La prima sega in compagnia, con sorpresa.

Scritto da , il 2013-07-08, genere masturbazione

Voglio raccontarvi la prima volta che mi sono masturbato in compagnia che finì con una sorpresa. E’ una storia vera, ma chiaramente i nomi sono di fantasia….
Era un giorno di luglio, io avevo ormai finito la scuola e quindi ero a casa. Una mattina, il mio amico Franco mi chiamò per invitarmi, nel pomeriggio, a casa sua. “Ci vediamo un film”, mi aveva detto. Cosi’, subito dopo pranzo, presi la bici per andare da Franco. 
“Ciao Antonio”, mi disse appena suonai al campanello, “entra pure. Ho registrato un bellissimo film, ti va di vederlo insieme?” 
“Ok, dai.. tanto a casa non ho niente da fare!”, risposi io. 
Allora mi fece accomodare in soggiorno e ci sedemmo sul suo divano. Curioso, guardai Franco che con un sorrisone faceva partire la videocassetta. 
“Perché ridi?” gli chiesi. La sua risposta fu “Aspetta e vedrai…mettiti comodo!”
Bastarono pochi minuti per capire che Franco aveva registrato un film “a luci rosse”… Era la prima volta che vedevo un film porno, e fissavo estasiato lo schermo. Per quanto provassi a distrarmi e a dire a Franco di fermare la cassetta, non riuscivo a toglier gli occhi di dosso a quei corpi favolosi di donne. 
Franco, che era da sempre più deciso e spregiudicato di me, mi disse “Ti piace, eh?”
Lo guardai e notai che i suoi pantaloncini corti si stavano gonfiando sempre più; e mi resi conto che anche io mi stavo eccitando, un po’ per il film ,un po’ per la situazione. Franco si stava ormai accarezzando i pantaloni, e quando sullo schermo comparvero due donne nude che si strizzavano i capezzoli a vicenda in una vasca idromassaggio, anche la mia mano corse ad accarezzarmi. Eravamo tutti e due semisdraiati, a gambe larghe, eccitati. Ad un certo punto, Franco si calò i pantaloncini e gli slip, e il suo pene svettò dritto e voglioso. 
“Dai Antonio, fammi vedere se anche il tuo uccello è duro”, mi disse. 
Fanculo, mi dissi io. Chi se ne frega. E anche io mi alzai e mi abbassai pantaloni e boxer. Subito presi in mano il mio pisello e iniziai a massaggiarmi; Franco si avvicinò, per confrontare i due piselli. Il suo era lungo, pulsante e un po’ curvo, il mio più grosso, bello dritto. Io scappellai il mio uccello, e Franco mi imitò: le nostre cappelle si toccavano quasi. I gemiti delle due gnocche alla Tv ci costrinsero a sedere ancora sul divano, e a lungo guardammo il film porno segandoci. Io stringevo forte il pene e muovevo la mano su e giù molto lentamente, Franco invece ogni volta copriva la cappella e poi tirava la pelle tutta indietro, molto velocemente. 
Si sentiva ormai odore di sudore, odore di sesso maschile; mi stavo continuando a toccare, adesso tiravo la punta del pene, e con una mano mi massaggiavo le palle. Sentivo l’eccitazione crescere sempre più, così rallentai il ritmo fino quasi a fermarmi. Fu in quell’istante che qualcuno suonò al campanello, e senza aspettare risposta entrò in casa; era Claudia, una nostra amica, abituata a entrare in casa senza avvertire. Claudia era molto bella per la sua età: aveva due gran belle tette, una terza credo, e un culetto da paura! La classica tipa che se la incontri per strada ti giri a guardarla.. Comunque Claudia entrò in casa e, entrata in soggiorno, ci trovò in piedi, uno di fianco all’altro, completamente nudi e con il pisello in mano. 
“Ma guarda!”, disse ridendo, “due porcellini che giocano con l’uccellino!” 
“Senti Claudia”, attaccai io, “non è come pensi, noi stavamo solo…”
“Lo so! Voi vi stavate segando guardando un film porno! Comunque continuate pure, mi fermo per seguire lo spettacolo… Franco ,hai qualcosa da mangiare in cucina?” e senza aspettare la risposta sparì in cucina. Io e Franco restammo li in piedi, come due scemi, sempre con la mano sul pene, guardandoci imbarazzati. Dopo poco, Claudia tornò con un pacchetto di patatine, come se andasse al cinema, e ci disse: 
“Ancora in piedi siete? Dai, sedetevi pure sul divano!” e passandomi vicino mi sussurrò, dandomi una strizzatina alle palle: “Che bell’uccelletto Antonio…” 
Così ci trovammo tutti e tre seduti sul divano, da una parte Franco, dall’altra io e in mezzo Claudia. E il pisello non voleva saperne di tornare a riposo ,svettava sempre di più. 
“Dai piselloni”, ci disse sorridendo Claudia, “continuate a toccarvi, fatemi vedere…” Franco iniziò subito a segarsi ancora, sempre più veloce, la cappella che spariva ed emergeva ogni secondo. E mentre Claudia mangiava le patatine, anche io ricominciai a massaggiarmi il pisello, eccitatissimo dalla strana situazione. Claudia guardava prima Franco e poi me, poi ancora Franco e poi ancora me. Stavo per scoppiare… Ad un certo punto, Claudia appoggiò a terra il sacchetto delle patatine e, con le mani leggermente unte, ci sfiorò la pancia. Poi disse: 
“Ragazzi, ho le mani molto secche… mi servirebbe un po’ di crema…” A quelle parole, Franco esplose e dal suo pisello usci un fiotto di sperma che, non so come, cadde quasi tutto nella mano di Claudia. Ma anche io ero poco lontano dall’orgasmo, e accelerai il ritmo: in pochi secondi anch’io coprì di sperma la mano tesa di Claudia. Continuai a segarmi a fondo, mente una grande tranquillità mi assaliva.  Mi accorsi che sotto il top di Claudia si vedevano i suoi capezzoli duri e diritti; Claudia portò le mani vicino al viso, annusò prima lo sperma di Franco, poi il mio, ci mise la punta della lingua. Io la guardavo estasiato, non avrei mai creduto che un pomeriggio che si prospettava noioso sarebbe finito così! Alla fine, Claudia si alzò, e ci accarezzò il petto con le mani colme di sperma, mischiandolo. Poi prese i miei boxer, si pulì per bene, me li gettò addosso e disse: 
“Magari, se la prossima volta invitate anche me, vi posso aiutare…”, e con un sorriso malizioso se ne andò.  Io e Franco ci guardammo: eravamo sudatissimi, esausti… ma era stato un pomeriggio fantastico! Chiesi a Franco se potevo farmi una doccia da lui, ormai avevamo perso l’iniziale imbarazzo. Ci alzammo e mi accompagnò al bagno. Mentre entravo, gli chiesi: “A quando il prossimo film?” Lui mi rispose: “Vado subito a preparare una videocassetta”, ridendo soddisfatto. 

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici raccpntisborrata cavalloracconti gay palestraletteratura pornogeneri di racconti eroticierositalia raccontischiava umiliatacornuto e sottomessoeroyici raccontiracconti donne porcheracconti rroticiracconti hot amatorialistorie pornoraccobti eroticivicina vogliosaracconti.eroticile seghe di mia ziaracconti eroyicizia porcellinaracconti porno prima voltaporn raccontirqcconti eroticiracconti rroticiracconti cuckracconti sesso oraleracconti porno dominazioneracconti gay italianiraconti pornotrans raccontigeneri racconti eroticiwww racconti gay comracconti vecchieracconti lesbo dominazionelettere hard da leggere gratisracconti incestuosi veriracconti porno scatracconti erotici cuginaannunci69.iyraccont eroticporno molto eccitantii generi racconti eroticiracconti erotici gratissodomia raccontircconti eroticiracconti aroticiracconti poincesti sexracconti incentuosiincesti fraterniracconti erotici donna maturaracconi miluracconti porno iterotici racracconti erotici padre figliostori erotichestorie porniracconti erotici collantstorie maturei racconti di milùstorie di adultistorie gay erotichevoyeur al parcoracconti di sesso realmente accadutivolluttuosoerotici taccontiracconti erotici animaliscambisti storieracconti tradimenti eroticiporno storie realiracconti perizomaracconti fetishracconti incesto padre figliaracconti porno italianoracconti erotici gayracconti animal sexracconti porno animaliracconti zozzicazzo in culo raccontiracconti erotici figlia