavoro-, -oh sì quello è vero... proprio un bel lavoretto-. -sì ti piacerebbe...- disse alzandosi in piedi. Andò verso un armadietto e tirò fuori un contenitore di plastica. Svitò il tappo e me lo porse. -Visto che ti piace fare lo spiritoso, ho bisogno di un campione di sperma da analizzare. Visto che ti vanti tanto vedi di riempirlo, chiaro?- -qui dentro?- -si lì dentro- -e come faccio?- -secondo te? Mira e spara, cowboy...-. Annuii deglutendo -dov'è il bagno?- -la bidella l'ha già chiuso... fallo qui non mi scandalizzo. Io finisco di registrare alcuni referti mentre tu ti diverti...-. Tornò alla scrivania e si mise al computer. Io tornai a sedermi e mi presi il pisello in mano. Cominciai a farmi una sega ma non mi sentivo ispirato. Ero imbarazzato a menarmelo di fronte a lei mentre scriveva al computer. Non mi tirava granchè. Ogni tanto però mi guardava di sottecchi con un sorrisetto. A un certo punto spense il computer e appoggiò i gomiti sulla scrivania a guardarmi con un sorrisino in attesa. Ero un po' in difficoltà. Esasperato dissi -lo posso fare a casa? Non lo so qui non ci riesco...- -ti metto in imbarazzo? O sono io che non ti piaccio?- -no ma che dici...- -...o magari hai solo bisogno di un aiutino...-. Lentamente si slacciò i primi due bottoni della camicetta guardandomi negli occhi, mettendo in mostra una scollatura interessante. Ripresi a masturbarmi ipnotizzato -meglio?- -sì...-. Si alzò in piedi e fece il giro della scrivania. Si mise in ginocchio di fronte a me e si slacciò un altro bottone. Sostituì la mia mano con la sua e cominciò a farmi una sega, per davvero questa volta. -dopo quella troietta di Rebecca dubito che Silvia si offenda se mi servo anch'io-. Affondò la bocca sul mio cazzo. Le sue labbra si dischiusero automaticamente mentre il mio glande le scivolava dentro. Sarà anche stato molto tempo che non scopava ma dalla perizia con cui mi succhiava il cazzo, in passato come minimo doveva essersi consumata le labbra a forza di bocchini. Era una cosa incredibile. La lingua mi percorreva il cazzo da cima a fondo soffermandosi ogni tanto a leccarmi le palle. Sembrava famelica. -dio Costanza sei fantastica... cazzo come succhi... ahhhhh...sì...-. Le misi una mano sulla testa accompagnandola nei movimenti. Era un saliscendi continuo con la sua lingua incollata al mio cazzo. Ero al culmine e mi stupivo che ci fossi arrivato così in fretta. Forse solo Ilaria, la sorellina di Silvia, riusciva a farmi pompini del genere. Il cazzo mi si stava tendendo e ingrossando allo spasimo mentre io ansimavo di piacere e mi contorcevo sulla sedia cercando di resistere il più a lungo possibile. Anche lei percepiva che stavo per venire e all'ultimo se lo sfilò di bocca lasciandomi ansimante e in tensione a un passo dall'orgasmo. -Dio che cazzo che hai... era una vita che non me ne capitava uno così fra le mani...- -...e in bocca... - -...e non solo...- rispose lei sorridendo. Si alzò in piedi e si sedette in braccio a me facendo passare le mie gambe in mezzo alle sue, aprendosi completamente la camicetta. La tirai a me andando ad assaporare quelle labbra gonfie e vogliose mentre le palpavo le cosce sotto la minigonna. Aveva il tanga bagnato di umori e fremeva ad ogni mio tocco. Mi guardò negli occhi e disse -non resisto più... scopami fra ti prego...-. Non si tolse neanche il tanga, se lo scostò di lato e si lasciò penetrare. La vidi trattenere il fiato mentre il mio pisello la riempiva. Dio quanto era stretta. Rimasi un attimo fermo per farla abituare poi cominciai a muovermi dentro di lei. Lei ansimava nel mio orecchio mentre io aumentavo il ritmo. -ahhh... sìì...continua fra... ahhhh... non fermarti... uhmmmm...-. Si mise dritta cavalcandomi e godendosi tutto il mio cazzo, mentre le sue chiappe sbattevano sulle mie cosce. Le nostre labbra si rincorrevano mentre lei mi cavalcava a ritmo sostenuto. -sìììì...continua... non fermarti... ahhh-. La sollevai di peso e la portai sul lettino dove visitava le pazienti. Il mio cazzo era duro e pronto a venire. Lei sorridendo aprì le gambe mettendole negli appositi alloggiamenti per tenerle divaricate. Sorrisi e dissi -allora dottoressa pronta per una visita?- e senza attendere una risposta la penetrai tutta d'un colpo tornando a sbattermela. Lei mi cinse il collo con le braccia ansimandomi nell'orecchio tutto il suo godimento, mentre io non smettevo di spingere dentro di lei. Non resistevo più. -Costanza sto per venire... uhhmmm...sì- -ahhh...sborrami addosso....ahhhh sì...dio...-. All'ultimo estrassi il cazzo dalla sua fighetta vogliosa ed esplosi tutto il mio piacere su di lei. Cinque o sei schizzi di sperma bollente la raggiunsero sul ventre e il reggiseno. Rimasi lì ansimante col cazzo in mano ancora qualche istante poi mi riscossi. Costanza era in estasi e sorridente. Guardò il mio cazzo gocciolante vogliosa ma disse -prima il dovere... passami quel contenitore-. Glielo diedi e la vidi raccogliere il mio sperma dalla pancia con un dito e adagiarlo nel contenitore. Lo chiuse, lo appoggiò su un tavolino e scivolò giù dal lettino in ginocchio -...e ora il piacere...- disse mentre mi prendeva il cazzo in bocca e me lo ripuliva dai residui di sborra. Quando ebbe finito ci rivestimmo di corsa e ci avviamo verso la porta, ma prima la presi per un braccio la sbattei contro il muro e le infilai la lingua in bocca. La guardai e dissi -Ti rivedrò?- lei sorrise -Domani... sono convinta che il tuo pene debba rimanere ancora sotto osservamento... e io sarò ben lieta di esaminartelo ancora...-.

Continua....

Questo racconto di è stato letto 7 1 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici violentiracconti ereoticiwww.eroticiraccontiracconti erotici stuproculo rotto raccontistorie e racconti eroticimogli eroticheracconti porno costrettaforum feticismoracconti erotici perversierotici raccontracconyi pornosorie pornovideo porno grstuitiwww.eroticiracconti.itracconti hard di donne matureraccontierracconti clistereconfessioni eroticherscconti pornoxnxx nipoteracconti di sesso al mareracconti eroiticistorielle pornolibri porno gratisracconti rroticieroticiracontiracconti erotici 69.itracconti erotici per adultiracc sessracconti erotici perversiracconti trasgressioniracconti eraticiraconti sexmarito e moglie al cinema pornoracconti gay incestoerotici raccontieroriciraccontistorie ponoannunci69 .itracconti porno tradimentoracconti erotici ziaraccoonti eroticieroticiracontiporno racconti incestistorie erotiche cognataracconti mistressracconti mogli esibizionisteerotico spintoracconti camionisti gayincesto raccontostorie potnofisting estremiraccondi eroticiracconti erotici gay gratisracconti eroti ciracconti porno suocerestirie eroticheerotivi raccontiracconti di vecchie troiezoofilia raccontiraccontineroticiracconto sculacciataracconti porno eroticiraccontti eroticiraccontifetishi racconti di milracconti erotici familiarierotici racconriracconti erotici incesto gayracconti orge gayracoonti eroticiracconti erotici umiliataracconti incesto annunci 69racconti bdsm gayincesto confessioniracconti ertoticiracconti eroticiùracconti bollentiracconti moglie porcaracconti perettarscconti pornoracconti erotii generi racconti gaystorie analeraccnti pornoracconti erotici mia suoceraracconnti eroticiracconti eroti iracconti erotici madre e figlioi piedi di mia ziaracconri pornoracconti bdsm