La mamma del mio amico Federico

Scritto da , il 2014-12-19, genere prime esperienze

Amo molto rinverdire i fasti della mia spensierata fanciullezza. Fare un dolce salto nel passato coi miei ricordi ha sempre un effetto taumaturgico nei momenti bui di oggi. Allora tutto era piacevole, non avevo grattacapi, non c'erano cartellini da timbrare o bollette da pagare. Solo tanto divertimento allo stato puro. La scuola, gli amici, le partite di calcio, le marachelle (con conseguenti cazziatoni e lavate di capo), le vacanze e i primi amori. Come tutti i bambini del mondo, anche io avevo la mia combriccola di amichetti, con la quale ne combinavamo una peggio di Bertoldo. Uno tra i miei più stretti collaboratori era (ed è tuttora a 37 anni) Federico, che tralaltro è stato mio compagno di classe sia alle medie sia alle superiori. Eravamo affiatatissimi e si passava molto tempo assieme in grande allegria. Siccome lui non era una cima a scuola e invece io me la cavavo egregiamente, spesso capitava che andassi da lui per fare i compiti e dargli una mano. Inforcavo la bici e, percorsi un paio di chilometri salivo da lui. Abitava in una bellissima villetta a schiera molto ampia e solare, arredata con gusto e piena di "attrazioni". Siccome nella sua famiglia il grano non era un problema (non che noi fossimo dei poveracci, anzi), una volta terminati i compiti ci scatenavamo in furibondi tornei di computer, ping pong e calciobalilla nella loro taverna. Per me era l'equivalente di un luna park a portata di mano e smaniavo per poter sollazzarmi con tutti quei divertimenti. Delle volte mi fermavo a cenare da lui e sua madre ci preparava dei manicaretti deliziosi. Amavo a tal punto casa sua che arrivavo a mangiare persino la verdura, pratica da me sostanzialmente sconosciuta, scatenando furibondi strali di mia madre. Per inciso: adoro i miei genitori, sono la mia vita e sono stati meravigliosi con me, non facendomi mancare mai nulla. Oltre che una eccellente cuoca, la mamma di Federico era una donna molto bella e prosperosa. La classica massaia/casalinga italiana col marito ricco sfondato che la ricatta con la gabbia d'oro in cui rinchiuderla. Era una persona molto allegra e socievole e ha sempre dimostrato grande affetto e premura per me. Mi ripeteva sempre che, tra gli amici di Federico, io ero quello che preferiva e che gli era più simpatico. Finite le medie, ci iscriviamo entrambi allo stesso liceo scientifico e il caso vuole che capitiamo anche nella stessa classe. Tuttavia le superiori si rivelano una vitaccia e dobbiamo sudare le proverbiali sette camicie per ottenere voti decenti. Quando ci si trova a fare i compiti assieme, è più il tempo speso a smoccolare sopra i libri che quello a giocare a ping pong. A scuola io riesco a barcamenarmi mentre Federico affonda inesorabilmente di insufficienza in insufficienza, provocando grande apprensione nella madre (il padre era praticamente sempre via per lavoro e a casa si vedeva molto di rado). Un giorno la madre mi scongiura desolata di aiutare il figlio, confidandomi che teme la bocciatura e sostenendo che io posso essere di supporto a Federico. Un pomeriggio telefono a casa del mio amico e domando se posso fare un salto come al solito per ottemperare al mio dovere. Stranamente (o forse no) mi risponde la madre dicendomi di venire pure, che Federico sarebbe arrivato a momenti, dal momento che era andato a fare una commissione. Allora io, nonostante l'età adolescenziale, ero già un marcantonio di quasi 190 centimetri e il mio aspetto era più simile a quello di un maggiorenne. Devo ammettere che la madre di Federico mi era sempre molto piaciuta e, in preda ai fervori dovuti ai miei ormoni, era in testa alla hit parade delle mie seghe. Era un bel donnone procace, dai tratti molto marcati e dalle forme molto sinuose, dotata di un seno prorompente e un bel sederone sempre in bella mostra. Quella volta salii in casa ma di Federico neanche l'ombra. "Sarà qui a momenti, sai! Tu intanto accomodati e siediti pure" mi disse la signora, accogliendomi tutta vestita in modo molto attillato. Io mi trovo in grande imbarazzo e mi piazzo al solito posto. Lei mi si posiziona accanto e comincia ad attaccare bottone, sbattendo il suo armamentario in bella mostra. "Ma guarda un poco che bel ragazzo che ti sei fatto e che alto che sei! Chissà quante ragazze ti fanno la corte" esclamò divertita. Io invece cominciai a sudare freddo e a balbettare, annuendo goffamente e diventando rosso come un peperone. Nel frattempo il cazzo si induriva e per tagliare l'aria decisi di andare un momento al bagno, dove cominciai logicamente a masturbarmi come un ossesso. Il mio errore (o la mia fortuna) fu dimenticarmi di chiudere la porta a chiave, consentendo alla signora di poter osservare dal buco della serratura le mie imprese. All' improvviso la signora irrompe nel bagno spalancando la porta e mi coglie in flagranza di reato con il mio uccellino da adolescente in mano. Cercai goffamente di rimediare ma ormai la frittata era fatta. Mi aspettavo una ramanzina ma invece la signora, con fare comprensivo, si avvicina e cerca di rincuorarmi, minimizzando e mettendomi a mio agio. "Non preoccuparti, è naturale che alla tua età tu faccia queste cose, non c'è nulla di grave" mi sussurrò passando la sua mano tra i miei capelli. Il cazzo era durissimo in bellavista e la signora lo guardava divertita. "Ragazzo mio, adesso ti faccio vedere una cosa, lascia fare tutto a me". Si inginocchio' al mio fianco e strinse tra le mani il mio cazzo. Me lo scappello' tutto di brutto e poi attacco' a segarmelo, dandoci dentro con grande passione. Io tacevo e lasciavo fare alla signora che smanettava su e giù divertita con la mia canna. Su e giù su e giù. Lei , col fare premuroso di una buona mamma, adempieva con grande affetto e partecipazione alla sua missione e, con voce suadente mi diceva "ecco, bravo, hai visto che lungo è diventato e come ti piace". Io ero al settimo cielo e sperimentavo che farsi fare le seghe della donna dei tuoi sogni erotici era mille volte più piacevole che farsele da solo pensando a lei. Ad un certo momento sento la cappella esplodere la signora si accorge che il vulcano è sul punto di eruttare, così si rivolge delicatamente a me dicendomi: "ecco, fra poco verrai e tu fai tranquillo quello che devi fare, non ti preoccupare". In men che non si dica il cazzo si irrigidisce ulteriormente e schizzo sulle matonelle del muro e sul pavimento una sborrata chilometrica da paura. Io impazzisco dalla gioia ansimando e la signora mi dice "bravo, bravo il mio bambino, ne hai fatta proprio tanta, sai, mi hai allagato il bagno". Lei mi guarda e continua a lasciare l'attrezzo, che continua a riversare sul pavimento gli ultimi rimasugli della sborrata. Ad un certo punto mi fa girare in modo da avermi di fronte a se con il cazzo in erezione puntato davanti il suo naso. Lo guarda estasiata e mi dice: "adesso guarda cosa faccio...attento eh, chiudi gli occhi." Io eseguo gli ordini e provo all'improvviso la strana sensazione del mio cazzo avvolto nelle sue fameliche fauci. Apro gli occhi e me la vedo addentare lussuriosa il mio cazzo, che entra ed esce dalla sua bocca ritmicamente. Non capisco più nulla tranne che è la sensazione di estasi più meravigliosa che avevo mai provato. La signora divora la preda e se la ficca in gola continuamente, producendo strani suoni gutturali di piacere. Se lo spinge giù che è un piacere, tant'è che le sue labbra arrivano ad aderire alla mia zona pelvica. La signora va su e giù con la testa per minuti e ogni tanto mi solletica cappella e con la lingua lecca dalla base del cazzo fino al glande. Il cazzo sta per esplodere per la seconda volta e la signora nota perfettamente che entro breve si sarebbe verificato un nuovo allagamento. Tuttavia, anziché decellerare, attacca a succhiare con ancor più veemenza e io non so a che santo votarmi. Lei mi fa cenno con la mano che tutto è ok e le scarico in gola uno tsunami di calda sborra bianca che lei si sbrodola dappertutto. Lei la beve e si lecca i baffi. Poi, come i neonati con gli omogeneizzati, fa strani giochi con le labbra tipo bollicine e con le dita raccoglie gli schizzi finiti sulle guance. La signora avidamente inghiottisce tutto e mi lustra la cappella, cautelandosi di non tralasciare una goccia del prezioso nettare. Io sono attonito e non posso esimermi dal constatare la soddisfazione della signora, che mi guarda fisso negli occhi e mi dice " ti è piaciuto? Sono stata una brava maestra? Io mi sono molto divertita e ho rotto la solita monotonia di tutti i giorni. Adesso puisciti e sistemati che Federico a momenti sarà qui". Io le esplicito il mio sommo gradimento e sto agli ordini mentre la signora pulisce il luogo del delitto e si dà una sistemata. A distanza di cinque minuti squilla il citofono e appare il mio amico Federico con un sacco di pacchi in mano. Li sistema frettolosamente sul tavolo e accetta tristemente di dovere sottoporsi alla odiata pratica dei lunghi compiti casalinghi col sottoscritto. Io invece ero felice come una pasqua e spesso ci lanciavamo sguardi di intesa con la madre. Federico non capiva la mia il mio sorriso mentre io avevo appreso che la vera attrazione regina di quel luna park ad un tiro di schioppo da casa non era il computer o il tavolo da ping pong, ma le sapienti mani e labbra della meravigliosa mamma di Federico. Se siete incuriositi dalle evoluzioni, sarò lieto di aggiornarvi.

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti famigliablog marito cornutostorie sensualiracconti di vecchie troiesiti di incestobadanti inculatemogli troie in spiaggiaracconti eros gratisracconti hard gratuitierotici raccotiwww.eroticiracconti.itstorie eroticipiccanti raccontistorie eroticaracconti erotici schiavaracconti giovani gayerotici racconti gratiswww.racconti-erotici.itracconti rroticiracconti erotici piediniracconti smraccontieroticiincestomammeincestinonna fammi una segamio marito e cornutoracconti di lesbichesesso storiesogni erotici raccontistorie vere cuckoldracconti prime segheil mio cane mi lecca la figaracconti erotici mia suoceraerotici raccontoerotici racvontiraconti eroticoracconti erotici per adultiracconti eroracconti erotici familiarierotico storieracconti sesso scuolaracconti incetuosiracconti erotici orgianuovi racconti di miluracconti sesso a scuolaporno confessionianale raccontiracconti di ragazze che si masturbanostorie incestuosestorie di sesso incestistorie di feticismoracconti eros gayracconti oornoracconti erotici ingravidataho scopato mia nipotestorie erotiche di tradimentistorie erotiche vereracconti erotici violentataquella troia di mia sorellaracconti di sesssodomia raccontiracconti lussuriosiautogrill gaystorie erotracconti erotici fumettisiti di racconti eroticiracconti eroticracconti eroti cisesso porno raccontistorie di sesso 69racconti eros gratisracconti incesto mamma e figlioracconti erotici lesbicaracconti erotici tra fratello e sorellaracconti scopataracconti di ricatti sessualistorie feticismo piediconfessioni analiracconti hot veriprima volta racconti eroticistorie pronopompinara raccontiracconti erotici domesticaracconti erotici marito