Il perizoma rosso

Scritto da , il 2010-06-08, genere incesti

La vita ci mette sempre davanti a situazioni nuove e inaspettate, che molto spesso modificano tutto ciò che hai sempre creduto giusto…ma la domanda che mi pongo è chi decide cosa è giusto?

Mi presento sono Giulia, ho 19 anni..vivo a Roma in una famiglia benestante, la mia famiglia è composta da mio padre 48 anni, mia madre 46 anni e mio fratello di 23 anni, più tutta una miriade di nonni, zii, cugini e parenti vari(scusatemi ma se per me mi risulta necessario mettere il mio nome i loro li ometterò).

Tutto è cominciato questo capodanno, quando mi ero già bella che organizzata con i miei amici, e felice di finalmente di essermi organizzata, arriva la notizia inaspettata…mio padre ci comunica che per capodanno si partirà tutti insieme per passare il capodanno con i parenti, nella nuova grandissima casa che mio zio,fratello di mio padre, ha comprato agli altipiani di Arcinazzo un paese di montagna vicino Roma.

Fu subito “guerra aperta” io avevo i miei piani, mio fratello i suoi, ma mio padre, nonostante un accesa discussione non volle sentire ragioni e così ci mandò a preparare la nostra valigia perché il giorno dopo,il 30 mattina,saremmo partiti.Il viaggio come dicevo prima è stato breve poco più di un ora di macchina, l’unica cosa che veramente cambiava era il clima, un freddo polare, rispetto alla città.

Arrivati alla casa di mio zio, ci si cominciò a salutare con tutti gli altri parenti, la casa di mio zio è enorme,accogliente, e per fortuna con un ottimo impianto di riscaldamento, 3 piani più il seminterrato 15 stanze 6 bagni,per 23 persone, tutte dislocate in camere doppie, io stavo in camera con mio fratello.

Arrivati nella nostra stanza, con mio fratello che imprecava, sul fatto che i nostri cuginetti (2 maschi e 3 femmine) avevano più o meno tutti 16 anni, tutto il resto erano adulti, quindi immaginava che rottura sarebbe stato questo capodanno…e io, lo dico sinceramente misi alle sue preoccupazioni il carico da 11.

Comunque nonostante tutto cominciammo a disfare le valigie, e cominciammo anche a chiacchierare del più e del meno, mio fratello mentre tirava fuori i suoi vestiti, mi chiese cosa avrei messo io per la sera successiva, così tirai fuori dalla valigia l’abito che mi ero comprata per capodanno,( che nonostante avessi comprato per andare a ballare, avevo deciso di usare comunque anche se il capodanno che mi si prospettava non era proprio quello che avevo in mente), e glielo mostrai;un abito nero poco scollato ma molto attillato che metteva molto in risalto le mie forme, io ho una terza abbondante o anche quarta dipende dal tipo di reggiseno…anche il mio sedere è ben proporzionato, e mio fratello fece una battuta che sinceramente non mi sarei mai aspettata, testuali parole :-“ con quel culo a mandolino che ti ritrovi e quelle tette hai intenzione di far impazzire tutti i cuginetti maschi”:- io credo di aver fatto un sorriso malizioso alla sua battuta, e di conseguenza gli chiesi da quando in qua era un estimatore del mio corpo, ma lui furbescamente, glissò con altra domanda, :-“metterai le mutande rosse?”:- risposi di no poiché le mutande si sarebbero viste troppo sotto quel tipo di vestito, ma aggiunsi anche che avevo qualcosa di rosso, e così tirai fuori dalla valigia il perizoma rosso che mi ero comprata…quando glielo feci vedere…la sua risposta fu un fischio di approvazione.Quella conversazione finì li, perché subito dopo fummo chiamati per andare a pranzare in un ristorante li vicino; il pranzo non fu nemmeno troppo noioso come mi aspettavo, anche se mio fratello si era seduto lontano da me per parlare di calcio con i mio padre e gli altri zii, e io invece mi ritrovai seduta in mezzo ai miei cuginetti e cuginette. Nonostante il freddo polare, mio fratello ed altri andarono a fare una passeggiata io invece sono tornata a casa con mia madre, le mie zie e i miei cugini.

In camera mi spogliai, tolsi il reggiseno e mi infilai un paio di mutande comode, misi il pigiamone per fare un riposino e così appena pronta mi misi sotto il piumone, ma non dormii..infatti poco dopo miei due cuginetti bussarono alla mia porta chiedendo se potevano farmi compagnia, io li feci entrare, erano simpatici, ed essendo in piena età ormonale,erano anche molto incuriositi da me, e io nonostante il sonno accettai così si tolsero le scarpe e si sedettero sul lettone vicino a me, mi facevano un sacco di domande, se avevo il ragazzo, mi dicevamo che ero molto bella, io stavo al gioco, ma molto attenta a non dargli troppo spago, anche se notavo che mi guardavano spesso il seno e ridacchiavano, e ammetto di essermi stupita nel constatare quanto oggi sia sveglio un ragazzino di 14 anni, comunque capii un secondo dopo il perché guardavano sfacciatamente il mio seno, avevo due bottoni della giacca del pigiama slacciati e non avendo reggiseno loro potevano vedere chiaramente uno dei miei seni, quando me ne sono accorta, però stranamente non ero arrabbiata, anche se ho dato loro degli sporcaccioni, li capivo per via dell’età, e loro mi chiesero scusa, ma allo stesso tempo mi chiesero, ridacchiando, se potevo fargli vedere tutto seno, i furbetti!!!, a quel punto però sempre molto carinamente, gli dissi di lasciarmi riposare, se ne andarono a patto che dessi un bacio sulla guancia a tutti e due.Finalmente sola in camera mi addormentai, non sono scesa nemmeno per la cena, avevo dormito tanto,e mi sono svegliai solo quando mio fratello rientrò in camera per prepararsi per la notte, lo salutai e lui molto carino mi risaluto dolcemente dicendomi :-“Ciao dormigliona!”:- io sorrisi ancora assopita, poi quando lui entro nel lettone, gli raccontati cosa era successo il pomeriggio con i nostri cugini e lui si mise a ridere e mi disse :-“pensa domani sera che ti vedranno con quel vestito”:- poi mi sorprese di nuovo dicendomi che non era giusto che loro avessero visto il mio seno e lui mai, e mi disse :-“ per essere pari domani sera mi farai vedere come stai col perizoma rosso”:- ma io gli dissi di scordarselo che ero sua sorella, e che non doveva fare quei pensieri, e a quel punto lui si è girato, mi ha dato la buonanotte e si è messo a dormire, tirando anche un po’ le coperte verso di lui.

Mentre mio fratello dormiva, io mi alzai, avevo dormito tutto il pomeriggio, quindi non avevo sonno, così presi il computer portatile dalla valigia e sono scesa in sala a pranzo, ma non riuscivo a prendere la linea internet, cosi lo spensi, presi una coperta e andai a vedere un po’ di televisione, davano il film alien, e mi misi a guardarlo, ma mi persi nei miei pensieri, mi dispiaceva il fatto che mio fratello ci fosse rimasto male, voleva solo vedere come mi stava pensavo tra me e me, e non sapevo come comportarmi,ma i miei pensieri furono interrotti però, dall’arrivo di uno dei miei due cuginetti, io gli chiesi cosa facesse ancora sveglio, e lui rispose che non aveva sonno e se poteva vedere la tv con me. Gli dissi di si e lui si mise sotto la coperta con me, il divano non era largo e lui si accoccolò accanto a me, cominciai a vedere il film con più interesse, e devo dire che metteva abbastanza paura, tanto da non accorgermi immediatamente che mio cugino aveva le sue mani sul mio sedere, (in quel momento capii che tutto ciò in avevo sempre creduto,in realtà dentro di me non ci avevo mai creduto, ma solo accettato perché così vuole la società) e a me la cosa non dava per niente fastidio, anzi mi distesi sul divano col mio cuginetto dietro steso dietro di me, e lasciai che per tutto il tempo lui accarezzasse il mio corpo, non ci furono parole tra noi, solo un tacito assenso, sentivo la sua mano sul mio sedere entrare dentro il mio pigiama e arrivare fino al seno,mentre con l’altra si toccava, ma a quel punto lo fermai presa dalla situazione presi il suo pisello in mano facendogli quella che lui ha detto la sua prima pipetta ricevuta da una ragazza; venne copiosamente sul mio pigiama,rimanemmo un po’ accoccolati ma in quel momento i miei pensieri andarono tutti a mio fratello, e decisi che avrei reso il suo capodanno indimenticabile.Salutai mio cugino, ripromettendoci di non raccontare nulla a nessuno, e andammo a dormire tutti e due.

La mattina seguente, mi alzai tardissimo, il letto era vuoto, mi stiracchiai e scesi a fare colazione, o meglio pranzo erano le tre passate , dopo pranzo mi accinsi a risalire in camera, di mio fratello nessuna traccia, quindi chiesi di lui a mia madre che mi rispose che era uscito dopo pranzo con gli altri uomini di casa, erano andati a comprare le ultime cose per la spesa, e mi rimproverò per essermi alzata tanto tardi, io mi giustificai dicendo che così sarei stata sveglia per la sera,ma mia madre mi lanciò un ultima occhiataccia e io lestamente andai su in camera, dove però c’era una sorpresa ad attendermi non tutti gli uomini erano usciti, i miei due cugini mi aspettavano.

Capii subito le loro intenzione, questo capodanno si stava dimostrando molto più intenso del previsto, ma apostrofai mio cugino con un bel :-“meno male che avevi detto di tenere la bocca chiusa”:- lui sorrise semplicemente, e altrettanto semplicemente chiuse la porta della mia stanza a chiave, Mi prese per mano e mi portò sul letto, io ero ancora in pigiama, ma loro insieme cominciarono a spogliarmi, rimasi nuda davanti a loro, e lo ammetto ebbi piacere nel sentire le loro mani inesperte sul mio corpo, e tra me e me pensavo, che questa cosa tra parenti aveva in se tutto il gusto del proibito, e capivo che più ci si spingeva e più sarebbe stato bello per me, quindi pregustavo la sorpresa che avrei fatto a mio fratello la notte, ma stoppai i miei pensieri per godermi il momento che stavo vivendo, le mani dei miei due cuginetti che mi esploravano, il loro denudarsi davanti a me , devo ammettere ben dotati per la loro età, e questa volta mi spinsi più oltre, conscia che al terzo piano nessuno ci avrebbe sentito..spiegai loro come toccare la mia patatina e venni godendo tantissimo sotto i loro baci le loro carezze, e io ricambia masturbandoli entrambi e prendendo uno per volta i loro membri tra il mio seno e la mia bocca, accettando di buon grado il fiume di sperma che riversarono sul mio seno sul mio viso e sulla mia pancia.

Rimasta sola, decisi che era ora di andarmi a fare una bella doccia; la doccia è stata lunghissima, funestata dai miei pensieri, ma una volta asciugata i capelli tornai in camera, dove finalmente trovai mio fratello, avevo in dosso solamente l’accappatoio, ma decisi di non scoprire subito le mie carte, anche se sono andata da lui ad abbracciarlo forte premendo ben bene i miei seni su di lui, e chiedendogli scusa se la sera prima gli avevo risposto in modo antipatico, mio fratello capì e mi regalò il più bel sorriso che abbia mai visto.Sempre in accappatoio scesi giù in salone a salutare gli altri, rimasi una oretta a chiacchierare,con mio padre coi miei zii e zie, era anche giusto che mi facessi vedere un po’, non volevo passare ai loro occhi come quella annoiata o antipatica che dorme pur di non stare con i parenti, cercai di essere il più possibile dolce e simpatica con tutti, il che ebbe il suo effetto perché mia madre passando mi fece un bel sorriso; mi congedai con la scusa di andarmi a preparare x la sera, in effetti era vero, ma aggiunsi anche che chiacchierando in accappatoio cominciavo a sentire freddo.

In stanza trovai mio fratello steso sul letto, evidentemente assorto nei suoi pensieri,ma appena entrata cominciò a chiacchierare con me,e mentre parlavamo con tutta la naturalezza che mi era possibile mi sfilai l’asciugamano rimanendo nuda davanti a lui, al che mio fratello mi disse :-“ ma non avevi detto che non stava bene vedersi nudi tra fratelli?”:- io risposi molto semplicemente :-“ beh avevi detto che volevi vedere come mi stava il perizoma, e in ogni caso per quello che ho detto ieri sera ti ho chiesto scusa già prima, tutti possiamo sbagliare no!”:- al che mi piegai sulla mia valigia presi il perizoma e lo indossai dicendo :-“ allora come mi sta?”:- cominciai a muovermi davanti a mio fratello a mò di sfilata, facendo ballonzolare apposta i miei seni e poi piegandomi in modo che potesse vedere bene il mio sedere col perizoma rosso, mio fratello non rispose, si limitò semplicemente ad allungare le mani sul mio sedere; se qualcuno fosse entrato in quel momento avrebbe visto una scena del genere…io appoggiata a 90 con le mani sul letto, e mio fratello dietro che mi toccava il sedere, beh che dire è stato davvero un bel momento.

Comunque fermai mio fratello, e gli dissi sorridendo :-“il resto a fine serata ..vedrai sarà davvero un buon anno”:- lui sorrise e mi disse che non vedeva l’ora, dopo di che mi stupì nuovamente perché mi diede un bacio così appassionato, che nemmeno il mio ragazzo mi aveva mai dato, eh già il mio ragazzo, per la prima volta in due giorni pensavo a lui, e stranamente non mi sentivo per nulla in colpa, dentro di me pensavo…c’è chi direbbe che sono un troia, forse è vero…ma non mi interessa….mi vestii…e scesi a cena.

L’abito fece il suo effetto…mi presi i complimenti di tutti, zii, cugini, e persino mio padre, la cena fu squisita,e risi parecchio ascoltando i pettegolezzi delle zie, e le canzoncine delle mie cuginette, risi anche perché forse ho bevuto un po’ troppo, comunque a mezzanotte, nonostante il freddo, uscimmo sul giardino della casa, i “maschietti” la mattina avevano comprato un sacco di fuochi d’artificio, è stato tutto bellissimo, nella calca generale degli auguri i miei cuginetti non hanno perso occasioni di palparmi un po’ il sedere, poi arrivò il momento delle lenticchie, un’abbuffata pazzesca, e poi i giochi tombola,mercante in fiera, dove però ho perso un po’ di soldi, ma vabbè, si dice sfortunata al gioco, fortunata in amore, e anche se forse di amore non si trattava, mi piaceva pensarlo.

Verso le 3 di notte, cominciammo a salutarci,per andare a dormire…sono salita per prima in camera, mi spogliai rimanendo solo col mio perizoma rosso,e prima di infilarmi sotto il piumone scrissi un bigliettino a mio fratello..con su scritto “chiudi la porta a chiave”; mentre lo aspettavo senti la porta aprirsi e mi tirai subito su ma invece che mio fratello entrò mio padre a darmi la buonanotte,e fortunatamente era un po’ brillo che non si accorse del bigliettino, ma notò comunque che ero nuda…ma più che brillo direi che era proprio ubriaco perché vedendomi nuda riuscì solo a dirmi :-“buonanotte e buon anno tettona di papà”:- mi baciò sulla fronte e diede una strizzata un seno dicendo “popi popi” e se ne andò ridacchiando.

Avevo il cuore a mille per lo spaventò.Finalmente arrivò anche mio fratello in camera, che si accorse subito del bigliettino, gli raccontai di papà ci mettemmo a ridere insieme, poi notando che comunque ero nuda non perse altro tempo e mi baciò, un altro bacio intensissimo, mi chiese di alzarmi in piedi sul letto, per ammirarmi con il perizoma rosso, lo feci mettendomi anche in posizioni provocanti…e lui ridendo si maledì per non avere a portata di mano la macchinetta fotografica, ma poi allungò le mani su di me e sfilò il mio perizoma…mi affidai completamente alle sue attenzioni, mi fece ristendere sul letto, mi allargò le gambe e infilò la sua lingua dentro i miei umori, ero bagnatissima,e toccai il cielo con un dito…tutte le emozioni sessuali vissute prima sembravano nulla confronto, forse proprio x quella adrenalina che si ha nel sapere che si sta facendo qualcosa che va contro gli schemi; dopodiché ho deciso di ricambiare, anzi non vedevo l’ora e ho fatto credo il pompino migliore che abbia mai fatto, ma non venne subito, non potevamo far l’amore perché non avevamo preservativi, anche se io avrei voluto, lui non volle rischiare,così mi chiese poteva almeno sverginarmi dietro…ci rimase un po’ male quando seppe che il mio ragazzo mi aveva già deflorato anche il mio sederino…ma non se ne fece troppo il problema..mi piegai sotto i suoi movimenti, ed entrò in me…per la prima volta in vita mia ho goduto prendendolo dietro….mio fratello venne dentro di me…e io mi sono sentita veramente una regina…nella notte poi abbiamo continuato a toccarci e baciarci e lui (purtroppo non io) venne altre due volte addosso a me (non avevo mai avuto tanto sperma addosso come ieri..tra lui e i miei cugini)…poi finalmente ci addormentammo.



PS: Mi addormentai col pensiero che la libertà di scoprire e provare è un gran tesoro…l’incesto è stato per me come abbattere una barriera mentale di cui ero prigioniera, con questo non voglio incitare nessuno a imitarmi, le mie emozioni mi appartengono, anche se ho sentito il bisogno di condividerle, ma evviva la libertà di ognuno al di fuori dei giudizi personali. Quando siamo tornati a casa… tutto sembrava diverso… mio fratello ha approfittato già per farmi qualche foto, anche senza perizoma rosso..che stava in lavatrice, e per di più devo ancora raccontargli dei miei cuginetti…che deve tutto a loro…



Ciao Giulia

Questo racconto di è stato letto 1 8 0 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti gay annunci69racconti reali di incestiletture erotiche gratismilu dominazioneracconti gay pretimoglie scopata dal ginecologoraconti picantiracconti di pornostarracconti wroticiracconti incesto madre e figliostorie di sissy maidracconti eroticiùracconti erotici orgescat raccontipornoracconti gratisracconti erotici sesso analestorie vere di donne che tradisconoracconti di sesso con la nonnastorie eroticostorie di scambi di coppiastorie hot gratiserotici raccoi generi racconti eroticisorelle incestuoseracconti erotici anzianoi generi dei racconti eroticiracconri eroticiracconti sesso gratisstorie ponostorie erotiche gratisraconti erosracconti erotuiciracconti piccanti gratismia moglie rotta in culoracconti di uomini vestiti da donneincestoraccontiracconti erotici suocereracconti porno dal ginecologoracconti feticistieroriciraccontiincesto storieracconti ertoticiracconti di scambio di coppieracconti analestorie mariti cornutidonne che scopano canitradimenti scopateracconti masturbazione femminileracconti xxx gratisi racconti di minuracconti ertici 69store pornoporno raccontiracconti feticistiracconti orge gayracconti erotici interrazialiracconti veri eroticierotici raccstorie di sesso gratisstorie crossdresserracconti erroticistorie analiracconti erotici gratuitierotciraccontiracconyi pornoracconti maluporno racconti tradimentiracconti strap onsuocera porcellacornuto e guardonestorie per adultiporno raccontiracconti erotici padre figliostorie di travcagna sottomessazoofilia raccontiracconti di suocere troieracconti porno cuckoldstorie sesso incestoracconto amatorialestorie porno mogliracconti scabrosiracconto di sessostorie di mogli che tradisconoracconti erotici 69racconti erotici pretiracconti rroticiracconti sesso con animalistorie porerositalia raccontiracconti erotici suocera e generoracc coppieracco.ti eroticiracconti erotici camionistiti sborro dentroracconti gay dominazione