La figlia ninfomane

Scritto da , il 2014-02-23, genere incesti

-Papà...papà sveglia...svegliati...ho ancora voglia di cazzo....papà!-

-Ma...che succede...Loretta che succede...perché mi hai svegliato...stavo dormendo così bene!-

-Papà svegliati altrimenti esco da sola a cercarmi qualche maschio che voglia svuotarsi i coglioni nella mia fica!-

-Ma Loretta tesoro...sono le due di notte e poi...abbiamo già chiavato e mi hai fatto già sborrare due volte stanotte!-

-Lo so papà...lo so che non sei più quello di una volta e poi...dopo dieci anni...lo capisco...anche l'incesto non ti stimola più come le prime volte.

Dai papà...i bambini dormono...portami in quel parcheggio dove siamo andati l'ultima volta...ti giuro non staremo più di un'oretta e poi torniamo a casa e potrai rimetterti a dormire....papà...lo sai anche tu che quando mi prude la fica ho bisogno di cazzo!-

Il pover'uomo stanco e svuotato dalle esigenze erotiche dell'insaziabile figlia e abbrutito dal brusco risveglio,si è alzato e vestendosi alla buona,ha accompagnato la figlia al parcheggio di un ipermercato sulla statale.

L'ampio spazio era suddiviso in diverse aree che venivano tacitamente rispettate.

Vi era lo spazio per le coppie scambiste-quello per i gay e quello per i guardoni dove normalmente parcheggiavano le coppiette o i mariti cornuti che portavano le mogli alla monta.

Ovviamente quello era lo spazio più battuto dai single e dai camionisti in cerca di una facile avventura.

L'uomo aveva parcheggiato proprio lì!

La ragazza per tener fede all'impegno preso col padre di rientrare presto,aveva indossato solo una pratica camicetta ed una minigonna per il resto era completamente nuda.

Appena fermi,la ragazza aveva aperto il vetro dal suo lato e dopo essersi slacciata la camicetta mettendo in bella mostra le gonfie tette,aveva cominciato a masturbarsi.

Mentre intorno all'auto si formava un capannello di maschi arrapati,l'uomo alla guida dell'auto si era addormentato.

La ragazza aveva disteso il sedile e si stava masturbando oscenamente quando due mani attraverso il vetro aperto hanno cominciato a palpeggiarla.

Quando un cazzo già duro si è appoggiata alla portiera,laragazza ha dapprima allungato una mano per cominciare a masturbarlo e subito dopo si è tirata su ed ha iniziato a sbocchinarlo.

Ben presto su quel lato dell'auto si sono accalcati numerosi maschi col cazzo in mano già turgido e pronto alla bisogna.

La ragazza ne ha fatto sborrare subito due sulla portiera rimanendo seduta all'interno dell'auto.

Successivamente è uscita e dopo aver fatto sedere un maschio sul suo sedile ha cominciato a succhiargli il cazzo e contemporaneamente offriva il suo posteriore ai diverisi gusti degli infoiati maschi che la circondavano.

Alcuni la chiavano in fica mentre altri preferivano incularla altri ancora le sborravano addosso o sul viso.

Anche sul sedile i maschi si susseguivano con una certa rapidità giacché lei,usando la bocca come una ventosa li faceva sborrare quasi subito.

Il fatto che non sputasse mai lo sperma di quelli che le godevano in bocca,faceva infoiare ancora di più quelli che assistevano alla scena.

La chiavano,godevano in lei e di lei,ansimavano,grugnivano,la chiamano puttana e davano del cornuto all'uomo appisolato al posto di guida e tutto questo non faceva che aumentare la sua libidine a la sua incontenibile voglia di nuovi cazzi da far sborrare.

Come aveva promesso a suo padre,nel tempo di un'ora li aveva soddisfatti tutti(erano una trentina)e dopo essersi svuotata sull'asfalto pisciando tutto il contenuto della fica e del culo ed essersi asciugata con un panno che aveva portato con se,ha svegliato il genitore e si è fatta riportare a casa.

Era completamente nuda col corpo e gli esili vestiti imbrattati di sperma.

I capelli sembravano incollati mentre il viso col trucco disfatto pareva una tragica maschera e nonostante questo lei era felice e radiosa come quando il padre l'aveva chiavata la prima volta sverginandola.

-Papà...ieri sera sei stato davvero magnifico....credo che per premiarti oggi manderemo i bambini dai nonni ed io e te ci chiuderemo in camera da letto sino a domattina!-

Il pover'uomo che stava finendo la colazione che gli aveva portato a letto la figlia,ha sgranato gli occhi e soffocando un grido in gola,è ripiombato in un sonno profondo.

La ragazza avrebbe voluto dirgli che quel giorno aveva dimenticato la pillola come era già successo tre anni prima rimanendone incinta proprio in quello stesso parcheggio ma poi,riflettendoci meglio,aveva pensato che c'era tempo per quelle preoccupazioni e che era meglio che il papà si riposasse per riacquistare le energie che gli sarebbero servite per la lunga notte che lo attendeva..

fine

Questo racconto di è stato letto 1 7 4 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici racconti 69racconti gay 69dottoressa vogliosaracconti pompini gayracconti porno fotoho messo incinta mia suoceraracconti erotici veri gratisracconti erotiicsi fa inculare dal cavalloracconti eeoticimarito cornuto raccontiracconti inculatemilu eroticiracconti porno nonnagodemichèerticiraccontiracconti eros miluracconti bdsm gayracconti milluracconti erotici padre figliaracconti porno di tradimentiracconti segretariaracconti collantracconti porno bisexracconti zieracconti porno anzianiracconti wroticiracconti porno ziaracconti ereoticiraccinti eroticii generi di racconti inceatosegarsi in compagniaracconti porno gratissesso con mia cognataracconti culo rottoracconti erotici universitàracconti di una troiastorie erotiincesto tra zia e nipotetrasgredire xvideosracconti cuckold bisexracconti di zoofiliaracconti eros miluracconti erotici mamma e figliaracconti erotici paparacconti di vecchie troieracconti prnoracconti eros incestiracconi pornostorie feticisteeroticiracconti.ita69 racconti eroticiraccconti pornomi scopo mio fratelloracconti per adulti gratisracconti gay annunciracconti erracconti erotici mariti cornutistorie eroticheraccomti eroticiracconti gay italianigeneri dei racconti eroticiracconti sadomaso gayraccontiannunci69mi piace mia cognataraccomti pornoracconti rtoticiraccont eroticistorie di sesso veroannunci 69 racconti gayracconti guzzon 59racconti clisteriracconti sesso con la ziaerotici raccotistorie di sesso con animalimaritoguardonericattata e inculataraccontierotstorie di incestoracconti erotici cornutii racconti pornoracconti di scambio coppiaracconti erotividonne che si leccano i piedistorie porno dominazioneracconti incesmilu erotici