Hai capito la figlia (zoccola) dei miei vicini di casa

Scritto da , il 2014-12-15, genere prime esperienze

La figlia dei miei vicini.
Quella ragazzetta non aveva mai particolarmente attirato le mie attenzioni. La figlia maggiore dei miei vicini era infatti una signorina molto taciturna e riservata che a malapena ti degnava di uno sguardo quando ti incrociava sulla tromba delle scale. Delle volte addirittura manco ti salutava e guardava per terra con le cuffiette della musica conficcate nelle orecchie. Trattasi di una ragazza bionda e carina, alta e slanciata ma molto sulle sue. L'antitesi della giovialita' fatta a persona. Col passare del tempo avevo notato che pian piano, alle fattezze adolescenziali poco marcate, stava lasciando il posto un fisico molto bello e forme sinuose. Il brutto anatroccolo stava diventando uno splendido cigno. Nel corso dei mesi questa transizione stava assumendo toni sempre più marcati. La incrociai per sul portoncino del condominio il giorno in cui andava con gli amici a festeggiare il diciottesimo compleanno; era tutta in ghingheri, bellissima, impossibile rimanere insensibili. Con l'arrivo della bella stagione la ragazza comincia a mostrare le nudità e a mettere in mostra il suo corpo da urlo. Era logico che il marciapiede davanti il nostro stabile fosse sempre affollato di nugoli di ragazzotti arrapati che sbavavano per lei. Un giorno la incrociai nei vano cantine mentre scendeva dalla sua bici e potei testare la sua bellezza sconvolgente rimanendone folgorato. La guardai attonito e lei mi lanciò una sottospecie di sorriso, sebbene molto fugace. Un paio di giorni dopo, tornando da uno dei miei giri in bici da corsa con gli amici, la ritrovai nella sua cantina indaffarata a districarsi in un disordine colossale. Rimase molto colpita dal mio fisico e dalle mie gambe muscolose, messe in evidenza dal completo aderente e soffermo' il suo interesse sulla zona pelvica. Le domandai se andasse tutto bene e ,imbarazzatissima, fece goffamente cadere il motorino della sorella e due scatoloni. Alcuni giorni dopo, avvolti dalla canicola estiva, ci becchiamo dinanzi il gelataio del nostro rione. Diciamo che i suoi abiti lasciano poco all'immaginazione e la guardo con un po' di morbosità. Lei nota le mie attenzioni e mi sorride dolcemente. Le sue amiche che la accompagnano confabulano impertinenti prendendola in giro e lei arrosisce come un peperone intimando loro di smettere in malomodo. Capisco che la ragazza è come una bottiglia di spumante, basta fare saltare il tappo e fuoriesce tutto il liquido. Un giorno ci rivediamo in cantina mentre parcheggia la sua bici nella rastrelliera comune; la saluto cordialmente e le domando come va con gli studi. Lei imbarazzata mi risponde che va bene e sta preparando la maturità, balbettando ogni tanto. Dopo essersi congedata in fretta e furia e in modo un poco goffo, la lascio andare e verifico che in giro non ci sia anima viva. Annuso il sellino su cui fino poc'anzi aveva appoggiato la sua passerina innocente e ne rimango inebriato. Comincio a masturbarmi e, strusciando il cazzo sul sellino, poco dopo ci eiaculo sopra, cautelandomi di ripulire per benino il luogo del delitto. Decido di passare al contrattacco e di cominciare ad accelerare; il tempo delle mele è finito. Qualche giorno dopo mi imbatto in lei nel quartiere e la saluto cordialmente. Le sorrido e le dico che è meravigliosa. Lei arrosisce come al solito e comincia a guardare per terra per la vergogna. Le domando se c'è qualcosa che non va oppure se è lesbica. Ma lei alza quei meravigliosi occhioni da cerbiatto e mi dice che in realtà le son sempre piaciuto, fin da piccolina, ma che provava vergogna a dirlo. Io rido sonoramente e le dico che è naturale, quando si è giovani, essere attratti da quelli più anziani, ricncuorandola che era successo anche a me. Le ripeto che è splendida come un fiore e la invito a fare due chiacchiere su da me. Al pensiero la proboscide si ingrossa e la ragazza nota, tra il divertito e l' esterrefatto, il rigonfiamento. Durante il tragitto ragiono sulla situazione: sono un trentaseienne adulto arrapato che deve rapportarsi con una ragazzina maggiorenne che non so se sia ancora vergine, quindi devo andare coi piedi di pimbo e metterla a suo agio.Saliamo da me, dopo aver verificato l'assenza di occhi indiscreti, e ci disponiamo sul divano. Le chiedo se ha mai avuto esperienze sessuali e lei mi confessa di non essere più vergine da 3 anni e che spesso si tocca pensando a me. Io allora mi faccio coraggio e le dico che se vuole io gradirei spassarmela con lei: niente sesso, solo un po' di reciproca esplorazione corporea. Lei accetta e in men che non si dica ci troviamo nudi sul divano. Il cazzo è duro e rosso fuoco e lei guarda coi suoi occhioni azzurri le dimensioni del mio cazzo. Muore dalla voglia di toccarmelo, deglutisce e si morde le labbra e io acconsento. Comincia a segarmi ed è proprio brava con le mani; tesso le sue lodi e le insegno un paio di escamotage per far godere di più un maschio, come giocare con la cappella e solleticare conl le dita dalla base del pene fino al glande. La mia discepola impara molto bene e la sua opera viene premiata con una bella eiaculazione abbondante che le riempie le mani e la fa rimanere sbigottita. Lei era abituata alle misure e alle quantità dei suoi coetanei, non a quelle di un mandrillo come me. Non ancora sazio, le voglio leccare la figa e, vinta una iniziale ritrosia, si fa ripulire dalla mia lingua per 20 minuti, durante i quali non mi perdo un centimetro quadro della sua pelle. Esploro con ingordigia ogni suo dove della sua magnifica pelle di seta, le succhio i piedi, i capezzoli, il sedere la schiena il collo e mi soffermo con particolare insistenza sulla figa. La sua passerina quasi illibata è un bocconcino prelibato che gradisco enormemente e la ragazzina va in brodo di giuggiole, stringendo violentemente con le mani il bracciolo del divano e incitandomi a non smettere. Io sto bruciando dentro ma sono combattuto sul da farsi, sapendo di non dover esagerare; quindi smetto di leccarla e comincio a masturbarmi guardando quella venere del Botticelli distesa tutta bagnata sul mio divano. Lei mi guarda all'opera divertita sorridendo e io mi struscio il cazzo sui suoi meravigliosi piedi, soddisfando una mia mania erotica. Il mio cazzo è un vulcano pronto ad eruttare e, tempo debito, le riverso sul piede sinistro una sborrata da antologia. Dopo esseremela laccata ancora un poco, decisi che come prima lezione poteva bastare e le domando se si è divertita. La ragazza esprime grande soddisfazione, sostenendo che con i suoi coetanei non aveva mai provato un simile godimento. Appurato che alla signorina la verga adulta piace non poco e si trova a suo agio ,decido che è ora di spiccare un salto di qualità. Durante le reciproche operazioni di vestizione, esprimo il mio rammarico per non aver spostato l'asticella un poco più in alto, magari provando un bel pompino. Tessevo le lodi di quella meravigliosa pratica, assicurandole che si sarebbe divertita, e la ragazza mi guarda incuriosita, mentre il serpente comincia ad indurirsi. Accetta di buon grado inebriata dalle mie parole e, dopo aver massaggiato il pacco, estrae l'attrezzo e comincia a succhiare. Non potevo pretendere la destrezza di una donna navigata, ma la ragazza è veramente brava e mette grande passione nella sua incombenza. Lo ingoia avidamente ed emette gemiti gutturali di piacere. Io sono in estasi e mi diverto al pensiero che entro breve dalla mia verga uscirà una grande quantità di liquido bianco che investirà come un maremoto quel visino angelico da santarellina. Il vulcano sta per eruttare e, come un cobra, si gonfia a dismisura; siamo giunti al momento topico ma io decido apposta di non dire nulla e di lasciare che gli eventi facciano il loro corso. La ragazza succhia indiavolata e , senza darle il minimo preavviso, le riverso una tonnellata di sborra calda in bocca che lei a stento riesce a contenere, sbrodolandosi del liquido bianco sulle labbra e sul petto. Leggere lo stupore su quel volto sbigottito e attonito mi provoca una strana sensazione. Lei non batte ciglio e, dopo una iniziale empasse, si lecca i baffi e mi regala uno di quei meravigliosi sorrisi angelici che solo lei sa fare. La visione di quelle sembianze angeliche impreziosite dalla mia copiosa sborrata creò un quadretto molto arrapante. L'innocente fanciulla, tutta casa e chiesa, che invece rivela il suo vero volto, cioe' una specie di puttanella cui piace il cazzo adulto senza remore. Dopo esserci rassettati, decidemmo che stavolta poteva bastare e ci aggiornammo per l'indomani con reciproca soddisfazione. All'ora stabilita ci troviamo nel vano garage e lei mi viene in contro bellissima, mostrando quel suo portamento regale, quelle meravigliose gambe chilometriche e civettuola si passa la mano tra la vaporosa chioma bionda. È bellissima e non posso fare a meno di rimanere attonito dinanzi a cotanta meraviglia e a quelle tette messe in bella mostra. Entrati nel mio garage, i nostri due corpi cominciarono ad avvinghiarsi in una spirale di passione. La ragazza ruppe gli indugi e non perse tempo, cominciando a succhiare il mio cazzo senza battere ciglio. Dopo un po' la feci alzare in piedi e le strappai di dosso sia i cortissimi pantaloncini jans che indossava sia le mutandine rosse. La girai di schiena e, dopo averle fatto divaricare la gambe, decisi ché era giunto il momento di fare assaporare il mio cazzo adulto alla sua figa illibata (o quasi). La spada penetrò nel fodero come una lama calda nel burro ed entrambi eravamo in estasi. La cavalla si faceva montare selvaggiamente e apprezzava enormemente essere domata dal sottoscritto. Io le strigevo i fianchi e ogni tanto, con le mie mani vogliose, palpavo il suo strepitoso seno e le meravigliose chiappe. Questa volta le eiaculai sulla schiena e quel fiotto di liquido caldo sulla schiena le provocò un sussulto di piacere. Ormai il ghiaccio era rotto e non potevamo fare più a meno l'uno dell'altro. Io ero molto arrapato e lei non era mai sazia di me. Decidemmo di smettere di consumare in casa, visto che troppi occhi potevano vedreci. Così le nostre frequentazioni cominciarono ad avvenire nella mia auto e in luoghi appartati. Dopo esserci dati appuntamento in centro città (che lei raggiungeva tsssativamente in autobus), via con le nostre scorribande sessuali consumate nella mia macchina sulle colline della città. Le ristrettezze dell'abitacolo venivano ripagate dalla focosita' dimostrata dalla giovane, che non iniziava mai un nostro incontro senza un pompino da antologia, pratica in cui eccelleva. Le cose peggiorarono in autunno, quando dovette trasferirsi all' università in una città a circa 100 chilometri dalla nostra. Ma non tutto il male viene per nuocere. La distanza dalla sua famiglia e da occhi indiscreti permetteva di consumare tranquillamente nella sua stanza allo studentato quindi spesso mi fiondavo da lei in auto. Fu un periodo di sesso sfrenato e di intenso piacere carnale per entrambi. Tuttavia il senno ci portò in seguito a ragionare sulla situazione e a prendere una decisione netta, cioè quella che ognuno pensasse a stare coi suoi coetanei, che era meglio per entrambi. Così, con un poco di tristezza, tornammo ai relativi partner di un tempo pur rimanendo in ottimi rapporti e senza abiurare quello che era avvenuto tra di noi e che era piaciuto ad entrambi.

Questo racconto di è stato letto 1 5 4 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


suocera raccontiracconti di sesso con suoceraracconti schiavo gayracconto sesso a treracconti generoracconti porno dal ginecologostorie sesso incestoracconti erotici ricattataracconti sesso incestiracconti pronoracconti eropticiracconti erotici bullracconti di enemaacconti pornoracconti vicina di casaracconti erotici universitàerotci raccontistorie porno a fumettiracconti casalinghiracconti.pornoracconti erotici storie di sesso incestostorie di donne matureerotici raccontoracconti maturi gayracconti erosgeniv storieraccoonti eroticiracconti porno donneracconti.eroticitacconti eroticiracconto erotico incestodonne montate da animalirac erotlesbiche raccontistorie vere eroticheracconti incesto suoceraracconti porno annunci 69srorie pornointerviste erotichepompino ad uno sconosciutoracconti deflorazioneracconti anonimiracconti di pissingracconti erotici.comgeniv forum raccontisesso raccontotrans raccontiracconti erotici con neriracconti roticistorie erotiche gratisperizoma raccontiracconti mistressracconti trioraccontiincestoracconti inculataracconti milfracconti erotici parlatimasturbarsi con spazzolino elettricomoglie femdomi piedi della profracconti amatoriali per adulti in famigliaorge familiariracconti di mariti cornutiraccontierotici gratisstorie di pornostarstorie sesso gayraccinti pornoscopata in viaggio di nozzeracconti erotici itavisita medica eroticaracconti di sesso gratisracconti erotici-annunci69.itracconti zia troiaracconti con suoceraracconti di una ninfomaneracconti gay bearracconti maturi gayracconti sesso matureracconti erotici piccantistorie di escortstorie poenostorie vere sexraccontj eroticiracconti gay incestoeroticiracconti.itracconti erotici umiliataracc incestcamionisti arrapatiporno storie gayrotta in culo racconti