Un allattamento "quasi"materno

Scritto da , il 2014-01-03, genere prime esperienze

La mia passione per le donne mature e anche un po' in carne è stata influenzata, o potrei dire sancita, dall'incontro con la signora che mi svezzò alle delizie del sesso.
Avevo poco più di 14 anni e stavo finendo la seconda media. Abitavo in una zona piuttosto tranquilla tra la città e la campagna, con casette attaccate a due a due e grandi giardini un po' incolti. Mio padre non c'era più e mia madre lavorava in un grosso gruppo industriale a qualche chilometro di distanza. Io passavo i pomeriggi a casa da solo fino alle sei, quando lei tornava dal lavoro. Di solito facevo i compiti, leggevo o giocavo con il mio amico Gigi, che aveva un anno meno di me e abitava nella casa adiacente alla mia. Io e lui eravamo nati in quella casa e le nostre famiglie si conoscevano da anni, tanto che ognuno di noi dava del tu alla mamma dell'altro. Gigi era un asso con il pallone, tanto bravo che giocava nella sezione giovanile della squadra locale con eccellenti risultati. Spesso la domenica era in trasferta per qualche partita, e qualche volta era stato in ritiro con la squadra per interi weekend.
Quanto a me, ero un ragazzino solitario, leggevo molto e facevo ginnastica da solo, per strano che possa sembrare. Per la mia età ero abbastanza alto e ben strutturato, e avevo già da un pezzo superato il tempo della scoperta della mia sessualità. A differenza di Gigi e della maggior parte dei miei compagni di classe, mi masturbavo con frequenza e non disdegnavo di "tenermi informato" sull'argomento. I sussidi didattici non mancavano certo: internet ancora non era diffuso come oggi, ma nei cespugli che abbondavano vicino a casa mia si trovavano a volte riviste pornografiche abbandonate da qualche adulto, e su quelle, oltre a lustrarmi gli occhi, mi ero fatto una cultura. La teoria c'era tutta, anche se non condividevo la passione per certe scelte estreme tipiche degli adulti. Quanto alla pratica... beh, si trattava ovviamente soltanto di seghe, peraltro molto appassionate e che mi davano grande soddisfazione. Mia madre non ne sapeva nulla, immagino che sospettasse qualcosa, del resto è naturale. Ma io badavo bene a non lasciare tracce, e men che meno lasciavo intendere quali fossero le muse ispiratrici dei miei momenti intimi. Eppure erano tutte reali e a portata di mano: qualche vicina di casa, tutte le mie professoresse, la mamma di Gigi, zie e cugine, persino mia madre. Poi, un pomeriggio d'estate, accadde un evento che mi avrebbe introdotto nella parte più interessante del mondo degli adulti.
Io e Gigi avevamo finito di fare due tiri tra noi nel campetto dall'altra parte della strada, e rientrammo a
casa parlando di calcio. Io gli avevo fatto dei complimenti per il suo talento, e lui mi stava dando i dettagli del ritiro che la squadra avrebbe organizzato di lì a qualche giorno in preparazione all'anno calcistico.
"Intendi dire che starai via per una settimana intera?" chiesi stupito. "Una specie di campo estivo, insomma."
Lo invidiavo. Tutto spesato, e in più si divertivano. Beato lui.
Entrammo in casa sua per bere un'aranciata, e passando dal salotto a pianterreno salutammo la mamma di Gigi seduta in poltrona con il suo pargoletto di pochi mesi in braccio. Stava allattando. Il mio amico le chiese qualcosa e lei rispose molto amabilmente dopo avermi salutato con quei suoi modi carini. La cosa che più mi stupì fu la naturalità con cui continuava ad allattare il piccolo anche in presenza non solo di Gigi, ma soprattutto mia. Qualcuno obietterà che vedere una mamma allattare è la cosa più normale del mondo: a quei tempi, e in casa nostra, non era così consueto. Io poi che non vedevo mai nemmeno mia madre spogliata e neppure in intimo, trovavo la cosa assai stimolante. Il bello è che la signora Mirella sembrava trovare tutto normalissimo, e continuava a parlarci nonostante io dessi lunghe occhiate a quella bella poppa che stava sfamando il piccolo. Quando questi staccò la bocca, vidi chiaramente il capezzolo: grosso come un dito, sporgente come un ciuccetto che punta verso l'alto, areola larga e scura. Quell'immagine mi s'impresse nel cervello e in un attimo sentii qualcosa diventare duro nelle mie mutande. La Mirella sistemò il bambino prima che il seno, dandomi così modo di gustarmi quel pezzo di intimità femminile che, lo sapevo, avrebbe dato la stura a una serie di succulente seghe. Alla fine io e Gigi andammo in cucina per la famosa aranciata e io mi congedai con la scusa dei compiti.
La prima cosa che feci fu quella di fiondarmi sul mio letto a masturbarmi, ed eiaculai in un batter d'occhio. Certo che la mamma di Gigi era proprio carina, alta come me, un bel visetto grazioso e sempre sorridente, un corpo proporzionato che tendeva al rotondetto a differenza di mia madre che era più alta e magra. Ma quello che ora non mi schiodavo dalla mente era quella bella tetta morbida e piena di latte, con quel capezzolo invitante che lei mi aveva mostrato senza vergogna.
Meno male che i compiti quel giorno erano facili: il seno della signora Mirella mi aveva talmente acceso che prima di sera mi masturbai un'altra volta con grande piacere.
Il pomeriggio successivo non avevo altro in mente: tornare nella casa di Gigi e sperare di vedere di nuovo una scena di allattamento, anche fugace. Il mio amico era al doposcuola, ma io calcolai i tempi come il giorno prima ed entrai (le due case comunicavano dalla parte del giardino e la porta secondaria per noi era sempre aperta) fingendo di cercare l'asso del pallone.
Mirella era lì, seduta placida in poltrona, col bimbo attaccato a una tetta che ciucciava beato.
"Buongiorno, scusa se ho disturbato, cercavo Gigi..."
Lei mi sorrise: "Ma non disturbi affatto, starai scherzando! Gigi è al doposcuola e tornerà dopo le cinque. Posso offrirti qualcosa?"
Sì, quelle belle tette da guardare all'infinito, avrei voluto risponderle. Eh già, perché stavolta le aveva entrambe scoperte, non solo una. Tutte e due quelle mammelle gonfie in bella mostra, una delle quali era occupata dal lattante, ma l'altra esposta all'ammirazione del sottoscritto.
"No grazie, volevo solo fare due tiri..." mentii.
"Dài, siediti un attimo in quella poltrona. La tua mamma lavora anche oggi fino alle 6?"
Lavora tutti i giorni fino alle 6, volevo rispondere. Gli adulti a volte fanno domande strane. Ma il fatto che mi avesse chiesto di sedermi mi consentiva di guardarle il seno nudo ancora per un bel po', così fui molto gentile e persi un po' di tempo a parlare del lavoro della mamma, e lei che incalzava con domande sulla scuola e se avevo bisogno di aiuto per i compiti, eccetera. Accidenti che carina la mamma di Gigi, continuavo a pensare, e che belle tette.
Quando il piccolo si staccò, già semi-addormentato, seguii i movimenti con gli occhi incollati alle mammelle della signora. Una goccia di latte era rimasta sul capezzolo, e mi venne spontaneo chiedere: "Che sapore ha?"
Lei rise: "Ma di latte, naturalmente!" Poi, però aggiunse con fare materno: "Su, assaggia, così ti levi la curiosità."
Come, come? Non ero sicuro di aver capito bene.
"Assaggiare?..."
"Certo, assaggia il mio latte. E' buono, sai, altrimenti il mio piccino non ne succhierebbe così tanto."
E intanto mi porgeva un seno per invitarmi. Mi alzai dalla poltrona prima che ci ripensasse, troppo bello per essere vero! Mi avvicinai e chiusi le labbra attorno al capezzolo eretto. Che bella sensazione, mi venne spontaneo girarci attorno la lingua come se fosse una caramella.
"Dài, succhia!" mi incitò lei, "Sennò mi stimoli soltanto senza che il latte ti schizzi in bocca!"
Succhiai e sentii il suo buon liquido caldo sulla mia lingua, schizzettini gradevoli anche al tatto oltre che al gusto.
"Buono!" esclamai.
"Ce n'è ancora, hai già finito?"
Con il pene che mi scoppiava nei pantaloni, diedi un'altra serie di succhiatine, senza esagerare. Poi mi staccai per non sembrare un maniaco.
"Davvero squisito!" le dissi, "Grazie per... la poppata."
"E' stato un piacere, ho visto che eri molto interessato. Se vieni domani un po' più presto ce ne sarà ancora, se vuoi."
Se vuoi??? Avrei dato il braccio destro anche solo per stare a guardare quelle tette nude dal vero, figurarsi se rifiutavo un invito a succhiarle! E cosa avrà voluto dire con quella frase "mi stimoli soltanto" quando avevo leccato i capezzoli? Avevo letto abbastanza riviste porno da sapere che alle donne piace farsi succhiare le tette, ma sulle riviste era un'altra cosa, questa era una mamma, amica di mia madre per giunta. Possibile che trovasse eccitante la mia bocca sui capezzoli?
Ad ogni modo, l'indomani fui puntuale, anzi, ero già pronto da un'ora quando entrai in casa sua.
"Ah, bene, eccoti qua, caro... Stavo giusto per dare la poppata al piccolo. Vuoi favorire?" disse sedendosi sul divano anziché in poltrona. "Qui staremo più comodi. Di solito lo faccio succhiare un po' da una parte e un po' dall'altra, ma dato che oggi ho due... clienti assetati, vi accomoderete uno a destra e uno a sinistra."
La signora Mirella si distingueva davvero per il suo savoir faire. Mi sedetti un po' impacciato, ma pieno di aspettative, e già con l'uccello in tiro. Lei mi fece accomodare per bene: "Forse è meglio che ti sdrai, caro. Mettiti con le gambe dall'altra parte e appoggiati sul gomito, così. Tu sei un po' più grande del mio pargoletto, dopotutto," e sorrise di nuovo. Si appoggiò allo schienale e slacciò i bottoni del grembiule da casa a fiorellini che portava sempre. Sotto non aveva reggiseno, come avevo già avuto il piacere di notare nei giorni precedenti, e quella scena era quanto di più simile a uno spogliarello reale che avessi mai visto. Faticavo a tenere sotto controllo l'erezione. La mamma di Gigi liberò le sue belle tettone e porse la sinistra al suo piccino, poi mi carezzò i capelli dietro la nuca per invitarmi dolcemente verso il suo seno. Dopo due o tre tentativi un po' goffi per mettermi davvero comodo, alla fine appoggiai il gomito tra le gambe della signora, che le aprì per agevolarmi. Attaccai la mia bocca al capezzolo e cominciai a succhiare. Che meravigliosa sensazione! Il latte sgorgava abbondante nella mia bocca, e non solo mi piaceva, ma mi eccitava da morire. Stavo succhiando le tette alla vicina di casa, proprio come nei giornali porno, e lei mi lasciava fare! Pregustai per quella sera un'intera sessione di seghe, mi sarei masturbato anche lì su quel divano se non ci fosse stata lei. La mia lingua instancabile leccava e stuzzicava quel bel ciuccetto del capezzolo, e la mia bocca spesso si allargava per risucchiare anche parte della mammella morbida che mi eccitava tanto. Ero pronto a scusarmi se la cosa le avesse dato fastidio, d'altra parte cosa potevo saperne di tette a tredici anni? E invece non solo non si lamentò, ma anzi pareva che le mie succhiate vigorose le dessero piacere, perché spesso emetteva dei sospiri e la sua mano continuava a carezzarmi i capelli tenendo la mia testa premuta contro di lei.
Nel frattempo la posizione del braccio su cui ero appoggiato aveva portato la mia mano a contatto con la parte interna della sua coscia. Fingendo di niente, tra una poppata e l'altra, mossi un po' le dita quasi distrattamente. Sentii la pelle setosa della sua gamba paffutella, e quando mi sistemai meglio sul gomito la mano andò a finire proprio dove c'era l'orlo delle sue mutandine. Lei non disse niente, ma anzi aprì le cosce ancora un po', chiedendomi: "Sei comodo, caro?"
"Comodissimo, grazie," risposi. Era adorabile quando mi chiamava "caro".
Sul capezzolo c'erano gocce di latte, così invece di succhiare diedi alcune leccate tutt'attorno. Lei ebbe un sussulto ed emise un "Ooohh..." sospirato.
"Scusa, ti ho fatto male?" chiesi premuroso.
"Oh, no! Al contrario! Tu e il mio piccino avete un modo molto diverso di succhiare, entrambi molto piacevole. A una mamma piace sentirsi succhiare i seni."
Quella frase mi eccitò a paletta. Pensai a lei eccitata, pensai a mia madre e immaginai di succhiare i seni anche a lei, pensai a tutte le donne che conoscevo e che in quel momento avrei ciucciato volentieri fino allo sfinimento.
Le mie dita ora sfioravano in continuazione la piega del suo inguine. Lo sentivo umido di sudore, del resto era estate, ma quello che mi piaceva di più era sentire il pelo che usciva lateralmente dalle mutandine ora che lei sedeva con le gambe larghe per farmi stare più comodo. La signora Mirella non obiettava alle mie dita, e certamente le sentiva, perché le sue cosce si muovevano in modo impercettibile con un movimento apri-e-chiudi assai incoraggiante. Inoltre sentivo distintamente l'odore delle sue mutande, e con la coda dell'occhio potevo anche vederle: bianche, sottili, e con una macchia umida e lunga proprio nel mezzo.
Non riuscivo più a contenere l'eccitazione, il pisello mi scoppiava nei pantaloni e temevo che sarei venuto senza nemmeno toccarmi. Poi, però, il piccolo si staccò perché aveva finito la poppata, e allora mi staccai anch'io.
Il viso della mamma di Gigi era leggermente sudato. Lei mi sorrideva ancora, ma ora in modo quasi imbarazzato, poi disse con voce un po' rotta, come se fosse molto emozionata: "Adesso fammi mettere a nanna il piccolino... Vuoi tornare domani caro?"
In una frazione di secondo feci due calcoli, perché pur eccitato non ero uno sprovveduto e non volevo mettermi nei guai. Gigi oggi era al doposcuola, ma l'indomani sarebbe partito per il ritiro della squadra. Il padre di Gigi era all'estero con la ditta fino alla fine del mese. Mia madre lavorava tutti i giorni fino alle 6. Non erano previste visite parenti. Non c'erano altri fratelli o sorelle.
"OK, volentieri. Il tuo latte è buonissimo e nutriente, mi piace molto succhiarlo."
"Mi fa molto piacere, caro. Molto, molto piacere. Ti aspetto domani allora." E mi salutò con un bacetto sulla guancia.
Tornai a casa e subito dovetti masturbarmi. Era stata troppa l'emozione erotica, e anche se la cosa fosse finita lì, che ne so, se il marito di Mirella fosse tornato in anticipo, avrei comunque avuto materiale mentale per le masturbazioni dei prossimi cinque anni.
Per tutto il pomeriggio non pensai ad altro, dormii profondamente e per tutta la mattina seguente la memoria sensoriale del capezzolo della signora nella mia bocca e dello sgorgare del suo latte continuarono a ricordarmi i momenti magici del giorno prima e quelli che mi attendevano anche oggi.
Alle tre e mezza, Mirella era nel suo salotto ad attendermi col bimbo in braccio. Mi sorrise come se mi stesse aspettando con ansia e mi diede un bacio, poi disse: "Dài, su, accomodiamoci, il piccolo ha fame e tra poco si mette a piangere se non gli do il latte."
Nemmeno per sogno, anzi, tra noi compagni di classe si fanno sempre battute sconce sulle donne che pisciano e su come ci piacerebbe vederne una dal vero!"
"Bene, allora guarda pure quanto vuoi!" rispose allegra, e si sedette sul water con le cosce leggermente divaricate per permettermi di avere una visione completa. Gli occhi mi brillavano quando rimasi a osservare il getto di piscia che schizzava fuori graziosamente dalla sua uretra e fluiva nel water con uno scroscio che mi parve il suono più erotico che avessi mai sentito. Fu una pisciata lunghissima, mi chiesi che razza di vescica avesse. Ad ogni modo, me la godetti fino in fondo, quando lei fece altri tre o quattro schizzetti finali e poi si asciugò con la carta igienica.
"Adesso tiro l'acqua, poi tocca a te," disse alzandosi.
"No, lascia, la faccio dove c'è la tua," risposi, anche perché così mi sembrava molto più intimo. Lei mi guardò con un bellissimo sorriso, quasi di gratitudine, e mi guardò prendere tra le dita il pisello ancora floscio e cominciare a pisciare. Appena iniziai a rilasciare, sentii le sue mani che mi prendevano dolcemente il pistolino e ne dirigevano il getto verso il suo liquido giallo con cui il mio si mescolò. Alla fine, sgocciolato anche il mio arnese, trillò felice: "E adesso, un bel bidé!"
Si sedette lei per prima dopo averlo riempito di acqua calda. Vederla accomodata a cosce spalancate sul bidé, con i folti riccioli scuri ancora bagnati da gocce di pipì e la fessura rosea e umida contornata dalle labbra della vulva, mi attrasse talmente da non riuscir a staccarle gli occhi di dosso. Lei se ne accorse e ne ebbe piacere. "Caro, ti va di insaponarmi tu?"
Accidenti, se mi andava! Mi inginocchiai sul tappetino morbido e provvidi a insaponare, strofinare e infilare le mie dita curiose dappertutto, eccitato da quella splendida intimità. Sentivo il suo odore intimo misto a quello della saponetta che lo lavava. Lei accoglieva gli strusciamenti delle mie dita con gridolini di giubilo, mi mandava bacini, allargava le cosce a più non posso per permettermi di raggiungere ogni anfratto, compreso il suo adorabile buchino posteriore che titillai a lungo palpando nel contempo le grandi natiche morbide. Inutile dire che l'uccello mi stava tornando duro alla grande, quella bella signora nuda così disponibile mi mandava in estasi.
Poi toccò a me e mi lasciai lavare volentieri tutte le parti intime, godendo delle sue piacevoli mani che sapevano toccare con una dolcezza senza pari e sembravano conoscere perfettamente tutte le mie zone più sensibili. Mi parlava dell'importanza della pulizia quando si hanno rapporti intimi, dialogava con me su dettagli molto "privati" e tuttavia pratici di cui facevo tesoro. E intanto continuavamo a scambiarci sorrisi e baci dappertutto, anche sul mio pisellone durissimo che svettava impettito. Mi pentii di non averla baciata tra le gambe durante il bidé, tanto più che il suo odore mi piaceva molto, e mi ripromisi di farlo alla prima occasione.
Lavati e asciugati tra mille carezze, la signora Mirella mi prese per mano e mi ricondusse in camera, dove ci sdraiammo di nuovo sul letto pronti ad altre piacevolezze intime... E allora le chiesi se le sarebbe piaciuto lasciarsi guardare e baciare tra le gambe. Sorridendo raggiante, la mamma di Gigi spalancò le cosce ben tornite e mise a disposizione dei miei occhi di adolescente il cespuglietto scuro e folto in mezzo al quale spiccava rosea e lucida la sua vulva aperta e già di nuovo umida. Me la osservai per un tempo che mi sembrò interminabile, con l'emozione di un bimbo davanti ai regali di Natale.
"Toccala pure, anche lei lo desidera," disse Mirella, e io frugai con le dita dappertutto, come quando l'avevo insaponata e lavata, ma qui era più bello e molto più 'sessuale'. Quando la vedevo sulle riviste porno non riuscivo mai bene a capire come fosse fatta, e francamente in fotografia non mi piaceva nemmeno molto. Ma qui era diverso: innanzitutto era vera, poi era la figa della mia vicina di casa, poi potevo toccare quanto volevo, poi... poi il suo aroma era molto gradevole e mi attirava molto. Ricordai che nei porno gli uomini la leccavano sempre con desiderio, ed ero desideroso di provare. Sentivo lo stesso odore che avevano le sue mutandine durante le poppate, e vedevo alcune gocce limpide stillare dalla fessura e colare piano lungo il solco tra le natiche.
Le sue dita affusolate accompagnarono le mie nelle esplorazioni, allargandosi le labbra della vagina per mostrarmi bene tutto.
"Anche noi donne, sai, ci masturbiamo," mi disse dolcemente. "In modo molto diverso da voi maschietti, ma non per questo meno piacevole." Seguii i movimenti delle sue dita tutt'attorno alla vulva mentre lei mi spiegava quali erano le zone più sensibili e i movimenti più stimolanti. Guardavo l'uretra, l'apertura della vagina, il clitoride che lei aveva scappucciato, e tutto mi sembrava paradisiaco e attraente mentre ascoltavo la mamma di Gigi e le sue interessantissime "lezioni".
Le sue parole mi eccitavano all'inverosimile. Immaginai tutte le donne che conoscevo con le dita tra le gambe a masturbarsi, e la cosa mi mandò in tilt: la mia professoressa di lettere, la mia insegnante di catechismo che sembrava una maestrina inamidata, la fruttivendola all'angolo con le sue forme abbondanti... Tutte ora mi apparivano sotto l'aspetto di Femmine con la F maiuscola, tutte arrapanti nell'intimità dei loro letti a titillarsi il clitoride pensando a qualche bel maschietto. Quando poi immaginai mia madre nuda con la mano tra le gambe, i miei ormoni già in subbuglio furono sparati alle stelle. Non capivo più nulla, ero di nuovo eccitato come prima. Mi abbassai verso il folto pelo della signora Mirella e le diedi un bacio proprio lì nel mezzo. Lei, che stava parlando, diede un urletto roco di sorpresa e si interruppe.
"Mirella, posso provare a leccartela?"
Per tutta risposta, lei si abbandonò distesa sul lettone e spalancò bene le gambe con un sorrisone felice."Tesooorooo, ma certo che puoi! Forse dovrai abituarti all'odore e al sapore, ma penso proprio che ti piacerà."
Mi piacque, eccome! La mia linguetta giovane e inesperta s'intrufolò nelle pieghe di quel bel fiore carnoso e ne assaggiò ogni anfratto. Lei mugolava di piacere. Piegò la testa per voltarsi verso il mio pene in tiro e lo prese in bocca, mentre io leccavo e succhiavo la sua bella figa saporita.
"Amore, come sono fortunata!" diceva lei, "Sei un ragazzino molto dotato e già maturo, farai impazzire tutte le donne. Pensa che a mio marito non piace leccarla, e invece io adoro sentire una bella lingua maschile che mi va su e giù per la passera..."
Proseguimmo così per un po' gustandoci a vicenda, poi lei si tirò su appoggiata al gomito guardandomi con un'espressione a metà tra materna e birichina.
"Caro, vieni qui e baciami sulla bocca. Vieni."
Non mi feci pregare e mi girai per baciarla. Limonammo come amanti finché Mirella mi disse: "Quando mi hai detto che ti masturbi anche tre o quattro volte al giorno ho avuto quasi un mancamento per l'emozione. Vedo che sei maturo per molte cose, fisicamente e mentalmente. Non attendiamo oltre, ho una voglia matta di farmi scopare da te e credo che sarai più che all'altezza. Ti va?"
Mi chiedeva se mi andava: io non aspettavo altro!
"Eccome, se mi va! Sei la donna dei miei sogni, ti desidero da sempre, e dal giorno che ti ho visto il seno per la prima volta non ho avuto altro in mente."
Sorridendo eccitata, la bella signora si mise a gambe larghe aiutandomi ad adagiarmi sopra di lei, poi prese delicatamente il mio membro eretto e se lo diresse verso la vagina, io spinsi il pube in avanti e mi trovai dentro di lei. Semplice. E molto, molto piacevole.
"Forse" le dissi un po' intimorito da quella prima assoluta "non sarà grosso come quello di un adulto, spero che ti piaccia lo stesso." Ma lei fu assolutamente rassicurante.
"Che amooreee!" rispose ridendo, "Quella delle dimensioni del pene è una leggenda bella e buona, non credere a chi te la racconta. E' vero che un cazzo grosso procura piacere, ma tieni presente che una donna raggiunge l'orgasmo anche solo con un dito, quindi vedi che sono tutte fregnacce. Senza contare" aggiunse abbassando la voce, "che, quanto a dimensioni, tu sei messo comunque bene anche per la tua età. Non esitare, scopami e godiamo come si deve."
Iniziai i movimenti pensando alle sue parole, che da sole contribuivano alla mia erezione: cazzo grosso, scopami, godiamo... Termini quasi proibiti, usati tra noi compagni di classe in segreto, senza farci sentire dai professori o dai genitori, e che ora sentiti pronunciare da quella bella mamma amica di famiglia avevano un impatto emotivo elevatissimo.
La bella signora mi guidò con indicazioni sui movimenti e sul ritmo, ma non ci fu bisogno di troppi consigli: le mie masturbazioni nel mio letto, quando anziché usare la mano mi strusciavo contro il cuscino messo tra le gambe, stavano dando i loro frutti. Ed erano frutti molto gradevoli, a giudicare dall'espressione di godimento di Mirella e dai suoi gemiti rochi che accompagnavano i nostri piacevolissimi va-e-vieni.
Dati i miei orgasmi precedenti, resistevo molto meglio ora e sentivo che la cosa sarebbe durata un tempo ragionevolmente lungo per gustarmela come si deve, e soprattutto per compiacere lei che, a quanto mi diceva, desiderava che durasse tantissimo. Così ce la gustammo proprio, scopando per più di mezz'ora e cambiando posizione quando lei me ne proponeva una nuova.
"Adesso mettiamoci così," diceva, oppure: "Vieni, mettimelo dentro di fianco", "Alzami le gambe e scopami così". E io la assecondavo felice, godendo e imparando. Ogni volta che lo tiravo fuori per cambiare posizione morivo dalla voglia di rimetterlo dentro fino ai testicoli. Infine lei si mise a quattro zampe e disse, allargando le belle cosce grassottelle: "Montami così adesso, questa è tra le mie preferite."
Ragazzi, quella posizione mi fece proprio andar via di testa. Vedere il suo bel culone nudo esposto al mio sguardo, le chiappe aperte, l'ano leggermente peloso, e lei in attesa del mio cazzo, mi eccitò come nient'altro prima di allora. Lo infilai di nuovo nella bella figa calda della signora, e tenendola per i fianchi morbidi ripresi a chiavarla con ritmo rapidissimo, eccitato com'ero. La sentii emettere urletti di piacere mentre stava con la faccia sul cuscino e le cosce spalancatissime per farsi montare. Raggiunse l'orgasmo prima di me, ma passarono solo pochi secondi prima che anch'io eruttassi di nuovo, gridando a mia volta per il piacere enorme mentre eiaculavo riempiendole la vagina di sperma.
Ci staccammo un po' a malincuore, esausti. Ci baciammo di nuovo a lungo, e lei mi disse che un amante così non l'aveva mai avuto. Restammo un po' a parlottare sdraiati sul suo lettone mentre riprendevamo fiato.
"Sai niente di contraccezione?" mi chiese dolcemente. Non ne sapevo nulla. Mi diede qualche breve indicazione, consigliandomi di informarmi bene sull'argomento. "E' molto importante, devi stare molto attento. Io non corro rischi, ma potresti mettere incinta la tua partner se le vieni dentro."
Poi ci demmo una mossa perché erano quasi le sei e mia madre stava per tornare.
Mi fece fare una doccia e lavare i denti per eliminare le tracce aromatiche e persistenti della leccata di figa. "Sennò tua madre ci sgama subito," aveva detto ridendo.
Le chiesi se avesse intenzione di dire qualcosa alla mamma. Lei rise soave: "Solo se tu lo vorrai, caro." Ma davanti alla mia espressione smarrita mi rassicuro: "Non le dirò nulla di noi, naturalmente. Ma date le tue pulsioni così intense, credo che la tua mamma dovrà capire che sei già un giovane stallone nonostante l'età. Questo influenzerà sempre più il tuo comportamento sociale e familiare, e solo un genitore può e deve guidare un figlio lungo la strada giusta. Non temere, massima discrezione."
Poi mi diede un bacio e aggiunse: "Lo vedi? Il bimbo non si è svegliato ancora. Perché non torni a trovarmi domani pomeriggio? Lo sai che Gigi è al ritiro e mio marito è all'estero, potremmo continuare la nostra interessante conversazione."
Ma quant'era carina la signora Mirella. Con un sorriso radioso la salutai e tornai a casa dal giardino, proprio un attimo prima di sentire la chiave nella toppa e mia madre che rincasava.

Questo racconto di è stato letto 1 4 8 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di lesbichestorie di e per adultiracconti erotici69racconti veri incestoracconti erotici neriracconri eroticiracconti erotici amatoriali gratismilù eroticiporno racconti realistorie di sessoracconti eccitantiracconti travestaracconti erotiiciracconti erotici lesbicacuckold racconti eroticiracconti porno di nonneracconti erotici di mogli infedeliracconto clistereracconti/eroticiracconti gay rumeniraccontiardscambio di coppia sessostorie di sesso sfrenatoracconti erotici tra cuginiraccconti eroticisesso racconti eroticiracconti eorticierotici rccontiracconti erotici suocera generoracconti cornutoracconti sodomiaraqcconti eroticiracconti erotici con il canedreamsonwebracconti porno lesbomamma ingravidata dal figlioraccontieroticiracconti incesto69scambio di coppia esperienzetroia suoceraracconti di figaracconti erotici diacconti pornomasturbazioni in pubblicoincesti con nonneerotici racontizia raccontimia cugina mi segasculacciata raccontiracconti erotici culostorie sesso con animaliracconti porno milfraccontierotici incestiracconti mogli puttanetacconti eroticiamoreinfamiglia.blogspotracconto clisteresesso con mia cognataincesti raccontatiracconti eoricischiava aziendale 7racconti di cuckoldracconti di sesso sfrenatoracconti lesbicerca racconti eroticiracconto xxxracconto cucki generi dei racconti gayracc sexballbusting storiewww.eroticiracconti.itrcconti milupadrone bastardoracconti scambio coppiaracconti bsdmpissing per stradaracconti erotici softracconti moglie porcaerotici racconti realiracconti erotici animaliracconti erpticiracconti porno a fumettiracconti erorici gayerotici rastorie di sesso realmente accaduteracconti etoticilibri eros gratisa69 racconti erotici