Nonna ingegnosa

Scritto da , il 2014-12-28, genere incesti

NONNA INGEGNOSA
Scoprire che a l’età di 64anni mia nonna e una viziosa pervertita ninfomane mi a un pò spiazzato, dandomi però tanto materiale porno da farci sei film.
Andando per ordine il tutto cominciò una ventina di giorni fa quando tornando da scuola come sempre mia nonna mi fece trovare il pranzo pronto in tavola, siccome i miei lavorano entrambi, lei che abita sullo stesso pianerottolo mi accudiva prima di ritirarsi in casa sua per la pennichella quotidiana.
Una mezzora dopo che ero rimasto solo mi accorsi che nonna come spesso capitava si era dimenticata gli occhiali in casa nostra , e dovendo uscire pensai di portaglieli usando la chiave di riserva di mamma per non svegliarla .
Entrando mi accinsi a riporre gli occhiali nell’ingresso quando dalla sua camera sentii dei rumori, e pensando fosse sveglia mi affacciai sulla porta socchiusa, trovandomi dinnanzi un spettacolo inaspettato.
Nonna sdraiata sul suo lettone seminuda con le cosce aperte come una partoriente che si stava masturbando con un oggetto che non riuscì a identificare.
La sorpresa mi gelo, e seppure curioso decisi di fare dietro front in silenzio, e uscire dall’appartamento.
Quella visione mi perseguitò tutto il giorno, ricordando le parole di mamma in una discussione con nonna che l’accusava di essere una viziosa immorale, riguardo ad una probabile storia con alcuni uomini molto più giovani di lei.
Nonna vedova da oltre sei anni ma ancora arzilla si sarebbe scatenata, frequentando discutibili compagnie maschili facendo felici le male lingue .
Mia madre convinta moralista gli fece una scenata incredibile, accusandola di essere una immorale e di non rispettarne neppure la memoria di papà, inducendola cosi a desistere dal continuare, imponendole in oltre di trasferirsi in un appartamento vicino al nostro per teneva costantemente d’occhio , ammutolendo i pettegoli della gente
Tutta questa storia ed il fatto che fossi dannatamente curioso al mondo della sessualità, non avendolo ancora sperimentato, mi portò a escogitare con fantasia un modo per spiare nonna in camera sua.
Approfittando della domenica mattina che tutti erano fuori, prendendo la telecamera digitale, regalatomi dalla zia per il compleanno mi diressi in camera di nonna e dopo aver studiato come posizionarla senza che la potesse vedere la riposi in una delle tante scatole degli addobbi natalizi che a sopra all’armadio, praticando un piccolo foro,e collegandola alla presa dietro di esso la puntai giornalmente dalle 14.30, alle 16.30, calcolando di avere una venti di giorni di autonomia.
Quando recuperai la telecamera mi precipitai al PC iniziai a visionare le immagini, scoprendo particolari di mia nonna insospettabilmente pornografici
Ci sono nonne che per passare il tempo in casa fanno la maglia, la conserva, i dolci, la pasta fresca ecc. ecc. invece mia nonna per passare il tempo si sollazza, confezionando dei falli posticci caserecci usando semplici cose .
La necessità aguzza l’in genio dice un proverbio, e nonna utilizzando 30enta centimetri di tubo d’aspirazione di un vecchio aspirapolvere , lo infila in una calza di lana spessa ricavandone un manganello al tatto soffice ma rigido e flessibile, poi usando un semplice palloncino colorato lo insacca come una salciccia ed il gioco e fatto.
Semplice ma efficace, nonna seguendo uno schema già collaudato, si sdraia sul lettone mettendosi due cuscini sotto le natiche, poi sbottonandosi il camicione cominciava a giocarci strofinandolo sui grossi seni.
Le sue cosce divaricate mettono in risalto la incolta peluria castana che partendo rada a ventaglio ad poco sotto l’ombellico le incorniciava la figa carnosa e divelta per insinuarsi folto tra le natiche arrivando anche al pertugio anale particolarmente in rilievo dalle sembianze di una ciambella diviso in quattro grandi petali divelti.
Comodamente posizionata nonna lubrifica il grosso fallo casereccio con vaselina e portandolo al basso ventre cominciava a strofinarselo sulla figa, eccitandosi sino al punto di penetrarsi in un crescente ritmo, strizzandosi forte i capezzoli ed i seni sino a farli diventare rossi, ma la vera particolarità di nonna e che riesce a raggiungere intensi l’orgasmi solamente quando, si sodomizza violentemente l’ano, per un tempo interminabile..
Probabilmente: avendo la vagina ormai slabbrata, riesce a godere maggiormente con il secondo canale, il quale ormai sembra un cratere in procinto di eruttare- .
Osservare a moviola sfilarsi il fallo dall’ orfizzio e incredibilmente.
Liberato dal notevole ingombro, l’anello retale le rimane oscenamente spalancato per alcuni minuti emettendo fragorosi peti , mentre per venti -venticinque centimetri sul fallo, una crema bianca di umori demarca la linea sin dove era immerso,
La cosa si ripeteva quasi giornalmente, con delle piccanti varianti, portandola più,o meno velocemente all’orgasmo.
Nonna per stimolarsi maggiormente l’intimo, avvolgendo il tubo con uno o due calze, a seconda del desiderio per variarne il volume, comunque e sempre giunonico
La vera novità arrivò un pomeriggio che non riusciva ad appisolarsi, cominciando a giocherellare col rosario in madre perla usato la mattina a messa, si alzo dal letto e allestendo tutto l’occorrente per confezionare il fallo di turno in formato extra, prese il rosario e attorcigliato attorno lo infagotta con il palloncino.
L’artefatto era inquietante, il rosario forma una spirale di protuberanze che ricordava le mazze ferrate del medioevo.
Nonna senza neppure coricarsi la lubrificato a dovere, e mettendo una gamba sul letto la portato all’inguine penetrandosi la figa.
A differenza delle altre, parti subito per la tangente emettendo sbuffi e grugniti, nominando tutti i santi in paradiso ebbe un orgasmo talmente violento da farla barcollare.
Il pomeriggio seguente quando partì la ripresa nonna aveva già confezionato il fallo con il rosario incorporato, ma di lei non vi era traccia.
Apparve in camera una decina di minuti con una sporta e posandola sul letto estrasse una scatola grigia, e un’asta di metallo lunga 50,60 centimetri.
All’inizio non capivo, ma poi osservando meglio realizzai che la scatola non era altro che il motore della macchina da cucire.
Nonna avendo una vecchia macchina a pedali chiese a mamma tempo dietro di prenderle un motore elettrico da applicarvi tramite un’asta con tanto di variatore di velocità, ma poi non trovandosi a suo agio, lo ripose tra le cose inutilizzate.
Nella sua perversione lo utilizzava per darsi piacere.
Ponendola contro il bandone dei piedi prese l’asta e la montò sol volano con la vite a farfalla, poi afferrando il fallo lo incastrò all’estremità opposta ben saldo, ad inserendo la presa di corrente lo azionò collaudandolo.
Il risultato fu un vero e proprio stantuffo meccanico, con regolatore di velocità.
Nonna stavolta denudandosi completamente si e messa sul lettone con il consueto cuscino sotto le natiche, e stando perpendicolare all’asta afferrò il fallo ponendolo all’imbocco vaginale e facendo pressione ne introdusse la punta per alcuni centimetri .
Gambe divaricate come una partoriente, sul suo viso comparì inquieto sorriso azionando il meccanismo.
Lo stantuffo si mosse facendo scorrere il fallo dentro e fuori per una decina di centimetri nella figa di nonna, che rassicurata si adagiò con la testa sui cuscini e mettendosi comoda comincio a massaggiarsi le tette i fianchi sino a palpeggiarsi la figa toccando con le dita avvertiva entrare e uscire il fallo.
I lamenti di piacere sopraggiunsero subito e prendendo confidenza con l’attrezzo portando indietro le gambe si allargò oscenamente le cosce , massaggiando il grilletto forsennatamente aumentò la velocità spostandosi col bacino verso il motore facendosi penetrare dallo stantuffo intimamente sino a sparirvi completamente dentro per riaffiorare intrinseco di umori.
L’orgasmo giunse violento da farla ansimare senza fiato.
L’indomani nonna replicò aggiungendo al confezionamento del fallo ancora un altro canovaccio aumentandone ancor più la circonferenza.
Convinta, e senza particolare fatica posizionandosi questa volta a pecorella lo assimilò interamente slabbrandosi paurosamente la ormai disastrata figa sino a godere una prima volta, poi rimanendo supina fermò il motore e sfilandosi l’enorme fallo se lo appuntò al sedere.
Non potendo credere ai miei occhi, nonna alzando leggermente la schiena spinse sul play azionando il motore s’impalo tenendo ben divaricate le natiche per agevolare l’introduzione, il fallo stirandole le grinze rettali si conficcò per diversi centimetri dentro.
Dalle sue labbra uscirono versi e grugniti paragonabili solo a una scrofa, mentre lo stantuffo facendo il suo lavoro percorrendole l’ano in lungo e in largo senza darle tregua, dilatandole progressivamente l’intestino.
Provando un perverso piacere sentirsi squartare l’ano, abbassando le spalle e mettendo il viso sul cuscino , si e sodomizzata per oltre 40anta minuti, ospitando l’intero fallo nel culo a avuto orgasmi multipli da farle lacrimare gli occhi dallo spasmo.

Questo racconto di è stato letto 2 3 2 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti tramplingragazza inculata dal canegeneri eroticiracconti.pornoscopare con un cavalloracconti erooticiracconti porno di miluracconti gay gratisrqcconti pornoracconti porno realiracconti erotciracconti-eroticiracconti erticiracconti eros gayracconti erotici69racconti mariti cuckoldracconti erotici con animaliracconti veri eroticiracconti di tradimenti 69racconti erotici suppostastorie potnostore pornoracconti reali sessostorie hard gratisfoto racconti gayracconi eroticierotici raccomtiletture hotstorie eroticracconti eteroracconti erotici a69mio marito e un cornutoracconti guardonimoglie raccontiscritti eroticiracconti moglie esibizionistaho scopato la nonnaincesto lesbo raccontiracconti sesso gaygeniv racci racconti dimiluracconti erotici di ragazzeracconti veri incestiracconti reali di incestiracconti di una schiavaraconti erotici gaystorie analiporno racconti gratismasturbazione femminile yahoomuratori gayerotica raccracconti erotici piccolaracconti suocera troiastori eroticheracconti voyeurraccontu gayracconti erotici palestra1001 racconti eroticiraccontierotici.itracconti pornostarracconti super eroticila monta delle vacche gayl uomo con due cazziracconti porcatenuovi racconti gaypompinara raccontilibri eros gratisho chiavato mia madrefisting raccontierotic racconticuckold racconti veriracconti eoricigeneri eroticistorie pronoculi rotti raccontifilm scambio di moglii generi dei racconti eroticimi fotto mia suoceraracconti cuckholdporno racconti eroticiraconti pornostorie fetishracconti di travestitiracconti.milui generi racconti eroticiracconti pororacconti erotici gratissupertroiaraconti xxxracconti erpticistorie erotiche 69storie eoticheraccon ti eroticiraccpnti eroticiprima volta gay racconto