La sorellina della mia ragazza 3 (e le sue amiche)

Scritto da , il 2015-03-07, genere tradimenti

Da quella fatidica mattina, fra me e Ilaria non era successo più nulla, e io mi guardavo bene dal farlo accadere di nuovo. Il senso di colpa mi corrodeva. Amavo Silvia più di qualunque altra cosa, e non riuscivo a concepire di averla tradita due volte. Ma ero combattuto. Il mio cuore combatteva strenuamente contro i miei istinti, perché in fondo in fondo scoparmi Ilaria mi era piaciuto da morire. Quella diciassettenne mi arrapava tantissimo, e come se non bastasse quella stronzetta aveva cominciato a farmi avances sempre più spinte e plateali, che io respingevo con sempre meno energia. Una volta per esempio eravamo a casa loro, io seduto sul divano, Silvia stesa su di me, e Ilaria sulla poltrona. Io e Silvia eravamo esausti, appena usciti da un amplesso in camera sua. Ilaria ci guardava sorridendo e a un certo punto disse –certo che ne avete fatto di casino in camera, eh? Vi sentivo da qua-. Silvia sorrise e si limitò a lanciarle un cuscino addosso. Ilaria rise e glielo rimandò indietro, e riprese –immagino che stasera farete la replica-. Silvia si tirò su, puntellandosi con un gomito sulla mia gamba e disse –e anche se fosse?- -no, nulla…- poi rivolgendosi a me disse –solo Fra sta attento a non sbagliare porta… se vieni da me non è detto che ti fermi…- -ma piantala…- rispose Silvia lanciandole di nuovo il cuscino addosso, e si ridistese su di me chiudendo gli occhi.



Ilaria mi sorrise, e apri un po’ le gambe, infilandosi una mano sotto la minigonna che portava. Io la guardai malissimo, e allora lei smise. Continuando a sorridere, si alzò dalla poltrona, andò verso il corridoio, ma si fermò sullo stipite della porta, girandosi per farmi l’occhiolino, e tornò a camminare sculettando. Questo è solo un esempio di ciò che dovevo subire, ma la vera bomba atomica che distrusse le mie difese arrivò qualche tempo dopo. Ero a cena a casa loro, e c’erano anche i loro genitori. Da qualche giorno Silvia era stata scelta per la squadra di pallavolo che sarebbe andata al campionato regionale. La partita si sarebbe disputata a Firenze, e i suoi che l’avrebbero accompagnata decisero di volersi fermare là per un paio di giorni, ma Ilaria non voleva saperne. Io purtroppo avevo già detto a Silvia che non avrei potuto accompagnarla, per impegni scolastici. In quel momento Ilaria e i suoi stavano discutendo, perché lei non voleva andare visto che proprio in quei giorni ci sarebbe stata una festa a cui lei voleva andare. – No- stava dicendo la madre –non ti lasciamo di nuovo qui da sola, non dopo l’ultima volta-. Andarono avanti per un po’, finchè Silvia non disse –Fra, non potresti badare tu a Ilaria, per quei tre giorni? Tanto tu devi studiare, e puoi farlo anche qui. Così siamo tutti a posto-. Sbiancai. Io e quella puttanella da soli, in casa sua, per tre giorni? Ero fottuto. Tutti aspettavano una mia risposta. Stavo per dire “Amore, la prossima volta che ti viene una bella idea come questa, scrivila e basta”, ma ovviamente risposi –ma certo. Nessun problema-. I genitori erano soddisfatti, e Silvia mi diede un bacio per ringraziarmi. Guardai in tralice Ilaria, che aveva ripreso a mangiare con un sorrisetto stampato in faccia. Cazzo! Arrivò il fatidico week-end, e io mi presentai a casa loro con un borsone di abiti e libri. Aiutai il padre di Silvia a mettere le valigie in macchina, e sistemai la mia roba in camera di Silvia. Una volta fatto tornai nell’ingresso dove la famiglia si stava salutando, e mi unii anch’io. Silvia, mi abbracciò e mi baciò a lungo. –mi mancherai, lo sai vero?- mi disse lei, -non quanto a me, credimi. Non sai che farei per poter venire con te- -dai starò via solo un paio di giorni, tornerò presto-. Dopo averla baciata un’ultima volta si voltò ed entrò in macchina. Rimasi lì a guardare l’auto allontanarsi, finchè non scomparve. Tornai in casa e andai in camera di Silvia a studiare. Rimasi lì un paio d'ore, poi feci una pausa e andai in cucina a bere un bicchiere d'acqua. Ilaria si affacciò alla porta della cucina e mi disse -ehi fra per che ora vuoi fare pranzo?-. Non aveva la solita nota maliziosa nella voce, era solo amichevole. -non lo so... per l'una?- -perfetto...ah fra senti ti dispiace se per questi due giorni vengono a dormire qui Alessandra e Giulia?- -i tuoi sono d'accordo?- -sì sì ho già chiesto- -allora sì certo, nessun problema-. Mi sorrise e se ne tornò in camera. Mi parve di vedere uno luce di trionfo misto a cupidigia nei suoi occhi, ma non ci feci troppo caso. Inoltre pensavo che, essendoci anche le sue amiche, non ci avrebbe di nuovo provato con me. Inutile dire quanto mi sbagliassi. Arrivarono giusto per pranzo e cucinai io visto che ero abbastanza bravo. Mi fecero i complimenti e Alessandra disse: -sai anche cucinare bene, su questo tavolo-. Mi bloccai con la forchetta a mezz'aria, e guardai Ilaria in tralice, che sorrideva. Su quel maledetto tavolo l'avevo scopata. Giulia cercò di non ridere senza riuscirci. Feci finta di non capire e la conversazione andò avanti. Finito di sistemare la cucina tornai in camera a studiare. Non riuscii a fare molto continuavo a vagare con la testa, e avevo un' erezione spaventosa. Avevo voglia di scopare, ma avrei dovuto aspettare fino a martedì. A meno che... NO! Cercai di Scacciare dalla testa il pensiero che stavo formulando, ma era come un tarlo. Oltre a Ilaria, anche Alessandra e Giulia non erano male... Una aveva capelli neri, carnagione scura, occhi verdi da gattina maliziosa e un culetto da favola... Smettila!... Giulia invece aveva capelli castano chiari, occhi azzurri, un viso dolce che nascondeva un' anima da troia a quanto si diceva, e una terza abbondante di seno... Avevo il cazzo sempre più duro ma mi imposi di pensare alla mia ragazza. L'erezione però continuava a esserci, quindi decisi di farmi una sega e pensai a Silvia. Mi masturbai per una decina di minuti, poi sentii un gemito soffocato venire da dietro la porta e mi parve di vedere un movimento attraverso il buco della serratura. Mi alzai di scatto, e mi sistemai. Uscii dalla stanza e andai in salotto, dove Alessandra, tutta rossa in viso, leggeva una rivista. Ebbi la conferma che Ilaria aveva detto loro cos'era successo, e che, a quanto pareva, era piaciuto. L'imbarazzo era palpabile, così cercai di rompere il ghiaccio e chiesi -dove sono Ila e Giulia?- -si stanno facendo la doccia...- mi bloccai. C'era un solo bagno in casa. Hai capito la piccola Ilaria... -ah ok... che leggi?- -una rivista di gossip- -qualcosa di interessante?- -oh il solito... gravidanze false, tradimenti, uomini che scopano le sorelle delle proprie fidanzate... il solito-. Cercai di restare impassibile, mentre lei mi osservava sorridendomi. Vedendo che non rispondevo, tornò a leggere, mentre io, vista l'ora, andai in cucina per preparare cena. Una volta apparecchiato le chiamai, e da lì cominciò il mio supplizio. Arrivarono insieme: Alessandra era quella più vestita, con una minigonna nera e una camicetta anch'essa nera, dalla quale sporgeva il pizzo di un reggiseno rosso, con ogni probabilità abbinato. Giulia arrivò in bikini e disse -scusami sono appena uscita dall' idromassaggio e ho una fame nera, mi cambio dopo, infine arrivò Ilaria in tanga e reggiseno, con una camicia da uomo addosso. Io ero ipnotizzato, ma mi riscossi e cercai di buttarla sul ridere -pensavo fosse una cena non una sfilata...-. Scoppiarono a ridere, e mentre servivo, mi accorsi di una cosa -Ila quella è una mia camicia?- -sì l'ho trovata nell'armadio di Silvia... Ti dispiace? Non sapevo cosa mettermi...-. Non sapeva cosa mettersi... Aveva un guardaroba a tre ante, pieno di vestiti e l'unica cosa che aveva trovato era una mia camicia nell'armadio di sua sorella... In quel momento capii che era stato tutto organizzato in precedenza. Risposi -no figurati...- e le invitai a mangiare. Decidemmo di guardare un film in salotto. Ale propose "Gioco di donna", e le altre due furono d'accordo. Io chiusi gli occhi, rendendomi conto di quanto stessi cadendo dentro la trappola, ma eccitandomi, mio malgrado, per la situazione. Il film cominciò. Fra una seduzione e l'altra, e i baci saffici di Charlize Theron e Penelope Cruz, la mia erezione cresceva. Con la coda dell'occhio osservavo le tre ragazze. Con la scusa di essere allo stretto sul divano, Ilaria si distese su Giulia, appoggiando la testa sulle sue tette, a malapena coperte dal bikini. Erano entrambe prese dal film, e si stavano eccitando. Vidi i capezzoli di Giulia inturgidirsi, e Ila cominciò a muoversi sul divano, carezzando con una mano la coscia di Giulia. Ila mi beccò a guardarle, sorridendo e io subito tornai a guardare il film. In quel momento mi accorsi che anche Alessandra le guardava, ma lanciava anche sguardi roventi a me e al mio pacco. La mia erezione era sempre più evidente. Sentii Ila sospirare, e vidi una mano di Giulia sotto la camicia che le palpava una tetta. Le sue dita cominciarono a scendere carezzando quel corpo, che io conoscevo, fino all'inguine. Le vidi infilarsi dentro le mutandine di Ila, la quale sospirò con gli occhi socchiusi. Ormai in preda all' eccitazione, si alzarono e andarono in camera. Io finsi di non aver visto nulla, ma mi scoprii a desiderare che non si fermassero. Era sempre stato il mio sogno assistere ad un amplesso lesbo. Il cazzo mi faceva quasi male e decisi di andare in bagno a sfogarmi. Mentre andavo passai davanti alla camera di Ila. Quella stronzetta l'aveva lasciata socchiusa! Sapeva che sarei venuto... Con un dito aprii la porta quel tanto che bastava per farmi vedere. Aveva anche lasciato una piccola abat-jour accesa, che illuminasse un po' la stanza. Vidi Ilaria distesa e Giulia sopra, che si baciavano. Ila scostò una ciocca di capelli dal viso di Giulia e la attirò a sé. Le labbra si sfiorarono delicatamente, poi il bacio divenne sempre più appassionato con le lingue che si intrecciavano e si inseguivano. Con le mani Ila iniziò ad esplorare tutto il corpo dell'amica, salendo lungo le cosce. Rimase a lungo a palparle le chiappe, e a schiaffeggiargliele provocandole continui gemiti. Poi risalì ancora, andando a slacciarle il pezzo di sopra del bikini, che a stento contenevano le prosperose tette di Giulia. Lei intanto era passata a baciare il collo e poi le spalle di Ilaria, lasciando che l'amica la mettesse a nudo. Io ero ipnotizzato dalla scena e il cazzo mi stava esplodendo. Mi slacciai i jeans e cominciai a farmi una sega. Ormai avevo perso ogni inibizione, ogni imposizione mentale. Ilaria aveva vinto di nuovo. Vidi Giulia offrire un capezzolo a Ilaria, che cominciò a leccarlo, mentre si strusciavano pube contro pube. Trasalii quando sentii un'altra mano afferrarmi il cazzo. Mi ero completamente dimenticato di Alessandra, che adesso era dietro di me, e mi scappellava il cazzo delicatamente e mi sussurrava nell'orecchio -ti piace lo show? Sono proprio delle troiette... non sanno trattenersi... a casa mia è un' orgia continua la notte, fra di noi...neanche entriamo in camera che già ci baciamo... uhmmm, dio, guarda che tette che ha Giulia... è bellissimo immergerci la faccia dentro.... ti piacerebbe scopartele vero? Infilarci in mezzo il cazzo, e scoparle le tette tutta la notte...-. La mano di Alessandra era fresca ed esperta, si fermava quando sentiva che stavo per venire, per poi ricominciare. Ma erano le sue parole che mi eccitavano da morire. Intanto vidi Giulia scivolare lungo il corpo di Ilaria, e sfilarle il tanga. Iniziò a leccarle lentamente la figa, ormai bagnatissima di umori. Ila cominciò subito a gemere -uhmmm... sì...ahh...sì- le mise una mano sulla testa, spingendole ancora di più la faccia fra le gambe. Ale mi lasciò il cazzo, e spalancò la porta della camera di Ilaria, confermandomi ancora una volta che faceva tutto parte di un piano. Ora avevo una visuale completa dell' amplesso, ma Alessandra mi si parò davanti, mi mise una mano sul petto e mi spinse contro il muro del corridoio, opposto alla porta della camera. Aderì con tutto il corpo al mio e mi infilò la lingua in bocca, mentre con una mano mi massaggiava le palle. Io le afferrai le chiappe e cominciai a palpargliele, riempiendomi le mani di quel culo sodo e perfetto. Ricominciò a scappellarmi il cazzo, e intanto tornò a sussurrarmi -Ila ci ha raccontato di quella sera in macchina, e di come poi l'hai scopata il giorno dopo, in cucina...- si inginocchiò davanti a me continuando a masturbarmi. -mi sono eccitata tantissimo... sono giorni che non penso ad altro che a questo cazzo... a come te lo avrei leccato... e succhiato...- intanto Giulia aveva preso a fare un ditalino a Ilaria, la quale gemeva sempre più forte. -e quella stronza di Silvia che si rifiuta di farti un pompino... stasera te la farò dimenticare- detto ciò si infilò il glande in bocca, e cominciò lentamente a succhiarmelo. Avevo il cazzo teso allo spasimo, e lei me lo succhiava con l'abilità che solo una bocchinara professionista poteva avere. Appoggiai la testa contro il muro, ansimando con gli occhi chiusi. Ilaria girò la testa verso di noi e, vedendo la sua amica farmi un pompino, ebbe il suo primo orgasmo inondando di umori la faccia di Giulia, che non smetteva di leccare e succhiare. -oddio sìì giuli...ahhh sì non fermarti....uhmmm sì-. Giulia si sollevò e si girò cominciando un bel 69 con Ilaria. Io intanto infilai una mano fra i capelli di Alessandra, aumentando il ritmo, mentre lei continuava a guardarmi negli occhi. Praticamente cominciai a scoparla in bocca, finche lei non mi fermò un attimo prima che venissi. Si alzò in piedi, e mi baciò facendomi sentire le labbra gonfie per il pompino, e mi succhiava la lingua. Si girò, e si piazzò il cazzo sotto la minigonna, facendoselo strusciare sul tanga, mentre io ci infilai dentro le mie dita iniziando a farle un ditalino. La baciavo sul collo, e nel mentre guardavamo entrambi Giulia che si metteva dritta, appoggiando la sua fighetta sulla bocca di Ilaria. Ale era sempre più eccitata. Giulia prese i capelli di Ilaria e le spinse la faccia ancora più in mezzo alle sue chiappe godendo come una matta. "oddio sì... uhmmm...ila...uhmmm". Ale non ce la faceva più, mi prese una mano e mi condusse in camera di Silvia, passando davanti al televisore, dove Charlize Theron veniva chiavata sul pavimento da un tizio. Entrammo in camera baciandoci, mentre io le palpavo tutto il corpo. La sollevai di peso e la buttai sul letto. Ale aprì le gambe vogliosa, e si infilò un dito nella figa. Mi misi in ginocchio davanti a lei, le scostai il tanga e cominciai a leccargliela. Aveva un buon sapore anche se preferivo quello di Silvia e Ila. Le leccai per bene il clitoride, facendola gemere come una puttana. Mi mise una mano sulla testa, ansimando e gemendo. -vai fra...continuaaah....uhmmm...sìì-. Gliela leccai ancora per un paio di minuti, poi non ce la feci più. Avevo il cazzo durissimo, le sfilai il tanga e appoggiai la mia cappella violacea sulla sua fighetta. -Mettimelo dentro dai...ti voglio sentire dentro-. La penetrai facilmente. Aveva una fighetta bella larga e sfondata. Cominciai a fotterla così, con lei a gambe spalancate, sul letto della mia ragazza. Gemeva come una puttana. -ahh sìì....ahh...DIO SI...AHH SI...-. Le aprii la camicetta strappando il bottone, e palpai a piene mani quelle tette ancora dentro il reggiseno. La scopavo sempre più forte, feci uscire le tette dal reggiseno e presi a schiaffeggiargliele e palpargliele facendola eccitare ancora di più. Mi chinai su di lei a baciarle il collo, e aumentai il ritmo. La sbattevo forsennatamente. Mi urlò il primo orgasmo nell'orecchio -oh sì sì...AHH SIIII...SBATTIMI SIII... PIU' FORTE...AHHHHH-. Mi fermai un momento per riprendere fiato. La feci girare, ancora distesa sul letto, col culo desideroso di essere chiavato. Le aprii bene le chiappe e andai ad appoggiare la cappella sul suo buchetto. -l'hai mai preso in culo?- -no... perchè?- -c'è sempre una prima volta...-. Cominciai a premere, e lei tentò di divincolarsi - no mi farai malissimo!- -eh no troia... avete messo su questo bello spettacolino per scoparmi, mi avete fatto tradire la mia ragazza.... ora te lo pigli in culo e non fai storie-. Tentò ancora di muoversi, ma io le tirai una sberla sul culo. La penetrai lentamente facendo entrare la punta, poi tutto il glande. Mi fermai un attimo per farla abituare, poi diedi un deciso colpo di reni, sbattendole tutto il cazzo nel culo. Urlò di dolore ma presto si abituò. Cominciai a incularla con violenza, palpando e schiaffeggiando quel meraviglioso culetto vergine fino a poco prima. -sei proprio una troia come le tue amiche di là... adesso hai anche il culo sfondato...- -si continua....ahhhh.... spaccami il culo.....sì sfondamelo....AHHHH-. Mi stesi su di lei inculandola come l'ultima delle puttane. Me la sbattei per altri dieci minuti poi le riempii il culo di sborra. Rimanemmo lì ansimanti, sudati ma appagati. Estrassi il cazzo dal suo culo mentre lei si girava a pancia in alto. Le appoggiai il cazzo moscio sulle labbra, e cominciò a leccarmelo e succhiarmelo. Mi tornò duro. La feci mettere seduta, le misi una mano dietro la testa e cominciai a scoparla in bocca, finendo per sborrarle in gola. Crollai su letto esausto, e ci addormentammo. Nel mentre di là continuava l'amplesso lesbo...


Continua....

per commenti o critiche scrivete a

Questo racconto di è stato letto 1 0 0 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccobti eroticisesso porno raccontiracconti erotici gsesso con mia cognataracconti erotic iracconti piediracconti di massaggiporno racconti eroticistorie di mogli puttaneracconti cornutostorie cuckoldracconti tetteracconti porno preteracconti di travestitiracconti amatoriali gratisracconti marito bisexacconti gaynuovi racconti pornostorie zoofiliamasturbazione tra fratellimariti bisexracconti erotici suoceroil cazzo di mio cognatoincesto racconti eroticiracconti porno incestuosii racconti pornogenere dei racconti eroticiracconti erotci 69erotici raccontiracconti brevi di sessoraccontieroticierotici raccontoracconti porno ricattoracconti erotici cuckracconti hard moglieracconti generoracconti di zie troieracconti prnoracconto erotico scuolaracconti gratis gayracconti porno clisterestorie porno con immaginistorie porno gratismasturbazione tra fratelliracconti erotici safficipiedi racconti eroticiracconti erotici fotograforacconti cucoldracconto sexiracconti e storie eroticheerotiraccontiracconto erotico ginecologomeccanici gaystorie milfindice racconti gaystorie di mogli zoccolestorie di feticismoracconi eroticistorie di scambistiracconti di massaggiracco ti eroticiracconti inceracconti osèracconti mamme incestiracconti di scambio di coppieracc inceracconti erotici erotici raccontistorie sadomasoacconti pornoracconti erotici neriracconti maritoracconti gay prima esperienzacuckold storieraccomti 69escort storieracconti porno 69